HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Gagliardini-Inter, è il nome giusto per completare la squadra di Pioli?
  Sì, al centrocampo nerazzurro servono qualità come le sue
  No, non è ha il physique du role per giocare all'Inter
  Sì, pescare tra i migliori giovani italiani è la via giusta
  No, il prezzo chiesto dall'Atalanta è assolutamente fuori mercato
  La Juve alla fine avrà la meglio

TMW Mob
Editoriale

Da Romagnoli a Grassi: alle big conviene puntare sugli italiani? Juve, hai alzato bandiera bianca troppo presto. Inter e Milan, che differenza rispetto a un anno fa

Nato a Napoli il 10/03/88, laureato in Filosofia e Comunicazione presso l'Università Orientale di Napoli. Lavora per Tuttomercatoweb.com dal 2008, è il vice direttore dal 2012
24.01.2016 11.29 di Raimondo De Magistris  Twitter:    articolo letto 66993 volte
Da Romagnoli a Grassi: alle big conviene puntare sugli italiani? Juve, hai alzato bandiera bianca troppo presto. Inter e Milan, che differenza rispetto a un anno fa

Ma conviene davvero puntare sui giovani italiani? E' la domanda che pongo a voi lettori di TMW per dare il via a questo editoriale. Vi anticipo la mia risposta: 'Si, conviene'. Ma i 'se' e i 'ma' sono tantissimi e le società che spesso, quasi sempre, rivolgono lo sguardo altrove hanno le loro buone motivazioni. Il problema è soprattutto economico, è evidente, ma per spiegarlo è necessario qualche passaggio. Un paio di premesse prima di giungere alla conclusione.
Il movimento calcistico italiano sta attraversando un momento particolarmente complesso e difficile. Arriveremo al prossimo Europeo dopo un Mondiale disastroso e con uno dei reparti avanzati meno talentuosi che l'Italia calcistica ricordi. Il ricambio generazionale tarda ad arrivare e la generazione d'oro che nel 2006 ci portò sul tetto del mondo è ancora alla ricerca di eredi. Cassano, Balotelli e Giuseppe Rossi, per motivi diversi, hanno fallito il loro appuntamento con la storia. Per il futuro si spera in giocatori come Insigne, Bernardeschi e Berardi, ma il presente è tutt'altro che roseo.
Un problema non da poco nemmeno per i club italiani. Soprattutto le società più importanti, quelle chiamate a ottenere risultati ogni stagione, negli ultimi anni hanno avuto sempre minore possibilità di scelta. Sono lontanissimi i tempi in cui nello stesso Torneo di Viareggio si potevano ammirare giocatori come Totti, Vieri o Del Piero. Adesso i giovani calciatori italiani forti, pronti già a 20 anni per le big, sono pochi, pochissimi. E quelli che ci sono vengono valutati con cifre fuori mercato.
Prendete l'esempio di Alessio Romagnoli. Il Milan ha sborsato 25 milioni di euro per acquistare il difensore classe '95 che aveva alle spalle una sola annata da titolare in Serie A. Valutazione ancora più alta quella data a Daniele Rugani, perché in questo caso la Juve i 25 mln offerti dal Napoli li ha rifiutati. L'ha dichiarato incedibile, anche se l'ex Empoli da quando è sbarcato allo Juventus Stadium non mette più piede (o quasi) in campo.
Cosa abbiano fatto questi giocatori per avere delle valutazioni così alte è davvero difficile da comprendere. Sono ottimi giovani, certo, ma quando si valuta Alberto Grassi dieci milioni di euro dopo 16 presenze in Serie A ci si può anche aspettare che altri club, che non hanno la disponibilità economica del Napoli, rivolgano il loro sguardo altrove. Potrebbe costare addirittura di più Rolando Mandragora alla Juventus, nonostante il centrocampista campano di gare in Serie A ne abbia disputate cinque: sei milioni più sei di bonus l'esborso economico per chiudere l'accordo col Genoa. Una cifra molto alta per un 18enne che promette benissimo, ma per ora s'è comportato bene solo in Serie B.
La vicenda è complessa e andrebbe analizzata in maniera ancora più diffusa. Perché se sei un club che può lavorare senza pressioni fai bene a comportarti come ogni anno fanno Empoli o Sassuolo, ma se punti a qualcosa di più di una salvezza tranquilla - e non hai un budget smisurato a disposizione - certe cifre preferisci spenderle in altro modo. Magari ti fiondi in Sud America o nell'Est Europa sfruttando i prezzi più concorrenziali.
Le attenuanti, insomma, non mancano. Chi investe all'estero ha le sue motivazioni, ma per il bene del movimento italiano è necessario che i direttori sportivi comincino a fare ragionamenti che vadano al di là delle prossime tre partite. La Juventus, stringendo accordi con club di rango minore, ha tracciato in questi anni la strada che dovrebbero seguire anche società come Milan, Inter e Roma. La strada giusta per far crescere i giovani italiani più talentuosi, produrre plusvalenze e ottenere risultati. Un percorso non privo di ostacoli perché necessita di una programmazione costante che non si improvvisa da un giorno all'altro, ma obbligatorio. Solo seguendo l'esempio dei campioni d'Italia si potrà aumentare il numero di calciatori italiani in Serie A ed evitare che quei pochi in grado di mettersi in evidenza anche solo per poche gare vengano poi valutati a peso d'oro.

Dai problemi del calcio italiano a quelli del calciomercato impossibile non notare come la tabella acquisti dei tre club più vincenti d'Italia sia vuota o quasi. La Juventus ha acquistato il solo Mandragora, ma per giugno. Il Milan s'è limitato a formalizzare l'ingaggio di Boateng, mentre l'Inter è ancora ferma al palo, in attesa che Guarin s'involi da Malpensa in direzione Cina. Jiangsu e Shanghai che sia.
Non perfetta la strategia di Giuseppe Marotta che era atteso al grande colpo, ma ben presto - forse troppo presto - ha alzato bandiera bianca. Max Allegri, che in estate aveva chiesto senza successo l'acquisto di un trequartista di caratura internazionale, ci ha riprovato con la richiesta di un centrocampista all'altezza dei titolari per il suo 3-5-2. Anche in questo caso, però, la società non l'ha accontentato. Con la differenza che, mentre ad agosto Marotta e Paratici ci hanno provato fino alla fine, a gennaio non sono mai entrati nel vivo delle trattative. Banega e Gundogan sono sfumati ancor prima di sedersi attorno a un tavolo, Moutinho e Witsel sono stati appena valutati, mentre Soriano e Fernando non sono stati considerati utili alla causa. Una resa incondizionata troppo rapida.
Discorso diverso per Milan e Inter, club probabilmente scottati da quanto accaduto dodici mesi fa. Di questi tempi, infatti, nel 2015 imperversavano sui giornali gli arrivi a Milano di giocatori come Destro, Shaqiri, Suso, Podolski e Cerci. Calciatori che avrebbero dovuto cambiare le sorti delle due squadre, ma che sono caduti nel dimenticatoio con la stessa rapidità con cui sono stati issati su un piedistallo. Le loro avventure a San Siro per motivi diversi si sono concluse malissimo, ma tutti questi fallimenti hanno avuto un minimo comune denominatore: l'assenza di punti fermi. Perché a gennaio puoi, magari, puntellare la rosa con un acquisto di spessore, ma non cambiare tre-quattro pedine nell'undici titolare. Una strategia rischiosa in estate, figurarsi nel bel mezzo della stagione calcistica.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
La Cina si dà una regolata! Coppa d'Africa, effetto Billiat... Aiutiamo Drogba! E il mercato? 18.01 - Fa freddo, fa freddissimo a Milano… Note climatiche a parte, tanto di cui disquisire. Partiamo dalla Cina. Finalmente anche il governo cinese ha capito che qualcosa non torna. Le spese folli dei club cinesi stanno “inquinando” il prodotto calcio. Esborsi assurdi, inverosimili, fuori...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: fuori dal campo sta succedendo qualcosa di grosso (e i cinesi trattano con  un attaccante!). Inter: i segreti di Nanchino e le prossime mosse di Ausilio. Milan: la decisione su Deulofeu. Napoli: e se Maradona... 17.01 - Ci tocca partire con una cosa seria. Molto seria. Pure troppo. La potenza di Tuttomercatoweb ha generato il “dramma dei pizzoccheri” che vi vado brevemente a raccontare. (Ricordatevi che è tutto molto serio. Serissimo). Settimana scorsa ho iniziato l’editoriale con la consueta...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Da Orsolini a Gabbiadini, quando gli agenti sbagliano parole e strategie. Dalla Juve all'Inter: le cifre che "drogano" il mercato. Ombre e luci su un gennaio atipico. Palermo verso la B e Lo Faso fa la Primavera... 16.01 - Sapere che è, quasi, tutto finito a metà gennaio, sinceramente, ci porta un pò di tristezza. Poi capiamo le mosse di mercato dei dirigenti italiani e ce ne facciamo una ragione. Non a caso questo è il primo mercato di gennaio di programmazione e non distruzione. Crotone, Pescara e...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Alla fine tutti si scansano con la Juventus, Napoli e Roma un po' meno. Tornerà la grande Milano, almeno la parte cinese delle due. Mercato a costo zero, tranne per i cinesi: Zidane costa 285 milioni, Buffon 110 e Veron 120 15.01 - Abbiamo negli occhi ancora la - ennesima - bella prestazione dell'Atalanta contro la Juventus, con i nerazzurri capaci, negli ultimi dieci minuti, di mettere in seria difficoltà i bianconeri. Bravo Gasperini, bravo Latte Lath, se non ci fosse la Juve un dieci euro sullo Scudetto nerazzurro...

EditorialeDI: Mauro Suma

Gagliardini-Caldara, una simpatica zuffa a suon di milioni. Le spallucce di Montella, le spallucce del Milan. La Champions della Juve passa da Dybala 14.01 - Una volta si cantava vengo anch'io no tu no. Oggi si canticchia all'avversario l'hai pagato di più tu, no invece tu. Non sappiamo chi si contenterà, ma certamente chi gode è l'Atalanta. Visto che il motivo del contendere è chi ha speso di più fra Inter e Juventus, fra Gagliardini...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve-Inter: scontro totale sul mercato. Verratti conteso a colpi di milioni. Chi ha buttato i soldi per Gagliardini e Caldara? Zaza al Valencia. Pioli vuole Vrsaljko 13.01 - Una buona strategia di marketing l’avrebbe suggerito, andare addosso ai più forti, a chi comanda il mercato o la situazione, funziona sempre. L’aggressione. E’ quello che, milione più milione meno, sta facendo l’Inter, tornata a braccare la Juventus molto da vicino. Il caso Gagliardini...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Inter: Gagliardini e le uscite. Deulofeu passi in avanti. Colpo Genoa e Fiorentina. Tutte le punte della B 12.01 - Finalmente Gagliardini è ufficialmente un giocatore dell’Inter. Colpo dei nerazzurri anche perché (praticamente a sorpresa) il giocatore arriva in prestito sì, ma biennale. Vale a dire che i 20 milioni di euro fissati per il riscatto andranno pagati nel 2018, consentendo così all’Inter...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

CR7, un anno da 102 milioni! Milan, trovato il secondo... Brava Inter! Dybala, per ora solo Juve 11.01 - Il mondo dei tifosi pallonari si divide in due grandi masse. C’è il popolo dei fedelissimi di Cristiano Ronaldo e quello che vive per Messi. Il portoghese e l’argentino, da anni, sono il gotha del calcio mondiale. Bene, i due stanno vivendo momenti diametralmente opposti. CR7 ha vissuto...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: il no per Tolisso, nasconde qualcosa di grosso (ma occhio ad Agnelli...). Milan: i fissati sulla questione cinese e un futuro grandi-nomi. Inter: occhio, arriva la "scelta di Pioli". Napoli: la "bellezza" della sofferenza 10.01 - Eccoci qua. Sono stato quattro giorni in ferie. In Valtellina. A mangiare pizzoccheri. La caratteristica dei pizzoccheri è che il primo giorno sono buonissimi, il secondo ti fanno venire l’acetone, il terzo cementano e al quarto non ci arrivi. Nel senso che muori. Siccome il 6 gennaio...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Inter-Gagliardini: avere i soldi non significa buttarli. Juve, batti un colpo da Juve. Ferrero, posa i fazzoletti. Basta con le mogli-addette stampa! 09.01 - Gasperini dovrebbe spiegare meglio il significato della frase: "Gagliardini non convocato per rispetto dell'Inter". E il rispetto per i tifosi dell'Atalanta dov'è? La verità è che il Mister ha sbagliato la risposta e avrebbe fatto più bella figura a dire la verità. Le parole che non...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.