HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da Tuttomercatoweb.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
TMW Mob
Editoriale

Da Sacchi e Capello a Seedorf, Inzaghi e Sinisa. Il Milan li brucia tutti. Allarme Procura Federale: il Catania ha pagato ma Pulvirenti barava da solo? Serie B, top & flop: Rastelli, Panucci, Tesser, Torrente e Juric...

Direttore di Sportitalia e Tuttomercatoweb
12.10.2015 18.39 di Michele Criscitiello  Twitter:   articolo letto 109898 volte
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews

L'Italia di Conte neanche la commentiamo perché ci ha stufato ancor prima di nascere. Queste Qualificazioni sono soltanto un peso per i club, magari un giorno ci privassero di queste mezze amichevoli! La Juve perde Morata, i campionati partono poi si fermano, entrano nel vivo e poi si fermano di nuovo. Diciamo a Conte che ci porta solo l'Europeo. Se lo vincerà avrà vinto lui, se arriverà in semifinale non gli diremo nulla, se si fermerà prima gli faremo mille pernacchie e sarà libero di andare al Milan, che nel frattempo avrà bruciato l'ennesimo allenatore. La scuola Berlusconi è finita. Sono finiti i tempi d'oro che, però, sono durati 30 anni. E' finito il ciclo del club rossonero e non c'è più quella magia di Silvio che tutto quello che toccava diventava oro. Finiscono i cicli e le ere, finiscono le persone ma non finisce certo il mondo (il 2012 ormai è andato). Il Milan di Sacchi e Capello non c'è più. Il Milan di Galliani non esiste più e gli allenatori sono le vittime di un sistema che norn riesce più a regalare successi. Con questa estate è finita anche la storiella "non vinciamo perché sono finiti i soldi". 90 milioni sono stati investiti, male ma sono stati investiti. Mihajlovic ha una grande colpa: ha avallato il mercato di Galliani e si è schierato per avere alcuni calciatori, in primis Romagnoli che - sarà pure un giovane di talento - ma a quelle cifre ci aspettiamo di vedere un sicuro "futuro Thiago Silva". Sinisa ha più colpe di quelle che avevano Seedorf e Inzaghi. L'olandese è arrivato tardi e la sua media punti, comunque, è stata più che dignitosa. Seedorf ha pagato più per i comportamenti fuori dal campo che per quelli in campo. Si è messo contro Galliani e ha ragionato ancora da calciatore più che da allenatore. Inzaghi ha gestito male il gruppo e ha pagato, soprattutto, lo zerbinaggio nei confronti di Galliani e Berlusconi. La canzoncina "Il Presidente ha sempre ragione" e "Signor sì" ad Adriano Galliani hanno fatto sì che Pippo si bruciasse prima di diventare allenatore. Siamo contrari ai tecnici che saltano la gavetta; nel calcio come in qualsiasi campo, prima devi fare esperienza e poi puoi occupare certe posizioni. Se salti la fila, il tempo comunque ti inchioderà. Puoi essere un allenatore, un dirigente, un medico o un giornalista ma quando non fai la gavetta c'è qualcosa che non va. Un boomerang che, prima o poi, ti torna in dietro e ti prende dritto in fronte. Sinisa la gavetta l'ha fatta ed è arrivato al Milan nel momento giusto. Momento giusto per lui, non per il club. Seedorf e Inzaghi avrebbero dovuto fare un altro tipo di percorso. Quello che, ad esempio, sta facendo oggi il loro vecchio compagno di squadra Gennaro Gattuso. Rino ha sbagliato, non tanto ad accettare Palermo, perché un esonero con Zamparini è una stella al merito, ma a passare per la Grecia e non a ripartire dalla serie C italiana. Lo ha capito con due anni di ritardo e vedrete che a Pisa farà bene e nel giro di qualche anno spiccherà il volo. A Gattuso la gavetta servirà soprattutto per ragionare nello spogliatoio da allenatore e non da ex calciatore. Quest'anno sarebbe stato pronto già per una buona B ma, alla fine dei conti, passare per Pisa non gli ha fatto male. Tra gli ex milanisti si sta muovendo bene Crespo, a Modena, anche se gli manca la costanza di rendimento e farà una buona carriera Brocchi, oggi allenatore della Primavera rossonera ma già si capisce che ha l'intelligenza giusta per fare questo mestiere. Se mai dovesse chiamarlo Galliani per la prima squadra e Brocchi dovesse accettare, allora, ritireremmo l'aggettivo "intelligente".
-PULVIRENTI BALLAVA DA SOLO?-
Approfittiamo della sosta del campionato per ricordare. L'Italia è fatta così. Quando c'è lo scandalo gridiamo tutti alla vergogna. Passano pochi giorni, un servizio in meno alla televisione e addio prima pagina dei giornali e tutti dimentichiamo. La scorsa estate sembrava la svolta del nostro calcio. Abbiamo scoperto che il Catania comprava, o provava a farlo, le partite e da lì in poi avremmo guarito il cancro del calcio. Tutti in gabbia. Tutti squalificati, tutti radiati... Macché! Siamo ad ottobre e hanno pagato solo Catania e Teramo. Le frittate all'italiana ci hanno un po' stancati. Presto potrebbe arrivare un nuovo scandalo ma se prima non risolviamo quelli precedenti perde di credibilità tutto il sistema. La Giustizia Sportiva non funziona, lo sappiamo da anni. Tavecchio dovrebbe imporre il suo potere per chiudere, al più presto, il fascicolo "I Treni del gol". Dei treni è rimasta una sola carrozza. Catania ha pagato e continuerà a pagare, Pulvirenti prova a vendere ma nessuno può acquistare un club così allo stato attuale. La Procura Federale ancora non ci ha fatto capire, realmente, come si è mosso il Catania, se le partite erano truccate e quali. Non abbiamo più avuto notizie del coinvolgimento di Livorno, Ternana e Latina. I misteri sono ancora numerosi e siamo stanchi, ogni estate, di credere che qualcosa stia davvero cambiando e alla fine non cambia mai nulla.
-CAGLIARI REGINA, FLOP PERUGIA E SALERNO-
Anche se non c'era la serie A, ci siamo divertiti con la serie B. Il paradosso è che abbiamo più allenatori validi in B che in A. Massimo Rastelli si è ripreso la vetta con il Cagliari. E' stata la miglior prestazione da quando allena in Sardegna. Non diamo per scontato che una squadra forte debba per forza vincere o stravincere il campionato. Non è così, a maggior ragione in serie B. Campionato faticoso, lungo e strano. La stagione in B è eterna, sono due campionati in uno e il calendario va diviso in 4. I giudizi si possono dare ogni 10 giornate. Prima sarebbe delittuoso. Il Cagliari è, sulla carta, nettamente più forte delle altre e ha indovinato la scelta dell'allenatore. Anche quando la sua squadra non gioca bene fa punti e Rastelli ha una giusta filosofia: prendere il punto per muovere la classifica anche quando il pareggio sembra una sconfitta. La B è fatta così. Sta deludendo Bisoli a Perugia. Gli attaccanti con lui fanno sempre fatica, non trovi un bomber da 20 gol con Bisoli e il Perugia oggi paga soprattutto questo. C'è tempo ma la strada è lunga e tortuosa. La Salernitana è in fase calante. Fabiani ha costruito un ottimo gruppo ma ha sbagliato nettamente la scelta dell'allenatore, come vi abbiamo già detto a fine mercato. Torrente ci lasciava perplessi e oggi lo siamo ancor di più. Il Livorno era partito a mille ma appena infortunatisi gli attaccanti il giocattolo si è inceppato. Panucci, a volte, ragiona ancora con la testa calda da calciatore più che da uomo pragmatico di panchina. Il Livorno non gioca bene e Panucci dovrebbe riflettere sui continui errori dei suoi, anche perché sono quasi sempre gli stessi. Drago a Cesena farà bene, Juric a Crotone sta sorprendendo tutti ma abbiamo dubbi che continui a questi ritmi. L'Avellino ha raccolto molto meno di quello che meritava. Se Trotta inizia a segnare allora Tesser può sorridere, altrimenti saranno guai. Le responsabilità del mister sono inesistenti. La squadra gioca bene e ha carattere ma se perdi Ely, Pisacane, Kone e Castaldo rispetto all'anno prima devi tener conto che Tesser è l'uomo giusto al posto giusto ma non ha la bacchetta magica per trasformare la traversa di Bologna in una promozione in serie A.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
06.12 - Ciao. Volevo commentare insieme a voi gli esiti del referendum, ma mentre ci pensavo mi si è materializzata in testa l'immagine di Brunetta che esulta e se la tira come se avesse qualche merito. Mi sono spaventato. Sono cose più grosse di me: i referendum, non Brunetta. Per...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

Editoriale DI: Michele Criscitiello

05.12 - Mi e vi devo fare una promessa: in questo mio spazio del lunedì non parlerò più del closing Milan fino alla firma del contratto, alla stipula davanti al notaio, ai comunicati ufficiali e alle foto di rito. Anche se dovessero arrivare altri 100 milioni di euro dalle banche...

Editoriale DI: Andrea Losapio

04.12 - Sono allo Juventus Stadium per la gara fra padroni di casa e Atalanta. E vedo la squadra di Allegri che gioca come non fa mai nemmeno in Europa, figuriamoci in Italia. Forse è demerito nerazzurro ma la disfatta con il Genoa forse ha fatto suonare un campanello di allarme, come...

Editoriale DI: Mauro Suma

Milan, il 13 Dicembre resta il giorno. Roma, Napoli, Lazio, Milan non distraetevi. Berardi rimpiazza Gabigol all'Inter. Dani Alves torna a Gennaio, no emergenza Juve 03.12 - Poveri tifosi del Milan. E' come se li vedessimo. E per certi versi li vediamo. Costretti a compulsare siti, tv e social a tutte le ore del giorno e della notte per soppesare ogni sfumatura del particolare che arriva dal tal profilo twitter che fino ad oggi ha detto certe cose...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Il futuro di Allegri legato alla Champions. Piace Paulo Sousa. Marotta ha deciso: due centrocampisti a gennaio. Anche Berlusconi e le sue vedove si arrendono. Napoli, dubbi su Pavoletti 02.12 - Della serie anche i ricchi piangono, mi risulta che i dirigenti della Juventus, Agnelli in testa, non siano poi così contenti di questa squadra nonostante il primo posto in campionato e la qualificazione anticipata in Champions. L'assenza di gioco non è più motivo di simpatici...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Le panchine cambiano tutte insieme, gli scricchiolii delle big strizzano l'occhio al mercato. Gennaio si avvicina... 01.12 - Saltata un'altra panchina in A. De Zerbi non è più l'allenatore del Palermo dopo una sconfitta in coppa Italia ai rigori contro lo Spezia a pochi giorni dalla conferma (a sorpresa) del suo presidente Zamparini. Al suo posto arriva Corini, grande ex, che avrà il compito di...

Editoriale DI: Fabrizio Ponciroli

30.11 - Campionato riaperto, infermeria, quella bianconera, presa d'assalto. Allegri, di colpo, si è ritrovato a fare la conta dei pochi presenti. Ogni partita, qualche tassello della corazzata bianconera va in pezzi. In particolare, problemi evidenti a livello difensivo. Da qui la...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Milan e la telefonata "cinese" di chi crede ancora al closing: ecco cosa succede! Juve e Allegri: la "follia" dopo il ko di Genova. Inter: ecco il diktat sul mercato firmato Zhang. Roma: autodenuncia su Dzeko 29.11 - "Ciao, mi chiamo Maurizio, ho 75 anni e non esonero da 6 mesi". "Fate un bell'applauso a Maurizio". E giù applausi. Ci piace iniziare così, con un pensiero all' "esoneratore anonimo" Maurizio Zamparini, in crisi d'astinenza e comunque capace di tenere duro col buon De...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

28.11 - Sarà che settimana prossima c'è il referendum, sarà che per 8 mesi è rimasto in silenzio per problemi ben più gravi del calcio, sarà che in Italia tutto è consentito, sta di fatto che sono 10 giorni che Silvio Berlusconi,...

Editoriale DI: Andrea Losapio

27.11 - Abbiamo negli occhi la clamorosa sconfitta che l'Inter ha patito con il Hapoel Beer Sheva. I suoi giocatori hanno tenuto fede al nome della squadra e hanno ubriacato gli avversari in un secondo tempo davvero vergognoso da parte degli uomini di Pioli. Tanto bene nella prima...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.