HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da Tuttomercatoweb.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
TMW Mob
Editoriale

Da salvatore della patria a tappo per il mercato, la dura vita di Kakà... l'uomo che segnerà l'estate del Diavolo... Intanto il Balo vale sempre di più

Nato a Magenta il 28/4/1974, giornalista professionista dal 2001. Vanta collaborazioni con diverse testate web e cartacee, oltre ad esperienze da telecronista. Opinionista Campionato dei Campioni. Direttore del mensile cartaceo CALCIO2000
18.06.2014 00.00 di Fabrizio Ponciroli  articolo letto 26046 volte

2 settembre 2013, gli occhi di Kakà tornano a brillare. L'accordo con il Milan è raggiunto, il suo ritorno in rossonero sancito: "Finalmente a casa", dichiara, tronfio della sua scelta. Il popolo del Diavolo gioisce per il ritorno del figliol prodigo. Il Milan pensa di poter tornare grande, cavalcando il 22, quello che faceva la differenza ai tempi del Diavolo dominante in Italia (non molto) e in Europa (tantissimo). Bene, non è trascorso neppure un anno da quel fatidico 2 settembre 2013 e la situazione si è aggrovigliata in maniera tanto contorta da essere di difficile comprensione anche per qualsiasi psicologo di fama mondiale. Kakà, l'idolo rossonero, è ad un bivio: o va al San Paolo, la sua vecchia casa (ma non era il Milan?) o resta un altro anno in rossonero. Ci sarebbe un contratto che (ci fidiamo sulla parola) conferma come il brasiliano sia legato ancora per una stagione ai rossoneri ma, si sa, Ricardo non è uno qualunque. A lui si può tranquillamente concedere la chance di scegliere il proprio futuro in assoluta calma, senza fretta... Bel gesto ma strategicamente delicato. Il calciomercato dei rossoneri, infatti, è legato, a doppio filo, dalla decisione
che prenderà Kakà. Se resta, bisogna farlo giocare e, quindi, inutile puntare su un nuovo rinforzo per l'attacco o, meglio, ad un suo erede. Se parte, allora bisogna muoversi sul mercato e, attendere troppo, potrebbe far svanire alcuni obiettivi possibili... Insomma, da salvatore della patria (potenziale) a tappo per il mercato (certo). Non una bella situazione... Personalmente ribadisco come sarebbe opportuno (e meglio per tutti) se Kakà chiudesse qui la sua avventura al Diavolo, in maniera tale da preservare quell'alone di magia che ancora si porta dietro, nonostante una stagione, l'ultima, non esaltante... Un addio che, di fatto, permetterebbe al Milan di risparmiare anche quattro milioni, netti... Soldi da reinvestire nel mercato. Come se non bastasse, una chiusura amichevole con Kakà lascerebbe il neo tecnico Inzaghi fuori da un possibile grande problema, ovvero l'impiego o meno dello stesso Ricardo. Ma, come detto, non si può "spingere" un mito a prendere una decisione, tra l'altro non semplice, in poco tempo. Potrebbe tentarci Galliani, amico fraterno del brasiliano, e forse lo farà. Un fatto è certo: restare fermi, immobili, aspettando che Kakà faccia la sua scelta non conviene a nessuno, forse neanche allo stesso Ricardo che, in cuor suo, si aspettava un ritorno "milanese" decisamente diverso... Kakà in stand by, Balotelli in crescita esponenziale. E' fatto risaputo: non c'è niente che possa valorizzare (o deprezzare) un calciatore più di un Mondiale. Prima della rassegna iridata, il cartellino di Super Mario viaggiava sui 15/18 milioni, ora si attesta sui 25/30... Dovesse segnare ancora, al Milan avrebbero un potenziale crack, sia che si decida di tenerlo, sia che si scelga di cederlo. Ci risiamo, anche qui si parla di scelte da fare...

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Milan, il 13 Dicembre resta il giorno. Roma, Napoli, Lazio, Milan non distraetevi. Berardi rimpiazza Gabigol all'Inter. Dani Alves torna a Gennaio, no emergenza Juve 03.12 - Poveri tifosi del Milan. E' come se li vedessimo. E per certi versi li vediamo. Costretti a compulsare siti, tv e social a tutte le ore del giorno e della notte per soppesare ogni sfumatura del particolare che arriva dal tal profilo twitter che fino ad oggi ha detto certe cose...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Il futuro di Allegri legato alla Champions. Piace Paulo Sousa. Marotta ha deciso: due centrocampisti a gennaio. Anche Berlusconi e le sue vedove si arrendono. Napoli, dubbi su Pavoletti 02.12 - Della serie anche i ricchi piangono, mi risulta che i dirigenti della Juventus, Agnelli in testa, non siano poi così contenti di questa squadra nonostante il primo posto in campionato e la qualificazione anticipata in Champions. L'assenza di gioco non è più motivo di simpatici...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Le panchine cambiano tutte insieme, gli scricchiolii delle big strizzano l'occhio al mercato. Gennaio si avvicina... 01.12 - Saltata un'altra panchina in A. De Zerbi non è più l'allenatore del Palermo dopo una sconfitta in coppa Italia ai rigori contro lo Spezia a pochi giorni dalla conferma (a sorpresa) del suo presidente Zamparini. Al suo posto arriva Corini, grande ex, che avrà il compito di...

Editoriale DI: Fabrizio Ponciroli

30.11 - Campionato riaperto, infermeria, quella bianconera, presa d'assalto. Allegri, di colpo, si è ritrovato a fare la conta dei pochi presenti. Ogni partita, qualche tassello della corazzata bianconera va in pezzi. In particolare, problemi evidenti a livello difensivo. Da qui la...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Milan e la telefonata "cinese" di chi crede ancora al closing: ecco cosa succede! Juve e Allegri: la "follia" dopo il ko di Genova. Inter: ecco il diktat sul mercato firmato Zhang. Roma: autodenuncia su Dzeko 29.11 - "Ciao, mi chiamo Maurizio, ho 75 anni e non esonero da 6 mesi". "Fate un bell'applauso a Maurizio". E giù applausi. Ci piace iniziare così, con un pensiero all' "esoneratore anonimo" Maurizio Zamparini, in crisi d'astinenza e comunque capace di tenere duro col buon De...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

28.11 - Sarà che settimana prossima c'è il referendum, sarà che per 8 mesi è rimasto in silenzio per problemi ben più gravi del calcio, sarà che in Italia tutto è consentito, sta di fatto che sono 10 giorni che Silvio Berlusconi,...

Editoriale DI: Andrea Losapio

27.11 - Abbiamo negli occhi la clamorosa sconfitta che l'Inter ha patito con il Hapoel Beer Sheva. I suoi giocatori hanno tenuto fede al nome della squadra e hanno ubriacato gli avversari in un secondo tempo davvero vergognoso da parte degli uomini di Pioli. Tanto bene nella prima...

Editoriale DI: Mauro Suma

Il 14 Dicembre del Milan. La confusione del Sassuolo. Pioli, il terzo scomodo. E' bruttissimo il calcio fra Biella e la Questura di Como 26.11 - All'esterno del Milan l'attesa spasmodica è per il 13 Dicembre. All'interno del Milan la curiosità e la suspence sono tutte per il 14 Dicembre. Chi entrerà a Casa Milan quel giorno? Le chiavi saranno sempre nelle stesse mani o saranno consegnate ai nuovi proprietari?...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

25.11 - L'ennesimo tentativo di agitare le acque attorno alla cessione del Milan è andato a vuoto. Questa volta è sceso in campo direttamente Silvio Berlusconi, spalleggiato dai soliti noti nel mondo della comunicazione, per cercare di depistare, spargere dubbi, insinuare situazioni...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Berlusconi insiste: si chiude, ma altrimenti... il Napoli stoppato in Champions, prenota una stellina brasiliana. E i giovani... 24.11 - La notte dopo il derby Berlusconi aveva dato certezze: il closing ci sarà, ma se così non dovesse essere sarei pronto a rimanere e vincere con un Milan giovane e italiano. Sembrava più una sorta di rassicurazione ai tanti tifosi del Milan contenti per come stavano andando le...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.