HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Doppio confronto Napoli-Juventus: come finirà?
  La Juve vincerà entrambe le gare
  Il Napoli avrà la meglio in entrambe le sfide
  La Juve mantiene il vantaggio in A ma perde in Coppa
  Il Napoli recupera in A ma esce in Tim Cup

TMW Mob
Editoriale

De Boer si salva e salva l'Inter, ma non per sempre. Ecco cosa succede ora in casa nerazzurra (e non solo)

27.10.2016 00.00 di Luca Marchetti   articolo letto 21921 volte
© foto di Federico De Luca

Dopo una partita folle che è sembrata la sintesi della natura nerazzurra in novanta minuti De Boer sorride.
Non ha scacciato tutte le nubi sulla sua testa, non avrà dissipato i dubbi che hanno covato per giorni nella testa dei dirigenti e dei tifosi nerazzurri. Ma ha dimostrato che questa Inter ha un'anima. E questa è la cosa più importante. Anima e gioco.
Si era complicata la vita, il solito pasticcio difensivo. E c'erano anche dei piccoli segnali che non lasciavano ben sperare. C'è più di un addetto ai lavori che ha sottolineato come al gol di Icardi nessuno sia andato ad abbracciare De Boer. Solo era stato dipinto, solo è rimasto anche nel momento in cui avrebbe potuto liberarsi, sfogarsi con i suoi pretoriani. E' rimasto davanti alla sua panchina. Il suo viso è rimasto impassibile. Forse sapeva che la sua difesa avrebbe ballato di nuovo con l'incontro scontro fra Murillo e Ansaldi. Forse sapeva che avrebbe sofferto come nessun'altro quando la sua squadra creava gioco, come piaceva a lui, ma non segnava neanche portando il pallone con le mani oltre Hart.
Ci è voluto un supergol di Icardi. Quello che non centrava la porta da 4 partite intere. Quello che aveva segnato senza tirare in porta il gol dell'1-0, con un rimpallo fortunoso sull'uscita del portiere inglese del Torino.
De Boer si è salvato. Poteva non bastare vincere. Ma vincere così, con una partita vibrante ha allungato la sua carriera in nerazzurro. Per quanto? Non per sempre. Lo sa per primo l'olandese: c'è la Samp all'orizzonte, c'è il Southampton ancor più pericoloso. L'Inter non solo deve vincere, deve soprattutto convincere. Deve dimostrare che ci sono dei segnali confortanti. Perché altrimenti si cambia.
Dove? La sensazione porta a un allenatore italiano. Uno che conosca e che capisca subito l'ambiente nerazzurro. Uno che sappia calarsi in una realtà, che se dovesse decidere di cambiare, sarebbe letteralmente esplosiva. L'Inter, è inutile nasconderlo, un giro di orizzonte lo ha fatto. Sarebbe stato da pazzi non farlo: se la situazione fosse precipitata contro il Torino non poteva fare la brutta figura di non essere pronta. E quindi dei segnali li aveva lanciati in giro: Pioli, Guidolin, Mandorlini. Da non sottovalutare le piste straniere ma con la conoscenza della lingua: Blanc e Leonardo. Studiati i profili. I dirigenti nerazzurri hanno anche cercato di capire chi sarebbe potuto essere il sostituto più efficace. Magari prendendo in considerazioni anche nuove strade, azzardate in questo momento come Marco Silva, che in passato avevano affascinato i nerazzurri.
Per ora De Boer rimane. Con il ticchettio della scadenza sempre in sottofondo, ma la minaccia l'ha respinta. Ha parlato, alle tv, di lavoro, di evitare passi indietro, di suo calcio e di personalità. Ha provato a riprendersi un terreno che avrebbe voluto (e dovuto) marcare meglio. L'allenatore dipende dai risultati e se i risultati non vanno a pagare tocca a lui. De Boer lo sa. Ma per rimanere su quella panchina deve vincere e soprattutto convincere. Altrimenti l'Inter non può non prendere in considerazione delle soluzioni drastiche.
Legare il futuro dell'allenatore a una partita è sempre sbagliato: il lavoro non si può giudicare soltanto in novanta minuti. Senza il gol di Icardi staremmo parlando di un finale completamente diverso. Ecco perché le idee rimangono e la dirigenza nerazzura (quella italiana e quella cinese) deve essere convinta anche con i fatti.
Un po' come è successo a Nicola a Crotone. Doveva andare via se avesse perso. Ha rischiato di vincere a Firenze e rimane lì. Sono i risultati che decidono, ma alle volte sembra destino.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Juve: polemiche a raffica, un arrivo e un solo vero pericolo. Milan: la svolta, le ultime sul closing e i segreti di Mr Li. Inter: si sogna un colpo da sceicchi (ma occhio alle bufale)! Napoli sospeso tra Sarri e Higuain 28.03 - In quel tempo c'era la pausa per la Nazionale. E la pausa per la Nazionale portava polemiche sterili e invenzioni di mercato. E tu chiamavi i direttori sportivi e chiedevi "si parla molto di mercato, dimmi tutto!". E loro: "C'è la pausa per la nazionale, siamo in vacanza, vatti a...
Telegram

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Le infiltrazioni mafiose nel calcio e i falsi moralisti. Milan, dopo la colletta il problema sarà di Mirabelli. Verona, comunque andrà sarà un fallimento! Foggia, da De Zerbi a Stroppa il vero vincitore è Di Bari 27.03 - Quando c'è la Nazionale bisogna cercare altre notizie, altrimenti televisioni e giornali chiudono. Si punta sul mercato o su questioni extra. Hanno aiutato, in questa fase, il closing del Milan e le indagini della Procura Federale sulle intercettazioni della Juventus. Se a fare i...

EditorialeDI: Marco Conterio

Il closing del Milan: la figura di Yonghong Li e tutti gli scenari futuri del club. Valzer delle panchine: tanto ruota attorno a Spalletti. Tutti i colpi delle grandi da Bernardeschi a Manolas fino a Kessie 26.03 - Forse, ci siamo. Il Milan sta per diventare del misterioso Yonghong Li in... Prestito con obbligo di riscatto. Già. Perché i soldi per il closing arriverebbero al broker cinese dagli Stati Uniti, dal fondo Elliott, che finanzierebbe così la chiusura del passaggio del club. Li è rimasto...

EditorialeDI: Mauro Suma

Montella: Maiorino sa tutto. I 720 milioni di Sino, i 270 di Suning. Inter e Milan: Napoli e Roma col fiato corto. Balo e Darmian novità di mercato 25.03 - "Vediamo". In Casa Milan da diversi mesi a questa parte non è una espressione come le altre. Non è un intercalare o un modo per prendere tempo. E' una vera e propria parola d'ordine, un approccio costante nel tempo, l'unico modo per attendere una soluzione definitiva alla cessione...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve-'Ndrangheta, siamo alla follia. Le colpe di Agnelli. Allegri vuole Di María. Inter, lasciate in pace Pioli. Napoli, tieni Insigne non Mertens 24.03 - LL’ultimo scandalo del calcio italiano ha dei contorni inquietanti. Parlo, naturalmente, della vicenda Juventus-‘Ndrangheta e di tutto quello che sta scatenando. Qui non si tratta di essere juventini o antijuventini, credo che il discorso che sto per fare attenga alla civiltà più...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Caparre cene e allenatori, in Primavera si fa il mercato e si guarda al futuro 23.03 - Sono principalmente due le notizie che hanno movimentato la settimana della pausa di campionato e sono destinate entrambe ad avere strascichi durante tutta la settimana. A Milano la questione closing non si è ancora chiusa: né in un verso né nell'altro. I famosi 100 milioni che doveva...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Luis Enrique, non solo Roma... Milan-Donnarumma, è rimasta solo la fede! Napoli, Mertens va premiato oppure... 22.03 - Ogni volta che si manifesta la primavera mi sento meglio… Le giornate diventano più luminose, la natura rinasce, tutto siamo più felici o, almeno, così pare… Tuttavia, ancora una volta, a primavera c’è solo una rondine che tiene alto il buon nome dell’Italia pallonara in Europa. C’è...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Un'idea "folle" per la Juve e una cosa da chiarire su Agnelli. I soldi del Milan ci sono: ecco chi li ha davvero (da lì nascono i problemi). Il fastidio dietro la "non sconfitta" dell'Inter. E sul pranzo indigesto di Sarri... 21.03 - Questa volta non me la prendo con la “pausa per la Nazionale”. Non ci penso neanche. Al limite con il campionato. Quello delle ultime che perdono sempre, delle prime che vincono sempre, di quelle in mezzo che vincono se giocano con le ultime, perdono se giocano con le prime e pareggiano...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Pallotta, chiedi il conto a Spalletti. Giro di panchine: Bucchi e Semplici le new entry. Il Torino dalla “Padelli alla brace”. Lotito in B? Ecco perché conviene più alla B che alla A… 20.03 - Nel week end dell’addio dei sogni di gloria dell’Inter, si passa al sabato dove il Milan conferma di essere da Europa di serie B. Milano oggi è da Europa di serie B e la classifica confermerà che le due squadre di Milano ancora non sono pronte a rientrare dalla porta principale. Il...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Il monopolio della Juve fa male al calcio italiano: o tornano le milanesi (dei giorni migliori...) o la Serie A in Europa perderà posizioni. E tanti saluti al regalo dell'UEFA 19.03 - Ci risiamo. Superati gli ottavi di finale ecco riaffiorare i soliti problemi e sempre gli stessi limiti. C'è la Juventus, che si avvia indisturbata a conquistare il sesto Scudetto consecutivo (record assoluto). Poi c'è il vuoto, in Serie A e nelle competizioni europee. La Roma in...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.