HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Juventus-Barcellona ai quarti: passare è possibile?
  Sì, la Juventus è cresciuta rispetto al 2015
  No, il Barcellona resta più forte dei bianconeri

TMW Mob
Editoriale

De Laurentiis-Benitez, una decisione da prendere entro due mesi. Ora la vittoria con la Lazio deve diventare il manifesto del nuovo Napoli, più concreto per non farsi sfuggire la Champions

Laurea in Giurisprudenza, scrittore, giornalista professionista, radiocronista dal 1985 e telecronista Mediaset Premium per le partite del Napoli. Corrispondente di Tuttosport, coordinatore per Piùenne, produce e conduce "Si gonfia la rete"
25.01.2015 00.00 di Raffaele Auriemma   articolo letto 21872 volte
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews

Non ci affideremo al macabro rituale di analizzare le viscere degli animali come da consolidata consuetudine degli aruspici romani per prevedere il futuro. Faremo affidamento all'esercizio molto più pratico di ispezionare le parole dei protagonisti per capire cosa accadrà alla fine di questa stagione. Il dubbio amletico è sempre lo stesso: essere o non essere ancora con Rafa Benitez? Le risposte accuratamente evasive di De Laurentiis e dell'allenatore non devono determinare infausti presagi, ma far emergere un accordo che sembrerebbe essere stato raggiunto dalle due parti. Se Benitez dice "del mio futuro ne riparleremo tra tre mesi" e se alla stessa affermazione il patron replica con tono non stizzito, ma conciliante "secondo me se ne andrà solo se tornerà dalla sua famiglia a Liverpool", non è complicato immaginare che il coach spagnolo avrà comunicato al suo datore di lavoro che sta monitorando la situazione dei Reds per capire se sarà possibile tornare lì dove è stata conquistata la più incredibile ed irripetibile Coppa dei Campioni. Rischiando pure di ritrovarsi senza panchina, qualora De Laurentiis nel frattempo trovi l'accordo con un altro trainer per non ritrovarsi nella stessa situazione di quando fu Mazzarri a tenere tutti sulla corda fino al termine del campionato. Aspettare Benitez si può, si deve, non tanto per quanto ottenuto finora con il Napoli, ma per il suo luminoso passato. E poi, interrompere un progetto costoso (120 milioni di euro investiti in cartellini negli ultimi due anni, oltre al monte ingaggi cresciuto del 30 per cento e nel quale lo staff di Benitez incide per una somma di 9 milioni) non avrebbe senso. Anzi, sarebbe un danno per il Napoli, perché De Laurentiis ha voluto che quella dell'allenatore fosse la voce più costosa a bilancio, perché intorno a lui andava costruita la squadra che nel giro di tre anni avrebbe dovuto conquistare lo scudetto. Il terzo anno sarà il prossimo, quello della verità soprattutto per Benitez che finora ha goduto di un credito enorme e giustificato dall'etichetta di essere uno dei migliori allenatori al mondo. De Laurentiis non aspetterà i tre mesi da lui richiesti, si garantirà il futuro bloccando un altro allenatore, poi da marzo ognuno avrà il diritto di prendere la propria strada. Per ora non c'è fretta ed è corretto pensare alla squadra, alla stagione che potrebbe riservare altre gustose sorprese. A cominciare dal campionato con quel terzo posto da blindare ed il secondo da tenere sempre nel mirino. Otto punti di distanza dalla Roma sono incolmabili se la formazione giallorossa dovesse riprendere l'antico passo imperioso che di recente sembra essere smarrito. Dovrà essere bravo il Napoli ad approfittare degli eventuali momenti di debolezza dei capitolini, riducendo il numero di punti sperperato contro le formazioni piccole. La vittoria dell'Olimpico contro la Lazio dovrebbe diventare il manifesto di quanto sia corretto speculare, avere un atteggiamento opportunistico al solo fine di conquistare i tre punti senza dover necessariamente divertire. Bravo Benitez a rivedere il suo ostinatissimo credo con il solo scopo di dare più punti al Napoli, ma adesso spetta a lui un altro compito fondamentale per ogni allenatore che si rispetti: recuperare i calciatori con il morale a terra. Jorginho ed Inler sono due di questi, geometri di un calcio che Gargano e David Lopez non riescono ad esprimere nonostante la loro encomiabile generosità. Se è vero che non è facile prendere a gennaio rinforzi migliori dei calciatori in organico, allora rilanciare Inler e Jorginho sarebbe molto più utile di un acquisto fatto giusto per dire di aver comprato.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Juve-'Ndrangheta, siamo alla follia. Le colpe di Agnelli. Allegri vuole Di María. Inter, lasciate in pace Pioli. Napoli, tieni Insigne non Mertens 24.03 - LL’ultimo scandalo del calcio italiano ha dei contorni inquietanti. Parlo, naturalmente, della vicenda Juventus-‘Ndrangheta e di tutto quello che sta scatenando. Qui non si tratta di essere juventini o antijuventini, credo che il discorso che sto per fare attenga alla civiltà più...
Telegram

EditorialeDI: Luca Marchetti

Caparre cene e allenatori, in Primavera si fa il mercato e si guarda al futuro 23.03 - Sono principalmente due le notizie che hanno movimentato la settimana della pausa di campionato e sono destinate entrambe ad avere strascichi durante tutta la settimana. A Milano la questione closing non si è ancora chiusa: né in un verso né nell'altro. I famosi 100 milioni che doveva...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Luis Enrique, non solo Roma... Milan-Donnarumma, è rimasta solo la fede! Napoli, Mertens va premiato oppure... 22.03 - Ogni volta che si manifesta la primavera mi sento meglio… Le giornate diventano più luminose, la natura rinasce, tutto siamo più felici o, almeno, così pare… Tuttavia, ancora una volta, a primavera c’è solo una rondine che tiene alto il buon nome dell’Italia pallonara in Europa. C’è...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Un'idea "folle" per la Juve e una cosa da chiarire su Agnelli. I soldi del Milan ci sono: ecco chi li ha davvero (da lì nascono i problemi). Il fastidio dietro la "non sconfitta" dell'Inter. E sul pranzo indigesto di Sarri... 21.03 - Questa volta non me la prendo con la “pausa per la Nazionale”. Non ci penso neanche. Al limite con il campionato. Quello delle ultime che perdono sempre, delle prime che vincono sempre, di quelle in mezzo che vincono se giocano con le ultime, perdono se giocano con le prime e pareggiano...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Pallotta, chiedi il conto a Spalletti. Giro di panchine: Bucchi e Semplici le new entry. Il Torino dalla “Padelli alla brace”. Lotito in B? Ecco perché conviene più alla B che alla A… 20.03 - Nel week end dell’addio dei sogni di gloria dell’Inter, si passa al sabato dove il Milan conferma di essere da Europa di serie B. Milano oggi è da Europa di serie B e la classifica confermerà che le due squadre di Milano ancora non sono pronte a rientrare dalla porta principale. Il...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Il monopolio della Juve fa male al calcio italiano: o tornano le milanesi (dei giorni migliori...) o la Serie A in Europa perderà posizioni. E tanti saluti al regalo dell'UEFA 19.03 - Ci risiamo. Superati gli ottavi di finale ecco riaffiorare i soliti problemi e sempre gli stessi limiti. C'è la Juventus, che si avvia indisturbata a conquistare il sesto Scudetto consecutivo (record assoluto). Poi c'è il vuoto, in Serie A e nelle competizioni europee. La Roma in...

EditorialeDI: Mauro Suma

Sacchi-Dybala: juventini distratti. Bacca: nessuna grazia ricevuta. 200 milioni Closing e 200 milioni Guardiola. I derby estremi di Roma e Genova 18.03 - Era appena finita Juventus-Porto e dopo partite del genere, dove tutto va per filo e per segno, le tv devono cercare di ravvivare e movimentare. E' accaduto anche su Premium, dove Arrigo Sacchi ha stimolato Dybala: "Sei un modello per i giovani, sei un grandissimo giocatore, perchè...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Spalletti, ora è addio. E la Juve aspetta. Allegri più lontano. Inter, Suning 150 milioni per lo Scudetto. Milan, se salta il closing Donnarumma al Real 17.03 - La Roma è fuori dall’Europa nonostante la vittoria e una gara di grande spessore tecnico e agonistico e, se tanto mi da tanto, Spalletti è fuori dalla Roma. Non faccio altro che seguire le sue indicazioni e il suo ragionamento. Ancora pochi giorni fa ha ribadito che senza tituli (alla...

EditorialeDI: Luca Marchetti

I giovani, la Champions e le scadenze 2018? Vendi o firmi? 16.03 - La Champions sa ancora riservare sorprese. Non che il Monaco potenzialmente sia (stato) meno ricco del City, ma nell’anno in cui gli inglesi volevano la glorificazione in campo internazionale è arrivato il fracaso di Pep. Lontano dalla testa della classifica in Premier, uscito per...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Troppe polemiche, ci si mette anche Mourinho... Spalletti-Totti, uno è di troppo! Milan, Donnarumma resta. 15.03 - La primavera è alle porte, speriamo che, con l’arrivo delle belle giornate, le menti più fumantine riescano a rilassarsi… Basta polemiche. Non mi interessa chi ha torto e chi ha ragione, so solo che stiamo esagerando (mi ci metto anche io). Seguiamo ogni partita con occhio clinico,...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.