HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Juventus-Barcellona ai quarti: passare è possibile?
  Sì, la Juventus è cresciuta rispetto al 2015
  No, il Barcellona resta più forte dei bianconeri

TMW Mob
Editoriale

De Laurentiis e Sarri facciano prevalere la loro intelligenza applicando l'antica regola del "passo indietro" sulle regole per i contratti e su di un modulo che non convince

Laureato in Giurisprudenza, scrittore, giornalista professionista, radiocronista dal 1985 e telecronista Mediaset Premium per le partite del Napoli. Corrispondente di Tuttosport, coordinatore per Piùenne, produce e conduce "Si gonfia la rete"
06.09.2015 07.38 di Raffaele Auriemma   articolo letto 66403 volte
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews

Fare un passo indietro è da sempre un segno di intelligenza che viene attivata quando si è di fronte ad un bivio. Il passo indietro che si chiede al Napoli è di recedere da modi di fare palesemente privi di risultati e prendere una direzione che sconfessi il credo fin lì tenuto. E' l'atto di responsabilità che ora si attendono i tifosi del Napoli, da De Laurentiis quanto da Sarri, nella gestione ossessiva dei diritti di immagine e nell'applicazione un po' troppo testarda di un modulo finora privo di risultati convincenti. E' il caso che queste due settimane di campionato possano essere portatrici di idee da applicare al campo con il miglior utilizzo dei calciatori a disposizione del tecnico tosco-napoletano. Non pochi e per nulla scarsi, soprattutto in attacco, dove il solo Higuain gode di una collocazione che sia rispettosa del suo talento e del suo blasone. Tutti gli altri, no. Callejon quanto Insigne, Mertens come Gabbiadini, sono sempre alla ricerca di una prestazione decente da sviluppare in un ruolo che non gli si confà. Eppure avevamo esultato all'addio di Benitez proprio perché il saccente coach iberico aveva privilegiato il personalismo cattedratico al bene di una squadra che necessitava di risultati migliori di quelli che poi la stagione avrebbe poi raccontato. Non s'imbatta l'infaticabile Sarri nella stessa, caparbia ostinazione di Benitez, perché non gli verrebbero perdonati altri insuccessi da una platea, quella di Napoli, che reclama un pronto riscatto sportivo. La squadra, anche se incompleta, non è inferiore ad altre che hanno l'ambizione di assicurarsi un posto nella prossima Champions League e Sarri attualmente non gode dello stesso credito (immeritatamente) concesso a Benitez che a Napoli si era fatto scudo dei successi conseguiti altrove per giustificare il penoso rendimento in una stagione cominciata con l'ormai proverbiale "se usciremo dalla Champions non sarà una tragedia". Rifletta Sarri e faccia tesoro dei consigli che possono allungargli la permanenza sulla panchina del Napoli. Si spogli degli atteggiamenti da istruttore di un calcio che finora ha funzionato poco in chiave offensiva e chissà tra quanto tempo sarà al top. Magari già da Empoli, ma perché rischiare un'altra esibizione piena di punti interrogativi? E se proprio non può tornare indietro dal 4-3-1-2 ("Perchè dopo solo due partite la squadra non lo capirebbe"), allora abbandoni la debole mediazione e decida di utilizzare ogni calciatore al suo "vero" posto. Chi tra gli attaccanti del Napoli ha le caratteristiche più idonee a fare da spalla a Higuain nel modulo offensivo 1-2? Gabbiadini e nessun altro. Mertens e Callejon sono esterni che soffrono a giocare da punta centrale e fino a quando non avranno imparato a farlo, è giusto che rimangano in panchina per dare spazio a chi gioca titolare in Nazionale: Sarri se la sente di fare una scelta così coraggiosa? Eppur deve, altrimenti faccia il canonico "passo indietro" ed applichi al Napoli un modulo in cui trovare posto ai tanti talenti presenti in squadra. Scelte da rivedere anche nella politica societaria, troppo intransigente nelle regole sui contratti, così come deciso dall'amministratore delegato Andrea Chiavelli, uno dei più grandi esperti della materia contabile, ma pur sempre un uomo che frequenta il calcio da pochi anni. Quello del pallone non è un mondo privo di regole, ne ha tante e all'interno delle stesse bisogna muoversi con una rapidità d'azione ormai sconosciuta al Napoli. Soprattutto sui diritti di immagine: quanti calciatori possono capire e poi accettare di concederli al Napoli "sulla Terra ed anche su altri pianeti"? Sono cose dell'altro mondo...

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Juve-'Ndrangheta, siamo alla follia. Le colpe di Agnelli. Allegri vuole Di María. Inter, lasciate in pace Pioli. Napoli, tieni Insigne non Mertens 24.03 - LL’ultimo scandalo del calcio italiano ha dei contorni inquietanti. Parlo, naturalmente, della vicenda Juventus-‘Ndrangheta e di tutto quello che sta scatenando. Qui non si tratta di essere juventini o antijuventini, credo che il discorso che sto per fare attenga alla civiltà più...
Telegram

EditorialeDI: Luca Marchetti

Caparre cene e allenatori, in Primavera si fa il mercato e si guarda al futuro 23.03 - Sono principalmente due le notizie che hanno movimentato la settimana della pausa di campionato e sono destinate entrambe ad avere strascichi durante tutta la settimana. A Milano la questione closing non si è ancora chiusa: né in un verso né nell'altro. I famosi 100 milioni che doveva...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Luis Enrique, non solo Roma... Milan-Donnarumma, è rimasta solo la fede! Napoli, Mertens va premiato oppure... 22.03 - Ogni volta che si manifesta la primavera mi sento meglio… Le giornate diventano più luminose, la natura rinasce, tutto siamo più felici o, almeno, così pare… Tuttavia, ancora una volta, a primavera c’è solo una rondine che tiene alto il buon nome dell’Italia pallonara in Europa. C’è...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Un'idea "folle" per la Juve e una cosa da chiarire su Agnelli. I soldi del Milan ci sono: ecco chi li ha davvero (da lì nascono i problemi). Il fastidio dietro la "non sconfitta" dell'Inter. E sul pranzo indigesto di Sarri... 21.03 - Questa volta non me la prendo con la “pausa per la Nazionale”. Non ci penso neanche. Al limite con il campionato. Quello delle ultime che perdono sempre, delle prime che vincono sempre, di quelle in mezzo che vincono se giocano con le ultime, perdono se giocano con le prime e pareggiano...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Pallotta, chiedi il conto a Spalletti. Giro di panchine: Bucchi e Semplici le new entry. Il Torino dalla “Padelli alla brace”. Lotito in B? Ecco perché conviene più alla B che alla A… 20.03 - Nel week end dell’addio dei sogni di gloria dell’Inter, si passa al sabato dove il Milan conferma di essere da Europa di serie B. Milano oggi è da Europa di serie B e la classifica confermerà che le due squadre di Milano ancora non sono pronte a rientrare dalla porta principale. Il...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Il monopolio della Juve fa male al calcio italiano: o tornano le milanesi (dei giorni migliori...) o la Serie A in Europa perderà posizioni. E tanti saluti al regalo dell'UEFA 19.03 - Ci risiamo. Superati gli ottavi di finale ecco riaffiorare i soliti problemi e sempre gli stessi limiti. C'è la Juventus, che si avvia indisturbata a conquistare il sesto Scudetto consecutivo (record assoluto). Poi c'è il vuoto, in Serie A e nelle competizioni europee. La Roma in...

EditorialeDI: Mauro Suma

Sacchi-Dybala: juventini distratti. Bacca: nessuna grazia ricevuta. 200 milioni Closing e 200 milioni Guardiola. I derby estremi di Roma e Genova 18.03 - Era appena finita Juventus-Porto e dopo partite del genere, dove tutto va per filo e per segno, le tv devono cercare di ravvivare e movimentare. E' accaduto anche su Premium, dove Arrigo Sacchi ha stimolato Dybala: "Sei un modello per i giovani, sei un grandissimo giocatore, perchè...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Spalletti, ora è addio. E la Juve aspetta. Allegri più lontano. Inter, Suning 150 milioni per lo Scudetto. Milan, se salta il closing Donnarumma al Real 17.03 - La Roma è fuori dall’Europa nonostante la vittoria e una gara di grande spessore tecnico e agonistico e, se tanto mi da tanto, Spalletti è fuori dalla Roma. Non faccio altro che seguire le sue indicazioni e il suo ragionamento. Ancora pochi giorni fa ha ribadito che senza tituli (alla...

EditorialeDI: Luca Marchetti

I giovani, la Champions e le scadenze 2018? Vendi o firmi? 16.03 - La Champions sa ancora riservare sorprese. Non che il Monaco potenzialmente sia (stato) meno ricco del City, ma nell’anno in cui gli inglesi volevano la glorificazione in campo internazionale è arrivato il fracaso di Pep. Lontano dalla testa della classifica in Premier, uscito per...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Troppe polemiche, ci si mette anche Mourinho... Spalletti-Totti, uno è di troppo! Milan, Donnarumma resta. 15.03 - La primavera è alle porte, speriamo che, con l’arrivo delle belle giornate, le menti più fumantine riescano a rilassarsi… Basta polemiche. Non mi interessa chi ha torto e chi ha ragione, so solo che stiamo esagerando (mi ci metto anche io). Seguiamo ogni partita con occhio clinico,...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.