HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da Tuttomercatoweb.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
TMW Mob
Editoriale

De Laurentiis sembra Gandalf, brandisce la clausola rescissoria di Higuain come una spada contro i signori oscuri che vogliono rapire il bomber...

26.07.2015 08.14 di Raffaele Auriemma  articolo letto 44381 volte
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews

Tutto ruota intorno al Pipita, l'ultimo grande top bomber rimasto nel campionato di serie A. Le big d'Europa in cerca dell'uomo-gol gli stanno facendo un corteggiamento serrato e cordiale, nonostante quella clausola rescissoria da 90 milioni più spese che di certo non può spaventare chi sta per vendere Di Maria (il ManUnited) a 65 milioni di euro, oppure il Psg che non pensa al ridimensionamento nel dopo Ibra. Anzi.... Il ristoro economico come unica ragione per accettare la perdita (caso mai) di Higuain: la famigerata clausola sembra avere nel Napoli le sembianze di un enorme assegno circolare. Eppure troppe volte il presidente De Laurentiis ha brandito quella clausola contrattuale come se fosse la spada di Gandalf nel Signore degli Anelli contro l'Oscuro Signore danaroso e rapace. Era una difesa, fatta ad alta voce e più volte. Così tante volte da aver tracciato nell'animo del Pipita una corsia preferenziale per indicare la via d'uscita dal Napoli. Non era così e il presidente lo ha spiegato apertamente, con grande afflato a papà Jorge ed al fratello Nicolas, nell'incontro veneziano che ha permesso al Napoli di testimoniare una volta di più la necessità di trattenere uno dei cinque bomber più forti della Terra. Perché è così. Perché non esiste Napoli competitivo senza la presenza di un centravanti del suo calibro; perché cambierebbero fisionomia e progetti in sua assenza; perché non basterebbe il ricavato della clausola rescissoria per convincere altri attaccanti come lui ad accettare un Napoli che quest'anno indossa i panni dell'incognita. Higuain, oggi, è "il Napoli" e se collochiamo gli azzurri tra quelle (poche) che possono competere per il ruolo di anti-Juventus e che nutrono l'ambizione di un posto in Champions, si intuisce una volta di più la necessità di non perderlo. La Roma e la Lazio ripartono dalle posizioni di seconda e terza forza, giacche lo scorso campionato questo ha detto, mentre l'Inter ed il Milan, pur avendo speso tanto per rinforzarsi, non possono vantare un attaccante tanto bravo e potente come Higuain. E solo la sua presenza domani a Dimaro potrebbe dare un senso alla presentazione della squadra sotto gli occhi dei tifosi accorsi a Dimaro con la passione inestirpabile e le perplessità (giustificate) di chi non riesce ancora ad individuare i tratti della squadra azzurra. Oggi il Pipita si metterà in viaggio da Madrid verso Napoli e poi deciderà se ricominciare ad allenarsi lunedì a Castelvolturno, oppure se accettare l'accorato invito di De Laurentiis a presentarsi nel ritiro di Dimaro. Anche solo per poche ore, anche solo per infiammare piazza Madonna della Pace che domani sera si riempirà delle tante anime azzurre che pendono dalle labbra e dai gol del loro unico, vero, riconosciuto condottiero. I rigori sbagliati sono soltanto un brutto ricordo, al pari di una stagione cominciata male (leggi: eliminazione dalla Champions per mano dell'Athletic Bilbao) e finita peggio (leggi: sconfitta in finale di Coppa America contro il Cile). Vai bomber, il mondo è tuo, ancor di più adesso che le tue vacanze sono finite e ti aspetta il rilancio in un'annata che potrebbe diventare la migliore, grazie ad un modulo disegnato interamente per te. Sarri è lì, con il suo computer e le sue statistiche, le strategie tattiche che non vede l'ora di illustrare al calciatore più forte che abbia mai allenato. Mai più Higuain isolato al centro dell'attacco del Napoli, costretto a toccare uno, al massimo due palloni a partita nell'area avversaria e ad essere uno dei calciatori partenopei tra i più continui nel fornire gli assist ai compagni di squadra: lui, le palle-gol deve riceverle, non crearle per gli altri. Gabbiadini o Mertens al suo fianco e Insigne alle sue spalle: chi vuole scommettere sul numero di gol che segnerà quest'anno con la maglia del Napoli?

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Il futuro di Allegri legato alla Champions. Piace Paulo Sousa. Marotta ha deciso: due centrocampisti a gennaio. Anche Berlusconi e le sue vedove si arrendono. Napoli, dubbi su Pavoletti 02.12 - Della serie anche i ricchi piangono, mi risulta che i dirigenti della Juventus, Agnelli in testa, non siano poi così contenti di questa squadra nonostante il primo posto in campionato e la qualificazione anticipata in Champions. L'assenza di gioco non è più motivo di simpatici...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

Editoriale DI: Luca Marchetti

Le panchine cambiano tutte insieme, gli scricchiolii delle big strizzano l'occhio al mercato. Gennaio si avvicina... 01.12 - Saltata un'altra panchina in A. De Zerbi non è più l'allenatore del Palermo dopo una sconfitta in coppa Italia ai rigori contro lo Spezia a pochi giorni dalla conferma (a sorpresa) del suo presidente Zamparini. Al suo posto arriva Corini, grande ex, che avrà il compito di...

Editoriale DI: Fabrizio Ponciroli

30.11 - Campionato riaperto, infermeria, quella bianconera, presa d'assalto. Allegri, di colpo, si è ritrovato a fare la conta dei pochi presenti. Ogni partita, qualche tassello della corazzata bianconera va in pezzi. In particolare, problemi evidenti a livello difensivo. Da qui la...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Milan e la telefonata "cinese" di chi crede ancora al closing: ecco cosa succede! Juve e Allegri: la "follia" dopo il ko di Genova. Inter: ecco il diktat sul mercato firmato Zhang. Roma: autodenuncia su Dzeko 29.11 - "Ciao, mi chiamo Maurizio, ho 75 anni e non esonero da 6 mesi". "Fate un bell'applauso a Maurizio". E giù applausi. Ci piace iniziare così, con un pensiero all' "esoneratore anonimo" Maurizio Zamparini, in crisi d'astinenza e comunque capace di tenere duro col buon De...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

28.11 - Sarà che settimana prossima c'è il referendum, sarà che per 8 mesi è rimasto in silenzio per problemi ben più gravi del calcio, sarà che in Italia tutto è consentito, sta di fatto che sono 10 giorni che Silvio Berlusconi,...

Editoriale DI: Andrea Losapio

27.11 - Abbiamo negli occhi la clamorosa sconfitta che l'Inter ha patito con il Hapoel Beer Sheva. I suoi giocatori hanno tenuto fede al nome della squadra e hanno ubriacato gli avversari in un secondo tempo davvero vergognoso da parte degli uomini di Pioli. Tanto bene nella prima...

Editoriale DI: Mauro Suma

Il 14 Dicembre del Milan. La confusione del Sassuolo. Pioli, il terzo scomodo. E' bruttissimo il calcio fra Biella e la Questura di Como 26.11 - All'esterno del Milan l'attesa spasmodica è per il 13 Dicembre. All'interno del Milan la curiosità e la suspence sono tutte per il 14 Dicembre. Chi entrerà a Casa Milan quel giorno? Le chiavi saranno sempre nelle stesse mani o saranno consegnate ai nuovi proprietari?...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

25.11 - L'ennesimo tentativo di agitare le acque attorno alla cessione del Milan è andato a vuoto. Questa volta è sceso in campo direttamente Silvio Berlusconi, spalleggiato dai soliti noti nel mondo della comunicazione, per cercare di depistare, spargere dubbi, insinuare situazioni...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Berlusconi insiste: si chiude, ma altrimenti... il Napoli stoppato in Champions, prenota una stellina brasiliana. E i giovani... 24.11 - La notte dopo il derby Berlusconi aveva dato certezze: il closing ci sarà, ma se così non dovesse essere sarei pronto a rimanere e vincere con un Milan giovane e italiano. Sembrava più una sorta di rassicurazione ai tanti tifosi del Milan contenti per come stavano andando le...

Editoriale DI: Fabrizio Ponciroli

Silvio, il difficile arriva adesso... Inter-James, si fa sul serio! Kean, un predestinato 23.11 - Lo capisco. Silvio Berlusconi sta soffrendo. Ormai ha capito che l'attimo in cui sarà costretto a dire addio, per sempre, al suo amato Milan è ormai alle porte. Il popolo rossonero gli ha tributato una coreografia da brividi, tutti lo hanno applaudito. Per ogni singolo tifoso...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.