HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Doppio confronto Napoli-Juventus: come finirà?
  La Juve vincerà entrambe le gare
  Il Napoli avrà la meglio in entrambe le sfide
  La Juve mantiene il vantaggio in A ma perde in Coppa
  Il Napoli recupera in A ma esce in Tim Cup

TMW Mob
Editoriale

De Laurentiis sembra Gandalf, brandisce la clausola rescissoria di Higuain come una spada contro i signori oscuri che vogliono rapire il bomber...

26.07.2015 08.14 di Raffaele Auriemma   articolo letto 44412 volte
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews

Tutto ruota intorno al Pipita, l'ultimo grande top bomber rimasto nel campionato di serie A. Le big d'Europa in cerca dell'uomo-gol gli stanno facendo un corteggiamento serrato e cordiale, nonostante quella clausola rescissoria da 90 milioni più spese che di certo non può spaventare chi sta per vendere Di Maria (il ManUnited) a 65 milioni di euro, oppure il Psg che non pensa al ridimensionamento nel dopo Ibra. Anzi.... Il ristoro economico come unica ragione per accettare la perdita (caso mai) di Higuain: la famigerata clausola sembra avere nel Napoli le sembianze di un enorme assegno circolare. Eppure troppe volte il presidente De Laurentiis ha brandito quella clausola contrattuale come se fosse la spada di Gandalf nel Signore degli Anelli contro l'Oscuro Signore danaroso e rapace. Era una difesa, fatta ad alta voce e più volte. Così tante volte da aver tracciato nell'animo del Pipita una corsia preferenziale per indicare la via d'uscita dal Napoli. Non era così e il presidente lo ha spiegato apertamente, con grande afflato a papà Jorge ed al fratello Nicolas, nell'incontro veneziano che ha permesso al Napoli di testimoniare una volta di più la necessità di trattenere uno dei cinque bomber più forti della Terra. Perché è così. Perché non esiste Napoli competitivo senza la presenza di un centravanti del suo calibro; perché cambierebbero fisionomia e progetti in sua assenza; perché non basterebbe il ricavato della clausola rescissoria per convincere altri attaccanti come lui ad accettare un Napoli che quest'anno indossa i panni dell'incognita. Higuain, oggi, è "il Napoli" e se collochiamo gli azzurri tra quelle (poche) che possono competere per il ruolo di anti-Juventus e che nutrono l'ambizione di un posto in Champions, si intuisce una volta di più la necessità di non perderlo. La Roma e la Lazio ripartono dalle posizioni di seconda e terza forza, giacche lo scorso campionato questo ha detto, mentre l'Inter ed il Milan, pur avendo speso tanto per rinforzarsi, non possono vantare un attaccante tanto bravo e potente come Higuain. E solo la sua presenza domani a Dimaro potrebbe dare un senso alla presentazione della squadra sotto gli occhi dei tifosi accorsi a Dimaro con la passione inestirpabile e le perplessità (giustificate) di chi non riesce ancora ad individuare i tratti della squadra azzurra. Oggi il Pipita si metterà in viaggio da Madrid verso Napoli e poi deciderà se ricominciare ad allenarsi lunedì a Castelvolturno, oppure se accettare l'accorato invito di De Laurentiis a presentarsi nel ritiro di Dimaro. Anche solo per poche ore, anche solo per infiammare piazza Madonna della Pace che domani sera si riempirà delle tante anime azzurre che pendono dalle labbra e dai gol del loro unico, vero, riconosciuto condottiero. I rigori sbagliati sono soltanto un brutto ricordo, al pari di una stagione cominciata male (leggi: eliminazione dalla Champions per mano dell'Athletic Bilbao) e finita peggio (leggi: sconfitta in finale di Coppa America contro il Cile). Vai bomber, il mondo è tuo, ancor di più adesso che le tue vacanze sono finite e ti aspetta il rilancio in un'annata che potrebbe diventare la migliore, grazie ad un modulo disegnato interamente per te. Sarri è lì, con il suo computer e le sue statistiche, le strategie tattiche che non vede l'ora di illustrare al calciatore più forte che abbia mai allenato. Mai più Higuain isolato al centro dell'attacco del Napoli, costretto a toccare uno, al massimo due palloni a partita nell'area avversaria e ad essere uno dei calciatori partenopei tra i più continui nel fornire gli assist ai compagni di squadra: lui, le palle-gol deve riceverle, non crearle per gli altri. Gabbiadini o Mertens al suo fianco e Insigne alle sue spalle: chi vuole scommettere sul numero di gol che segnerà quest'anno con la maglia del Napoli?

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Ferragosto con la Serie A? Favorevole... Milan, ansia da closing! Conte-Neymar, la verità! Totti, ci siamo? 29.03 - Settimana all’insegna delle polemiche… Tutti a lamentarsi, tutti a discutere, tutti a parlare (spesso inutilmente). Perché? Forse la pausa per la Nazionale o, forse, non possiamo proprio farne a meno delle polemiche… Non ne parlo, come al solito mi interessa soffermarmi su altro....
Telegram

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: polemiche a raffica, un arrivo e un solo vero pericolo. Milan: la svolta, le ultime sul closing e i segreti di Mr Li. Inter: si sogna un colpo da sceicchi (ma occhio alle bufale)! Napoli sospeso tra Sarri e Higuain 28.03 - In quel tempo c'era la pausa per la Nazionale. E la pausa per la Nazionale portava polemiche sterili e invenzioni di mercato. E tu chiamavi i direttori sportivi e chiedevi "si parla molto di mercato, dimmi tutto!". E loro: "C'è la pausa per la nazionale, siamo in vacanza, vatti a...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Le infiltrazioni mafiose nel calcio e i falsi moralisti. Milan, dopo la colletta il problema sarà di Mirabelli. Verona, comunque andrà sarà un fallimento! Foggia, da De Zerbi a Stroppa il vero vincitore è Di Bari 27.03 - Quando c'è la Nazionale bisogna cercare altre notizie, altrimenti televisioni e giornali chiudono. Si punta sul mercato o su questioni extra. Hanno aiutato, in questa fase, il closing del Milan e le indagini della Procura Federale sulle intercettazioni della Juventus. Se a fare i...

EditorialeDI: Marco Conterio

Il closing del Milan: la figura di Yonghong Li e tutti gli scenari futuri del club. Valzer delle panchine: tanto ruota attorno a Spalletti. Tutti i colpi delle grandi da Bernardeschi a Manolas fino a Kessie 26.03 - Forse, ci siamo. Il Milan sta per diventare del misterioso Yonghong Li in... Prestito con obbligo di riscatto. Già. Perché i soldi per il closing arriverebbero al broker cinese dagli Stati Uniti, dal fondo Elliott, che finanzierebbe così la chiusura del passaggio del club. Li è rimasto...

EditorialeDI: Mauro Suma

Montella: Maiorino sa tutto. I 720 milioni di Sino, i 270 di Suning. Inter e Milan: Napoli e Roma col fiato corto. Balo e Darmian novità di mercato 25.03 - "Vediamo". In Casa Milan da diversi mesi a questa parte non è una espressione come le altre. Non è un intercalare o un modo per prendere tempo. E' una vera e propria parola d'ordine, un approccio costante nel tempo, l'unico modo per attendere una soluzione definitiva alla cessione...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve-'Ndrangheta, siamo alla follia. Le colpe di Agnelli. Allegri vuole Di María. Inter, lasciate in pace Pioli. Napoli, tieni Insigne non Mertens 24.03 - LL’ultimo scandalo del calcio italiano ha dei contorni inquietanti. Parlo, naturalmente, della vicenda Juventus-‘Ndrangheta e di tutto quello che sta scatenando. Qui non si tratta di essere juventini o antijuventini, credo che il discorso che sto per fare attenga alla civiltà più...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Caparre cene e allenatori, in Primavera si fa il mercato e si guarda al futuro 23.03 - Sono principalmente due le notizie che hanno movimentato la settimana della pausa di campionato e sono destinate entrambe ad avere strascichi durante tutta la settimana. A Milano la questione closing non si è ancora chiusa: né in un verso né nell'altro. I famosi 100 milioni che doveva...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Luis Enrique, non solo Roma... Milan-Donnarumma, è rimasta solo la fede! Napoli, Mertens va premiato oppure... 22.03 - Ogni volta che si manifesta la primavera mi sento meglio… Le giornate diventano più luminose, la natura rinasce, tutto siamo più felici o, almeno, così pare… Tuttavia, ancora una volta, a primavera c’è solo una rondine che tiene alto il buon nome dell’Italia pallonara in Europa. C’è...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Un'idea "folle" per la Juve e una cosa da chiarire su Agnelli. I soldi del Milan ci sono: ecco chi li ha davvero (da lì nascono i problemi). Il fastidio dietro la "non sconfitta" dell'Inter. E sul pranzo indigesto di Sarri... 21.03 - Questa volta non me la prendo con la “pausa per la Nazionale”. Non ci penso neanche. Al limite con il campionato. Quello delle ultime che perdono sempre, delle prime che vincono sempre, di quelle in mezzo che vincono se giocano con le ultime, perdono se giocano con le prime e pareggiano...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Pallotta, chiedi il conto a Spalletti. Giro di panchine: Bucchi e Semplici le new entry. Il Torino dalla “Padelli alla brace”. Lotito in B? Ecco perché conviene più alla B che alla A… 20.03 - Nel week end dell’addio dei sogni di gloria dell’Inter, si passa al sabato dove il Milan conferma di essere da Europa di serie B. Milano oggi è da Europa di serie B e la classifica confermerà che le due squadre di Milano ancora non sono pronte a rientrare dalla porta principale. Il...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.