HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Gagliardini-Inter, è il nome giusto per completare la squadra di Pioli?
  Sì, al centrocampo nerazzurro servono qualità come le sue
  No, non è ha il physique du role per giocare all'Inter
  Sì, pescare tra i migliori giovani italiani è la via giusta
  No, il prezzo chiesto dall'Atalanta è assolutamente fuori mercato
  La Juve alla fine avrà la meglio

TMW Mob
Editoriale

De Laurentiis sta cercando la strada giusta per prendere Mario Suarez. Però il Napoli deve fare di tutto per trattenere Inler e Gargano, due elementi di carattere che durante i rigori nella Supercoppa...

Laurea in Giurisprudenza, scrittore, giornalista professionista, radiocronista dal 1985 e telecronista Mediaset Premium per le partite del Napoli. Corrispondente di Tuttosport, coordinatore per Piùenne, produce e conduce "Si gonfia la rete"
11.01.2015 00.00 di Raffaele Auriemma   articolo letto 34704 volte
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews

Quando la stagione entra nel vivo si capisce di che pasta sono fatte le squadre di calcio. Soprattutto in Italia, in serie A, grazie all'espediente della sessione invernale del mercato utile a raddrizzare l'organico che non ha confermato le aspettative estive. Vale per tutti, anche per il Napoli che sembrerebbe aver chiuso le contrattazioni prima ancora che i battenti mercantili fossero aperti. Sembrerebbe, ma sotto banco pare pure che l'attività ferva, tanto in entrata quanto in uscita. Gabbiadini e Strinic per il presente (leggi infortunio a Insigne e assenza forzata di Ghoulam) e pure per il futuro, però la gente storce il naso di fronte alla doppia carenza non ancora colmata: un difensore centrale ed un centrocampista di livello superiore rispetto a quelli che attualmente indossano la maglia azzurra. Soprattutto per il ruolo di mediano si sta registrando un particolare fermento che parte dal settore scouting e viene completato da Aurelio De Laurentiis. Il presidente sta muovendo tutti i suoi canali per arrivare ad un calciatore che possa fare la differenza, soprattutto adesso che Inler sembra ormai incamminarsi sullo stesso percorso fatto De Sanctis, Cannavaro, Behrami, Pandev e Dzemaili da quando alla guida del team azzurro è arrivato Rafa Benitez. Lo svizzero ha manifestato il suo disagio alla dirigenza, chiedendo di trovargli un'altra destinazione suo malgrado: ama Napoli al punto che nella scorsa estate ha rinunciato ad alcune offerte che gli erano arrivate. Invece andrà a cercare fortuna altrove, se possibile già a gennaio, perché ha capito che Benitez gli preferisce un altro tipo di centrocampista, tanto da scegliere di tenerlo in panchina in tutte le partite più importanti giocate finora: il doppio match col Bilbao, la decisiva sfida di Praga, oltre alle due gare clou in campionato contro Fiorentina e Milan e nella finale di Supercoppa (era subentrato a David Lopez al 91') contro la Juventus. Inler in uscita, nel mentre il Napoli monitora il suo sostituto. Al presidente piace molto Mario Suarez dell'Atletico Madrid, anche lui subalterno nelle idee del tecnico Simeone e sta cercando il modo migliore per chiudere la doppia operazione nell'arco di questo mese. Se dovesse andare via Inler prima della fine del campionato, non sarebbe un bene per l'equilibrio all'interno dello spogliatoio che si sta gradualmente ricostruendo. Gokhan è un leader, oltre ad essere il capitano della Nazionale svizzera e ha un carattere solido, da trascinatore, come ha dimostrato anche nella recente sfida con la Juventus per aggiudicarsi la Supercoppa. Nella roulette dei rigori ad oltranza, lui e Gargano decisero di prendersi la responsabilità di tirare (segnando entrambi a Buffon) di fronte alla titubanza di colleghi anche più celebrati. Convincere Inler a rimanere sarebbe importantissimo ora che il Napoli sta riprendendo la forma di quella formazione che tutti noi eravamo convinti di avere: competitiva perché composta da un organico di primissimo livello ed in grado di lottare con Juve e Roma per le prime due posizioni. Ben vengano i rinforzi di gennaio, tecnicamente ottimi anche se bisognosi di tempo per integrarsi nella squadra e nella città, però questa è la fase della stagione in cui vince chi ha più cuore e carattere. Il Napoli ha fatto difetto di quest'ultima qualità, ecco perché uomini come Inler e Gargano possono diventare più decisivi del miglior rinforzo che il ds Bigon possa acquistare.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Da Orsolini a Gabbiadini, quando gli agenti sbagliano parole e strategie. Dalla Juve all'Inter: le cifre che "drogano" il mercato. Ombre e luci su un gennaio atipico. Palermo verso la B e Lo Faso fa la Primavera... 16.01 - Sapere che è, quasi, tutto finito a metà gennaio, sinceramente, ci porta un pò di tristezza. Poi capiamo le mosse di mercato dei dirigenti italiani e ce ne facciamo una ragione. Non a caso questo è il primo mercato di gennaio di programmazione e non distruzione. Crotone, Pescara e...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

EditorialeDI: Andrea Losapio

Alla fine tutti si scansano con la Juventus, Napoli e Roma un po' meno. Tornerà la grande Milano, almeno la parte cinese delle due. Mercato a costo zero, tranne per i cinesi: Zidane costa 285 milioni, Buffon 110 e Veron 120 15.01 - Abbiamo negli occhi ancora la - ennesima - bella prestazione dell'Atalanta contro la Juventus, con i nerazzurri capaci, negli ultimi dieci minuti, di mettere in seria difficoltà i bianconeri. Bravo Gasperini, bravo Latte Lath, se non ci fosse la Juve un dieci euro sullo Scudetto nerazzurro...

EditorialeDI: Mauro Suma

Gagliardini-Caldara, una simpatica zuffa a suon di milioni. Le spallucce di Montella, le spallucce del Milan. La Champions della Juve passa da Dybala 14.01 - Una volta si cantava vengo anch'io no tu no. Oggi si canticchia all'avversario l'hai pagato di più tu, no invece tu. Non sappiamo chi si contenterà, ma certamente chi gode è l'Atalanta. Visto che il motivo del contendere è chi ha speso di più fra Inter e Juventus, fra Gagliardini...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve-Inter: scontro totale sul mercato. Verratti conteso a colpi di milioni. Chi ha buttato i soldi per Gagliardini e Caldara? Zaza al Valencia. Pioli vuole Vrsaljko 13.01 - Una buona strategia di marketing l’avrebbe suggerito, andare addosso ai più forti, a chi comanda il mercato o la situazione, funziona sempre. L’aggressione. E’ quello che, milione più milione meno, sta facendo l’Inter, tornata a braccare la Juventus molto da vicino. Il caso Gagliardini...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Inter: Gagliardini e le uscite. Deulofeu passi in avanti. Colpo Genoa e Fiorentina. Tutte le punte della B 12.01 - Finalmente Gagliardini è ufficialmente un giocatore dell’Inter. Colpo dei nerazzurri anche perché (praticamente a sorpresa) il giocatore arriva in prestito sì, ma biennale. Vale a dire che i 20 milioni di euro fissati per il riscatto andranno pagati nel 2018, consentendo così all’Inter...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

CR7, un anno da 102 milioni! Milan, trovato il secondo... Brava Inter! Dybala, per ora solo Juve 11.01 - Il mondo dei tifosi pallonari si divide in due grandi masse. C’è il popolo dei fedelissimi di Cristiano Ronaldo e quello che vive per Messi. Il portoghese e l’argentino, da anni, sono il gotha del calcio mondiale. Bene, i due stanno vivendo momenti diametralmente opposti. CR7 ha vissuto...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: il no per Tolisso, nasconde qualcosa di grosso (ma occhio ad Agnelli...). Milan: i fissati sulla questione cinese e un futuro grandi-nomi. Inter: occhio, arriva la "scelta di Pioli". Napoli: la "bellezza" della sofferenza 10.01 - Eccoci qua. Sono stato quattro giorni in ferie. In Valtellina. A mangiare pizzoccheri. La caratteristica dei pizzoccheri è che il primo giorno sono buonissimi, il secondo ti fanno venire l’acetone, il terzo cementano e al quarto non ci arrivi. Nel senso che muori. Siccome il 6 gennaio...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Inter-Gagliardini: avere i soldi non significa buttarli. Juve, batti un colpo da Juve. Ferrero, posa i fazzoletti. Basta con le mogli-addette stampa! 09.01 - Gasperini dovrebbe spiegare meglio il significato della frase: "Gagliardini non convocato per rispetto dell'Inter". E il rispetto per i tifosi dell'Atalanta dov'è? La verità è che il Mister ha sbagliato la risposta e avrebbe fatto più bella figura a dire la verità. Le parole che non...

EditorialeDI: Marco Conterio

Ferrero, Sarri & co: ora basta! Una decisione arbitrale sbagliata non può portare ancora a simili reazioni. Juventus, perdere Witsel non è un peccato. Roma, Feghouli bel colpo. Caso Kalinic: cifre folli, immobilismo viola e la reazione di Sousa 08.01 - Renzo Ulivieri, presidente dell'Assoallenatori, disse chiaramente che i tecnici arebbero dovuto evitare di parlare di decisioni arbitrali. E siccome nell'universo calcio, nel posto gara, i microfoni sono accesi anche per i presidenti, sarebbe stata cosa buona e giusta se quelle parole...

EditorialeDI: Mauro Suma

Merdeka e le Cayman, passi - Huarong e le Vergini, alt! Romagnoli out e Caldara in - Rincon: maquillage perfetto 07.01 - Dalle altre parti sono diventati bravi. Quando, qualche mese fa, il Corriere della Sera scoprì che le azioni Inter di Thohir erano in pegno alla finanziaria Merdeka, senza centralino telefonico e senza uffici, una sorta di società virtuale online alle Isole Cayman, tutto venne tacitato...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.