HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Gagliardini-Inter, è il nome giusto per completare la squadra di Pioli?
  Sì, al centrocampo nerazzurro servono qualità come le sue
  No, non è ha il physique du role per giocare all'Inter
  Sì, pescare tra i migliori giovani italiani è la via giusta
  No, il prezzo chiesto dall'Atalanta è assolutamente fuori mercato
  La Juve alla fine avrà la meglio

TMW Mob
Editoriale

De Sanctis, quando il silenzio è d'oro. Seedorf, guarda questo Milan. Fiorentina, rimpianti estivi. Allarme Parma: sbagliare quest'anno potrebbe risultare fatale

Nato ad Avellino il 30-09-1983, vive e lavora a Milano. Direttore di Sportitalia e Tuttomercatoweb
20.10.2014 00.00 di Michele Criscitiello  Twitter:    articolo letto 41368 volte
© foto di Federico De Luca

La premessa è un atto dovuto: in questo momento così triste per il calcio italiano, dove ci entusiasmiamo per un 2-2 tra Inter e Napoli, bisogna dire grazie alla Roma e al suo tecnico, Garcia: grazie per regalarci qualche emozione e per non aver già steso il tappeto rosso alla Juventus. Grazie per il bel gioco che mostra e grazie, da parte di tutti i giornalisti, per la possibilità di scrivere qualcosa. Pallotta aveva detto, dopo la gara con la Juventus, basta polemiche. Arriva il primo di turno, Morgan De Sanctis e spara a zero sul sistema e sulla Juventus, come se il suo datore di lavoro non avesse mai detto nulla. Per un calciatore, che da bambino sognava di vincere con la Juventus qualcosa, è un pò una miseria dover sparare contro qualcuno per finire in prima pagina. De Sanctis, come professionista, lo possono giudicare tutti: un buon portiere che in carriera ha vinto poco nulla e alla soglia dell'Inps spera in un pò di notorietà. Le dichiarazioni della settimana scorsa gli saranno servite per leggere il suo nome sul giornale e per sentirlo, un pò più spesso, alla tv. Oppure sarà fiero di andare in giro per Roma e sentirsi dire: "Grande Morgan, gliel'hai detto a quei 4 gobbi che sanno solo rubare". Invece De Sanctis ha fatto l'ennesima figura del rosicone perchè la Roma è vero che lo scorso anno avrebbe meritato lo scudetto ma è anche vero che c'è una squadra che negli ultimi 3 anni ha totalizzato 765 punti. De Sanctis lascia il vuoto attorno a sè, ovunque abbia giocato. Da Udine se ne andò con l'articolo 17; non c'è cosa più vile per un professionista. Scappare, dopo aver mangiato in una società che ti ha reso grande. Scrivemmo di De Sanctis dopo Udinese-Roma dello scorso anno. Insultò, uscendo dal campo, tutta la Tribuna del Friuli. Il ragazzo si risentì e prima chiamò un famoso Direttore Sportivo, amico in comune, e poi passò la palla al Tribunale. Ad Udine di De Sanctis dicono tutti la stessa cosa... Anche i raccattapalle. A Napoli bene fin quando è rimasto, poi sono usciti fuori tutti gli altarini. Oggi prepara il futuro, perchè il presente è agli sgoccioli. Morgan vorrebbe vincere qualcosa ma, probabilmente, nella sua vita resterà solo un buon portiere con una buona carriera alle spalle che tra dieci andrà a parlare in qualche tv come opinionista perché spara... a vento contro o a favore di qualcuno.
Complimenti a Inzaghi, per come ha lavorato durante questa sosta. A Verona è stato aiutato dalla fortuna che gli ha spalancato le porte ma anche la fortuna, nella vita, è una dote. L'attacco viaggia che è una meraviglia e Honda, da pippa nell'era Seedorf è diventato Pippo con Superpippo. Seedorf è il vero sconfitto, fin qui. Come un assegno post datato. Senza di lui a Milanello si ride, e questo è già tanto. Berlusconi si vede spesso a caricare la squadra, Galliani dà i suoi saggi consigli e Inzaghi ci mette il suo. Il Milan va! A gennaio non bisogna vendere ma rinforzare l'organico per tornare in Europa. La squadra ha carattere e, di questi tempi, è una virtù importante. A Verona era ben messa in campo e ha concretizzato tutto quello che c'era da concretizzare.
La delusione è la Fiorentina. Non Montella ma la società. Il tecnico viola non può fare miracoli, la dirigenza avrebbe dovuto fare ragionamenti diversi in estate. Qualcuno si doveva porre la domanda sulla condizione fisica di Gomez e Rossi, dopo l'esperienza dello scorso anno. Il problema è stato sottovalutato, bomber non ne sono arrivati e il giovane e forte Babacar da solo non può fare miracoli. Serve una punta che concretizzi. La Fiorentina ha gestito male, da giugno ad agosto, la fantomatica trattativa con il Barcellona per Cuadrado. Tra Pradè e la proprietà non c'è più l'intesa di una volta. Tutto questo complica i piani di crescita del club che, quest'anno, difficilmente potrà ripetere le imprese degli ultimi due campionati. I giovani di valore ci sono ma da soli non bastano.
Situazione estremamente delicata a Parma. La squadra non gira e quando c'è la tempesta un pilota come Donadoni non è il massimo per l'atterraggio d'emergenza. Tutto è sulle spalle del povero Leonardi, da quando il Presidente Ghirardi si è allontanato. La delusione della scorsa stagione, con lo scippo dell'Europa, non è stata digerita dalla proprietà. Se il Parma sarà il nuovo Catania, ci auguriamo di no, lo scopriremo con il passare delle giornate. Un dato è certo: il bilancio è più brutto della classifica. Bisogna salvare la categoria per dare un futuro al club.
In chiusura, pillole veloci e poco indigeste. Sulla B: complimenti a Stellone per come sta lavorando a Frosinone. Bravo anche al DS del Carpi, Giuntoli, per aver saputo friggere ancora una volta il pesce con l'acqua. A Modena, Antonio Caliendo, farebbe bene a fare un passo indietro. La sua gestione lascia morti e feriti sulla strada, il segreto è Novellino, perso lui finisce il giocattolino. Caliendo, come Cosentino, dovrebbero fare solo il loro mestiere. Bravo Mangia a Bari, la squadra risale e potrà fare un grande campionato; Caputo gran giocatore, Sciaudone è da serie A. In lega Pro è stata una delusione Benevento-Salernitana, mentre nel girone A il Bassano continua a dominare, Asta non si può più nascondere: la squadra deve puntare alla promozione in B. Bene il ritrovato Monza di Pea, il problema resta societario tra debiti e soldi che non si vedono. Il Direttore Ulizio dimostra zero spessore e non all'altezza del compito. Buona settimana a tutti.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Da Orsolini a Gabbiadini, quando gli agenti sbagliano parole e strategie. Dalla Juve all'Inter: le cifre che "drogano" il mercato. Ombre e luci su un gennaio atipico. Palermo verso la B e Lo Faso fa la Primavera... 16.01 - Sapere che è, quasi, tutto finito a metà gennaio, sinceramente, ci porta un pò di tristezza. Poi capiamo le mosse di mercato dei dirigenti italiani e ce ne facciamo una ragione. Non a caso questo è il primo mercato di gennaio di programmazione e non distruzione. Crotone, Pescara e...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

EditorialeDI: Andrea Losapio

Alla fine tutti si scansano con la Juventus, Napoli e Roma un po' meno. Tornerà la grande Milano, almeno la parte cinese delle due. Mercato a costo zero, tranne per i cinesi: Zidane costa 285 milioni, Buffon 110 e Veron 120 15.01 - Abbiamo negli occhi ancora la - ennesima - bella prestazione dell'Atalanta contro la Juventus, con i nerazzurri capaci, negli ultimi dieci minuti, di mettere in seria difficoltà i bianconeri. Bravo Gasperini, bravo Latte Lath, se non ci fosse la Juve un dieci euro sullo Scudetto nerazzurro...

EditorialeDI: Mauro Suma

Gagliardini-Caldara, una simpatica zuffa a suon di milioni. Le spallucce di Montella, le spallucce del Milan. La Champions della Juve passa da Dybala 14.01 - Una volta si cantava vengo anch'io no tu no. Oggi si canticchia all'avversario l'hai pagato di più tu, no invece tu. Non sappiamo chi si contenterà, ma certamente chi gode è l'Atalanta. Visto che il motivo del contendere è chi ha speso di più fra Inter e Juventus, fra Gagliardini...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve-Inter: scontro totale sul mercato. Verratti conteso a colpi di milioni. Chi ha buttato i soldi per Gagliardini e Caldara? Zaza al Valencia. Pioli vuole Vrsaljko 13.01 - Una buona strategia di marketing l’avrebbe suggerito, andare addosso ai più forti, a chi comanda il mercato o la situazione, funziona sempre. L’aggressione. E’ quello che, milione più milione meno, sta facendo l’Inter, tornata a braccare la Juventus molto da vicino. Il caso Gagliardini...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Inter: Gagliardini e le uscite. Deulofeu passi in avanti. Colpo Genoa e Fiorentina. Tutte le punte della B 12.01 - Finalmente Gagliardini è ufficialmente un giocatore dell’Inter. Colpo dei nerazzurri anche perché (praticamente a sorpresa) il giocatore arriva in prestito sì, ma biennale. Vale a dire che i 20 milioni di euro fissati per il riscatto andranno pagati nel 2018, consentendo così all’Inter...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

CR7, un anno da 102 milioni! Milan, trovato il secondo... Brava Inter! Dybala, per ora solo Juve 11.01 - Il mondo dei tifosi pallonari si divide in due grandi masse. C’è il popolo dei fedelissimi di Cristiano Ronaldo e quello che vive per Messi. Il portoghese e l’argentino, da anni, sono il gotha del calcio mondiale. Bene, i due stanno vivendo momenti diametralmente opposti. CR7 ha vissuto...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: il no per Tolisso, nasconde qualcosa di grosso (ma occhio ad Agnelli...). Milan: i fissati sulla questione cinese e un futuro grandi-nomi. Inter: occhio, arriva la "scelta di Pioli". Napoli: la "bellezza" della sofferenza 10.01 - Eccoci qua. Sono stato quattro giorni in ferie. In Valtellina. A mangiare pizzoccheri. La caratteristica dei pizzoccheri è che il primo giorno sono buonissimi, il secondo ti fanno venire l’acetone, il terzo cementano e al quarto non ci arrivi. Nel senso che muori. Siccome il 6 gennaio...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Inter-Gagliardini: avere i soldi non significa buttarli. Juve, batti un colpo da Juve. Ferrero, posa i fazzoletti. Basta con le mogli-addette stampa! 09.01 - Gasperini dovrebbe spiegare meglio il significato della frase: "Gagliardini non convocato per rispetto dell'Inter". E il rispetto per i tifosi dell'Atalanta dov'è? La verità è che il Mister ha sbagliato la risposta e avrebbe fatto più bella figura a dire la verità. Le parole che non...

EditorialeDI: Marco Conterio

Ferrero, Sarri & co: ora basta! Una decisione arbitrale sbagliata non può portare ancora a simili reazioni. Juventus, perdere Witsel non è un peccato. Roma, Feghouli bel colpo. Caso Kalinic: cifre folli, immobilismo viola e la reazione di Sousa 08.01 - Renzo Ulivieri, presidente dell'Assoallenatori, disse chiaramente che i tecnici arebbero dovuto evitare di parlare di decisioni arbitrali. E siccome nell'universo calcio, nel posto gara, i microfoni sono accesi anche per i presidenti, sarebbe stata cosa buona e giusta se quelle parole...

EditorialeDI: Mauro Suma

Merdeka e le Cayman, passi - Huarong e le Vergini, alt! Romagnoli out e Caldara in - Rincon: maquillage perfetto 07.01 - Dalle altre parti sono diventati bravi. Quando, qualche mese fa, il Corriere della Sera scoprì che le azioni Inter di Thohir erano in pegno alla finanziaria Merdeka, senza centralino telefonico e senza uffici, una sorta di società virtuale online alle Isole Cayman, tutto venne tacitato...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.