HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Gagliardini-Inter, è il nome giusto per completare la squadra di Pioli?
  Sì, al centrocampo nerazzurro servono qualità come le sue
  No, non è ha il physique du role per giocare all'Inter
  Sì, pescare tra i migliori giovani italiani è la via giusta
  No, il prezzo chiesto dall'Atalanta è assolutamente fuori mercato
  La Juve alla fine avrà la meglio

TMW Mob
Editoriale

Derby e mercato: tutti i "dispetti" fra Milan e Inter

17.11.2016 07.18 di Luca Marchetti   articolo letto 24695 volte
© foto di Federico De Luca

La settimana del derby, il primo per Suning, l'ultimo per Berlusconi e Galliani. Milan e Inter saranno cinesi, ci sarà modo di incrociarsi e scontrarsi ancora sul mercato, soprattutto visto che il futuro ds del Milan, Mirabelli, ha lavorato a stretto contatto con Ausilio, ds dell'Inter. Sarà quindi interessante capire (e scoprire) anche le strategia per nascondere le mosse l'uno con l'altro, sui giocator fino a poco tempo fa studiati insieme. Magari non avranno le stesse esigenze, le due milanesi, anche se su qualche nome la convergenza sembra già esserci per gennaio (Rodriguez, terzino del Wolfsburg). Ma non sarà nulla di nuovo rispetto a quanto successo in passato, quando sgarbi e "furti" sono stati all'ordine del giorno. Come le delusioni.

Il testa a testa più recente è stato Kondogbia.

E curiosamente uno dei protagonisti, anche mediatici, dell'operazione è stato Marco Fassone. Allora dg interista, prossimo ad milanista. La foto che convinse definitivamente Galliani a mollare la presa sul Monaco e sul giocatore lo ritraeva sorridente al fianco di Geoffrey, per firmare il contratto. Ma furono 24 ore di passione, sembrava una spy story, quasi da 007. Tutti a Montecarlo, fra alberghi e ristoranti. Il Milan che prima scardina l'accordo fra giocatre e Inter e poi trova quello con il Monaco. L'Inter che raggiunge tutti a Montecarlo e nel giro della notte riporta il giocatore dalla propria parte ed è "costretto" a pareggiare l'offerta rossonera ai francesi. Così da prestito con obbligo diventa trasferimento a titolo definitivo, a cifre diverse da quelle pattuite precedentemente. E con la presentazione in pompa magna in piazza della Repubblica. Tra poco Fassone "giocherà" dall'altra parte...

Altro giocatore attualmente in rosa all'Inter ma conteso fino all'ultimo dal Milan è Danilo D'Ambrosio. Il terzino del Torino (voluto fortemente da Mazzarri) e che si sarebbe liberato a zero a fine stagione, aveva un accordo di massima anche con Galliani (e una stretta di mano) ma poi l'Inter riuscì a trovare l'intesa con il Torino, anticipando l'acquisto del giocatore (non a parametro zero ma al gennaio precedente) "beffando" i cugini. Lui stesso dichiarò di aver voluto più l'Inter che il Milan.

Il più "clamoroso" (in nerazzurro) è forse Ibrahimovic. Il Milan fu beffato in una notte d'agosto, nel 2006, mentre il Milan era impegnato nel preliminare di Champions League. L'allora il ds nerazzurro era Branca (Ausilio insieme a lui) fece un'offerta alla Juventus nettamente più convincente di quella del Milan. Lo stipendio al giocatore passava dagli 1,7 che percepiva alla Juve, ai quasi 4,5. La Juve perfettamente accontentata. Per il Milan lo spazio di manovra si era ridotto praticamente a nulla e Ibra vestì il nerazzurro (salvo poi approdare al Milan più tardi e far parte della ristrettissima cerchia di supergiocatori che hanno segnato ai derby con entrambe le maglie: lui, Ronaldo, Baggio, Seedorf e l'attaccante di razza Ganz che supercampione non sarà stato, ma i gol li ha sempre fatti).

L'altro grande "contesto" che poi finì in nerazzurro fu Suazo. Il giocatore era d'accordo con l'Inter. Sostanzialmente anche il Cagliari di Cellino che però in notte (anche qui...) cambiò idea a fronte di un'offerta più alta da parte dei rossoneri. Per sanare la situazione fu costretto a rientrare dal Giappone, Giovanni Branchini (procuratore del ragazzo), ricondurre il Cagliari sui binari dell'accordo virtuale già raggiunto, e chiudere l'operazione 24 ore dopo in nerazzurro, come da principio. Determinante in questo caso, fu la volontà del giocatore che si era impegnato con i nerazzurri (visite mediche già effettuate).

Ma anche il Milan ha vinto i suoi duelli di mercato. Uno dei più recenti è quello di Cerci. Al Milan e all'Inter serve un esterno d'attacco. E Mancini, che aveva avuto già Cerci in squadra al City, ha indicato in lui l'obiettivo. Il Milan però forte di un ottimo rapporto con l'Atletico aveva impostato lo scambio di prestiti con Torres, desideroso di tornare a casa. Per un periodo il tira e molla: con Cerci che non voleva venire meno alla parola data a Mancini, dall'altra l'asse di ferro fra Milan e Atletico. Alla fine la spuntò il Milan prima ancora dell'inizio "ufficiale" del mercato di gennaio. Troppa la voglia di tornare a giocare dell'attaccante esterno.

Altro derby infuocato di mercato quello su Bonaventura, con un finale imprevedibile, L'Inter lo segue, fino all'ultimo giorno della sessione invernale di mercato. Il giocatore addirittura va negli uffici di Percassi (a Milano) pronto per andare a firmare con i nerazzurri, il prima possibile. Che però prima avrebbero dovuto vendere per comprare Jack. La telefonata prevista tarda ad arrivare anche perché il giocatore che doveva partire era Biabiany (proprio al Milan, saltò per i famosi problemi al cuore del francese) così l'Inter di fatto rinuncia e il Milan ne approfitta, mettendo in due ore sotto contratto il ragazzo, incredulo.

Il big "soffiato" ai cugini è Nesta. Anche qui all'ultimo giorno di mercato. L'Inter lo seguiva da mesi. Addirittura Vieri convinse Ronaldo e Recoba a tagliarsi lo stipendio per fare in modo che Nesta potesse vestire la maglia nerazzurra. Trattative lunghissime con lui e con la Lazio. Ma il Milan non molla. Si arriva all'ultimo giorno di mercato e alle 9 di mattina il Milan annuncia con un comunicato che ha presto il "campione" Nesta. E quell'ultimo giorno ci sono stati veri "botti": l'Inter vende Ronaldo al Real e prende Crespo dalla Lazio (altri due giocatori che hanno segnato la storia del mercato delle milanesi).

L'ultimo giocatore "conteso" è Kucka. A lungo accostato ai nerazzurri, a lungo corteggiato da Branca, era stato preso in comproprietà dall'Inter e poi lasciato a Genoa. Poi complice anche gli infortuni e una richiesta ritenuta eccessiva per la seconda metà il Genoa lo riscattò di nuovo per poi venderlo al Milan, successivamente, dove è diventato uno dei giocatori più affidabili.

Naturalmente ci sono anche i giocatore seguiti, e che poi hanno preferito altro. Due su tutti, che sono finiti al "nemico" italiano per eccellenza: Tevez (con tanto di foto di pranzi, per il Milan, e di vacanze, per l'Inter) e Pjaca (dopo il viaggio di Galliani a Zagabria e le numerosissime relazioni della struttura interista). Unica piccola consolazione che il prezzo è salito...

Poi ci sono quelli che hanno vestito le due maglie. Come detto campionissimi, perché sennò l'indirizzo sarebbe troppo lungo: difficili i passaggi diretti. Ma pensate a Ibra, Balotelli, Baggio, Ronaldo, Seedorf, Vieri, Pirlo, Crespo, Cassano. Di ex oggi ce n'è solo uno, Poli. E uno per 24 ore, il citato Biabiany.

Ma all'orizzonte chissà che scontri..

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Cercasi fotografo per Deulofeu. Juve-Milinkovic Savic: qualcosa è cambiato. Allegri circondato dagli Inzaghi. Simeone, nuovo snodo Inter-Juve 21.01 - Esattamente due anni fa. Il sabato precedente Milan-Atalanta, il Milan sognava Witsel. Ma nel frattempo si preparava ad accontentarsi di Suso. Svanito infatti in poche ore il sogno Witsel, stessa sorte che sarebbe capitata ad altri Club notoriamente più capaci sul mercato, e persa...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Verratti alla Juve, la chiave è Orsolini. Tolisso, dieci giorni per il colpo. Idea Rakitic. Inter, Moratti prende le quote di Thohir? Kalinic bloccato: la Viola non trova il sostituto 20.01 - Inutile girarci attorno: i problemi della Juve nascono tutti dal centrocampo. Le colpe e i ritardi di Allegri ci sono (ne parlerò dopo), ma non si possono non chiamare in causa anche Marotta e Paratici che in due mercati estivi non sono stati in grado di comprare un centrocampista...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Milan, Deulofeu si avvicina. Kalinic si allontana. Defrel-Roma tutta in salita. Cassano ora che fa? E i grandi colpi in B... 19.01 - Partiamo dall'ultima notizia arrivata in serata. L'Everton ha dato segnali di apertura per il prestito di Deulofeu con diritto di riscatto al Milan. È evidente che questo tipo di apertura ha suscitato un moderato ottimismo fra i dirigenti rossoneri, anche se ora bisognerà discutere...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

La Cina si dà una regolata! Coppa d'Africa, effetto Billiat... Aiutiamo Drogba! E il mercato? 18.01 - Fa freddo, fa freddissimo a Milano… Note climatiche a parte, tanto di cui disquisire. Partiamo dalla Cina. Finalmente anche il governo cinese ha capito che qualcosa non torna. Le spese folli dei club cinesi stanno “inquinando” il prodotto calcio. Esborsi assurdi, inverosimili, fuori...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: fuori dal campo sta succedendo qualcosa di grosso (e i cinesi trattano con  un attaccante!). Inter: i segreti di Nanchino e le prossime mosse di Ausilio. Milan: la decisione su Deulofeu. Napoli: e se Maradona... 17.01 - Ci tocca partire con una cosa seria. Molto seria. Pure troppo. La potenza di Tuttomercatoweb ha generato il “dramma dei pizzoccheri” che vi vado brevemente a raccontare. (Ricordatevi che è tutto molto serio. Serissimo). Settimana scorsa ho iniziato l’editoriale con la consueta...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Da Orsolini a Gabbiadini, quando gli agenti sbagliano parole e strategie. Dalla Juve all'Inter: le cifre che "drogano" il mercato. Ombre e luci su un gennaio atipico. Palermo verso la B e Lo Faso fa la Primavera... 16.01 - Sapere che è, quasi, tutto finito a metà gennaio, sinceramente, ci porta un pò di tristezza. Poi capiamo le mosse di mercato dei dirigenti italiani e ce ne facciamo una ragione. Non a caso questo è il primo mercato di gennaio di programmazione e non distruzione. Crotone, Pescara e...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Alla fine tutti si scansano con la Juventus, Napoli e Roma un po' meno. Tornerà la grande Milano, almeno la parte cinese delle due. Mercato a costo zero, tranne per i cinesi: Zidane costa 285 milioni, Buffon 110 e Veron 120 15.01 - Abbiamo negli occhi ancora la - ennesima - bella prestazione dell'Atalanta contro la Juventus, con i nerazzurri capaci, negli ultimi dieci minuti, di mettere in seria difficoltà i bianconeri. Bravo Gasperini, bravo Latte Lath, se non ci fosse la Juve un dieci euro sullo Scudetto nerazzurro...

EditorialeDI: Mauro Suma

Gagliardini-Caldara, una simpatica zuffa a suon di milioni. Le spallucce di Montella, le spallucce del Milan. La Champions della Juve passa da Dybala 14.01 - Una volta si cantava vengo anch'io no tu no. Oggi si canticchia all'avversario l'hai pagato di più tu, no invece tu. Non sappiamo chi si contenterà, ma certamente chi gode è l'Atalanta. Visto che il motivo del contendere è chi ha speso di più fra Inter e Juventus, fra Gagliardini...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve-Inter: scontro totale sul mercato. Verratti conteso a colpi di milioni. Chi ha buttato i soldi per Gagliardini e Caldara? Zaza al Valencia. Pioli vuole Vrsaljko 13.01 - Una buona strategia di marketing l’avrebbe suggerito, andare addosso ai più forti, a chi comanda il mercato o la situazione, funziona sempre. L’aggressione. E’ quello che, milione più milione meno, sta facendo l’Inter, tornata a braccare la Juventus molto da vicino. Il caso Gagliardini...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Inter: Gagliardini e le uscite. Deulofeu passi in avanti. Colpo Genoa e Fiorentina. Tutte le punte della B 12.01 - Finalmente Gagliardini è ufficialmente un giocatore dell’Inter. Colpo dei nerazzurri anche perché (praticamente a sorpresa) il giocatore arriva in prestito sì, ma biennale. Vale a dire che i 20 milioni di euro fissati per il riscatto andranno pagati nel 2018, consentendo così all’Inter...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.