HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
-10 alla fine del mercato: da chi aspettarsi il grande colpo?
  Atalanta
  Bologna
  Cagliari
  Chievo Verona
  Crotone
  Empoli
  Fiorentina
  Genoa
  Inter
  Juventus
  Lazio
  Milan
  Napoli
  Palermo
  Pescara
  Roma
  Sampdoria
  Sassuolo
  Torino
  Udinese

TMW Mob
Editoriale

Derby: la Curva del Milan voleva onorare Zanetti. Conte: o Juve o anno sabbatico. Pradè-Montella: l'anno prossimo insieme. Prandelli-Italia: accordo, non firma. Mazzarri: Allegri e Seedorf aspettano un grazie

Nato a Milano il 10 Maggio 1965; Giornalista Professionista dal 1994. Dopo le esperienze professionali di carta stampata (La Notte e Il Giorno) e televisive (Telelombardia, Telenova, Eurosport), dirige Milan Channel dal 16 Dicembre 1999.
10.05.2014 00.00 di Mauro Suma   articolo letto 31630 volte

Siamo tutti sotto choc per la finale di Coppa Italia. Amiamo tutti così tanto il calcio che il cuore rifiuta l'idea, ma la testa lo vede in pericolo. Serio. Continuiamo a rifiutare l'idea, ma il clima resta torbido. E quando si vivono queste atmosfere cupe, si fa d'ogni erba un fascio. Si spara nel mucchio. La Curva Sud rossonera, ad esempio. Strano che nessuno l'abbia fatto notare: la Curva Nord nerazzurra aveva reso onore a Paolo Maldini nel Febbraio 2009, data del suo ultimo derby. Perché non ha fatto altrettanto la Curva rossonera domenica scorsa nei confronti di Javier Zanetti? La domanda sarebbe stata legittima e sia a chi se lo è chiesto che a chi non lo ha colto, rispondiamo che la Curva rossonera voleva esibire uno striscione di omaggio e onore a Zanetti all'interno dello stadio. Ma quello striscione non ha passato i controlli. Forse in un clima di contrapposizione, le Curve devono avere solo una accezione negativa. Forse. Ma quello striscione per Zanetti, strameritato (onore alla serietà e alla lealtà sportiva del capitano nerazzurro), sarebbe stato un ulteriore messaggio di serenità dal derby di Milano. Proprio il giorno dopo la finale di Coppa Italia.

Cospargersi il capo di cenere-1. In questa sede avevo proposto ai lettori l'idea di un Conte anche al Borussia Dortmund in caso di passaggio di Klopp al Barcellona. Ma lo scoppiettante tecnico tedesco non appare un allenatore adatto alla linea editoriale del grande club catalano che potrebbe quindi fare una scelta più in linea con il proprio dna, prendendo cioè uno dei suoi, alla fine proprio Luis Enrique. E quindi? Al Psg, Blanc ha prolungato. Al Monaco, area Jorge Mendes, potrebbe andare l'attuale coach dello Sporting Lisbona, Leonardo Jardim (a meno di una clamorosa sorpresa di cui scriviamo tra poche righe). Indi per cui, Antonio Conte si riavvicinerebbe, ammesso che ci sia stato un allontanamento, alla Juventus. Fermo restando che il tecnico salentino non avrebbe timore, come dopo Bari nella sua carriera, o come Guardiola nel recente passato blau-grana, anche di chiudere senza avere una nuova panchina già apparecchiata.

Daniele Pradè e Vincenzo Montella. Simbiosi tecnica e umana. Se nelle ultime due settimane, le frasi del tecnico campano sono parse un po' più appuntite del solito sul futuro tecnico viola, forse lo si deve anche al fatto che Pradè ha lavorato in seno alla Fiorentina con il rinnovo contratto rinnovato solo oggi. Tutti a Firenze affermano che non ci sono problemi e sarà senz'altro così. Ma la carriera unificata dei due, un po' come negli anni Settanta fra Silvano Ramaccioni e Ilario Castagner, proseguirà. L'anno prossimo, Pradè e Montella saranno insieme. Al 99,9% a Firenze se la famiglia Della Valle lo vorrà, altrimenti, ma un altrimentino ino ino, altrove. In ogni caso, insieme. E la sorpresa al Monaco? La clamorosa indiscrezione della serata di ieri riguarda un altro Leonardo, proprio lui, Leonardo de Araujo, che appare vicinissimo alla squadra del Principato.

Cospargersi il capo di cenere-2. Il sottoscritto aveva aperto la ruota del pavone al momento dell'accordo fra la Figc e Cesare Prandelli per la prosecuzione del rapporto post-Mondiale. Visto...previsto già ad Ottobre...e via dicendo. Il fatto però è che dall'accordo non si è ancora passati alla firma. Vuol dire qualcosa o non vuol dir niente? C'è lo spazio per cui possa cambiar qualcosa già prima o poco prima della partenza degli azzurri per il Brasile? In fondo, anche nel 2006 l'Italia ha vinto un Mondiale con una Nazionale che sapeva perfettamente che Marcello Lippi non sarebbe rimasto...Insomma, quella del Ct azzurro resta una situazione annunciata e definita, ma fino a prova contraria ancora da monitorare. Viste le fibrillazioni delle panchine milanesi e visti i continui giri d'orizzonte del presidente Lotito a Roma. Una città, peraltro, Roma, che il Ct azzurro ha già sfiorato una decina d'anni fa, in altra fase della sua carriera e della sua vita nei cui confronti il mondo del calcio nutre un profondo rispetto.

Ebbene sì, ci aspettavamo di più. Anche da avversari. Senza le coppe che gravavano su Strama e i suoi precursori, senza gli infortuni che penalizzavano soprattutto Strama, era lecito attendersi qualcosa di più. Non sul piano del lavoro, della serietà e dell'intensità, fronti sui quali Walter Mazzarri è assolutamente inattaccabile. Ma in fatto di guizzi e di qualità francamente sì, si poteva e si doveva fare di più. Il fatto è che tutti i media, soprattutto milanesi, ma non solo, si sono appassionati per tutto l'anno alle vicende della panchina del Milan. Dopo il referendum quotidiano su Allegri, che durava dal Settembre 2012, si è passati alla stessa pratica su Seedorf. E tutto questo, sul piano mediatico, ha messo Mazzarri all'ombra di un grande platano. Lo ha messo al riparo. Gli otto giorni a raffica, i punti e le virgole delle vicende della panchina rossonera non hanno mai prodotto un esame approfondito sul futuro tecnico di Mazzarri. Che l'Inter senza il fardello delle Coppe debba arrivare a chiedere alla penultima partita di Campionato se farà o non farà l'Europa League l'anno prossimo, e che questo sia accaduto senza colpo ferire in relazione al tecnico, non appare francamente una cosa in linea con le doti tecniche della rosa nerazzurra e gli investimenti fatti. Come si fa a paragonare la nostra stagione alla loro, diceva il buon Walter a Gennaio, con il Milan contestato a Novembre dopo il Genoa e con la contestazione post-Parma ancora di là da venire. Oggi a Maggio, e nonostante la pessima stagione rossonera in Campionato, i paragoni si possono fare. E non sono edificanti, per una squadra partita con molte più certezze e molta più stabilità come quella di Mazzarri.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Una settimana da Kalinic. La Juventus chiude il mercato, la Roma lo apre, il Milan con Deulofeu aspetta Gomez dall'anno prossimo. Serie A più divertente: sarebbe meglio ridistribuire i proventi televisivi 22.01 - Non mi capita molto spesso di parlare bene della mia categoria professionale. Anche perché è in continuo movimento, c'è chi si ancora a vecchi capisaldi - perché nato con la carta stampata e, più in generale, non digitale - e chi mette zizzania perché pensa di cambiare completamente...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

EditorialeDI: Mauro Suma

Cercasi fotografo per Deulofeu. Juve-Milinkovic Savic: qualcosa è cambiato. Allegri circondato dagli Inzaghi. Simeone, nuovo snodo Inter-Juve 21.01 - Esattamente due anni fa. Il sabato precedente Milan-Atalanta, il Milan sognava Witsel. Ma nel frattempo si preparava ad accontentarsi di Suso. Svanito infatti in poche ore il sogno Witsel, stessa sorte che sarebbe capitata ad altri Club notoriamente più capaci sul mercato, e persa...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Verratti alla Juve, la chiave è Orsolini. Tolisso, dieci giorni per il colpo. Idea Rakitic. Inter, Moratti prende le quote di Thohir? Kalinic bloccato: la Viola non trova il sostituto 20.01 - Inutile girarci attorno: i problemi della Juve nascono tutti dal centrocampo. Le colpe e i ritardi di Allegri ci sono (ne parlerò dopo), ma non si possono non chiamare in causa anche Marotta e Paratici che in due mercati estivi non sono stati in grado di comprare un centrocampista...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Milan, Deulofeu si avvicina. Kalinic si allontana. Defrel-Roma tutta in salita. Cassano ora che fa? E i grandi colpi in B... 19.01 - Partiamo dall'ultima notizia arrivata in serata. L'Everton ha dato segnali di apertura per il prestito di Deulofeu con diritto di riscatto al Milan. È evidente che questo tipo di apertura ha suscitato un moderato ottimismo fra i dirigenti rossoneri, anche se ora bisognerà discutere...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

La Cina si dà una regolata! Coppa d'Africa, effetto Billiat... Aiutiamo Drogba! E il mercato? 18.01 - Fa freddo, fa freddissimo a Milano… Note climatiche a parte, tanto di cui disquisire. Partiamo dalla Cina. Finalmente anche il governo cinese ha capito che qualcosa non torna. Le spese folli dei club cinesi stanno “inquinando” il prodotto calcio. Esborsi assurdi, inverosimili, fuori...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: fuori dal campo sta succedendo qualcosa di grosso (e i cinesi trattano con  un attaccante!). Inter: i segreti di Nanchino e le prossime mosse di Ausilio. Milan: la decisione su Deulofeu. Napoli: e se Maradona... 17.01 - Ci tocca partire con una cosa seria. Molto seria. Pure troppo. La potenza di Tuttomercatoweb ha generato il “dramma dei pizzoccheri” che vi vado brevemente a raccontare. (Ricordatevi che è tutto molto serio. Serissimo). Settimana scorsa ho iniziato l’editoriale con la consueta...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Da Orsolini a Gabbiadini, quando gli agenti sbagliano parole e strategie. Dalla Juve all'Inter: le cifre che "drogano" il mercato. Ombre e luci su un gennaio atipico. Palermo verso la B e Lo Faso fa la Primavera... 16.01 - Sapere che è, quasi, tutto finito a metà gennaio, sinceramente, ci porta un pò di tristezza. Poi capiamo le mosse di mercato dei dirigenti italiani e ce ne facciamo una ragione. Non a caso questo è il primo mercato di gennaio di programmazione e non distruzione. Crotone, Pescara e...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Alla fine tutti si scansano con la Juventus, Napoli e Roma un po' meno. Tornerà la grande Milano, almeno la parte cinese delle due. Mercato a costo zero, tranne per i cinesi: Zidane costa 285 milioni, Buffon 110 e Veron 120 15.01 - Abbiamo negli occhi ancora la - ennesima - bella prestazione dell'Atalanta contro la Juventus, con i nerazzurri capaci, negli ultimi dieci minuti, di mettere in seria difficoltà i bianconeri. Bravo Gasperini, bravo Latte Lath, se non ci fosse la Juve un dieci euro sullo Scudetto nerazzurro...

EditorialeDI: Mauro Suma

Gagliardini-Caldara, una simpatica zuffa a suon di milioni. Le spallucce di Montella, le spallucce del Milan. La Champions della Juve passa da Dybala 14.01 - Una volta si cantava vengo anch'io no tu no. Oggi si canticchia all'avversario l'hai pagato di più tu, no invece tu. Non sappiamo chi si contenterà, ma certamente chi gode è l'Atalanta. Visto che il motivo del contendere è chi ha speso di più fra Inter e Juventus, fra Gagliardini...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve-Inter: scontro totale sul mercato. Verratti conteso a colpi di milioni. Chi ha buttato i soldi per Gagliardini e Caldara? Zaza al Valencia. Pioli vuole Vrsaljko 13.01 - Una buona strategia di marketing l’avrebbe suggerito, andare addosso ai più forti, a chi comanda il mercato o la situazione, funziona sempre. L’aggressione. E’ quello che, milione più milione meno, sta facendo l’Inter, tornata a braccare la Juventus molto da vicino. Il caso Gagliardini...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.