HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da Tuttomercatoweb.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
TMW Mob
Editoriale

Destro-El Shaarawy: Roma spinge, giocatori decisivi. Samp: Firenze deve sfoltire, Ilicic al posto di Gabbiadini. Inter: Mancini-Fassone, lingue diverse. Napoli, tutto il nervosismo di Higuain

Nato a Milano il 10 Maggio 1965; Giornalista Professionista dal 1994. Dopo le esperienze professionali di carta stampata (La Notte e Il Giorno) e televisive (Telelombardia, Telenova, Eurosport), dirige Milan Channel dal 16 Dicembre 1999.
20.12.2014 00.00 di Mauro Suma  articolo letto 28544 volte

Tra Roma e Milan non c'è stato nulla. A oggi per questa idea di scambio, lanciata dalle stesse colonne che pubblicarono per prime la notizia agostana di Balotelli al Liverpool, c'è maggiore gradimento dalle parti di Roma piuttosto che dalle parti di Milano. E' soprattutto l'ambiente giallorosso che spinge. In ogni caso, non a livello ufficiale. Fra i due Club, zero contatti. C'è chi sostiene, in ambiente mercato, che Galliani e Sabatini avessero già parlato di questo scambio a fine Agosto a Forte dei Marmi. Ma in quella sede si parlò in realtà solo del costo del cartellino di Destro, per il Milan che doveva sostituire proprio Balotelli. Quindi? Senza girarci troppo attorno, nulla di nulla. Lo scambio non è in programma e non è all'ordine del giorno. Se e solo se dovessero esserci richieste incrociate da parte dei giocatori, Destro alla Roma in direzione Milano e Stephan al Milan in chiave Roma, potrebbe sbloccarsi qualcosa. Ma lo scenario appare chiaramente, anche per come lo stiamo presentando a chi legge, sostanzialmente impossibile. Anche perché El Shaarawy in questo momento è molto più concentrato sulla sua risalita nelle gerarchie offensive rossonere che ad altro. E allora forza Stephan, il 2015, l'anno del Faraone, ti aspetta.

Non c'è solo il Milan in pole position nel mercato in uscita. C'è chi sta peggio, in quando a chiodo fisso. Se al Milan i giocatori sono 28, alla Fiorentina in questo momento sono 33. A Firenze devono sfoltire, tutti in città ne sono consci. Ci sono diversi atleti in esubero, i mancati introiti della mancata cessione di Cuadrado iniziano a farsi sentire. Finchè non libera giocatori, la società viola non può operare sul mercato di Gennaio. Primo indiziato e forse primo della lista, lui, Josip Ilicic. Potrebbe tornare al mare l'attaccante sloveno esploso nel Palermo. A Genova, il mare c'è. E la Sampdoria deve sostituire Gabbiadini. Non proprio stesse caratteristiche e stesso ruolo, ma nei progetti doriani questa sarebbe l'operazione ad hoc.

Roberto Mancini continua a chiedere rinforzi. In maniera importante e insistita. E al direttore generale Fassone spiace sempre molto dover rispondere che non si può. Che il debito è alto e i margini di manovra molto molto risicati. Anche qui la priorità sono le uscite. Vidic, ad esempio. Un giorno ci racconteranno. Molto difficile ma molto chiaro invece il primo obiettivo nerazzurro: Alessio Cerci. Non c'è nessun derby di mercato, su Cerci il desiderio è solo ed esclusivamente interista. Ma i costi appaiono quasi proibitivi. Le pressioni di Mancini in ogni caso ci sono e sono di quelle toste. Adesso sono più nitidi i contorni di quello che ha dichiarato Massimo Moratti a inizio settimana: "Mercato? Decisivo l'allenatore, bisogna ascoltare l'allenatore…". Del resto è stato proprio il presidente Moratti a intervenire in maniera chiara sulle motivazioni di Mancini al momento del suo arrivo al posto di Mazzarri, per cui il presidentissimo non si sottrae e non si nasconde dietro un dito. Ma i problemi sono tanti.

A San Siro domenica scorsa sono rimasti impressionati in molti, soprattutto a bordo campo, dal nervosismo di Higuain durante la partita. Irritabile, scontento. Reattivo più sul fronte del malcontento per il passaggio mancato o non gradito di questo o quel compagno di squadra, piuttosto che sul posto di guida dell'assalto al Milan. Il fortissimo numero nove del Napoli è un po' rimasto a Bilbao e si vede. Se la forma e gli episodi lo sorreggono, i gol arrivano. Ma appena la partita non è di quelle baciate in fronte in zona gol, ecco che quel sottofondo di frustrazione e di ambizioni inespresse da parte del Pipita emerge fragorosamente in superficie. Rafa Benitez sa benissimo che questo è il tema centrale del Napoli e vi ha fatto cenno nel post-partita di San Siro. Inutile quindi, è stato il senso dei giorni precedenti la vittoria sul Parma nel dialogo fra la Società e Castel Volturno, portare in ritiro tutti quando il problema è uno. Grosso, ma uno. Higuain era stato decisivo contro Roma e Fiorentina e a San Siro temevano il suo feeling con le grandi partite, il ritorno degli stimoli in certe occasioni dorate nel grande stadio contro la grande squadra. Ma abbiamo visto tutti come è andata. E' con la Juventus a Doha che Higuain deve venirne fuori. Se il Napoli riuscisse a togliersi la grande soddisfazione in Qatar, ecco che potrebbe tornare il sorriso sul volto del centravanti argentino. Ma se fosse la Juventus a cogliere e concretizzare i favori del pronostico che indubbiamente sono dalla sua parte in Supercoppa, ecco che il Gennaio di Gonzalo potrebbe essere lungo e accidentato.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
04.12 - Sono allo Juventus Stadium per la gara fra padroni di casa e Atalanta. E vedo la squadra di Allegri che gioca come non fa mai nemmeno in Europa, figuriamoci in Italia. Forse è demerito nerazzurro ma la disfatta con il Genoa forse ha fatto suonare un campanello di allarme, come...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

Editoriale DI: Mauro Suma

Milan, il 13 Dicembre resta il giorno. Roma, Napoli, Lazio, Milan non distraetevi. Berardi rimpiazza Gabigol all'Inter. Dani Alves torna a Gennaio, no emergenza Juve 03.12 - Poveri tifosi del Milan. E' come se li vedessimo. E per certi versi li vediamo. Costretti a compulsare siti, tv e social a tutte le ore del giorno e della notte per soppesare ogni sfumatura del particolare che arriva dal tal profilo twitter che fino ad oggi ha detto certe cose...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Il futuro di Allegri legato alla Champions. Piace Paulo Sousa. Marotta ha deciso: due centrocampisti a gennaio. Anche Berlusconi e le sue vedove si arrendono. Napoli, dubbi su Pavoletti 02.12 - Della serie anche i ricchi piangono, mi risulta che i dirigenti della Juventus, Agnelli in testa, non siano poi così contenti di questa squadra nonostante il primo posto in campionato e la qualificazione anticipata in Champions. L'assenza di gioco non è più motivo di simpatici...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Le panchine cambiano tutte insieme, gli scricchiolii delle big strizzano l'occhio al mercato. Gennaio si avvicina... 01.12 - Saltata un'altra panchina in A. De Zerbi non è più l'allenatore del Palermo dopo una sconfitta in coppa Italia ai rigori contro lo Spezia a pochi giorni dalla conferma (a sorpresa) del suo presidente Zamparini. Al suo posto arriva Corini, grande ex, che avrà il compito di...

Editoriale DI: Fabrizio Ponciroli

30.11 - Campionato riaperto, infermeria, quella bianconera, presa d'assalto. Allegri, di colpo, si è ritrovato a fare la conta dei pochi presenti. Ogni partita, qualche tassello della corazzata bianconera va in pezzi. In particolare, problemi evidenti a livello difensivo. Da qui la...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Milan e la telefonata "cinese" di chi crede ancora al closing: ecco cosa succede! Juve e Allegri: la "follia" dopo il ko di Genova. Inter: ecco il diktat sul mercato firmato Zhang. Roma: autodenuncia su Dzeko 29.11 - "Ciao, mi chiamo Maurizio, ho 75 anni e non esonero da 6 mesi". "Fate un bell'applauso a Maurizio". E giù applausi. Ci piace iniziare così, con un pensiero all' "esoneratore anonimo" Maurizio Zamparini, in crisi d'astinenza e comunque capace di tenere duro col buon De...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

28.11 - Sarà che settimana prossima c'è il referendum, sarà che per 8 mesi è rimasto in silenzio per problemi ben più gravi del calcio, sarà che in Italia tutto è consentito, sta di fatto che sono 10 giorni che Silvio Berlusconi,...

Editoriale DI: Andrea Losapio

27.11 - Abbiamo negli occhi la clamorosa sconfitta che l'Inter ha patito con il Hapoel Beer Sheva. I suoi giocatori hanno tenuto fede al nome della squadra e hanno ubriacato gli avversari in un secondo tempo davvero vergognoso da parte degli uomini di Pioli. Tanto bene nella prima...

Editoriale DI: Mauro Suma

Il 14 Dicembre del Milan. La confusione del Sassuolo. Pioli, il terzo scomodo. E' bruttissimo il calcio fra Biella e la Questura di Como 26.11 - All'esterno del Milan l'attesa spasmodica è per il 13 Dicembre. All'interno del Milan la curiosità e la suspence sono tutte per il 14 Dicembre. Chi entrerà a Casa Milan quel giorno? Le chiavi saranno sempre nelle stesse mani o saranno consegnate ai nuovi proprietari?...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

25.11 - L'ennesimo tentativo di agitare le acque attorno alla cessione del Milan è andato a vuoto. Questa volta è sceso in campo direttamente Silvio Berlusconi, spalleggiato dai soliti noti nel mondo della comunicazione, per cercare di depistare, spargere dubbi, insinuare situazioni...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.