HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da Tuttomercatoweb.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
TMW Mob
Editoriale

Detective Galliani a Milanello: ecco il risultato. E da giugno inizia la girandola delle panchine. Manenti adesso basta!

Nato a Terni il 6 maggio 1976, lavora a Sky come vice caporedattore e si occupa del coordinamento del telegiornale. Tra i volti più conosciuti del calciomercato per l'emittente di Rupert Murdoch.
05.03.2015 00.00 di Luca Marchetti  articolo letto 34725 volte
© foto di Federico De Luca

Per la seconda volta in due giorni Galliani a Milanello. Tutti a rapporto per, almeno a parole, ricompattare il gruppo, remare tutti dalla stessa parte e trovare le soluzioni alle cause del problema.
Il problema individuato sono i troppi infortuni. Muscolari, gravi e lunghi. Questo non è andato giù fondamentalmente a Galliani, che ha mandato una richiesta di spiegazioni ai vari responsabili dei settori rossoneri. Le ha lette tutte Galliani, ma non sono emerse criticità particolari, infortuni a parte, su cui Galliani aveva già posto l'attenzione. E insomma è tutto qui? Il momento nero del Milan è soltanto legato agli infortuni muscolari? Il ragionamento è certamente più profondo. Alla base ci sono anche i rapporti fra Galliani ed Inzaghi, che sono sicuramente logorati da una stagione che non sta andando per il verso giusto. Inzaghi non è più intoccabile, di sicuro. Ma non è neanche a rischio. Se il Milan avesse voluto esonerarlo lo avrebbe già fatto. Per questo avanti tutti insieme. Non c'è un colpevole. Non ora. Ma il fatto che non ci sia un colpevole non significa che tutti sono innocenti. Anzi. Salvo clamorose sorprese o grandissimi rush finali Inzaghi che ora viene difeso dalla società, non sarà più allenatore del Milan il prossimo anno. La scommessa di Galliani non è stata vinta, lui stesso non è stato soddisfatto dell'Inzaghi allenatore. Al di là dei risultati. Questione di gioco, questione di mentalità. Il Milan cambia, ma non adesso. A giugno cambia. E cambia non solo il Milan. Potrebbe partire il classico domino.
Perché uno dei papabili alla panchina rossonera è Vincenzo Montella, che però piace anche al Napoli, dovesse partire Benitez. La Fiorentina al momento guarda. Si gode il suo allenatore e sa che se qualcuno lo vuole dovrà pagare la clausola da 5 milioni di euro. Un nome alternativo al Milan è Spalletti, da sempre accostato al mondo rossonero, ma finora sempre frenato dal contratto ricchissimo con lo Zenit. A giugno scadrà. E a giugno avrà la possibilità di essere appetibile, dal Milan e non solo. In rossonero c'è bisogno di riniziare un nuovo progetto, cominciando a ragionare su un discorso più ad ampio raggio che la normale stagione. Vincere subito non si può, ma se si continua con questo tipo di programmazione si rischia di vivere troppo alla giornata e di non vincere non solo in questa stagione ma anche nelle prossime.
Abbiamo soltanto accennato a Benitez. Questo è l'altro grande tema di cui invece parleremo a lungo. Soltanto lo spagnolo sa cosa farà la prossima stagione, le nostre al momento sono solo congetture. Di sicuro i segnali non indicano la permanenza, visto che il momento del confronto viene rimandato ogni mese più in là. Il Napoli, comunque vada non si farà trovare impreparato: di allenatori bravi ed ambiziosi ce ne sono, l'ultimo tenuto sotto osservazione è Mihajlovic che sta facendo meraviglie con la sua Samp, ma ancora nessuno a Castelvolturno ha rotto gli indugi. E in questo momento fare previsioni potrebbe essere azzardato. Benitez ha fatto un bel lavoro, ha vinto. La vera domanda è ha voglia di continuare questo suo progetto? O sono finiti gli stimoli o è di nuovo stufo del calcio italiano? Magari attratto di nuovo da quello inglese?
In ultimo panchine o meno la situazione Parma. Giudico il teatrino di Manenti inopportuno e irrispettoso nei confronti dei tifosi del Parma e delle istituzioni (sia calcistiche che civili). Sono ormai passate più di tre settimane da quando doveva presentare i soldi per i pagamento degli stipendi dei giocatori. Non si è visto che l'ufficiale giudiziario a Collecchio. Ormai pare evidente che il Parma sia destinato a fallire e avremo tempo di individuare di chi sono le responsabilità. Responsabilità che sono cercate anche dalla magistratura ordinaria. Nel frattempo la Lega sta cercando di capire come rendere la stagione non viziata dal fallimento più che probabile della società. Invece di porre rimedi una volta che il danno è stato fatto, non era possibile anticipare queste criticità? È la caratteristica dell'Italia: trovare le risposte sempre all'ultimo minuto. Stavolta però una bella domanda se la devono fare tutti (noi compresi): cosa è stato fatto per evitare questo scempio? E soprattutto quale sarà il prossimo? Si riesce a evitarlo?

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
05.12 - Mi e vi devo fare una promessa: in questo mio spazio del lunedì non parlerò più del closing Milan fino alla firma del contratto, alla stipula davanti al notaio, ai comunicati ufficiali e alle foto di rito. Anche se dovessero arrivare altri 100 milioni di euro dalle banche...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

Editoriale DI: Andrea Losapio

04.12 - Sono allo Juventus Stadium per la gara fra padroni di casa e Atalanta. E vedo la squadra di Allegri che gioca come non fa mai nemmeno in Europa, figuriamoci in Italia. Forse è demerito nerazzurro ma la disfatta con il Genoa forse ha fatto suonare un campanello di allarme, come...

Editoriale DI: Mauro Suma

Milan, il 13 Dicembre resta il giorno. Roma, Napoli, Lazio, Milan non distraetevi. Berardi rimpiazza Gabigol all'Inter. Dani Alves torna a Gennaio, no emergenza Juve 03.12 - Poveri tifosi del Milan. E' come se li vedessimo. E per certi versi li vediamo. Costretti a compulsare siti, tv e social a tutte le ore del giorno e della notte per soppesare ogni sfumatura del particolare che arriva dal tal profilo twitter che fino ad oggi ha detto certe cose...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Il futuro di Allegri legato alla Champions. Piace Paulo Sousa. Marotta ha deciso: due centrocampisti a gennaio. Anche Berlusconi e le sue vedove si arrendono. Napoli, dubbi su Pavoletti 02.12 - Della serie anche i ricchi piangono, mi risulta che i dirigenti della Juventus, Agnelli in testa, non siano poi così contenti di questa squadra nonostante il primo posto in campionato e la qualificazione anticipata in Champions. L'assenza di gioco non è più motivo di simpatici...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Le panchine cambiano tutte insieme, gli scricchiolii delle big strizzano l'occhio al mercato. Gennaio si avvicina... 01.12 - Saltata un'altra panchina in A. De Zerbi non è più l'allenatore del Palermo dopo una sconfitta in coppa Italia ai rigori contro lo Spezia a pochi giorni dalla conferma (a sorpresa) del suo presidente Zamparini. Al suo posto arriva Corini, grande ex, che avrà il compito di...

Editoriale DI: Fabrizio Ponciroli

30.11 - Campionato riaperto, infermeria, quella bianconera, presa d'assalto. Allegri, di colpo, si è ritrovato a fare la conta dei pochi presenti. Ogni partita, qualche tassello della corazzata bianconera va in pezzi. In particolare, problemi evidenti a livello difensivo. Da qui la...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Milan e la telefonata "cinese" di chi crede ancora al closing: ecco cosa succede! Juve e Allegri: la "follia" dopo il ko di Genova. Inter: ecco il diktat sul mercato firmato Zhang. Roma: autodenuncia su Dzeko 29.11 - "Ciao, mi chiamo Maurizio, ho 75 anni e non esonero da 6 mesi". "Fate un bell'applauso a Maurizio". E giù applausi. Ci piace iniziare così, con un pensiero all' "esoneratore anonimo" Maurizio Zamparini, in crisi d'astinenza e comunque capace di tenere duro col buon De...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

28.11 - Sarà che settimana prossima c'è il referendum, sarà che per 8 mesi è rimasto in silenzio per problemi ben più gravi del calcio, sarà che in Italia tutto è consentito, sta di fatto che sono 10 giorni che Silvio Berlusconi,...

Editoriale DI: Andrea Losapio

27.11 - Abbiamo negli occhi la clamorosa sconfitta che l'Inter ha patito con il Hapoel Beer Sheva. I suoi giocatori hanno tenuto fede al nome della squadra e hanno ubriacato gli avversari in un secondo tempo davvero vergognoso da parte degli uomini di Pioli. Tanto bene nella prima...

Editoriale DI: Mauro Suma

Il 14 Dicembre del Milan. La confusione del Sassuolo. Pioli, il terzo scomodo. E' bruttissimo il calcio fra Biella e la Questura di Como 26.11 - All'esterno del Milan l'attesa spasmodica è per il 13 Dicembre. All'interno del Milan la curiosità e la suspence sono tutte per il 14 Dicembre. Chi entrerà a Casa Milan quel giorno? Le chiavi saranno sempre nelle stesse mani o saranno consegnate ai nuovi proprietari?...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.