HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
TMW Magazine
SONDAGGIO
Grandi bomber in Italia: chi la spunterà come capocannoniere?
  Vincerà Dzeko, è il centravanti più in forma della Serie A
  La spunterà ancora Higuain, è il goleador della squadra più forte
  Il trono tornerà ad un italiano, la rivelazione Belotti
  La sorpresa sarà totale: vincerà il falso nove Mertens
  Il titolo tornerà ad Icardi, già re dei bomber nel 2015

TMW Mob
Editoriale

Dopo i somari, ecco i finocchi. Gasp: qualcuno lo ascolti. Napoli: i cori e la gente vincono sempre. Barcellona: Messi chiama Dybala

Nato a Milano il 10 Maggio 1965; Giornalista Professionista dal 1994. Dopo le esperienze professionali di carta stampata (La Notte e Il Giorno) e televisive (Telelombardia, Telenova, Eurosport), dirige Milan Channel dal 16 Dicembre 1999.
23.01.2016 00.00 di Mauro Suma   articolo letto 33823 volte

Fin dalle ultime ore del 19 Gennaio, abbiamo temuto il giorno dopo, il 20 Gennaio. Un giorno terribile, falso, ipocrita. Personaggi e personaggini che si rimbalzano dichiarazioni d'agenzia, improvvisamente tante anime belle che ci tengono a fare bella figura sul teatrino montato da Sarri e Mancini, un fogliettone inesorabile capace di trasformare per induzione, una intera giornata minuto per minuto, il mondo dello sport e dei diritti della persona in un tema nazional-popolare come in una qualunque giornata del Festival di Sanremo. Per fortuna però, è arrivato il 21 Gennaio. E qui il calcio è rinato, risorto. Sono tornate le tifoserie. Il presidente Moratti che sostiene le ragioni di Mancini, il sindaco De Magistris che tutela Sarri e tutta la Napoli sportiva. Ah ecco. Per fortuna. Rinfoderati pipponi e paternali inutili, vuoti e stanchi, il Paese del rutto libero social, delle minacce di morte ai giocatori che sbagliano un gol sotto la copertura omertosa della tastiera, è ritornato quello che conosciamo: interisti e juventini che vogliono indebolire il Napoli attraverso la criminalizzazione di Sarri, napoletani che si difendono, milanisti, romanisti e fiorentini che non s'impicciano. Ah ecco. Poi dopo, nel merito, Mancini ci perdoni ma non ce la facciamo. Non ci riusciamo proprio. Sicuramente la sua reazione è stata vissuta e indignata martedì' sera e noi siamo così piccoli che non riusciamo a farla nostra, ma no, proprio no, non riusciamo a cogliere proprio in lui e nelle sue parole l'essenza di un leader dei diritti civili contro l'omofobia e il razzismo. Sarà per quella brutta frase sugli arbitri, che hanno saputo incassare e deglutire, tutti somari che ogni tanto testimonia la sua impulsivita', sarà perché nel calcio siamo un pò tutti portati a pensare alla ricerca di vantaggi sportivi in ogni modo e in ogni dove. Insomma è molto meglio che a chiudere questa vicenda sia il benvenuto, saggio e responsabile comunicato interista di accettazione delle scuse di Sarri. È la miglior cosa accaduta nell'Italia di Sarri e Mancini dopo la famosa comunicazione del tempo di recupero in coda alla partita di coppa Italia del San Paolo. Che nonostante tutto c'è stata e si è giocata. Perché è un gioco. Non un momento di gloria.

La cosa più speciosa di questa vicenda è che ha coperto le uniche parole che dovevano risuonare per tutta la settimana in tutte le coscienze del mondo del pallone: quelle di Gian Piero Gasperini. C'è un mondo di ricatti e di interessi che tiene in scacco il calcio e la tranquillità di una persona e delle sua famiglia nel fare rientro a casa ogni sera? Le ha dette Gasp quelle cose e riguardano il Genoa, ma ciascuna tifoseria e tutti i singoli ambienti calcistici italiani sanno perfettamente che quelle parole possono riguardare ogni squadra e ogni tesserato. Ma sono finite sotto la panna montata di Sarri e Mancini. Così il mondo del calcio e l'ordinamento civile e penale che lo dovrebbero tutelare possono continuare a tirare avanti. Complimenti vivissimi.

Una ultima cosa su Napoli. Meravigliosa. Il dopo Napoli-Sassuolo è stato da brividi. Napoli è la città che più di ogni altra sa riportare il calcio al suo senso di festa di popolo, di sport condiviso con la gente. Quell'Higuain che per cinque-sei minuti non ce la fa a staccarsi dal coro "un giorno all'improvviso" cantato insieme ai suoi tifosi, è l'unica vera, grande immagine da cui dovrebbe farsi rappresentare il calcio italiano. Il coro non finiva mai, si autoalimentava. E ogni volta che ripartiva, Pipita sorrideva all'idea che fosse ancora più carico e bello del precedente. Sono questi i momenti che l'Italia deve cucirsi addosso. Siamo troppo abituati alle brutte immagini del calcio, dal fallo da rigore contestato alla rissa in campo, che rischiamo di perdere l'attimo. E invece quello di Higuain e di tutta Napoli abbracciati insieme dopo una partita di calcio, ma chi se ne frega della classifica Zvone, guarda ed emozionati, è una catarsi che non va persa. Se Napoli continua a riuscire con il suo campione, con il suo gioco e con le sue feste, a portare l'aroma del suo caffè e la musicalità dei suoi vicoli su un campo di calcio, non sarà un anno perso sulla scia dell'abbruttimento generale questo. Ma un anno bello, un anno in più. Grazie ad una Napoli che quando decide di non finire mai, è da sempre per distacco la prima in classifica.

Il Barcellona punta Dybala. Le cronache di mercato ne parlano con sufficiente sicurezza. Non è e non sarebbe una sorpresa. L'ultimo gioiello creato dal Palermo, Cavani, non è approdato nel calcio spagnolo e a Barcellona lo sanno. Ma la Juventus sa come tenere duro, secondo molti, noi compresi, Pogba avrebbe dovuto già essere stato ceduto nelle previsioni e nei pronostici di mercato. Dybala dal canto suo non ha accettato le proposte di Milan (il presidente Berlusconi conserva ancora oggi il suo filmato estivo con tante prodezze e tante giocate importanti) e Inter, perché voleva la Juventus. Quindi un legame c'è. E chiaro che per un argentino come lui, il richiamo del Barcellona non diventa e non diventerebbe quello di una Società gloriosa, ma di Leo Messi. E qui le cose potrebbero davvero cambiare.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Juve, Allegri e gli sfoghi: ecco cosa c'è dietro la multa a Bonucci. Milan: 2 cose sui cinesi (ma occhio al "boicottaggio"). Inter: decisioni prese e da prendere a prescindere dalla Champions (e Pioli...). Napoli: c'è il "patto"  21.02 - Ciao. Vogliamo stupire De Laurentiis. Lui e quelli che non credono in noi. Noi abbiamo la "cazzimma" e lo dimostreremo compilando il primo editoriale "a caso" della storia. Partiamo dalle cose importanti: le marchette. Questa settimana ne abbiamo raccolte cinque. (Le marchette...
Telegram

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Svolta Milan: Fassone e Mirabelli, ecco cosa c'è in agenda. De Laurentiis, squadra e mister in pubblico vanno sempre difesi. Figc, Tavecchio 60%-Abodi 40%. E quell'assalto a Renzo... 20.02 - Il calcio è strano e per questo ci piace così tanto. Zeman torna a Pescara e in un colpo solo consente di festeggiare il primo successo sul campo agli abruzzesi e fa più gol lui in 90 minuti che Oddo in un girone e mezzo. Il Torino è durato 3 mesi poi Sinisa si è squagliato come già...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

De Laurentiis, lo sai che hai affrontato Modric e CR7 al Bernabeu? Marotta, Verratti come Higuain: si migliora solo con un'altra 'follia'. Rodriguez, trattativa alla Perisic: dettagli e retroscena di una lunga maratona 19.02 - Ma cosa si aspettava De Laurentiis? Mercoledì sera, in attesa dell'arrivo di Sarri nella sala stampa, ammetto di essere rimasto spiazzato dalle dichiarazioni del presidente del Napoli. Stupito. E mi sono presto accorto che non ero l'unico. Venivamo da giorni in cui il numero...

EditorialeDI: Mauro Suma

Simeone-Juve e Conte-Inter, le ultime dal fronte. De Laurentiis non protegge il Napoli di Madrid. Milan, il lavoro di Montella. C'è Valeri, ma il Milan deve stare calmo 18.02 - Sognare e ipotizzare non cosa nulla. E soprattutto può essere utile ad uscire, finalmente, non se ne può più, dall'ultimo Juventus-Inter. Nella speranza che non ci siano più dettagli e pagliuzze da esaminare per intere trasmissioni di quella partita, i tifosi bianconeri e nerazzurri...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Sarri prigioniero del Napoli, divorzio impossibile. Chelsea accelera per Bernardeschi, ieri mezza Europa a seguire l'asso viola. Milan, pronti cento milioni per il mercato. Spalletti prima scelta per la Juve 17.02 - Le accuse a Sarri, inaspettate e immotivate, del presidente De Laurentiis (con due i, mi raccomando) hanno fatto saltare in aria lo spogliatoio del Bernabeu e trasformato una onesta sconfitta in un’altra drammatica puntata della serie "I due nemici". E adesso cosa succederà? Ho...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Il peso della Champions e le panchine che iniziano i loro valzer con largo anticipo… 16.02 - Dobbiamo essere onesti e realisti. Il Napoli ha giocato con coraggio: ha guardato il Real negli occhi. Gli ha messo anche paura. Poi la qualità delle giocate (anche quelli “improvvisate” come il gol di Casemiro) e soprattutto la personalità e l’esperienza degli avversari ha fatto...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Real Madrid-Napoli, il giorno del giudizio... Cassano, nessuno si fa avanti! C'è la fila per Allegri ma... 15.02 - Finalmente ci siamo. Oggi è il giorno della verità. Il blasonato Real Madrid, la squadra delle stelle, quella del Pallone d’Oro CR7, ospita, nel mitico Bernabeu, il bel Napoli di Sarri, ossia la compagine che gioca il miglior calcio in tutt’Europa. Una sfida “galattica”, un confronto...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: le pulci al Pipita e l'ultima (scomoda) parola sul caso-arbitri. Inter: la "scoperta" di Pioli, un partente...Eun nuovo arrivo! Turbolenze Milan, strane telefonate, risposte sul campo: occhio alle scelte cinesi...Napoli: dimentica i complimenti 14.02 - Ciao. È finito Sanremo. Ha vinto uno che cantava con uno scimmione di fianco. Davvero bravo (anche il cantante). Sanremo è incredibile perché puoi avere tutte le rotture di balle del mondo ma fa niente "tanto c'è Sanremo". "Mamma hai cambiato le pile del polmone d'acciaio della...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Forza Napoli, regalaci la notte perfetta! Juve-Ascoli e il paradosso di mercato. Toni, ti presento Avellino. Abodi contro Tavecchio: la scimmia nuda balla 13.02 - Se dieci anni fa avessero detto a Gabbani che, sul palco dell'Ariston, uno contro uno avrebbe battuto Sua Maestà Mannoia, anche lui si sarebbe messo a ridere. Invece i tempi cambiano e, a volte, i miracoli esistono. Se il Napoli non si presenterà battuto al Bernabeu, il pronostico...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Juventus-Inter, una rivalità che si estenderà al mercato. Il Beijing vale più del Milan. Napoli e Roma hanno perso la loro occasione, a meno che non arrivi una Superlega. Gomez, ma dove vai? 12.02 - A metà gennaio il Beijing Guoan, club di Pechino, è stato venduto al gruppo immobiliare Sinobo Land per 3,6 miliardi di yuan. Poiché le quote acquistate erano del 64%, virtualmente la società cinese ne vale ben 2 in più. Significa che il valore intero è di circa 754 milioni di euro,...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.