HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da Tuttomercatoweb.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
TMW Mob
Editoriale

Dopo i somari, ecco i finocchi. Gasp: qualcuno lo ascolti. Napoli: i cori e la gente vincono sempre. Barcellona: Messi chiama Dybala

Nato a Milano il 10 Maggio 1965; Giornalista Professionista dal 1994. Dopo le esperienze professionali di carta stampata (La Notte e Il Giorno) e televisive (Telelombardia, Telenova, Eurosport), dirige Milan Channel dal 16 Dicembre 1999.
23.01.2016 00.00 di Mauro Suma  articolo letto 33790 volte

Fin dalle ultime ore del 19 Gennaio, abbiamo temuto il giorno dopo, il 20 Gennaio. Un giorno terribile, falso, ipocrita. Personaggi e personaggini che si rimbalzano dichiarazioni d'agenzia, improvvisamente tante anime belle che ci tengono a fare bella figura sul teatrino montato da Sarri e Mancini, un fogliettone inesorabile capace di trasformare per induzione, una intera giornata minuto per minuto, il mondo dello sport e dei diritti della persona in un tema nazional-popolare come in una qualunque giornata del Festival di Sanremo. Per fortuna però, è arrivato il 21 Gennaio. E qui il calcio è rinato, risorto. Sono tornate le tifoserie. Il presidente Moratti che sostiene le ragioni di Mancini, il sindaco De Magistris che tutela Sarri e tutta la Napoli sportiva. Ah ecco. Per fortuna. Rinfoderati pipponi e paternali inutili, vuoti e stanchi, il Paese del rutto libero social, delle minacce di morte ai giocatori che sbagliano un gol sotto la copertura omertosa della tastiera, è ritornato quello che conosciamo: interisti e juventini che vogliono indebolire il Napoli attraverso la criminalizzazione di Sarri, napoletani che si difendono, milanisti, romanisti e fiorentini che non s'impicciano. Ah ecco. Poi dopo, nel merito, Mancini ci perdoni ma non ce la facciamo. Non ci riusciamo proprio. Sicuramente la sua reazione è stata vissuta e indignata martedì' sera e noi siamo così piccoli che non riusciamo a farla nostra, ma no, proprio no, non riusciamo a cogliere proprio in lui e nelle sue parole l'essenza di un leader dei diritti civili contro l'omofobia e il razzismo. Sarà per quella brutta frase sugli arbitri, che hanno saputo incassare e deglutire, tutti somari che ogni tanto testimonia la sua impulsivita', sarà perché nel calcio siamo un pò tutti portati a pensare alla ricerca di vantaggi sportivi in ogni modo e in ogni dove. Insomma è molto meglio che a chiudere questa vicenda sia il benvenuto, saggio e responsabile comunicato interista di accettazione delle scuse di Sarri. È la miglior cosa accaduta nell'Italia di Sarri e Mancini dopo la famosa comunicazione del tempo di recupero in coda alla partita di coppa Italia del San Paolo. Che nonostante tutto c'è stata e si è giocata. Perché è un gioco. Non un momento di gloria.

La cosa più speciosa di questa vicenda è che ha coperto le uniche parole che dovevano risuonare per tutta la settimana in tutte le coscienze del mondo del pallone: quelle di Gian Piero Gasperini. C'è un mondo di ricatti e di interessi che tiene in scacco il calcio e la tranquillità di una persona e delle sua famiglia nel fare rientro a casa ogni sera? Le ha dette Gasp quelle cose e riguardano il Genoa, ma ciascuna tifoseria e tutti i singoli ambienti calcistici italiani sanno perfettamente che quelle parole possono riguardare ogni squadra e ogni tesserato. Ma sono finite sotto la panna montata di Sarri e Mancini. Così il mondo del calcio e l'ordinamento civile e penale che lo dovrebbero tutelare possono continuare a tirare avanti. Complimenti vivissimi.

Una ultima cosa su Napoli. Meravigliosa. Il dopo Napoli-Sassuolo è stato da brividi. Napoli è la città che più di ogni altra sa riportare il calcio al suo senso di festa di popolo, di sport condiviso con la gente. Quell'Higuain che per cinque-sei minuti non ce la fa a staccarsi dal coro "un giorno all'improvviso" cantato insieme ai suoi tifosi, è l'unica vera, grande immagine da cui dovrebbe farsi rappresentare il calcio italiano. Il coro non finiva mai, si autoalimentava. E ogni volta che ripartiva, Pipita sorrideva all'idea che fosse ancora più carico e bello del precedente. Sono questi i momenti che l'Italia deve cucirsi addosso. Siamo troppo abituati alle brutte immagini del calcio, dal fallo da rigore contestato alla rissa in campo, che rischiamo di perdere l'attimo. E invece quello di Higuain e di tutta Napoli abbracciati insieme dopo una partita di calcio, ma chi se ne frega della classifica Zvone, guarda ed emozionati, è una catarsi che non va persa. Se Napoli continua a riuscire con il suo campione, con il suo gioco e con le sue feste, a portare l'aroma del suo caffè e la musicalità dei suoi vicoli su un campo di calcio, non sarà un anno perso sulla scia dell'abbruttimento generale questo. Ma un anno bello, un anno in più. Grazie ad una Napoli che quando decide di non finire mai, è da sempre per distacco la prima in classifica.

Il Barcellona punta Dybala. Le cronache di mercato ne parlano con sufficiente sicurezza. Non è e non sarebbe una sorpresa. L'ultimo gioiello creato dal Palermo, Cavani, non è approdato nel calcio spagnolo e a Barcellona lo sanno. Ma la Juventus sa come tenere duro, secondo molti, noi compresi, Pogba avrebbe dovuto già essere stato ceduto nelle previsioni e nei pronostici di mercato. Dybala dal canto suo non ha accettato le proposte di Milan (il presidente Berlusconi conserva ancora oggi il suo filmato estivo con tante prodezze e tante giocate importanti) e Inter, perché voleva la Juventus. Quindi un legame c'è. E chiaro che per un argentino come lui, il richiamo del Barcellona non diventa e non diventerebbe quello di una Società gloriosa, ma di Leo Messi. E qui le cose potrebbero davvero cambiare.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
05.12 - Mi e vi devo fare una promessa: in questo mio spazio del lunedì non parlerò più del closing Milan fino alla firma del contratto, alla stipula davanti al notaio, ai comunicati ufficiali e alle foto di rito. Anche se dovessero arrivare altri 100 milioni di euro dalle banche...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

Editoriale DI: Andrea Losapio

04.12 - Sono allo Juventus Stadium per la gara fra padroni di casa e Atalanta. E vedo la squadra di Allegri che gioca come non fa mai nemmeno in Europa, figuriamoci in Italia. Forse è demerito nerazzurro ma la disfatta con il Genoa forse ha fatto suonare un campanello di allarme, come...

Editoriale DI: Mauro Suma

Milan, il 13 Dicembre resta il giorno. Roma, Napoli, Lazio, Milan non distraetevi. Berardi rimpiazza Gabigol all'Inter. Dani Alves torna a Gennaio, no emergenza Juve 03.12 - Poveri tifosi del Milan. E' come se li vedessimo. E per certi versi li vediamo. Costretti a compulsare siti, tv e social a tutte le ore del giorno e della notte per soppesare ogni sfumatura del particolare che arriva dal tal profilo twitter che fino ad oggi ha detto certe cose...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Il futuro di Allegri legato alla Champions. Piace Paulo Sousa. Marotta ha deciso: due centrocampisti a gennaio. Anche Berlusconi e le sue vedove si arrendono. Napoli, dubbi su Pavoletti 02.12 - Della serie anche i ricchi piangono, mi risulta che i dirigenti della Juventus, Agnelli in testa, non siano poi così contenti di questa squadra nonostante il primo posto in campionato e la qualificazione anticipata in Champions. L'assenza di gioco non è più motivo di simpatici...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Le panchine cambiano tutte insieme, gli scricchiolii delle big strizzano l'occhio al mercato. Gennaio si avvicina... 01.12 - Saltata un'altra panchina in A. De Zerbi non è più l'allenatore del Palermo dopo una sconfitta in coppa Italia ai rigori contro lo Spezia a pochi giorni dalla conferma (a sorpresa) del suo presidente Zamparini. Al suo posto arriva Corini, grande ex, che avrà il compito di...

Editoriale DI: Fabrizio Ponciroli

30.11 - Campionato riaperto, infermeria, quella bianconera, presa d'assalto. Allegri, di colpo, si è ritrovato a fare la conta dei pochi presenti. Ogni partita, qualche tassello della corazzata bianconera va in pezzi. In particolare, problemi evidenti a livello difensivo. Da qui la...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Milan e la telefonata "cinese" di chi crede ancora al closing: ecco cosa succede! Juve e Allegri: la "follia" dopo il ko di Genova. Inter: ecco il diktat sul mercato firmato Zhang. Roma: autodenuncia su Dzeko 29.11 - "Ciao, mi chiamo Maurizio, ho 75 anni e non esonero da 6 mesi". "Fate un bell'applauso a Maurizio". E giù applausi. Ci piace iniziare così, con un pensiero all' "esoneratore anonimo" Maurizio Zamparini, in crisi d'astinenza e comunque capace di tenere duro col buon De...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

28.11 - Sarà che settimana prossima c'è il referendum, sarà che per 8 mesi è rimasto in silenzio per problemi ben più gravi del calcio, sarà che in Italia tutto è consentito, sta di fatto che sono 10 giorni che Silvio Berlusconi,...

Editoriale DI: Andrea Losapio

27.11 - Abbiamo negli occhi la clamorosa sconfitta che l'Inter ha patito con il Hapoel Beer Sheva. I suoi giocatori hanno tenuto fede al nome della squadra e hanno ubriacato gli avversari in un secondo tempo davvero vergognoso da parte degli uomini di Pioli. Tanto bene nella prima...

Editoriale DI: Mauro Suma

Il 14 Dicembre del Milan. La confusione del Sassuolo. Pioli, il terzo scomodo. E' bruttissimo il calcio fra Biella e la Questura di Como 26.11 - All'esterno del Milan l'attesa spasmodica è per il 13 Dicembre. All'interno del Milan la curiosità e la suspence sono tutte per il 14 Dicembre. Chi entrerà a Casa Milan quel giorno? Le chiavi saranno sempre nelle stesse mani o saranno consegnate ai nuovi proprietari?...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.