HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Gagliardini-Inter, è il nome giusto per completare la squadra di Pioli?
  Sì, al centrocampo nerazzurro servono qualità come le sue
  No, non è ha il physique du role per giocare all'Inter
  Sì, pescare tra i migliori giovani italiani è la via giusta
  No, il prezzo chiesto dall'Atalanta è assolutamente fuori mercato
  La Juve alla fine avrà la meglio

TMW Mob
Editoriale

Dopo la morte di Ciro Esposito, il Presidente Renzi disse: "Non lascerò il calcio nelle mani di questi delinquenti". Caro Premier, non pensa sia il caso di sottrarlo anche dalle grinfie dei farabutti che hanno permesso la vergogna del caso Parma?

08.03.2015 00.00 di Raffaele Auriemma   articolo letto 28768 volte
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews

Questa gestione federale andrebbe già azzerata, con un atto di imperio da parte del Coni o per mano diretta del Governo. Non succederà perché siamo in Italia, il Paese dove ci si indigna e si lanciano proclami roboanti, per poi dimenticare tutto il giorno dopo e cercare il modo utile a salvare capra e cavoli. Cioè, gli uomini di potere e gli interessi che si trovano alla base del grande business chiamato calcio. Dalla vicenda Iodice, con la liberatoria concessa a Lotito per portare nel tribunale civile il direttore generale dell'Ischia, allo scandalo del Parma, il presidente Tavecchio ha solo confermato che gli scivoloni su Optì Pobà non erano casuali, bensì frutto di una logica vecchia, arretrata, un po' classista e parecchio arrogante. L'arroganza di chi deforma la logica dei numeri che gli danno forza per disporre del potere, in una gestione personalistica e apparentemente clientelare che rappresenta una distorsione nel concetto più ampio di democrazia. Quando De Laurentiis dice: "Come faccio a portare in questa Italia i calciatori stranieri?" ha maledettamente ragione. Questo modo di fare, frutto di un'Italia che tutto tollera e poco punisce, ci sta collocando all'ultimo posto del continente e anche più dietro di alcune realtà africana in evoluzione. In tanti ne soffrono, solo in pochi godono: anche in politica, con la tanto odiata Casta, funziona così, o no? E dall'alto si guarda senza intervenire, cominciando dal premier Renzi, abile a rispondere con il volto amareggiato di chi non può assolutamente tollerare ciò che accade e sta lì lì per intervenire in maniera dura. Ho ancora nelle orecchie la sua voce cupa all'indomani dei drammatici fatti che precedettero la finale di Coppa Italia tra Fiorentina e Napoli e che portarono all'assassinio di Ciro Esposito. "Non lascerò il calcio nelle mani di questi delinquenti", ebbe a dire con il tono austero di chi pensa "ora vi faccio vedere…". Mi pare che di lì in avanti non sia accaduto nulla, anzi, la situazione è peggiorata perché sono peggiorati i dirigenti che dovrebbero gettare le basi per un pallone più umano e che si avvicini alla gente, non solo per strapparle dalla tasca fino all'ultimo centesimo della loro passione. Verrebbe da chiedere a Renzi: caro presidente, visto l'andazzo, non pensa sia il caso che il calcio vada liberato non solo dai delinquenti che si travestono da titosi, ma soprattutto dai farabutti che spolpano le società per fini propri e le lasciano come carcasse senza vita sui campi di calcio che rischiano di diventare piazze deserte? Poi ci lamentiamo se Benitez decide di lasciare Napoli, cioè l'unica realtà che riesca a restare a galla nonostante non accumuli debiti su debiti come i club che hanno vinto negli ultimi anni. Non possiamo dare torto a don Rafè se ad un certo punto prenda cappello e si avvii verso la porta, lo ringrazieremo per la mentalità evoluta che ha trasmesso a tutto l'ambiente partenopeo. Però dica se e quando deciderà di prendere una decisione, magari anche in fretta, perché il Napoli dovrà continuare ad esistere pur dopo la sua dipartita sportiva. Lo dica con onestà e chiarezza, non a noi che siamo solo tramiti dei suoi umori, lo faccia con il presidente De Laurentiits così da permettergli di contattare l'allenatore per gli anni a venire.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Juve: fuori dal campo sta succedendo qualcosa di grosso (e i cinesi trattano con  un attaccante!). Inter: i segreti di Nanchino e le prossime mosse di Ausilio. Milan: la decisione su Deulofeu. Napoli: e se Maradona... 17.01 - Ci tocca partire con una cosa seria. Molto seria. Pure troppo. La potenza di Tuttomercatoweb ha generato il “dramma dei pizzoccheri” che vi vado brevemente a raccontare. (Ricordatevi che è tutto molto serio. Serissimo). Settimana scorsa ho iniziato l’editoriale con la consueta...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Da Orsolini a Gabbiadini, quando gli agenti sbagliano parole e strategie. Dalla Juve all'Inter: le cifre che "drogano" il mercato. Ombre e luci su un gennaio atipico. Palermo verso la B e Lo Faso fa la Primavera... 16.01 - Sapere che è, quasi, tutto finito a metà gennaio, sinceramente, ci porta un pò di tristezza. Poi capiamo le mosse di mercato dei dirigenti italiani e ce ne facciamo una ragione. Non a caso questo è il primo mercato di gennaio di programmazione e non distruzione. Crotone, Pescara e...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Alla fine tutti si scansano con la Juventus, Napoli e Roma un po' meno. Tornerà la grande Milano, almeno la parte cinese delle due. Mercato a costo zero, tranne per i cinesi: Zidane costa 285 milioni, Buffon 110 e Veron 120 15.01 - Abbiamo negli occhi ancora la - ennesima - bella prestazione dell'Atalanta contro la Juventus, con i nerazzurri capaci, negli ultimi dieci minuti, di mettere in seria difficoltà i bianconeri. Bravo Gasperini, bravo Latte Lath, se non ci fosse la Juve un dieci euro sullo Scudetto nerazzurro...

EditorialeDI: Mauro Suma

Gagliardini-Caldara, una simpatica zuffa a suon di milioni. Le spallucce di Montella, le spallucce del Milan. La Champions della Juve passa da Dybala 14.01 - Una volta si cantava vengo anch'io no tu no. Oggi si canticchia all'avversario l'hai pagato di più tu, no invece tu. Non sappiamo chi si contenterà, ma certamente chi gode è l'Atalanta. Visto che il motivo del contendere è chi ha speso di più fra Inter e Juventus, fra Gagliardini...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve-Inter: scontro totale sul mercato. Verratti conteso a colpi di milioni. Chi ha buttato i soldi per Gagliardini e Caldara? Zaza al Valencia. Pioli vuole Vrsaljko 13.01 - Una buona strategia di marketing l’avrebbe suggerito, andare addosso ai più forti, a chi comanda il mercato o la situazione, funziona sempre. L’aggressione. E’ quello che, milione più milione meno, sta facendo l’Inter, tornata a braccare la Juventus molto da vicino. Il caso Gagliardini...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Inter: Gagliardini e le uscite. Deulofeu passi in avanti. Colpo Genoa e Fiorentina. Tutte le punte della B 12.01 - Finalmente Gagliardini è ufficialmente un giocatore dell’Inter. Colpo dei nerazzurri anche perché (praticamente a sorpresa) il giocatore arriva in prestito sì, ma biennale. Vale a dire che i 20 milioni di euro fissati per il riscatto andranno pagati nel 2018, consentendo così all’Inter...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

CR7, un anno da 102 milioni! Milan, trovato il secondo... Brava Inter! Dybala, per ora solo Juve 11.01 - Il mondo dei tifosi pallonari si divide in due grandi masse. C’è il popolo dei fedelissimi di Cristiano Ronaldo e quello che vive per Messi. Il portoghese e l’argentino, da anni, sono il gotha del calcio mondiale. Bene, i due stanno vivendo momenti diametralmente opposti. CR7 ha vissuto...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: il no per Tolisso, nasconde qualcosa di grosso (ma occhio ad Agnelli...). Milan: i fissati sulla questione cinese e un futuro grandi-nomi. Inter: occhio, arriva la "scelta di Pioli". Napoli: la "bellezza" della sofferenza 10.01 - Eccoci qua. Sono stato quattro giorni in ferie. In Valtellina. A mangiare pizzoccheri. La caratteristica dei pizzoccheri è che il primo giorno sono buonissimi, il secondo ti fanno venire l’acetone, il terzo cementano e al quarto non ci arrivi. Nel senso che muori. Siccome il 6 gennaio...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Inter-Gagliardini: avere i soldi non significa buttarli. Juve, batti un colpo da Juve. Ferrero, posa i fazzoletti. Basta con le mogli-addette stampa! 09.01 - Gasperini dovrebbe spiegare meglio il significato della frase: "Gagliardini non convocato per rispetto dell'Inter". E il rispetto per i tifosi dell'Atalanta dov'è? La verità è che il Mister ha sbagliato la risposta e avrebbe fatto più bella figura a dire la verità. Le parole che non...

EditorialeDI: Marco Conterio

Ferrero, Sarri & co: ora basta! Una decisione arbitrale sbagliata non può portare ancora a simili reazioni. Juventus, perdere Witsel non è un peccato. Roma, Feghouli bel colpo. Caso Kalinic: cifre folli, immobilismo viola e la reazione di Sousa 08.01 - Renzo Ulivieri, presidente dell'Assoallenatori, disse chiaramente che i tecnici arebbero dovuto evitare di parlare di decisioni arbitrali. E siccome nell'universo calcio, nel posto gara, i microfoni sono accesi anche per i presidenti, sarebbe stata cosa buona e giusta se quelle parole...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.