HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da Tuttomercatoweb.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
TMW Mob
Editoriale

Dopo la morte di Ciro Esposito, il Presidente Renzi disse: "Non lascerò il calcio nelle mani di questi delinquenti". Caro Premier, non pensa sia il caso di sottrarlo anche dalle grinfie dei farabutti che hanno permesso la vergogna del caso Parma?

08.03.2015 00.00 di Raffaele Auriemma  articolo letto 28767 volte
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews

Questa gestione federale andrebbe già azzerata, con un atto di imperio da parte del Coni o per mano diretta del Governo. Non succederà perché siamo in Italia, il Paese dove ci si indigna e si lanciano proclami roboanti, per poi dimenticare tutto il giorno dopo e cercare il modo utile a salvare capra e cavoli. Cioè, gli uomini di potere e gli interessi che si trovano alla base del grande business chiamato calcio. Dalla vicenda Iodice, con la liberatoria concessa a Lotito per portare nel tribunale civile il direttore generale dell'Ischia, allo scandalo del Parma, il presidente Tavecchio ha solo confermato che gli scivoloni su Optì Pobà non erano casuali, bensì frutto di una logica vecchia, arretrata, un po' classista e parecchio arrogante. L'arroganza di chi deforma la logica dei numeri che gli danno forza per disporre del potere, in una gestione personalistica e apparentemente clientelare che rappresenta una distorsione nel concetto più ampio di democrazia. Quando De Laurentiis dice: "Come faccio a portare in questa Italia i calciatori stranieri?" ha maledettamente ragione. Questo modo di fare, frutto di un'Italia che tutto tollera e poco punisce, ci sta collocando all'ultimo posto del continente e anche più dietro di alcune realtà africana in evoluzione. In tanti ne soffrono, solo in pochi godono: anche in politica, con la tanto odiata Casta, funziona così, o no? E dall'alto si guarda senza intervenire, cominciando dal premier Renzi, abile a rispondere con il volto amareggiato di chi non può assolutamente tollerare ciò che accade e sta lì lì per intervenire in maniera dura. Ho ancora nelle orecchie la sua voce cupa all'indomani dei drammatici fatti che precedettero la finale di Coppa Italia tra Fiorentina e Napoli e che portarono all'assassinio di Ciro Esposito. "Non lascerò il calcio nelle mani di questi delinquenti", ebbe a dire con il tono austero di chi pensa "ora vi faccio vedere…". Mi pare che di lì in avanti non sia accaduto nulla, anzi, la situazione è peggiorata perché sono peggiorati i dirigenti che dovrebbero gettare le basi per un pallone più umano e che si avvicini alla gente, non solo per strapparle dalla tasca fino all'ultimo centesimo della loro passione. Verrebbe da chiedere a Renzi: caro presidente, visto l'andazzo, non pensa sia il caso che il calcio vada liberato non solo dai delinquenti che si travestono da titosi, ma soprattutto dai farabutti che spolpano le società per fini propri e le lasciano come carcasse senza vita sui campi di calcio che rischiano di diventare piazze deserte? Poi ci lamentiamo se Benitez decide di lasciare Napoli, cioè l'unica realtà che riesca a restare a galla nonostante non accumuli debiti su debiti come i club che hanno vinto negli ultimi anni. Non possiamo dare torto a don Rafè se ad un certo punto prenda cappello e si avvii verso la porta, lo ringrazieremo per la mentalità evoluta che ha trasmesso a tutto l'ambiente partenopeo. Però dica se e quando deciderà di prendere una decisione, magari anche in fretta, perché il Napoli dovrà continuare ad esistere pur dopo la sua dipartita sportiva. Lo dica con onestà e chiarezza, non a noi che siamo solo tramiti dei suoi umori, lo faccia con il presidente De Laurentiits così da permettergli di contattare l'allenatore per gli anni a venire.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
05.12 - Mi e vi devo fare una promessa: in questo mio spazio del lunedì non parlerò più del closing Milan fino alla firma del contratto, alla stipula davanti al notaio, ai comunicati ufficiali e alle foto di rito. Anche se dovessero arrivare altri 100 milioni di euro dalle banche...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

Editoriale DI: Andrea Losapio

04.12 - Sono allo Juventus Stadium per la gara fra padroni di casa e Atalanta. E vedo la squadra di Allegri che gioca come non fa mai nemmeno in Europa, figuriamoci in Italia. Forse è demerito nerazzurro ma la disfatta con il Genoa forse ha fatto suonare un campanello di allarme, come...

Editoriale DI: Mauro Suma

Milan, il 13 Dicembre resta il giorno. Roma, Napoli, Lazio, Milan non distraetevi. Berardi rimpiazza Gabigol all'Inter. Dani Alves torna a Gennaio, no emergenza Juve 03.12 - Poveri tifosi del Milan. E' come se li vedessimo. E per certi versi li vediamo. Costretti a compulsare siti, tv e social a tutte le ore del giorno e della notte per soppesare ogni sfumatura del particolare che arriva dal tal profilo twitter che fino ad oggi ha detto certe cose...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Il futuro di Allegri legato alla Champions. Piace Paulo Sousa. Marotta ha deciso: due centrocampisti a gennaio. Anche Berlusconi e le sue vedove si arrendono. Napoli, dubbi su Pavoletti 02.12 - Della serie anche i ricchi piangono, mi risulta che i dirigenti della Juventus, Agnelli in testa, non siano poi così contenti di questa squadra nonostante il primo posto in campionato e la qualificazione anticipata in Champions. L'assenza di gioco non è più motivo di simpatici...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Le panchine cambiano tutte insieme, gli scricchiolii delle big strizzano l'occhio al mercato. Gennaio si avvicina... 01.12 - Saltata un'altra panchina in A. De Zerbi non è più l'allenatore del Palermo dopo una sconfitta in coppa Italia ai rigori contro lo Spezia a pochi giorni dalla conferma (a sorpresa) del suo presidente Zamparini. Al suo posto arriva Corini, grande ex, che avrà il compito di...

Editoriale DI: Fabrizio Ponciroli

30.11 - Campionato riaperto, infermeria, quella bianconera, presa d'assalto. Allegri, di colpo, si è ritrovato a fare la conta dei pochi presenti. Ogni partita, qualche tassello della corazzata bianconera va in pezzi. In particolare, problemi evidenti a livello difensivo. Da qui la...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Milan e la telefonata "cinese" di chi crede ancora al closing: ecco cosa succede! Juve e Allegri: la "follia" dopo il ko di Genova. Inter: ecco il diktat sul mercato firmato Zhang. Roma: autodenuncia su Dzeko 29.11 - "Ciao, mi chiamo Maurizio, ho 75 anni e non esonero da 6 mesi". "Fate un bell'applauso a Maurizio". E giù applausi. Ci piace iniziare così, con un pensiero all' "esoneratore anonimo" Maurizio Zamparini, in crisi d'astinenza e comunque capace di tenere duro col buon De...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

28.11 - Sarà che settimana prossima c'è il referendum, sarà che per 8 mesi è rimasto in silenzio per problemi ben più gravi del calcio, sarà che in Italia tutto è consentito, sta di fatto che sono 10 giorni che Silvio Berlusconi,...

Editoriale DI: Andrea Losapio

27.11 - Abbiamo negli occhi la clamorosa sconfitta che l'Inter ha patito con il Hapoel Beer Sheva. I suoi giocatori hanno tenuto fede al nome della squadra e hanno ubriacato gli avversari in un secondo tempo davvero vergognoso da parte degli uomini di Pioli. Tanto bene nella prima...

Editoriale DI: Mauro Suma

Il 14 Dicembre del Milan. La confusione del Sassuolo. Pioli, il terzo scomodo. E' bruttissimo il calcio fra Biella e la Questura di Como 26.11 - All'esterno del Milan l'attesa spasmodica è per il 13 Dicembre. All'interno del Milan la curiosità e la suspence sono tutte per il 14 Dicembre. Chi entrerà a Casa Milan quel giorno? Le chiavi saranno sempre nelle stesse mani o saranno consegnate ai nuovi proprietari?...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.