HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Juventus-Barcellona ai quarti: passare è possibile?
  Sì, la Juventus è cresciuta rispetto al 2015
  No, il Barcellona resta più forte dei bianconeri

TMW Mob
Editoriale

È molto bello giocare, ma poi vincono i campioni. L'affascinante tiremm innanz di de Boer, il Milan è sull'altalena. Dzeko novello Crespo con sei mesi di ritardo

Nato a Bergamo il 23-06-1984, giornalista per TuttoMercatoWeb dal 2008 e caporedattore dal 2009, ha diretto TuttoMondiali e TuttoEuropei. Ha collaborato con Odeon TV, SportItalia e Radio Sportiva. Dal 2012 lavora per il Corriere della Sera
30.10.2016 00.00 di Andrea Losapio  Twitter:    articolo letto 27476 volte
© foto di Lorenzo Di Benedetto

Il copione sembra hollywoodiano, o forse solo da cinema. Perché capita che il Napoli giochi meglio per un tempo, poi prenda gol, reagisca. Alla fine arriva Higuain, verrebbe da dire, un po' come il - maldestro e raffazzonato nella traduzione - telefilm di qualche anno fa. Higuain che al settantunesimo la colpisce di sinistro, da attaccante consumato, centrando le gambe di un Chiriches che avrebbe dovuto tuffarsi in qualche maniera, bruciando un Allan che sembrava quasi in gita premio in quell'occasione. Insomma, vince chi ha la voglia e Higuain, pur con qualche kg sopra il proprio peso forma, ha quel fuoco dentro che mischiato alla tecnica vale più di cinquecento metri percorsi alla fine della partita o al momento della sostituzione. De Laurentiis ha sempre quel piccolo enorme problema: Diawara è fortissimo, farà strada, ma poi andrà a giocare al Bayern Monaco. Milik se dovesse diventare un nuovo Ibrahimovic poi finirà al Real Madrid. E i soldi? Investiti in altre plusvalenze. Managerialmente è una grane idea, investire ogni anno per poi avere i frutti in poco tempo. Sportivamente è bello giocare ma poi vincono i campioni, a meno che non ti chiami Leicester e imbrocchi l'annata fortunata. Realisticamente una ogni vent'anni, in Italia di più (basti vedere chi ha vinto il torneo dalla Sampdoria in poi).

Il ruolo di noi giornalisti è ingrato. Quello di volere piacere ai tifosi lo è ancora di più. Voler essere contro è l'errore più grande, perché in alcuni meccanismi vorresti pure tifare contro, ben sapendo che la sommatoria è zero. Insomma, quando uno scrive vuole avere sempre ragione, vuole raggiungere un certo pulpito che è poi difficile da scollinare. Il problema è però avere solo un punto di vista, rimanere con quello quando i segni dell'Universo sono totalmente contrari. In questo senso de Boer sta facendo il giornalista che, per amore di linea editoriale (e di portafogli), continua nella sua strada diritta, mentre l'editore lo conferma a parole ma lavora per silurarlo. Insomma, l'allenatore dell'Inter è un novello Amatore Sciesa che tenta di sacrificarsi per il bene comune. Il Tiremm Innanz di meneghina memoria non fa scordare che de Boer è su una panchina a orologeria, può saltare oggi, domani oppure fra un mese, ma solo un cumulo di vittorie alla Allegri (la scorsa annata pure lui era sulla graticola dopo le prime gare) potrebbe riportare quella fiducia in lui che ora appare perduta. Soprattutto quando si presenta da solo in conferenza stampa.

C'è poi il Milan che vince con la Juve, benino, e perde con il Genoa, malissimo. Capita quando la squadra ha sì grinta e un ottimo allenatore, ma è ancora un lungodegente che sta cercando di tirarsi fuori da una buca. Ce la farà, perché Montella è davvero un tecnico coi controfiocchi, ma non senza grossi problemi. Inutile dire che la situazione societaria sia qualcosa di paradossale. Al Milan comanda Fassone, poi MIrabelli, forse Galliani - lascerà Fininvest e il Milan per la Lega? - poi Berlusconi, poi mr Bee, i cinesi oppure Godzilla. Parliamo a iperbole perché sarebbe bello riuscire a capire quale sarà la scelta dei nuovi proprietari rossoneri per il mercato, per la gestione della squadra e via discorrendo: saremo ai livelli del Malaga o del Manchester City?

Chiuderei con chi è capocannoniere, di buon grado, della Serie A. Edin Dzeko assomiglia a Hernan Crespo, non tecnicamente, bensì come approccio alla Serie A. Il bosniaco ci ha impiegato un pochino, circa un anno, per riuscire a cambiare l'approccio e la propria media realizzativa. L'argentino ha rischiato più volte di naufragare nel mare della A, aiutato solamente da Carlo Ancelotti. A un certo punto ha incominciato a segnare per non fermarsi più. Ed è probabile che succeda così anche per il granatiere ex Wolfsburg, pur con caratteristiche diverse. E la Roma, per essere la vera anti Juve, ha bisogno di veri campioni.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Juve: polemiche a raffica, un arrivo e un solo vero pericolo. Milan: la svolta, le ultime sul closing e i segreti di Mr Li. Inter: si sogna un colpo da sceicchi (ma occhio alle bufale)! Napoli sospeso tra Sarri e Higuain 28.03 - In quel tempo c'era la pausa per la Nazionale. E la pausa per la Nazionale portava polemiche sterili e invenzioni di mercato. E tu chiamavi i direttori sportivi e chiedevi "si parla molto di mercato, dimmi tutto!". E loro: "C'è la pausa per la nazionale, siamo in vacanza, vatti a...
Telegram

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Le infiltrazioni mafiose nel calcio e i falsi moralisti. Milan, dopo la colletta il problema sarà di Mirabelli. Verona, comunque andrà sarà un fallimento! Foggia, da De Zerbi a Stroppa il vero vincitore è Di Bari 27.03 - Quando c'è la Nazionale bisogna cercare altre notizie, altrimenti televisioni e giornali chiudono. Si punta sul mercato o su questioni extra. Hanno aiutato, in questa fase, il closing del Milan e le indagini della Procura Federale sulle intercettazioni della Juventus. Se a fare i...

EditorialeDI: Marco Conterio

Il closing del Milan: la figura di Yonghong Li e tutti gli scenari futuri del club. Valzer delle panchine: tanto ruota attorno a Spalletti. Tutti i colpi delle grandi da Bernardeschi a Manolas fino a Kessie 26.03 - Forse, ci siamo. Il Milan sta per diventare del misterioso Yonghong Li in... Prestito con obbligo di riscatto. Già. Perché i soldi per il closing arriverebbero al broker cinese dagli Stati Uniti, dal fondo Elliott, che finanzierebbe così la chiusura del passaggio del club. Li è rimasto...

EditorialeDI: Mauro Suma

Montella: Maiorino sa tutto. I 720 milioni di Sino, i 270 di Suning. Inter e Milan: Napoli e Roma col fiato corto. Balo e Darmian novità di mercato 25.03 - "Vediamo". In Casa Milan da diversi mesi a questa parte non è una espressione come le altre. Non è un intercalare o un modo per prendere tempo. E' una vera e propria parola d'ordine, un approccio costante nel tempo, l'unico modo per attendere una soluzione definitiva alla cessione...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve-'Ndrangheta, siamo alla follia. Le colpe di Agnelli. Allegri vuole Di María. Inter, lasciate in pace Pioli. Napoli, tieni Insigne non Mertens 24.03 - LL’ultimo scandalo del calcio italiano ha dei contorni inquietanti. Parlo, naturalmente, della vicenda Juventus-‘Ndrangheta e di tutto quello che sta scatenando. Qui non si tratta di essere juventini o antijuventini, credo che il discorso che sto per fare attenga alla civiltà più...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Caparre cene e allenatori, in Primavera si fa il mercato e si guarda al futuro 23.03 - Sono principalmente due le notizie che hanno movimentato la settimana della pausa di campionato e sono destinate entrambe ad avere strascichi durante tutta la settimana. A Milano la questione closing non si è ancora chiusa: né in un verso né nell'altro. I famosi 100 milioni che doveva...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Luis Enrique, non solo Roma... Milan-Donnarumma, è rimasta solo la fede! Napoli, Mertens va premiato oppure... 22.03 - Ogni volta che si manifesta la primavera mi sento meglio… Le giornate diventano più luminose, la natura rinasce, tutto siamo più felici o, almeno, così pare… Tuttavia, ancora una volta, a primavera c’è solo una rondine che tiene alto il buon nome dell’Italia pallonara in Europa. C’è...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Un'idea "folle" per la Juve e una cosa da chiarire su Agnelli. I soldi del Milan ci sono: ecco chi li ha davvero (da lì nascono i problemi). Il fastidio dietro la "non sconfitta" dell'Inter. E sul pranzo indigesto di Sarri... 21.03 - Questa volta non me la prendo con la “pausa per la Nazionale”. Non ci penso neanche. Al limite con il campionato. Quello delle ultime che perdono sempre, delle prime che vincono sempre, di quelle in mezzo che vincono se giocano con le ultime, perdono se giocano con le prime e pareggiano...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Pallotta, chiedi il conto a Spalletti. Giro di panchine: Bucchi e Semplici le new entry. Il Torino dalla “Padelli alla brace”. Lotito in B? Ecco perché conviene più alla B che alla A… 20.03 - Nel week end dell’addio dei sogni di gloria dell’Inter, si passa al sabato dove il Milan conferma di essere da Europa di serie B. Milano oggi è da Europa di serie B e la classifica confermerà che le due squadre di Milano ancora non sono pronte a rientrare dalla porta principale. Il...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Il monopolio della Juve fa male al calcio italiano: o tornano le milanesi (dei giorni migliori...) o la Serie A in Europa perderà posizioni. E tanti saluti al regalo dell'UEFA 19.03 - Ci risiamo. Superati gli ottavi di finale ecco riaffiorare i soliti problemi e sempre gli stessi limiti. C'è la Juventus, che si avvia indisturbata a conquistare il sesto Scudetto consecutivo (record assoluto). Poi c'è il vuoto, in Serie A e nelle competizioni europee. La Roma in...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.