HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da Tuttomercatoweb.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
TMW Mob
Editoriale

È molto bello giocare, ma poi vincono i campioni. L'affascinante tiremm innanz di de Boer, il Milan è sull'altalena. Dzeko novello Crespo con sei mesi di ritardo

Nato a Bergamo il 23-06-1984, giornalista per TuttoMercatoWeb dal 2008 e caporedattore dal 2009, ha diretto TuttoMondiali e TuttoEuropei. Ha collaborato con Odeon TV, SportItalia e Radio Sportiva. Dal 2012 lavora per il Corriere della Sera
30.10.2016 00.00 di Andrea Losapio  Twitter:   articolo letto 27389 volte
© foto di Lorenzo Di Benedetto

Il copione sembra hollywoodiano, o forse solo da cinema. Perché capita che il Napoli giochi meglio per un tempo, poi prenda gol, reagisca. Alla fine arriva Higuain, verrebbe da dire, un po' come il - maldestro e raffazzonato nella traduzione - telefilm di qualche anno fa. Higuain che al settantunesimo la colpisce di sinistro, da attaccante consumato, centrando le gambe di un Chiriches che avrebbe dovuto tuffarsi in qualche maniera, bruciando un Allan che sembrava quasi in gita premio in quell'occasione. Insomma, vince chi ha la voglia e Higuain, pur con qualche kg sopra il proprio peso forma, ha quel fuoco dentro che mischiato alla tecnica vale più di cinquecento metri percorsi alla fine della partita o al momento della sostituzione. De Laurentiis ha sempre quel piccolo enorme problema: Diawara è fortissimo, farà strada, ma poi andrà a giocare al Bayern Monaco. Milik se dovesse diventare un nuovo Ibrahimovic poi finirà al Real Madrid. E i soldi? Investiti in altre plusvalenze. Managerialmente è una grane idea, investire ogni anno per poi avere i frutti in poco tempo. Sportivamente è bello giocare ma poi vincono i campioni, a meno che non ti chiami Leicester e imbrocchi l'annata fortunata. Realisticamente una ogni vent'anni, in Italia di più (basti vedere chi ha vinto il torneo dalla Sampdoria in poi).

Il ruolo di noi giornalisti è ingrato. Quello di volere piacere ai tifosi lo è ancora di più. Voler essere contro è l'errore più grande, perché in alcuni meccanismi vorresti pure tifare contro, ben sapendo che la sommatoria è zero. Insomma, quando uno scrive vuole avere sempre ragione, vuole raggiungere un certo pulpito che è poi difficile da scollinare. Il problema è però avere solo un punto di vista, rimanere con quello quando i segni dell'Universo sono totalmente contrari. In questo senso de Boer sta facendo il giornalista che, per amore di linea editoriale (e di portafogli), continua nella sua strada diritta, mentre l'editore lo conferma a parole ma lavora per silurarlo. Insomma, l'allenatore dell'Inter è un novello Amatore Sciesa che tenta di sacrificarsi per il bene comune. Il Tiremm Innanz di meneghina memoria non fa scordare che de Boer è su una panchina a orologeria, può saltare oggi, domani oppure fra un mese, ma solo un cumulo di vittorie alla Allegri (la scorsa annata pure lui era sulla graticola dopo le prime gare) potrebbe riportare quella fiducia in lui che ora appare perduta. Soprattutto quando si presenta da solo in conferenza stampa.

C'è poi il Milan che vince con la Juve, benino, e perde con il Genoa, malissimo. Capita quando la squadra ha sì grinta e un ottimo allenatore, ma è ancora un lungodegente che sta cercando di tirarsi fuori da una buca. Ce la farà, perché Montella è davvero un tecnico coi controfiocchi, ma non senza grossi problemi. Inutile dire che la situazione societaria sia qualcosa di paradossale. Al Milan comanda Fassone, poi MIrabelli, forse Galliani - lascerà Fininvest e il Milan per la Lega? - poi Berlusconi, poi mr Bee, i cinesi oppure Godzilla. Parliamo a iperbole perché sarebbe bello riuscire a capire quale sarà la scelta dei nuovi proprietari rossoneri per il mercato, per la gestione della squadra e via discorrendo: saremo ai livelli del Malaga o del Manchester City?

Chiuderei con chi è capocannoniere, di buon grado, della Serie A. Edin Dzeko assomiglia a Hernan Crespo, non tecnicamente, bensì come approccio alla Serie A. Il bosniaco ci ha impiegato un pochino, circa un anno, per riuscire a cambiare l'approccio e la propria media realizzativa. L'argentino ha rischiato più volte di naufragare nel mare della A, aiutato solamente da Carlo Ancelotti. A un certo punto ha incominciato a segnare per non fermarsi più. Ed è probabile che succeda così anche per il granatiere ex Wolfsburg, pur con caratteristiche diverse. E la Roma, per essere la vera anti Juve, ha bisogno di veri campioni.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
06.12 - Ciao. Volevo commentare insieme a voi gli esiti del referendum, ma mentre ci pensavo mi si è materializzata in testa l'immagine di Brunetta che esulta e se la tira come se avesse qualche merito. Mi sono spaventato. Sono cose più grosse di me: i referendum, non Brunetta. Per...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

Editoriale DI: Michele Criscitiello

05.12 - Mi e vi devo fare una promessa: in questo mio spazio del lunedì non parlerò più del closing Milan fino alla firma del contratto, alla stipula davanti al notaio, ai comunicati ufficiali e alle foto di rito. Anche se dovessero arrivare altri 100 milioni di euro dalle banche...

Editoriale DI: Andrea Losapio

04.12 - Sono allo Juventus Stadium per la gara fra padroni di casa e Atalanta. E vedo la squadra di Allegri che gioca come non fa mai nemmeno in Europa, figuriamoci in Italia. Forse è demerito nerazzurro ma la disfatta con il Genoa forse ha fatto suonare un campanello di allarme, come...

Editoriale DI: Mauro Suma

Milan, il 13 Dicembre resta il giorno. Roma, Napoli, Lazio, Milan non distraetevi. Berardi rimpiazza Gabigol all'Inter. Dani Alves torna a Gennaio, no emergenza Juve 03.12 - Poveri tifosi del Milan. E' come se li vedessimo. E per certi versi li vediamo. Costretti a compulsare siti, tv e social a tutte le ore del giorno e della notte per soppesare ogni sfumatura del particolare che arriva dal tal profilo twitter che fino ad oggi ha detto certe cose...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Il futuro di Allegri legato alla Champions. Piace Paulo Sousa. Marotta ha deciso: due centrocampisti a gennaio. Anche Berlusconi e le sue vedove si arrendono. Napoli, dubbi su Pavoletti 02.12 - Della serie anche i ricchi piangono, mi risulta che i dirigenti della Juventus, Agnelli in testa, non siano poi così contenti di questa squadra nonostante il primo posto in campionato e la qualificazione anticipata in Champions. L'assenza di gioco non è più motivo di simpatici...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Le panchine cambiano tutte insieme, gli scricchiolii delle big strizzano l'occhio al mercato. Gennaio si avvicina... 01.12 - Saltata un'altra panchina in A. De Zerbi non è più l'allenatore del Palermo dopo una sconfitta in coppa Italia ai rigori contro lo Spezia a pochi giorni dalla conferma (a sorpresa) del suo presidente Zamparini. Al suo posto arriva Corini, grande ex, che avrà il compito di...

Editoriale DI: Fabrizio Ponciroli

30.11 - Campionato riaperto, infermeria, quella bianconera, presa d'assalto. Allegri, di colpo, si è ritrovato a fare la conta dei pochi presenti. Ogni partita, qualche tassello della corazzata bianconera va in pezzi. In particolare, problemi evidenti a livello difensivo. Da qui la...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Milan e la telefonata "cinese" di chi crede ancora al closing: ecco cosa succede! Juve e Allegri: la "follia" dopo il ko di Genova. Inter: ecco il diktat sul mercato firmato Zhang. Roma: autodenuncia su Dzeko 29.11 - "Ciao, mi chiamo Maurizio, ho 75 anni e non esonero da 6 mesi". "Fate un bell'applauso a Maurizio". E giù applausi. Ci piace iniziare così, con un pensiero all' "esoneratore anonimo" Maurizio Zamparini, in crisi d'astinenza e comunque capace di tenere duro col buon De...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

28.11 - Sarà che settimana prossima c'è il referendum, sarà che per 8 mesi è rimasto in silenzio per problemi ben più gravi del calcio, sarà che in Italia tutto è consentito, sta di fatto che sono 10 giorni che Silvio Berlusconi,...

Editoriale DI: Andrea Losapio

27.11 - Abbiamo negli occhi la clamorosa sconfitta che l'Inter ha patito con il Hapoel Beer Sheva. I suoi giocatori hanno tenuto fede al nome della squadra e hanno ubriacato gli avversari in un secondo tempo davvero vergognoso da parte degli uomini di Pioli. Tanto bene nella prima...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.