HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
TMW Magazine
SONDAGGIO
Grandi bomber in Italia: chi la spunterà come capocannoniere?
  Vincerà Dzeko, è il centravanti più in forma della Serie A
  La spunterà ancora Higuain, è il goleador della squadra più forte
  Il trono tornerà ad un italiano, la rivelazione Belotti
  La sorpresa sarà totale: vincerà il falso nove Mertens
  Il titolo tornerà ad Icardi, già re dei bomber nel 2015

TMW Mob
Editoriale

Ecco i giovani più forti d'Europa. Quanti sono gli italiani? I numeri e la Federazione. Parma, telefonate e riforme. La foto è sfocata

Nato a Terni il 6 maggio 1976, lavora a Sky come vice caporedattore e si occupa del coordinamento del telegiornale. Tra i volti più conosciuti del calciomercato per l'emittente di Rupert Murdoch.
19.02.2015 00.00 di Luca Marchetti   articolo letto 43442 volte
© foto di Federico De Luca

Pochi giorni fa un centro di ricerche svizzero ha fatto uno studio sui giovani, dal 1995 al 1992, quindi fino all'U23. E da questa analisi, fatta soprattutto realizzando degli algoritmi che tengono soprattutto in considerazione l'utilizzo nel proprio club e il valore di mercato, emergono dei dati interessanti.
Intanto i numeri. Nonostante l'Italia abbia più volte detto, anche attraverso le parole del suo presidente federale Tavecchio, di voler puntare sui giovani i giovani italiani praticamente non ci sono. Siamo staccati anni luce dagli altri campionati importanti europei. Lo studio prevede 5 nominativi per 6 "ruoli": portiere, terzino, difensore centrale, centrocampista difensivo, centrocampista offensivo, attaccante. Un totale di 30 giocatori per ogni anno di nascita. Per quattro anni fanno 120 giocatori nominati.
Potremmo definirli la "meglio gioventù", i migliori d'Europa. Si può essere d'accordo o meno sui parametri ma comunque difficilmente i numeri mentono. Ebbene su 120 giocatori "soltanto" 15 sono di proprietà italiana e naturalmente di questi solo la metà sono italiani. 6 portieri (Scuffet-Udinese, Gollini-Verona, Cragno-Cagliari, Leali-Cesena/Juve, Bardi-Chievo/Inter e Perin-Genoa) più un difensore, Romagnoli (Samp/Roma), e un centrocampista (Verratti) che però come sapete in Italia non gioca.
Al netto del portiere (scegliete chi volete!) si potrebbe fare una formazione anche abbatanza sensata con Hyasj (Empoli), Romagnoli (Roma/Samp) e De Vrij (Lazio) in difesa. A centrocampo forse i "nostri" uomini migliori con Pogba, Kovacic e (se ce lo consentite) Verratti, più Lestienne (Genoa) su una delle due fasce. In attacco Niang (Genoa/Milan), Boakye (Atalanta/Juventus) e Iturbe (Roma). In panchina pronto ad entrare se non potessimo tesserare Verratti Hallberg dell'Udinese.
Sono in totale 15 giocatori. 15 fra i migliori 120. Non un bel risultato, decisamente ultimi nella classifica europea. Una classifica guidata dalla Ligue1 con 29 giocatori, poi Bundesliga con 28. Spagna e Francia a parimerito con 24. Le politiche economiche da un lato (Inghilterra e le due grandi di Spagna) e le politiche federali dall'altra fanno la differenza. Non è un caso che Francia e Germania siano i campionati con più giovani top utilizzati in campo. I centri federali di crescita e formazione, gli obblighi (non come quelli recentemente approvati dalla Figc ma con una visione di più ampio respiro ed orizzonte) sulle rose delle squadre e il controllo stringente della federazione fanno la differenza. Ai tanti giocatori presenti nel listone le squadre italiane avevano pensato in fase di mercato. Qualcuno (come Marquinhos, Nastasic o Lamela) è già passato per il nostro campionato. Ma evidentemente il mercato non basta. Già ora i giovani sono molto costosi: bisogna essere bravi (e fortunati) ad arrivare prima degli altri. Quindi l'unico modo è testarne molti. Con un aiuto vero e concreto da parte delle istituzioni e del sistema con delle regole. Regole certe però e organismi che funzionano. Altrimenti ci ritroviamo come al solito al "fatta la legge trovato l'inganno". La prova lampante è il Parma. Insieme a degli amici più esperti che mi hanno aiutato a leggere bene i bilanci scorsi del Parma, senza neanche essere esperti di diritto, si capiva che la situazione era difficile e estremamente seria. In breve la liquidità che doveva essere usata nella stagione in corso (2014/15) era già stata utilizzata un anno e mezzo prima. E questo è scritto nel bilancio: per avere soldi dalle banche il Parma per esempio aveva già impegnato i proventi dai soldi delle tv, la cessione crediti della Lega. E nonostante questo i debiti - sempre nella lettura del bilancio - erano aumentati. Questi dati, pubblici soltanto ora, denotano un quadro molto difficile. Nonostante questo però la CoViSoc (organo della Figc) che forse aveva gli strumenti per fermare il Parma non lo ha fatto. Se non con la mancata licenza Uefa per il mancato pagamento di alcune trattenute Irpef. Insomma: le regole ci sono, gli strumenti pure, gli istituti anche. Allora dove si blocca il sistema? Ecco perché fare le regole non sempre serve. Serve saperle attuare anzi farle rispettare. Altrimenti rimangono solo belle idee.
I numeri difficilmente mentono: sia per i giovani, sia per il Parma. E ci danno una fotografia dell'Italia calcistica decisamente sfocata. Allora andiamo oltre (o dentro) le telefonate registrate e guardiamo ai contenuti: finora non abbiamo visto nulla.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Il futuro di Allegri, Sousa, Spalletti, Sarri e la carta Ranieri: novità e previsioni su uno dei più grandi domini degli allenatori del calcio italiano 26.02 - Mentre il Napoli ha ufficialmente detto addio ai sogni Scudetto, la Juventus vola spedita verso l'ennesimo titolo. Sì, dietro c'è la Roma, arrembante, vigorosa, ma la sensazione è che per l'ennesima volta la proprietà americana resterà a bocca asciutta mentre a festeggiare sarà Massimiliano...
Telegram

EditorialeDI: Mauro Suma

Allegri-Bonucci: tutta una finta! Il 3 Marzo del Milan, il 24 Febbraio della Roma. Arbitri: Carnevali come Donadoni. 25.02 - Ci avevano convinto. Erano stati proprio bravi. In diretta, il primo commento di pelle alle "parole grosse" fra Allegri e Bonucci, era stato "non è per forza un male". Ma l'approfondimento, forse solo una battuta..., era stato ancora meglio: "Hanno fatto finta di litigare, visto che...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Sousa verso l'esonero, disastro Fiorentina. E adesso Kalinic può andare in Cina. Ranieri finito il fattore C. Allegri, ecco perché andrà via. Dybala firma fino al 2021 24.02 - Succede l’incredibile a Firenze. La Fiorentina in vantaggio per 2-0 dopo l’1-0 dell’andata, si fa battere 4-2. Un crollo verticale di una squadra che chiude la stagione qui, a febbraio: fuori da tutto. E adesso? Dopo la contestazione a caldo, allo stadio, nella notte c’è stato un...

EditorialeDI: Luca Marchetti

La Juve d'Europa non si ferma neanche sul mercato, Bacca ancora Cina, l'Inter guarda alla Roma e al futuro 23.02 - Promossa. A pieni voti. La Juventus versione Europa viaggia, come in campionato. Uno 0-2 pesante sul campo sempre delicato del Porto, il modulo offensivo confermato da Allegri senza timori e la tensione con Bonucci già alle spalle: la Juve risponde con una vittoria importante, fondamentale,...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Milan, un ex Juve per l'attacco... Inter-Berardi, passi avanti! Roma, troppe parole sullo stadio. Napoli, Sarri deve restare 22.02 - Forse neppure Beautiful, mitica soap opera statunitense (in onda dal 1987…), è durata di più. Il tanto agognato closing pare alle porte. Finalmente il Milan scoprirà i suoi nuovi capi e, altrettanto finalmente, ci comincerà a pensare, in grande, per il mercato. Saranno due i primi,...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve, Allegri e gli sfoghi: ecco cosa c'è dietro la multa a Bonucci. Milan: 2 cose sui cinesi (ma occhio al "boicottaggio"). Inter: decisioni prese e da prendere a prescindere dalla Champions (e Pioli...). Napoli: c'è il "patto"  21.02 - Ciao. Vogliamo stupire De Laurentiis. Lui e quelli che non credono in noi. Noi abbiamo la "cazzimma" e lo dimostreremo compilando il primo editoriale "a caso" della storia. Partiamo dalle cose importanti: le marchette. Questa settimana ne abbiamo raccolte cinque. (Le marchette...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Svolta Milan: Fassone e Mirabelli, ecco cosa c'è in agenda. De Laurentiis, squadra e mister in pubblico vanno sempre difesi. Figc, Tavecchio 60%-Abodi 40%. E quell'assalto a Renzo... 20.02 - Il calcio è strano e per questo ci piace così tanto. Zeman torna a Pescara e in un colpo solo consente di festeggiare il primo successo sul campo agli abruzzesi e fa più gol lui in 90 minuti che Oddo in un girone e mezzo. Il Torino è durato 3 mesi poi Sinisa si è squagliato come già...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

De Laurentiis, lo sai che hai affrontato Modric e CR7 al Bernabeu? Marotta, Verratti come Higuain: si migliora solo con un'altra 'follia'. Rodriguez, trattativa alla Perisic: dettagli e retroscena di una lunga maratona 19.02 - Ma cosa si aspettava De Laurentiis? Mercoledì sera, in attesa dell'arrivo di Sarri nella sala stampa, ammetto di essere rimasto spiazzato dalle dichiarazioni del presidente del Napoli. Stupito. E mi sono presto accorto che non ero l'unico. Venivamo da giorni in cui il numero...

EditorialeDI: Mauro Suma

Simeone-Juve e Conte-Inter, le ultime dal fronte. De Laurentiis non protegge il Napoli di Madrid. Milan, il lavoro di Montella. C'è Valeri, ma il Milan deve stare calmo 18.02 - Sognare e ipotizzare non cosa nulla. E soprattutto può essere utile ad uscire, finalmente, non se ne può più, dall'ultimo Juventus-Inter. Nella speranza che non ci siano più dettagli e pagliuzze da esaminare per intere trasmissioni di quella partita, i tifosi bianconeri e nerazzurri...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Sarri prigioniero del Napoli, divorzio impossibile. Chelsea accelera per Bernardeschi, ieri mezza Europa a seguire l'asso viola. Milan, pronti cento milioni per il mercato. Spalletti prima scelta per la Juve 17.02 - Le accuse a Sarri, inaspettate e immotivate, del presidente De Laurentiis (con due i, mi raccomando) hanno fatto saltare in aria lo spogliatoio del Bernabeu e trasformato una onesta sconfitta in un’altra drammatica puntata della serie "I due nemici". E adesso cosa succederà? Ho...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.