HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Gagliardini-Inter, è il nome giusto per completare la squadra di Pioli?
  Sì, al centrocampo nerazzurro servono qualità come le sue
  No, non è ha il physique du role per giocare all'Inter
  Sì, pescare tra i migliori giovani italiani è la via giusta
  No, il prezzo chiesto dall'Atalanta è assolutamente fuori mercato
  La Juve alla fine avrà la meglio

TMW Mob
Editoriale

Ecco i segreti di Osvaldo alla Juve, su Conte anche l'Arsenal. Hernanes-Inter, Lotito vuole 20 milioni. Thohir parla con le banche e vende Guarin. Nani...

31.01.2014 00.00 di Enzo Bucchioni   articolo letto 64675 volte
© foto di Federico De Luca

La Juventus doveva vendere e alla fine ha comprato. Pablo Osvaldo è un grande colpo, un giocatore ancora giovane, ma esperto, l'attaccante forte fisicamente, ma anche capace di fare molto movimento, che la Juventus inseguiva da tempo. Già dall'estate scorsa era nella lista di Conte, poi è stato difficile prenderlo dalla Roma e adesso arriva dal Southampton. Se volete è anche una scommessa.
L'unico neo di Osvaldo, e lo sappiamo, è il carattere non sempre docile. Conte, però, ha insistito per averlo sicuro che lo trasformerà in un professionista perfetto come ha fatto con Tevez. Il motto dell'allenatore bianconero è proprio questo, dare delle regole, farle rispettare e motivare i giocatori. Secondo lui funziona sempre.
Osvaldo diventa così il terzo titolare dopo Llorente e Tevez, così l'allenatore avrà anche la possibilità di giocare con un fantastico tridente Tevez, LLorente, Osvaldo che supportato da Vidal, Pirlo e Pogba, può garantire comunque equilibrio per la squadra. Osvaldo è l'alternativa che Conte voleva, un attaccante diverso da quelli che ha in rosa. Fra l'altro per il giocatore è un'opportunità in più per riconquistare maggiore attenzione da parte di Prandelli in vista del mondiale.
La Juventus, comunque, si è cautelata. Se Osvaldo non dovesse inserirsi, a giugno potrà tornare in Inghilterra. Ma i bianconeri hanno tutta l'intenzione di tenerlo e il prezzo del cartellino è stato fissato a 20 milioni di euro da pagare da giugno in poi, quindi nel prossimo bilancio.
Questa mossa va nella direzione chiesta da Conte, un rafforzamento della rosa che consenta di avere alternative valide in tutti i reparti, insomma una panchina con giocatori all'altezza di chi gioca, come hanno tutte le grandi in Europa.
Cosa significa tutto questo? Conte ha deciso di restare alla Juve? Non ancora, come vi abbiamo sempre detto, la trattativa per il rinnovo del contratto si farà solo da marzo in poi.
Qualcuno ha voluto leggere nelle parole di Conte dette l'altra sera "la Juve è casa mia", una decisione già presa, ma non è così. Conte doveva dire quelle cose per non turbare un ambiente già inquieto per le separazioni di Buffon e Pirlo che vi abbiamo anticipato la settimana scorsa e per la rimonta della Roma arrivata a -6. Conte sta attento a tutto, vuol rivincere il campionato e l'Europa League, non vuole sbagliare mosse.
A marzo la situazione sarà più chiara e la priorità è naturalmente per i bianconeri. Conte pensa davvero di poter diventare una sorta di Ferguson per la Juventus, ma si aspetta che il contratto vada esattamente in questa direzione. Soprattutto a Conte interessa un accordo di lungo periodo (cinque anni) che dia a lui più forza in società con la sicurezza di poter fare programmi veri. L'ingaggio è una conseguenza, ora guadagna tre milioni più i premi, si partirà da quattro con incentivi.
Però alla lista delle grandi squadre che vorrebbero Conte in panchina (Manchester United e Monaco) si è aggiunta anche l'Arsenal. Un abboccamento c'è già stato, Wenger vuole cambiare aria. Ma anche all'Arsenal è stato risposto ne parliamo a marzo dopo aver parlato con la Juve.
Sempre in tema di mercato, ora la Juventus si trova con sei attaccanti. Troppi. Vucinic non vuole più andar via. Quagliarella ha rifiutato il Cardiff e sarà difficile piazzarlo oggi ultima giornata di mercato. C'è anche Giovinco che potrebbe andare a Parma in uno scambio con Biabiany che ha rifiutato la Cina.
Certamente Marotta farà un ultimo tentativo per Guarin. E questa potrebbe essere la svolta. L'offerta è Guagliarella più soldi. E l'Inter ci pensa, ha troppe cose in ballo nelle ultime ore e sarà difficile dare delle priorità. Si aspettano gli incastri.
Hernanes è il primo della lista. Ieri sera è stato raggiuntoi l'accordo con i procuratori del giocatore: contratto di 4 anni a quasi tre milioni l'anno. Probabilmente stamani la trattativa si chiuderà, ma sono insorte notevoli difficoltà che potrebbero anche far saltare tutto. I contatti sono andati avanti tutta la notte con i procuratori del giocatore in sede a Milano: il problema è Lotito. Il presidente della Lazio vuole 20 milioni senza contropartite tecniche. Troppi per l'Inter. Inoltre la contestazioni dei tifosi a Formello (500 inferociti) ha fatto temere il precipitare della situazione e Lotito senza aver paura sta in guardia, non vuole fare mosse false. Tra l'altro se Hernanes dovesse fare un grande mondiale potrebbe valere di più. E Postiga, 31 anni, non può essere rivenduto al tifosi come un grande colpo. Situazione tesa, di difficile lettura.
Thohir vuole fare un grosso acquisto a tutti i costi per la piazza e per la dignità dell'Inter, ha capito che i tifosi sono tesi, inquieti, che la squadra ha grosse lacune, ma i soldi non ci sono. L'indonesiano ieri ha parlato anche con le banche per capire se c'è la possibilità di dilazionare le rate che deve ancora per l'acquisto dell'Inter. Parte dei soldi risparmiati sarebbero così destinati al mercato.
Nel frattempo però soci indonesiani si stanno tirando indietro: i problemi non mancano. La cessione di Ranocchia al Galatasaray potrebbe portare dieci milioni, c'è anche chi in società pensa di riproporre Guarin alla Juventus per poi pagare Hernanes.
Nel frattempo Branca sta trattando anche con Nani, esterno ideale per Mazzarri, ma fino a ieri sera il portoghese non era convinto di lasciare Manchester. Tra l'altro guadagna molto di più dei due milioni e mezzo che sono il tetto ingaggio dell'Inter.
Come si vede una situazione molto complicata con Moratti che starebbe per ricomprare delle quote che non saranno sottoscritte dagli amici di Thohir. Una vicenda non chiara che a noi, personalmente, non ci ha mai convinto.
Certo se arrivassero Hernanes e Nani, Mazzarri potrebbe dare una svolta alla stagione. Se invece l'Inter dovesse restare come oggi, con un Guarin separato in casa e Cambiasso che dovrà stare fuori più di un mese, diventerà difficile centrare anche l'Europa League. Oggi è una giornata cruciale, si saprà molto del futuro dell'Inter. Se il progetto di Thohir funziona, qualcosa dovrà necessariamente succedere, altrimenti preparatevi a un'Inter minore.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Juve: fuori dal campo sta succedendo qualcosa di grosso (e i cinesi trattano con  un attaccante!). Inter: i segreti di Nanchino e le prossime mosse di Ausilio. Milan: la decisione su Deulofeu. Napoli: e se Maradona... 17.01 - Ci tocca partire con una cosa seria. Molto seria. Pure troppo. La potenza di Tuttomercatoweb ha generato il “dramma dei pizzoccheri” che vi vado brevemente a raccontare. (Ricordatevi che è tutto molto serio. Serissimo). Settimana scorsa ho iniziato l’editoriale con la consueta...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Da Orsolini a Gabbiadini, quando gli agenti sbagliano parole e strategie. Dalla Juve all'Inter: le cifre che "drogano" il mercato. Ombre e luci su un gennaio atipico. Palermo verso la B e Lo Faso fa la Primavera... 16.01 - Sapere che è, quasi, tutto finito a metà gennaio, sinceramente, ci porta un pò di tristezza. Poi capiamo le mosse di mercato dei dirigenti italiani e ce ne facciamo una ragione. Non a caso questo è il primo mercato di gennaio di programmazione e non distruzione. Crotone, Pescara e...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Alla fine tutti si scansano con la Juventus, Napoli e Roma un po' meno. Tornerà la grande Milano, almeno la parte cinese delle due. Mercato a costo zero, tranne per i cinesi: Zidane costa 285 milioni, Buffon 110 e Veron 120 15.01 - Abbiamo negli occhi ancora la - ennesima - bella prestazione dell'Atalanta contro la Juventus, con i nerazzurri capaci, negli ultimi dieci minuti, di mettere in seria difficoltà i bianconeri. Bravo Gasperini, bravo Latte Lath, se non ci fosse la Juve un dieci euro sullo Scudetto nerazzurro...

EditorialeDI: Mauro Suma

Gagliardini-Caldara, una simpatica zuffa a suon di milioni. Le spallucce di Montella, le spallucce del Milan. La Champions della Juve passa da Dybala 14.01 - Una volta si cantava vengo anch'io no tu no. Oggi si canticchia all'avversario l'hai pagato di più tu, no invece tu. Non sappiamo chi si contenterà, ma certamente chi gode è l'Atalanta. Visto che il motivo del contendere è chi ha speso di più fra Inter e Juventus, fra Gagliardini...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve-Inter: scontro totale sul mercato. Verratti conteso a colpi di milioni. Chi ha buttato i soldi per Gagliardini e Caldara? Zaza al Valencia. Pioli vuole Vrsaljko 13.01 - Una buona strategia di marketing l’avrebbe suggerito, andare addosso ai più forti, a chi comanda il mercato o la situazione, funziona sempre. L’aggressione. E’ quello che, milione più milione meno, sta facendo l’Inter, tornata a braccare la Juventus molto da vicino. Il caso Gagliardini...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Inter: Gagliardini e le uscite. Deulofeu passi in avanti. Colpo Genoa e Fiorentina. Tutte le punte della B 12.01 - Finalmente Gagliardini è ufficialmente un giocatore dell’Inter. Colpo dei nerazzurri anche perché (praticamente a sorpresa) il giocatore arriva in prestito sì, ma biennale. Vale a dire che i 20 milioni di euro fissati per il riscatto andranno pagati nel 2018, consentendo così all’Inter...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

CR7, un anno da 102 milioni! Milan, trovato il secondo... Brava Inter! Dybala, per ora solo Juve 11.01 - Il mondo dei tifosi pallonari si divide in due grandi masse. C’è il popolo dei fedelissimi di Cristiano Ronaldo e quello che vive per Messi. Il portoghese e l’argentino, da anni, sono il gotha del calcio mondiale. Bene, i due stanno vivendo momenti diametralmente opposti. CR7 ha vissuto...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: il no per Tolisso, nasconde qualcosa di grosso (ma occhio ad Agnelli...). Milan: i fissati sulla questione cinese e un futuro grandi-nomi. Inter: occhio, arriva la "scelta di Pioli". Napoli: la "bellezza" della sofferenza 10.01 - Eccoci qua. Sono stato quattro giorni in ferie. In Valtellina. A mangiare pizzoccheri. La caratteristica dei pizzoccheri è che il primo giorno sono buonissimi, il secondo ti fanno venire l’acetone, il terzo cementano e al quarto non ci arrivi. Nel senso che muori. Siccome il 6 gennaio...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Inter-Gagliardini: avere i soldi non significa buttarli. Juve, batti un colpo da Juve. Ferrero, posa i fazzoletti. Basta con le mogli-addette stampa! 09.01 - Gasperini dovrebbe spiegare meglio il significato della frase: "Gagliardini non convocato per rispetto dell'Inter". E il rispetto per i tifosi dell'Atalanta dov'è? La verità è che il Mister ha sbagliato la risposta e avrebbe fatto più bella figura a dire la verità. Le parole che non...

EditorialeDI: Marco Conterio

Ferrero, Sarri & co: ora basta! Una decisione arbitrale sbagliata non può portare ancora a simili reazioni. Juventus, perdere Witsel non è un peccato. Roma, Feghouli bel colpo. Caso Kalinic: cifre folli, immobilismo viola e la reazione di Sousa 08.01 - Renzo Ulivieri, presidente dell'Assoallenatori, disse chiaramente che i tecnici arebbero dovuto evitare di parlare di decisioni arbitrali. E siccome nell'universo calcio, nel posto gara, i microfoni sono accesi anche per i presidenti, sarebbe stata cosa buona e giusta se quelle parole...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.