HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Juventus-Barcellona ai quarti: passare è possibile?
  Sì, la Juventus è cresciuta rispetto al 2015
  No, il Barcellona resta più forte dei bianconeri

TMW Mob
Editoriale

Ecco la mia formazione del mercato! I più forti o più belli da raccontare?

Nato a Terni il 6 maggio 1976, lavora a Sky come vice caporedattore e si occupa del coordinamento del telegiornale. Tra i volti più conosciuti del calciomercato per l'emittente di Rupert Murdoch.
22.10.2015 07.25 di Luca Marchetti   articolo letto 53087 volte
© foto di Federico De Luca

Archiviato un altro turno di Champions, stavolta senza acuti. L'otto volante Roma non ha trovato ancora la stabilità europea, la Juve dovrà aspettare ancora almeno altri 15 giorni per piazzare la zampata vincente. E allora rituffiamoci nel mercato. E (Champions o meno) ci sono almeno 11 giocatori che in questo avvio di stagione hanno cambiato la loro squadra. O per lo meno ci hanno provato. Sono gli acquisti azzeccati, quelli per cui non c'è neanche un pizzico di rammarico. Costi quel che costi. Sono gli acquisti azzeccati. E allora siccome di classifiche ne abbiamo i siti pieni, vi proponiamo una squadra. Come fosse Fantacalcio. Chiaro che con il senno di poi è facile costruire una squadra vincente. Ma questi colpi li hanno messi a segno quest'estate. Ci hanno visto lungo. Questa è la mia formazione. Siete d'accordo?
In porta Reina. Era andato via per respirare l'aria della grandissima aristocrazia europea, ma Napoli gli era rimasta nel cuore. Continuava a cinguettare con i suoi ex compagni, rigorosamente in napoletano. Ed è tornato come se non fosse passato neanche un minuto. E' tornato da leader, è tornato per riportare il Napoli in alto. Nella stagione della ricostruzione il primo tassello non si può sbagliare. E Reina ha un rendimento pauroso. Non sarà un caso se la difesa del Napoli è tornata solida. Sicuramente il lavoro di Sarri si sente: ma anche la sua esperienza porta tranquillità.
In difesa ne scegliamo 3. Perché il nostro sistema di gioco sarà un 3-4-3, magari offensivo, ma con un minimo di credibilità. Murillo su tutti. Perché lui e non Miranda (visto che all'Inter la solidità difensiva è tornata proprio grazie alla coppia)? Intanto perché lui è arrivato prima e poi perché Miranda era una colonna dell'Atletico ed era difficile ipotizzare che non potesse rendere. Murilllo (giova ricordarlo, un altro colpo messo a segno dalla famiglia Pozzo, stavolta in Spagna) è costato 10 milioni di euro, perché è più giovane e perché veniva da una squadra che si è salvata all'ultima giornata. E' stato uno dei pochi difensori che ha fermato Messi: ha confermato le sue qualità anche in Italia, senza problemi di ambientamento. Ricorda Cordoba? Fate voi.
Poi Astori. Rapporto qualità prezzo è sicuramente una delle note più liete di questo mercato. Lo avrebbe dovuto riscattare la Roma (e forse, nonostante una stagione non entusiasmante, avrebbe fatto comodo). Lo avrebbe voluto prendere il Napoli: è stato un tormentone estivo, probabilmente anche contro la sua volontà, per via dei diritti di immagine su cui non si è riusciti a trovare un accordo. Ne ha approfittato la Fiorentina prendendolo in prestito con obbligo di riscatto per 5 milioni di euro (più un milione di bonus). E' uno dei più utilizzati da Sousa che si fida ciecamente di lui.
Il terzo è Toloi. Sorpresa? In Italia c'era già stato, alla Roma, senza trovare spazio. Infatti i giallorossi non lo riscattano (fissato il prezzo a 5 milioni e mezzo) e torna al San Paolo dove di partite ne fa 40. L'Atalanta, quasi a sorpresa lo prende negli ultimi giorni di mercato. E lo prende (anche in questo caso) pagandolo in totale circa 4 milioni di euro. Titolarissimo e anche goleador.
Passiamo al centrocampo. Per la destra credo ci siano pochi dubbi: Cuadrado. Sembrava dovesse arrivare come un pacco dall'Inghilterra. Uno di quelli che non ce l'hanno fatta, con quei capelli poi, sembra "scoppiato". Invece a scoppiare sono sempre i suoi avversari. Il dribbling e la forza esplosiva non l'ha persa affatto. E l'esperienza al Chelsea evidentemente è andata male non certamente per le sue qualità tecniche. Era arrivato come "alternativa" al trequartista e i tifosi juventini non sembravano entusiasti. Lo avessero preso 12 mesi prima sarebbe stato il crac del mercato. Ma dopo 12 mesi l'opinione non può cambiare. La Juve lo ha preso in prestito, senza fissare il prezzo del riscatto. E ora si dovrà parlare con il Chelsea. In Inghilterra sono sicuri che a gennaio la Juve chiuderà l'operazione, in Italia siamo più cauti. A noi per esempio non risulta che siano già così avanti le chiacchierate. Ma questo non significa che non ci pensino anzi.
Dall'altra parte non può che esserci un solo nome Blaszczykowski. Lo confesso: per scrivere bene il nome ho fatto copia e incolla. Forse lo fa anche lui. Ma Kuba (ecco, così è meglio) non copia nessuno in campo. Sembrava una scommessa troppo difficile da vincere. Lui invece ci ha messo al massimo due settimane per far capire che l'infortunio è alle spalle e che i numeri li ha conservati tutti nei suoi piedi. Prezzo? Un milione per il prestito 6 per il riscatto. Un gol e due assist. Ma soprattutto subito inserito negli schemi di Sousa.
Poi in mezzo. Un posto è preso. Senza dubbio Baselli. Il Torino nei giovani ci crede e per 10 milioni di euro lo ha portato a casa, ma insieme a Zappacosta. Si parlava del Milan per lui e chissà, probabilmente qualcuno dalle parti di Milanello si sta mordendo le mani, anche perché al Milan ha segnato pure. L'inizio di stagione di Baselli è stato folgorante. Quattro gol in campionato e uno in coppa Italia. Il suo prezzo è letteralmente raddoppiato, se non di più, in questo avvio di stagione. Si candida per la Nazionale dei grandi, e il posto nella nostra nazionale del mercato non glielo toglie nessuno. E' una delle vittorie di Petrachi che insieme a Cairo e Ventura ha messo in piedi una "fabbrica" perfetta. Compra a poco, lancia e vende. Dimostrando che il calcio può essere anche profitto: a patto di avere pazienza, fiuto e costanza.
L'altro posto lo assegno a Felipe Melo. Perché è stata una delle trattative più lunghe dell'estate. Perché nessuno credeva (Mancini a parte) che avrebbe avuto un impatto così positivo con il campionato italiano. Perché sembra essere davvero il riequilibratore del centrocampo nerazzurro. Pagato pochissimo: e ha pesato tantissimo la sua volontà: nonostante avesse rinnovato il contratto con il Galatasaray ha comunque forzato per tornare in Italia. Mancini lo ha stregato, lui ha stregato Mancini. E nonostante il passato juventino è subito entrato in sintonia con gli interisti. E non molti ci avrebbero creduto all'inizio.
In attacco cominciano le scelte difficili. E allora la prima la faccio anche grazie al mercato. Salah è stata una telenovela. Che probabilmente non è ancora finita, soprattutto ad ascoltare le parole di Mencucci. La vicenda fra Inter, Fiorentina e Roma ci ha fatto divertire per mezza estate. A metà strada fra la soap opera, la sitcom (visti i tweet del procuratore dell'egiziano, sempre salaci e provocatori) e lo spionaggio. A raccontarla in tre righe non ci si riesce proprio. Peraltro domenica c'è proprio lo scontro diretto e Salah non potrà che essere protagonista, a questo punto!
L'altro è Kalinic. Non per par condicio con Salah, ci mancherebbe. Ma perché obiettivamente rapporto prezzo/gol credo che sia fra i migliori di sempre. Lo conoscevano in pochi, ma lui in finale di Europa League c'era arrivato lo scorso anno, mica 10 anni fa. Attaccante moderno, attacca lo spazio, crea la sponta, non ha paura a fare la giocata. Quando è arrivato a Firenze sembrava dovesse essere un comprimario: diteglielo ora.
Il terzo attaccante è più difficile da scegliere. E mi vengono in mente due nomi, sopra tutti. Uno è Bacca. Perché Bacca, nonostante il Milan non stia andando affatto bene, non si discute. Pagato un bel po', la clausola, giusto per non avere problemi. Ha risposto come doveva: con i gol. Segna anche dopo le trasferte transoceaniche, sa muoversi come pochi, sente la porta. E' uno da top team e in questo il Milan ha visto giusto. L'altro è Defrel. Scelta diversa: aveva la fila in estate e alla fine l'ha spuntata il Sassuolo, con la forza del progetto. E lui ha risposto alla sua maniera: spaccando le difese avversarie. Alla fine sono costretto a scegliere, altrimenti che formazione sarebbe? Dico Bacca, per una questione di pedigree. Ma il futuro è di Defrel. Me ne ricorderò per la prossima formazione!

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Luis Enrique, non solo Roma... Milan-Donnarumma, è rimasta solo la fede! Napoli, Mertens va premiato oppure... 22.03 - Ogni volta che si manifesta la primavera mi sento meglio… Le giornate diventano più luminose, la natura rinasce, tutto siamo più felici o, almeno, così pare… Tuttavia, ancora una volta, a primavera c’è solo una rondine che tiene alto il buon nome dell’Italia pallonara in Europa. C’è...
Telegram

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Un'idea "folle" per la Juve e una cosa da chiarire su Agnelli. I soldi del Milan ci sono: ecco chi li ha davvero (da lì nascono i problemi). Il fastidio dietro la "non sconfitta" dell'Inter. E sul pranzo indigesto di Sarri... 21.03 - Questa volta non me la prendo con la “pausa per la Nazionale”. Non ci penso neanche. Al limite con il campionato. Quello delle ultime che perdono sempre, delle prime che vincono sempre, di quelle in mezzo che vincono se giocano con le ultime, perdono se giocano con le prime e pareggiano...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Pallotta, chiedi il conto a Spalletti. Giro di panchine: Bucchi e Semplici le new entry. Il Torino dalla “Padelli alla brace”. Lotito in B? Ecco perché conviene più alla B che alla A… 20.03 - Nel week end dell’addio dei sogni di gloria dell’Inter, si passa al sabato dove il Milan conferma di essere da Europa di serie B. Milano oggi è da Europa di serie B e la classifica confermerà che le due squadre di Milano ancora non sono pronte a rientrare dalla porta principale. Il...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Il monopolio della Juve fa male al calcio italiano: o tornano le milanesi (dei giorni migliori...) o la Serie A in Europa perderà posizioni. E tanti saluti al regalo dell'UEFA 19.03 - Ci risiamo. Superati gli ottavi di finale ecco riaffiorare i soliti problemi e sempre gli stessi limiti. C'è la Juventus, che si avvia indisturbata a conquistare il sesto Scudetto consecutivo (record assoluto). Poi c'è il vuoto, in Serie A e nelle competizioni europee. La Roma in...

EditorialeDI: Mauro Suma

Sacchi-Dybala: juventini distratti. Bacca: nessuna grazia ricevuta. 200 milioni Closing e 200 milioni Guardiola. I derby estremi di Roma e Genova 18.03 - Era appena finita Juventus-Porto e dopo partite del genere, dove tutto va per filo e per segno, le tv devono cercare di ravvivare e movimentare. E' accaduto anche su Premium, dove Arrigo Sacchi ha stimolato Dybala: "Sei un modello per i giovani, sei un grandissimo giocatore, perchè...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Spalletti, ora è addio. E la Juve aspetta. Allegri più lontano. Inter, Suning 150 milioni per lo Scudetto. Milan, se salta il closing Donnarumma al Real 17.03 - La Roma è fuori dall’Europa nonostante la vittoria e una gara di grande spessore tecnico e agonistico e, se tanto mi da tanto, Spalletti è fuori dalla Roma. Non faccio altro che seguire le sue indicazioni e il suo ragionamento. Ancora pochi giorni fa ha ribadito che senza tituli (alla...

EditorialeDI: Luca Marchetti

I giovani, la Champions e le scadenze 2018? Vendi o firmi? 16.03 - La Champions sa ancora riservare sorprese. Non che il Monaco potenzialmente sia (stato) meno ricco del City, ma nell’anno in cui gli inglesi volevano la glorificazione in campo internazionale è arrivato il fracaso di Pep. Lontano dalla testa della classifica in Premier, uscito per...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Troppe polemiche, ci si mette anche Mourinho... Spalletti-Totti, uno è di troppo! Milan, Donnarumma resta. 15.03 - La primavera è alle porte, speriamo che, con l’arrivo delle belle giornate, le menti più fumantine riescano a rilassarsi… Basta polemiche. Non mi interessa chi ha torto e chi ha ragione, so solo che stiamo esagerando (mi ci metto anche io). Seguiamo ogni partita con occhio clinico,...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: tira una strana e “nuova” aria attorno alla Signora. Inter: Zhang e il destino di Pioli (occhio al dato su Simeone). Milan: ultime sul closing (con sorpresa sulla data?). Napoli: un assist a Sarri. E sul regolamento… 14.03 - Eccoci qui. Volevo spiegarvi le regole del calcio. Che sono semplici. Perché se non lo fossero, allora sarebbe un problema. E noi non vogliamo problemi. Quindi eccovi le regole del calcio, così come le abbiamo capite. REGOLA DEL FALLO DI MANO A meno che tu non sia il portiere...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

L’Inter esagera… il Milan anche! Tutti sul carro di Luis, uomo perfetto per il Napoli. Samp, fissa il prezzo! Tavecchio stravince, Abodi ecco dove hai sbagliato… 13.03 - Se dall’altra parte del mondo, un uomo in Sudafrica non guarda le partite di serie A e non legge i giornali, ma vede solo i risultati, penserà che da inizio stagione ad oggi e da una domenica all’altra in Italia siamo impazziti. Prendete l’Inter e portate a Coverciano l’esempio di...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.