HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
-10 alla fine del mercato: da chi aspettarsi il grande colpo?
  Atalanta
  Bologna
  Cagliari
  Chievo Verona
  Crotone
  Empoli
  Fiorentina
  Genoa
  Inter
  Juventus
  Lazio
  Milan
  Napoli
  Palermo
  Pescara
  Roma
  Sampdoria
  Sassuolo
  Torino
  Udinese

TMW Mob
Editoriale

Ecco la verità sul futuro di Conte alla Juventus. Bloccati Prandelli e Mancini. Garcia tentato dal PSG, Allegri o Zaccheroni in azzurro

Nato ad Aulla (Massa Carrara) il 16/03/54 comincia giovanissimo a collaborare con La Nazione portando la partita che giocava lui. Poi inviato speciale e commentatore, oggi direttore del Qs Quotidiano sportivo della Nazione, Resto del Carlino e Giorno
07.02.2014 00.00 di Enzo Bucchioni   articolo letto 50125 volte
© foto di Federico De Luca

Finito il mercato dei calciatori è già iniziato alla grande quello degli allenatori. La Juventus dovrebbe essere la squadra a non aver problemi, Conte sta facendo benissimo e sta per vincere il terzo scudetto consecutivo, un'impresa storica. Ma in questo caso, come diciamo da tempo, non è la Juventus che non vuole confermare Conte, ma è Conte che non ha ancora deciso se rimanere o meno alla Juventus.

L'allenatore bianconero è ambizioso e molto giovane. Ha capito che per la sua carriera c'è bisogno di una svolta, di una dimensione internazionale. Se dovesse decidere di restare alla Juventus quasi sicuramente vincerà a mani basse anche il quarto scudetto, non si vedono rivali in circolazione, ma il punto è proprio questo: Conte ha bisogno di nuovi stimoli e di nuove sfide. Caratterialmente si autoalimenta proprio alzando i suoi obiettivi, nella calma piazza non si sente realizzato, le imprese facili non lo soddisfano. Non a caso ha lasciato Bari e Siena dopo le promozioni, anche se (naturalmente) erano situazioni diverse.

Torniamo sull'argomento perché abbiamo letto da più parti che l'accordo per il prolungamento del contratto fino al 2017 sarebbe ormai vicino, che Conte starebbe per firmare.

Noi, invece, conosciamo un altro film. Quella che sta circolando è la versione della Juventus, oggi la verità è diversa anche se non escludiamo (anzi) che alla fine Conte resterà. Se dovessimo scommettere vediamo Conte più vicino alla Juventus rispetto a tre o quattro mesi fa, ma la discussione non è ancora stata avviata nei dettagli.

Ricapitoliamo. Conte ha offerte concrete e molto (molto) vantaggiose dal Monaco. La squadra monegasca vuol vincere lo scudetto, abbattere il monopolio del Psg e Conte sembra l'uomo giusto. Sui soldi non c'e' problema. Proposte sono arrivate anche dall'Arsenal e dal Manchester United. E forse non solo.

La priorità di Conte, ovviamente, è quella di restare alla Juventus. Quando dice , lo pensa davvero, ma chiede ad Agnelli e C. un piano di lavoro che gli consenta di alimentare le sue ambizioni e di riportare la Juventus a competere con le grandi d'Europa in Champions League.

Quando i dirigenti bianconeri dicono "Conte sarà il nostro Ferguson", non mentono. Vorrebbero davvero trattenerlo per molti anni, lavorare ancora con lui. Come fare? Anche Conte vorrebbe davvero fare il Ferguson bianconero, ma a questo proposito ha spesso ricordato che l'allenatore inglese faceva anche il manager, gestiva il mercato.

Ecco quindi in sostanza cosa chiederà Conte alla Juventus: l'allungamento del contratto per altri cinque anni, fino al 2019. La partecipazione al mercato, con la definizione e la scelta degli obiettivi per rinforzare la squadra. Una campagna acquisti che porti un altro paio di top player, un esterno e un difensore centrale, ma soprattutto elevi il livello delle cosiddette riserve in modo da avere una panchina quasi uguale alla squadra titolare, come succede in tutte le grandi. L'adeguamento del suo contratto (ora guadagna poco più di tre milioni) non è fondamentale. Vorrebbe partire da quattro con una progressione anche in base ai risultati ottenuti.

Non è vero che la firma è imminente, tutto succederà entro il mese di marzo, mese fissato da Conte per dare una risposta positiva o negativa alle squadre che l'hanno cercato. Dicevamo che la situazione oggi è meno tesa rispetto all'estate scorsa, anche se Conte ha ripetuto anche di recente che le avversarie si rafforzano tutte e la Juve un po' meno. L'acquisto di Osvaldo, un giocatore che a Conte piace molto, è un segnale importante e l'allenatore l'ha preso come la volontà della Juventus di migliorare davvero una rosa che in Europa non è competitiva. Vedremo. I collegamenti sono aperti, la stretta decisiva ci sarà tra un mese.

Intanto, però, la Juventus non è stata ferma e come tutte le grandi società, prima di farsi trovare spiazzata da un eventuale addio di Conte (va messo in preventivo), ha cominciato a guardarsi attorno.

Il primo allenatore della lista bianconera è Roberto Mancini. Bianconero da sempre, vincente nato (ha vinto dappertutto da giocatore e da allenatore), fisic dù role, ha le caratteristiche giuste. Contatti c'erano già stati in passati, Mancini allenerebbe la Juventus molto volentieri, ha già dato il suo ok.

Un altro juventino dentro è Cesare Prandelli. Non a caso anche lui ha fatto sapere che entro marzo dirà ad Abete se resterà o meno alla guida della Nazionale. Aspetta da Conte la prima mossa, poi lui agirà di conseguenza. La panchina del Milan invece è sfumata, Berlusconi ha scelto Seedorf mentre Prandelli era una delle alternative di Galliani qualora Allegri fosse arrivato a giugno.

Su Prandelli, però, sono nate molte perplessità in casa Juve. Non è più giovanissimo, in carriera non ha mai vinto niente. Il Ct forse ha capito e allora sta seguendo con attenzione le poste straniere, l'offerta più interessante gli è arrivata dal Tottenham.

Ma la vera del mercato allenatori potrebbe arrivare da Roma. Lo sceicco del Psg non si accontenta più di vincere in Francia, ha messo gli occhi addosso alla Roma, al calcio spettacolare che pratica e si è innamorato di Garcia. Gli sembra l'uomo giusto per guidare una squadra alla conquista della Champions League. Risulta che un contatto ci sia già stato, la Roma non vuole in nessun modo liberarlo e Garcia sta benissimo alla Roma, ma il tam-tam è partito e di fronte a ingaggi stratosferici qualcuno potrebbe cambiare idea. Questa è la pista più interessante da seguire da qui a giugno.

La Roma, naturalmente, non vuol prendere in considerazione nessuna ipotesi alternativa (almeno per ora), ma adesso sarebbe libero quell'Allegri che piaceva tanto l'anno scorso. Oggi, però, sarebbe molto difficile riproporlo e allora è più facile che Sabatini (se resterà) si rivolga a Klopp che non è più in grande sintonia con il Borussia Dortmund.

Comunque per Allegri è forte la candidatura a Ct se Prandelli (come sembra probabile) dovesse dire stop all'azzurro. L'alternativa è Zaccheroni che piace molto a Sacchi: era e resta in pole-position. Se dovessimo scommettere, per noi il ct del Giappone sarà il prossimo allenatore della nazionale italiana...Zac.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Milan, se tutto va bene sarà l'ultimo Deulofeu della storia. Habemus "Papum", che esplosione! Inter, tre anni per arrivare sul tetto d'Europa. Un Manolo in "Gabbia"  23.01 - E' arrivato Gerard Deulofeu. Erano circa le 19:00 in Italia, Malpensa era presa d'assalto dai cronisti sportivi italiani e Rai e Canale 5 interrompevano la programmazione per darne la notizia. Ad accoglierlo il noto Direttore Sportivo rossonero Rocco Maiorino, conosciuto per le operazioni...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

EditorialeDI: Andrea Losapio

Una settimana da Kalinic. La Juventus chiude il mercato, la Roma lo apre, il Milan con Deulofeu aspetta Gomez dall'anno prossimo. Serie A più divertente: sarebbe meglio ridistribuire i proventi televisivi 22.01 - Non mi capita molto spesso di parlare bene della mia categoria professionale. Anche perché è in continuo movimento, c'è chi si ancora a vecchi capisaldi - perché nato con la carta stampata e, più in generale, non digitale - e chi mette zizzania perché pensa di cambiare completamente...

EditorialeDI: Mauro Suma

Cercasi fotografo per Deulofeu. Juve-Milinkovic Savic: qualcosa è cambiato. Allegri circondato dagli Inzaghi. Simeone, nuovo snodo Inter-Juve 21.01 - Esattamente due anni fa. Il sabato precedente Milan-Atalanta, il Milan sognava Witsel. Ma nel frattempo si preparava ad accontentarsi di Suso. Svanito infatti in poche ore il sogno Witsel, stessa sorte che sarebbe capitata ad altri Club notoriamente più capaci sul mercato, e persa...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Verratti alla Juve, la chiave è Orsolini. Tolisso, dieci giorni per il colpo. Idea Rakitic. Inter, Moratti prende le quote di Thohir? Kalinic bloccato: la Viola non trova il sostituto 20.01 - Inutile girarci attorno: i problemi della Juve nascono tutti dal centrocampo. Le colpe e i ritardi di Allegri ci sono (ne parlerò dopo), ma non si possono non chiamare in causa anche Marotta e Paratici che in due mercati estivi non sono stati in grado di comprare un centrocampista...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Milan, Deulofeu si avvicina. Kalinic si allontana. Defrel-Roma tutta in salita. Cassano ora che fa? E i grandi colpi in B... 19.01 - Partiamo dall'ultima notizia arrivata in serata. L'Everton ha dato segnali di apertura per il prestito di Deulofeu con diritto di riscatto al Milan. È evidente che questo tipo di apertura ha suscitato un moderato ottimismo fra i dirigenti rossoneri, anche se ora bisognerà discutere...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

La Cina si dà una regolata! Coppa d'Africa, effetto Billiat... Aiutiamo Drogba! E il mercato? 18.01 - Fa freddo, fa freddissimo a Milano… Note climatiche a parte, tanto di cui disquisire. Partiamo dalla Cina. Finalmente anche il governo cinese ha capito che qualcosa non torna. Le spese folli dei club cinesi stanno “inquinando” il prodotto calcio. Esborsi assurdi, inverosimili, fuori...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: fuori dal campo sta succedendo qualcosa di grosso (e i cinesi trattano con  un attaccante!). Inter: i segreti di Nanchino e le prossime mosse di Ausilio. Milan: la decisione su Deulofeu. Napoli: e se Maradona... 17.01 - Ci tocca partire con una cosa seria. Molto seria. Pure troppo. La potenza di Tuttomercatoweb ha generato il “dramma dei pizzoccheri” che vi vado brevemente a raccontare. (Ricordatevi che è tutto molto serio. Serissimo). Settimana scorsa ho iniziato l’editoriale con la consueta...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Da Orsolini a Gabbiadini, quando gli agenti sbagliano parole e strategie. Dalla Juve all'Inter: le cifre che "drogano" il mercato. Ombre e luci su un gennaio atipico. Palermo verso la B e Lo Faso fa la Primavera... 16.01 - Sapere che è, quasi, tutto finito a metà gennaio, sinceramente, ci porta un pò di tristezza. Poi capiamo le mosse di mercato dei dirigenti italiani e ce ne facciamo una ragione. Non a caso questo è il primo mercato di gennaio di programmazione e non distruzione. Crotone, Pescara e...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Alla fine tutti si scansano con la Juventus, Napoli e Roma un po' meno. Tornerà la grande Milano, almeno la parte cinese delle due. Mercato a costo zero, tranne per i cinesi: Zidane costa 285 milioni, Buffon 110 e Veron 120 15.01 - Abbiamo negli occhi ancora la - ennesima - bella prestazione dell'Atalanta contro la Juventus, con i nerazzurri capaci, negli ultimi dieci minuti, di mettere in seria difficoltà i bianconeri. Bravo Gasperini, bravo Latte Lath, se non ci fosse la Juve un dieci euro sullo Scudetto nerazzurro...

EditorialeDI: Mauro Suma

Gagliardini-Caldara, una simpatica zuffa a suon di milioni. Le spallucce di Montella, le spallucce del Milan. La Champions della Juve passa da Dybala 14.01 - Una volta si cantava vengo anch'io no tu no. Oggi si canticchia all'avversario l'hai pagato di più tu, no invece tu. Non sappiamo chi si contenterà, ma certamente chi gode è l'Atalanta. Visto che il motivo del contendere è chi ha speso di più fra Inter e Juventus, fra Gagliardini...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.