HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Juventus-Barcellona ai quarti: passare è possibile?
  Sì, la Juventus è cresciuta rispetto al 2015
  No, il Barcellona resta più forte dei bianconeri

TMW Mob
Editoriale

Ecco perché i cinesi comprano Inter e Milan. Via Galliani, Garcia in panchina. Per Mancini Lamela e Texeira. Juve: oK Dani Alves, Mascherano frena. Napoli, incubo Lewandowski. Rui Costa nuovo ds viola

Giornalista professionista e scrittore, editorialista del Quotidiano Sportivo che ha rifondato e diretto per cinque anni. Opinionista radio e tv. Twitter @EnzoBucchioni
03.06.2016 00.00 di Enzo Bucchioni   articolo letto 59027 volte
© foto di Federico De Luca

I cinesi arrivano. Chi ha sempre mostrato scetticismo verso queste trattative deve ricredersi, entro il mese di giugno Inter prima e Milan dopo, passeranno di mano. Il perché è molto semplice.

I cinesi stanno facendo nel calcio quello che hanno già fatto in altri settori industriali, si buttano su grandi marchi, brand in crisi, hanno la liquidità per comprare a prezzi vantaggiosi e sono sicuri di rilanciare e tornare a fare utili nel giro di pochi anni. Nel nostro caso costruendo gli stadi, rifacendo le squadre, potenziando il marketing e il merchandising globale. In più, queste operazioni hanno avuto l'avallo del governo cinese che del nostro calcio vuole anche il know own per trasportarlo in Cina e fare di questa nazione sterminata e ricchissima anche una potenza calcistica con l'obiettivo di portare i mondiali a Pechino. Di solito i cinesi fanno le cose per bene e sul serio, come ha ribadito Lippi, il primo ad avere aperto le frontiere calcistiche con la Cina. Siamo sicuri.

L'accelerata sull'acquisto dell'Inter non deve sorprendere. Abbiamo scritto più volte nel recente passato, facendo arrabbiare i tifosi nerazzurri, ma questa è l'amara realtà, che lo stato della società nerazzurra era ed è in stato pre-fallimentare. Lo era anche nel 2013 quando Moratti ha venduto a Thohir. Ora vengono fuori i veri contorni di quell'operazione. L'indonesiano altro non è che un finanziere che si è accollato i debiti dell'Inter, li ha ristrutturati e spalmati con le banche fino al 2019 grazie alla sua forza economica, ma ha fatto funzionare le cose solo prestando soldi di sue finanziarie che ora vorranno rientrare con un interesse molto alto.

Di sicuro Thohir chiuderà l'operazione Inter guadagnandoci senza lasciare niente, ha soltanto evitato il fallimento tre anni fa e qualcuno dirà comunque che non è poco.

Moratti ha sempre pilotato le cose forte del suo 29 per cento, sicuro che un giorno le cose sarebbero cambiate. Una volta salvata l'Inter dal fallimento, ha provato a riprenderla formando una cordata di industriali italiani suoi amici (anche l'ex Pellegrini), ma stavolta non ce l'ha fatta.

Ecco allora, tramite Tronchetti Provera, l'Sos ai cinesi che sono accorsi subito. Suning si è mostrata interessata da sempre ad acquisire la maggioranza. Prima con un 25 per cento chiesto a Thohir, più il 29 per cento di Moratti. A quel punto l'indonesiano ha capito di essere assediato, meglio vendere il più possibile per non rischiare di non comandare più e di rimetterci soldi. Pure Moratti, di fronte a certe offerte, e con i cinesi determinatissimi, si è sfilato volentieri. Le firme dovrebbero arrivare nel fine settimana, ballano cento milioni (non è poco) tra offerta e richiesta, ma tutti hanno interesse a chiudere.

Nessuno pensi però che Suning possa fare immediatamente una squadra di fenomeni. I parametri Uefa vanno rispettati, prima ci saranno da risanare i conti con qualche cessione. Poi si passerà agli acquisti. Mancini ha suggerito Yaya Tourè (vecchio pallino), Lamela e Teixeira. Questi tre dovrebbero bastare a rendere comunque l'Inter più competitiva.

Anche per il fondo cinese dell'operazione Galatioto, l'affare è alla stretta finale. Come vi avevamo anticipato un paio di settimane fa, Berlusconi ha dato il suo ok alla cessione del Milan. Siamo ai dettagli. Il Cavaliere ha cercato di strappare il più possibile, dalla sua presidenza onoraria ad altri pezzi del vecchio Milan nella nuova struttura. I cinesi, invece, vogliono un Cda tutto nuovo, con uomini di loro fiducia.

Quindi, dopo trent'anni, anche Galliani dovrà dire addio alla sua creatura. Sarà doloroso, ma inevitabile. Del resto il dirigente aveva fatto il suo tempo. Berlusconi dovrebbe restare presidente onorario ancora per un paio d'anni, ma con potere solo di rappresentanza. Nel nuovo Cda dovrebbe entrare soltanto la figlia Barbara. Per il mercato non si fanno progetti, il Milan è da rifondare. Si ripartirà dall'allenatore e nelle ultime ore è in netta ascesa Rudi Garcia che piace molto a dirigenti romani pronti a entrare nel nuovo Cda rossonero. La data ultima per chiudere, come sappiamo, è il 15 giugno.

La Juve osserva, non ha problemi né tecnici, né economici. Sta costruendo la squadra per la Champions. Per Dani Alves è fatta, l'addio è stato annunciato anche dal Barcellona. Due anni di contratto più l'opzione per il terzo. Ma ieri Marotta ha messo a segno un altro colpo alla Pogba o alla Coman, prendendo a parametro dal Psg il centrocampista diciottenne Ikone, un talento assoluto. Morata è ormai del Real con la benedizione di Zidane, ora si tratta di capire come reinvestire i trenta milioni. Cresce la candidatura di Mkitharyan, Allegri ha dato l'ok. Più difficile invece (ma si sapeva) portare in bianconero Mascherano. Il Barcellona forte del contratto fino al 2018, sta facendo la voce grossa, alza muri e l'intesa tra l'argentino e la Juve per il momento è l'unica cosa certa. Staremo a vedere quando Mascherano punterà i piedi e per cosa il Barca sarà disposto a cedere. Le due società non si sono ancora parlate, la Juve ha sempre la possibilità di cedere opzioni future per Pogba o anche per l'astro nascente Dybala. La storia è ancora da scrivere.

Anche il Napoli sta cercando di mettere in piedi una squadra in grado di competere per lo scudetto e di fare bella figura in Champions. Il nodo è Higuain. Per farlo restare serve il rinnovo e una ingaggio attorno agli otto milioni. Il giocatore nel vuol parlare solo a coppa America finita, ma ieri l'affare Lewandovsky ha agitato un po' le acque. Il polacco ha un accordo con il Real e vuol lasciare il Bayern . Ci riuscirà? Difficile, ma Ancelotti ha sempre detto che l'unico in grado di sostituirlo sarebbe Higuain e per il Bayern pagare 94 milioni di clausola non sarebbe un gran problema. Tanto più che l'allenatore non fare spendere molto, ha già detto che dopo Hummels e Sanches non ha bisogno di altri giocatori.

Chiudiamo con la Fiorentina. Dalla missione in Portogallo, Pantaleo Corvino è tornato con un piano di lavoro per rafforzare la Viola in accordo con l'allenatore Sousa. E' tornato portandosi dietro anche il sorriso e una stretta di mano di Rui Costa. L'offerta della Fiorentina per fare del grande ex centrocampista il nuovo direttore sportivo, è concreta e importante economicamente. Della Valle lo vuole a tutti i costi e la chiusura di un mese fa (sta benissimo a Lisbona, professionalmente e personalmente) sembra abbattuta. Rui Costa vacilla, ci pensa. Ha chiesto due giorni per un sì o un no. Il sogno della Fiorentina è di presentare assieme lunedì prossimo due Grandi Ritorni, Pantaleo Corvino e Manuel Rui Costa. Sarebbe una partenza col botto.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Caparre cene e allenatori, in Primavera si fa il mercato e si guarda al futuro 23.03 - Sono principalmente due le notizie che hanno movimentato la settimana della pausa di campionato e sono destinate entrambe ad avere strascichi durante tutta la settimana. A Milano la questione closing non si è ancora chiusa: né in un verso né nell'altro. I famosi 100 milioni che doveva...
Telegram

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Luis Enrique, non solo Roma... Milan-Donnarumma, è rimasta solo la fede! Napoli, Mertens va premiato oppure... 22.03 - Ogni volta che si manifesta la primavera mi sento meglio… Le giornate diventano più luminose, la natura rinasce, tutto siamo più felici o, almeno, così pare… Tuttavia, ancora una volta, a primavera c’è solo una rondine che tiene alto il buon nome dell’Italia pallonara in Europa. C’è...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Un'idea "folle" per la Juve e una cosa da chiarire su Agnelli. I soldi del Milan ci sono: ecco chi li ha davvero (da lì nascono i problemi). Il fastidio dietro la "non sconfitta" dell'Inter. E sul pranzo indigesto di Sarri... 21.03 - Questa volta non me la prendo con la “pausa per la Nazionale”. Non ci penso neanche. Al limite con il campionato. Quello delle ultime che perdono sempre, delle prime che vincono sempre, di quelle in mezzo che vincono se giocano con le ultime, perdono se giocano con le prime e pareggiano...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Pallotta, chiedi il conto a Spalletti. Giro di panchine: Bucchi e Semplici le new entry. Il Torino dalla “Padelli alla brace”. Lotito in B? Ecco perché conviene più alla B che alla A… 20.03 - Nel week end dell’addio dei sogni di gloria dell’Inter, si passa al sabato dove il Milan conferma di essere da Europa di serie B. Milano oggi è da Europa di serie B e la classifica confermerà che le due squadre di Milano ancora non sono pronte a rientrare dalla porta principale. Il...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Il monopolio della Juve fa male al calcio italiano: o tornano le milanesi (dei giorni migliori...) o la Serie A in Europa perderà posizioni. E tanti saluti al regalo dell'UEFA 19.03 - Ci risiamo. Superati gli ottavi di finale ecco riaffiorare i soliti problemi e sempre gli stessi limiti. C'è la Juventus, che si avvia indisturbata a conquistare il sesto Scudetto consecutivo (record assoluto). Poi c'è il vuoto, in Serie A e nelle competizioni europee. La Roma in...

EditorialeDI: Mauro Suma

Sacchi-Dybala: juventini distratti. Bacca: nessuna grazia ricevuta. 200 milioni Closing e 200 milioni Guardiola. I derby estremi di Roma e Genova 18.03 - Era appena finita Juventus-Porto e dopo partite del genere, dove tutto va per filo e per segno, le tv devono cercare di ravvivare e movimentare. E' accaduto anche su Premium, dove Arrigo Sacchi ha stimolato Dybala: "Sei un modello per i giovani, sei un grandissimo giocatore, perchè...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Spalletti, ora è addio. E la Juve aspetta. Allegri più lontano. Inter, Suning 150 milioni per lo Scudetto. Milan, se salta il closing Donnarumma al Real 17.03 - La Roma è fuori dall’Europa nonostante la vittoria e una gara di grande spessore tecnico e agonistico e, se tanto mi da tanto, Spalletti è fuori dalla Roma. Non faccio altro che seguire le sue indicazioni e il suo ragionamento. Ancora pochi giorni fa ha ribadito che senza tituli (alla...

EditorialeDI: Luca Marchetti

I giovani, la Champions e le scadenze 2018? Vendi o firmi? 16.03 - La Champions sa ancora riservare sorprese. Non che il Monaco potenzialmente sia (stato) meno ricco del City, ma nell’anno in cui gli inglesi volevano la glorificazione in campo internazionale è arrivato il fracaso di Pep. Lontano dalla testa della classifica in Premier, uscito per...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Troppe polemiche, ci si mette anche Mourinho... Spalletti-Totti, uno è di troppo! Milan, Donnarumma resta. 15.03 - La primavera è alle porte, speriamo che, con l’arrivo delle belle giornate, le menti più fumantine riescano a rilassarsi… Basta polemiche. Non mi interessa chi ha torto e chi ha ragione, so solo che stiamo esagerando (mi ci metto anche io). Seguiamo ogni partita con occhio clinico,...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: tira una strana e “nuova” aria attorno alla Signora. Inter: Zhang e il destino di Pioli (occhio al dato su Simeone). Milan: ultime sul closing (con sorpresa sulla data?). Napoli: un assist a Sarri. E sul regolamento… 14.03 - Eccoci qui. Volevo spiegarvi le regole del calcio. Che sono semplici. Perché se non lo fossero, allora sarebbe un problema. E noi non vogliamo problemi. Quindi eccovi le regole del calcio, così come le abbiamo capite. REGOLA DEL FALLO DI MANO A meno che tu non sia il portiere...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.