HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Juventus agli ottavi: ora può arrivare fino in fondo in Europa?
  Sì, la squadra ha le possibilità di tornare a giocarsi la Champions
  No, è presto per fare certi giudizi e servirà un mercato invernale importante
  Sì, col rientro progressivo degli infortunati la squadra è da titolo
  No, troppa la differenza con le big spagnole, inglesi e tedesche

TMW Mob
Editoriale

Ecco tutti i piani del Milan: Balotelli all'Arsenal, Kakà al San Paolo, Robinho via. Iturbe, Mandzukic, El Shaarawy in attacco...

20.06.2014 00.00 di Enzo Bucchioni   articolo letto 43133 volte
© foto di Federico De Luca

E' durato molto il vertice tra Adriano Galliani e Mino Raiola. Mentre il Brasile Mario Balotelli stava annunciando di voler vincere il mondiale, in Italia l'amministratore delegato del Milan e il suo procuratore hanno deciso il suo futuro: Balotelli è in vendita, lascerà il Milan.
I piani del nuovo Milan di Pippo Inzaghi concordati nel vertice di Arcore dieci giorni fa, non prevedono la presenza di un centravanti di movimento, ma di un centravanti vero, d'area.
Ma come sarà il nuovo Milan? Vi anticipiamo tutto quello che è stato programmato nella famosa cena a tre. Intanto il modulo prescelto è il 4-3-3 che piace molto anche a Berlusconi. La vera novità di questa squadra progettata da Inzaghi è l'attacco. Come detto è stato messo Balotelli sul mercato per una cifra tra i 25 e i 30 milioni di euro con i quali Galliani è convinto di poter portare a casa Mandzukic che è considerato l'attaccante ideale per questo tipo di gioco come aveva dimostrato nel Bayern prima di Guardiola dove aveva Robben e Ribery sulle ali del 4-3-3 e faceva una quantità industriale di gol.
Per Balotelli è molto avanti la trattativa con l'Arsenal. La squadra inglese ha una trentina di milioni a disposizione per comprare un grande attaccante e Balotelli piace molto a Wenger. Tra l'altro conosce bene l'Inghilterra e il calcio inglese non ci saranno difficoltà di ambientamento e l'allenatore francese ha sempre gestito bene i bad boys. L'offerta ufficiale sta per partire dall'Inghilterra e il Milan non dirà di no.
Nell'incontro di ieri, però, Raiola ha fatto presente a Galliani che per Balotelli ci sono anche altre squadre che hanno fatto dei sondaggi. Ultimo il Napoli che teme l'addio di Higuain dopo le dichiarazioni dell'attaccante che in sostanza ha aperto al Barcellona.
Balotelli è considerato il giocatore ideale per entusiasmare i tifosi napoletani che già lo adorano. Ci sarebbero però molte controindicazioni, dalla vicinanza con l'ex fidanzata Fico che gli ha dato una bambina, alla città tentacolare come Napoli che potrebbe rendere ancora più difficile la crescita e la maturazione di Mario.
Ma il Milan vuole liberarsi anche di altri giocatori importanti che rischiano di complicare il lavoro di ristrutturazione tattica di Inzaghi.
Uno dei nodi è Kakà. Nonostante le dichiarazioni ufficiali, i rossoneri sperano che l'ex idolo della tifoseria rossonera torni in Brasile. Lo può fare liberandosi a parametro zero entro il 30 giugno e su di lui è piombato pesantemente il San Paolo. Dal Brasile dicono che Kakà si è già accordato e comunicherà la decisione al Milan entro poche ore. Siamo sicuri che Inzaghi festeggerà perchè il Milan può andare sul mercato soltanto vendendo Balotelli e liberandosi di giocatori che hanno ingaggi importanti come Kakà appunto, Robinho (un altro che sarà ceduto) e Mexes.
Infatti una delle condizioni poste da Berlusconi per cambiare il Milan è quella di abbattere il monte-ingaggi. Fatte queste operazioni l'obiettivo è Iturbe del Verona. I veronesi stanno aspettando, il Milan ha già fatto sapere che lo prenderà, ma ha bisogno di tempo proprio per liberarsi di alcun i giocatori, recuperare del denaro e abbattere gli ingaggi.
Il Verona aspetta, tra l'altro il direttore sportivo Sean Sogliano dovrebbe lavorare per il Milan dall'anno prossimo, i rapporti sono buoni, ma l'attesa non sarà infinita. Il sogno di Inzaghi è quello di schierare un attacco con Iturbe, Mandzukic e El Shaarawy che piace molto a Superpippo ed è convinto di recuperarlo al massimo livello di rendimento. Menez, appena preso, può essere una alternativa a destra o a sinistra. Nella lista dei partenti c'è anche Matri, ma Inzaghi lo vuol portare in ritiro, da grande attaccante quale è stato, spera di sbloccare l'ex juventino. In quel caso sul mercato andrebbe Pazzini che vuol giocare di più.
Per quanto riguarda il centrocampo, l'infortunio di Montolivo ha complicato notevolmente il progetto Inzaghi. Montolivo doveva diventare e diventerà appena guarito, il regista davanti alla difesa, quello che sa chiudere e far ripartire il gioco con lanci e rapidità. Da quella posizione Inzaghi vuol togliere De Jong per riportarlo nel ruolo di interno in alternativa a Poli e Muntari.
Per la difesa, preso Alex per far coppia con Rami, sarà ceduto Mexes mentre Zapata e Bonera resteranno come alternative. In posta c'è Agazzi per far da secondo ad Abbiati, ma dopo l'esplosione del portiere del Messico Ochoa, liberabile dall'Ajaccio, qualcuno sta pensando di buttarsi proprio sull'ultimo giocatore finito sul taccuino degli osservatori rossoneri.
Anche la Juventus si muove a fari spenti, ma le linee di mercato sono chiare. Conte vuole cambiare il modo di attaccare, l'anno scorso i bianconeri erano troppo prevedibili (secondo lui) per la presenza di LLorente che ha fatto bene, ma è poco adatto ai meccanismi di Conte.
Si cerca Sanchez, ma è difficile arrivarci. Costa troppo. Morata è un altro attaccante di movimento che piace, ma la Juventus deve ancora decidere se vendere uno dei gioielli per fare cassa e far partire poi con gli acquisti. Con il Real l'incontro c'è stato, ma i dodici milioni offerti per Morata non sono stati presi in considerazione. Il Real è disposto a trattare mettendo sulla bilancia anche altri giocatori, ma a patto che la Juventus decida di vendere Vidal il primo nome sulla lista di Ancelotti.
Il cileno ha firmato il rinnovo da poco, ma i segnali che arrivano dal Brasile non sono incoraggianti. Prima o poi, se il Real insiste, Vidal chiederà di andar via.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Juve, Verratti nel mirino. Il Lione libera Tolisso. Il Real non fa paura ma Allegri deve far giocare Higuain, Mandzukic e Dybala. Roma, Strootmann indifendibile. Napoli: 26 milioni per Kalinic. Milan, niente mercato 09.12 - Il primo posto nel girone di Champions era un obiettivo e la Juve l’ha conquistato, cosa volete di più? Su questo Allegri ha ragione. E, pensando al sorteggio, è altrettanto vero che se ti chiami Juventus e vuoi andare avanti devi mettere in conto che prima o poi squadre...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

EditorialeDI: Luca Marchetti

Milan senza closing che cambia? I dilemmi dell'Inter, Napoli arriva l'attaccante... A Torino (tutti) cercano un centrocampista 08.12 - Arrivato dicembre, il freddo, gli addobbi di Natale. Significa che è di nuovo mercato. Operativo. Non come avrebbe voluto il Milan. Il closing fra una settimana non ci sarà: di nuovo un rinvio, stavolta fino al 3 marzo, ancora una volta a mercato chiuso. Ancora una volta una...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Messi-Inter? Parliamo di Gabigol... Milan, tre al prezzo di uno! Dopo Drogba, ecco Eto'o e Tevez 07.12 - Sono anni, forse decenni, che mi interrogo sul perché attorno all'Inter succeda sempre qualcosa che ti lascia a bocca aperta, sbigottito, spesso incredulo. Perché si è solo ipotizzato un possibile matrimonio tra Messi e l'Inter? Non siamo più ai tempi in cui Moratti,...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

 Juve: Allegri ha un'idea per il presente, Marotta pensa al futuro: ecco il (super) colpo per l'estate! Inter: la "bomba Simeone" nasconde una verità. Milan e il closing in ritardo: così cambia il mercato. Napoli: occhio a Pavo... 06.12 - Ciao. Volevo commentare insieme a voi gli esiti del referendum, ma mentre ci pensavo mi si è materializzata in testa l'immagine di Brunetta che esulta e se la tira come se avesse qualche merito. Mi sono spaventato. Sono cose più grosse di me: i referendum, non Brunetta....

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Inter, un consiglio a Piero: occhio al tuo "miglior nemico". Udinese, 120 anni di storia e 30 anni di come si fa mercato. Il Verona primo e brutto, l'Alessandria ha già fatto il check-in 05.12 - Mi e vi devo fare una promessa: in questo mio spazio del lunedì non parlerò più del closing Milan fino alla firma del contratto, alla stipula davanti al notaio, ai comunicati ufficiali e alle foto di rito. Anche se dovessero arrivare altri 100 milioni di euro dalle banche...

EditorialeDI: Andrea Losapio

401 milioni di euro spesi sul mercato per non vincere nulla: l'Inter è un fallimento conclamato. Closing parola dell'anno a Milano. La fortuna aiuta gli audaci, come Conte 04.12 - Sono allo Juventus Stadium per la gara fra padroni di casa e Atalanta. E vedo la squadra di Allegri che gioca come non fa mai nemmeno in Europa, figuriamoci in Italia. Forse è demerito nerazzurro ma la disfatta con il Genoa forse ha fatto suonare un campanello di allarme,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, il 13 Dicembre resta il giorno. Roma, Napoli, Lazio, Milan non distraetevi. Berardi rimpiazza Gabigol all'Inter. Dani Alves torna a Gennaio, no emergenza Juve 03.12 - Poveri tifosi del Milan. E' come se li vedessimo. E per certi versi li vediamo. Costretti a compulsare siti, tv e social a tutte le ore del giorno e della notte per soppesare ogni sfumatura del particolare che arriva dal tal profilo twitter che fino ad oggi ha detto certe cose...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Il futuro di Allegri legato alla Champions. Piace Paulo Sousa. Marotta ha deciso: due centrocampisti a gennaio. Anche Berlusconi e le sue vedove si arrendono. Napoli, dubbi su Pavoletti 02.12 - Della serie anche i ricchi piangono, mi risulta che i dirigenti della Juventus, Agnelli in testa, non siano poi così contenti di questa squadra nonostante il primo posto in campionato e la qualificazione anticipata in Champions. L'assenza di gioco non è più motivo di...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Le panchine cambiano tutte insieme, gli scricchiolii delle big strizzano l'occhio al mercato. Gennaio si avvicina... 01.12 - Saltata un'altra panchina in A. De Zerbi non è più l'allenatore del Palermo dopo una sconfitta in coppa Italia ai rigori contro lo Spezia a pochi giorni dalla conferma (a sorpresa) del suo presidente Zamparini. Al suo posto arriva Corini, grande ex, che avrà il compito di...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Juve, trovato l'uomo per la difesa! Inter, ma Gabigol? Drogba è libero... 30.11 - Campionato riaperto, infermeria, quella bianconera, presa d'assalto. Allegri, di colpo, si è ritrovato a fare la conta dei pochi presenti. Ogni partita, qualche tassello della corazzata bianconera va in pezzi. In particolare, problemi evidenti a livello difensivo. Da qui la...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.