HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Gagliardini-Inter, è il nome giusto per completare la squadra di Pioli?
  Sì, al centrocampo nerazzurro servono qualità come le sue
  No, non è ha il physique du role per giocare all'Inter
  Sì, pescare tra i migliori giovani italiani è la via giusta
  No, il prezzo chiesto dall'Atalanta è assolutamente fuori mercato
  La Juve alla fine avrà la meglio

TMW Mob
Editoriale

El Shaarawy: il Borussia ci capisce. Fiorentina: Giovinco per SuperMario. Inter: Vidic giù, Cerci su. Napoli: Higuain-Callejon 50 a zero…

Nato a Milano il 10 Maggio 1965; Giornalista Professionista dal 1994. Dopo le esperienze professionali di carta stampata (La Notte e Il Giorno) e televisive (Telelombardia, Telenova, Eurosport), dirige Milan Channel dal 16 Dicembre 1999.
13.12.2014 00.00 di Mauro Suma   articolo letto 33156 volte

Il Borussia Dortmund è interessato a Stephan El Shaarawy. E' liberissimo di farlo e non è un reato. Ma non ha avuto contatti con il giocatore che è sotto contratto, le squadre tedesche sanno bene come muoversi. Quindi, se il Club tedesco non ha avuto il via libera per parlare con l'attaccante rossonero significa che non esiste una trattativa. L'interessamento sta all'offerta come la contrattura sta allo stiramento. E' un segnale, ma non un passo. Certo è che il Faraone spesso beccato dagli stessi tifosi rossoneri e da parte della critica in questa stagione, i suoi estimatori ce li ha. E questo fa piacere, soprattutto se si parla di società come il Dortmund che amano guardare avanti e programmare all'insegna della gioventù e della freschezza anche a costo di rischiare. Che poi il Borussia appartenga effettivamente a quella fascia di Club che potrebbero essere graditi a El Shaarawy nel giorno, se verrà mai, di una sua partenza dal Milan, questo è tutto da vedere. Ma resta l'interessamento di un Club all'avanguardia che disputa in via permanente la Champions League e che giocherà i prossimi Ottavi di finale della più bella competizione europea.

Soprattutto contro la Juventus si è visto. La Fiorentina sa sempre dare del tu alla palla e sa come interpretare le partite toste. Ma sul fronte del guizzo fra le linee, dello sprazzo intermedio, della giocata in grado di alimentare le punte, qualcosa manca. Ed ecco allora che il punto di domanda costante nel tempo su Sebastian Giovinco dovrebbe proprio risolversi a favore dei viola. Cosa fa Giovinco e dove va Giovinco è il tormentone di ogni finestra di mercato da diversi mesi a questa parte. Se aggiungiamo che a Firenze non sono contenti di Ilicic e che i giocatori tecnici sono sempre i benvenuti nel contesto di Montella, ecco che il mosaico si completa. La rivalità fra Juventus e Fiorentina? Tra tifosi esisterà sempre. E tra società a fasi alterne. Ma questo appare un momento, dialettico e mediatico, in cui la cosa si può fare. E Sebastian Giovinco, che aveva chiesto di essere riscattato dal Parma pur di giocare tanto e che conosce bene il pensiero dei tifosi bianconeri sul suo conto, si sente giustamente con le mani libere.

Che i tifosi interisti non si lamentino più della solita cosa per cui le nostre cose escono sempre, mentre quelle di Milan e Juventus non escono mai. Mica vero. Visto? La "febbre" di Vidic è passata come febbre. Tutti felici e contenti. Peccato che con gli amici il suo entourage si lamenti del fatto che l'allenatore non parla con il giocatore serbo in nessuna fase degli allenamenti e che a questa stregua tanto vale salutarsi già nel corso del mese di Gennaio ormai vicino e imminente. Con buona pace di quelli che "Vidic è un campione e non si discute, state zitti voi con il vostro Alex che è un parametro zero raccattato non si sa bene dove". Ma Vidic non è anche lui un parametro zero, va beh andiamo avanti. A proposito di Alex: gol subiti dal Milan su palla inattiva con Alex in campo? Zero. Andiamo avanti. Inter-Lavezzi? Tutto è possibile, ma sa tanto di specchio per le allodole. Fra gli operatori di mercato, la voce è più nitida e diversa: Alessio Cerci. Sembra sia proprio lui l'attaccante esterno che manca alla rosa dell'Inter e che abbia, lui soprattutto e forse lui solo, il gradimento tecnico decisivo di Roberto Mancini.

E se l'avesse fatto qualcun altro di prendere Iturbe a 30 milioni per poi uscire dalla Champions League senza che un giocatore pagato così tanto facesse qualcosa di importante per evitarlo? Apriti cielo, fortuna che il buon Sabatini non sia nato in Brianza. Ma non è il caso di incartarsi con la geografia. Anche Hernanes a 20 milioni in fondo non è male. Cari amici di facebook, che vi manchi anche lui esattamente come Jonathan? Aria fritta. L'attualità è Milan-Napoli. E i temi di mercato propongono qualcosa di curioso. I due capocannonieri del Napoli, Higuain e Callejon, sono costati di solo cartellino 50 milioni di euro. I due capocannonieri del Milan, Menez e Honda, sono costati zero. Poi per tutti e quattro ci sono gli ingaggi, ma a livello di cartellini stiamo così: 50 a zero. La forbice si avvicina molto invece sul fronte dei gol: Higuain e Callejon in campionato sono a quota 15, Menez e Honda sono a 13. Due gol e cinquanta milioni di euro di differenza. Sappiamo anche noi che i due giocatori del Napoli sono fior di bomber che fanno i gol che le punte cattive devono fare, mentre i due rossoneri sono due giocatori importanti nella fase offensiva ma solo prestati al gol. Fanno le loro giocate, ma quando capita la palla che il centravanti butta dentro, ci sta che loro non facciano altrettanto. Tutto vero e tutto chiaro. Ma insomma il 50-0 e il 15-13 un po' di impressione la fa. E anche se Honda, giudicato dall'8 Agosto fondamentale nel suo progetto di squadra da Filippo Inzaghi, ha saltato metà degli allenamenti della scorsa settimana ed è andato in campo con poche forze (beata ignoranza) a Genova, è pronto a riproporsi domenica sera. Per quanto riguarda Menez, a Milan Channel è stato chiaro: a Genova ho sbagliato io, guardiamo aventi. Chapeau.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Milan, Deulofeu si avvicina. Kalinic si allontana. Defrel-Roma tutta in salita. Cassano ora che fa? E i grandi colpi in B... 19.01 - Partiamo dall'ultima notizia arrivata in serata. L'Everton ha dato segnali di apertura per il prestito di Deulofeu con diritto di riscatto al Milan. È evidente che questo tipo di apertura ha suscitato un moderato ottimismo fra i dirigenti rossoneri, anche se ora bisognerà discutere...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

La Cina si dà una regolata! Coppa d'Africa, effetto Billiat... Aiutiamo Drogba! E il mercato? 18.01 - Fa freddo, fa freddissimo a Milano… Note climatiche a parte, tanto di cui disquisire. Partiamo dalla Cina. Finalmente anche il governo cinese ha capito che qualcosa non torna. Le spese folli dei club cinesi stanno “inquinando” il prodotto calcio. Esborsi assurdi, inverosimili, fuori...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: fuori dal campo sta succedendo qualcosa di grosso (e i cinesi trattano con  un attaccante!). Inter: i segreti di Nanchino e le prossime mosse di Ausilio. Milan: la decisione su Deulofeu. Napoli: e se Maradona... 17.01 - Ci tocca partire con una cosa seria. Molto seria. Pure troppo. La potenza di Tuttomercatoweb ha generato il “dramma dei pizzoccheri” che vi vado brevemente a raccontare. (Ricordatevi che è tutto molto serio. Serissimo). Settimana scorsa ho iniziato l’editoriale con la consueta...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Da Orsolini a Gabbiadini, quando gli agenti sbagliano parole e strategie. Dalla Juve all'Inter: le cifre che "drogano" il mercato. Ombre e luci su un gennaio atipico. Palermo verso la B e Lo Faso fa la Primavera... 16.01 - Sapere che è, quasi, tutto finito a metà gennaio, sinceramente, ci porta un pò di tristezza. Poi capiamo le mosse di mercato dei dirigenti italiani e ce ne facciamo una ragione. Non a caso questo è il primo mercato di gennaio di programmazione e non distruzione. Crotone, Pescara e...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Alla fine tutti si scansano con la Juventus, Napoli e Roma un po' meno. Tornerà la grande Milano, almeno la parte cinese delle due. Mercato a costo zero, tranne per i cinesi: Zidane costa 285 milioni, Buffon 110 e Veron 120 15.01 - Abbiamo negli occhi ancora la - ennesima - bella prestazione dell'Atalanta contro la Juventus, con i nerazzurri capaci, negli ultimi dieci minuti, di mettere in seria difficoltà i bianconeri. Bravo Gasperini, bravo Latte Lath, se non ci fosse la Juve un dieci euro sullo Scudetto nerazzurro...

EditorialeDI: Mauro Suma

Gagliardini-Caldara, una simpatica zuffa a suon di milioni. Le spallucce di Montella, le spallucce del Milan. La Champions della Juve passa da Dybala 14.01 - Una volta si cantava vengo anch'io no tu no. Oggi si canticchia all'avversario l'hai pagato di più tu, no invece tu. Non sappiamo chi si contenterà, ma certamente chi gode è l'Atalanta. Visto che il motivo del contendere è chi ha speso di più fra Inter e Juventus, fra Gagliardini...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve-Inter: scontro totale sul mercato. Verratti conteso a colpi di milioni. Chi ha buttato i soldi per Gagliardini e Caldara? Zaza al Valencia. Pioli vuole Vrsaljko 13.01 - Una buona strategia di marketing l’avrebbe suggerito, andare addosso ai più forti, a chi comanda il mercato o la situazione, funziona sempre. L’aggressione. E’ quello che, milione più milione meno, sta facendo l’Inter, tornata a braccare la Juventus molto da vicino. Il caso Gagliardini...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Inter: Gagliardini e le uscite. Deulofeu passi in avanti. Colpo Genoa e Fiorentina. Tutte le punte della B 12.01 - Finalmente Gagliardini è ufficialmente un giocatore dell’Inter. Colpo dei nerazzurri anche perché (praticamente a sorpresa) il giocatore arriva in prestito sì, ma biennale. Vale a dire che i 20 milioni di euro fissati per il riscatto andranno pagati nel 2018, consentendo così all’Inter...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

CR7, un anno da 102 milioni! Milan, trovato il secondo... Brava Inter! Dybala, per ora solo Juve 11.01 - Il mondo dei tifosi pallonari si divide in due grandi masse. C’è il popolo dei fedelissimi di Cristiano Ronaldo e quello che vive per Messi. Il portoghese e l’argentino, da anni, sono il gotha del calcio mondiale. Bene, i due stanno vivendo momenti diametralmente opposti. CR7 ha vissuto...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: il no per Tolisso, nasconde qualcosa di grosso (ma occhio ad Agnelli...). Milan: i fissati sulla questione cinese e un futuro grandi-nomi. Inter: occhio, arriva la "scelta di Pioli". Napoli: la "bellezza" della sofferenza 10.01 - Eccoci qua. Sono stato quattro giorni in ferie. In Valtellina. A mangiare pizzoccheri. La caratteristica dei pizzoccheri è che il primo giorno sono buonissimi, il secondo ti fanno venire l’acetone, il terzo cementano e al quarto non ci arrivi. Nel senso che muori. Siccome il 6 gennaio...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.