HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
-10 alla fine del mercato: da chi aspettarsi il grande colpo?
  Atalanta
  Bologna
  Cagliari
  Chievo Verona
  Crotone
  Empoli
  Fiorentina
  Genoa
  Inter
  Juventus
  Lazio
  Milan
  Napoli
  Palermo
  Pescara
  Roma
  Sampdoria
  Sassuolo
  Torino
  Udinese

TMW Mob
Editoriale

El Shaarawy: l'infortunio è un dettaglio. Le quattro/cinque sorelle in Lega. Il calcio a Roma: calma! Mazzarri: perchè non risponde ad Adl?

Nato a Milano il 10 Maggio 1965; Giornalista Professionista dal 1994. Dopo le esperienze professionali di carta stampata (La Notte e Il Giorno) e televisive (Telelombardia, Telenova, Eurosport), dirige Milan Channel dal 16 Dicembre 1999.
14.09.2013 00.00 di Mauro Suma   articolo letto 33694 volte

L'infortunio nell'allenamento di rifinitura di ieri non cambia il quadro. Un infortunio ci sta e non è la fine del mondo. Anche se adesso non mancherà chi inzupperà ancora di più il pane nella broda mediatica che si è accanita sul ragazzo. Nonostante l'infortunio di ieri, Stephan El Shaarawy non ha bisogno né di psicologi, né di difensori più o meno in buona fede. A volte sembra infatti di intravvedere che lo si difenda solo per poter attaccare Galliani che lo "voleva cedere". Cosa non vera, peraltro, perché l'amministratore delegato del Milan ha ricevuto una super offerta per il Club (cartellino) e per il giocatore (ingaggio) ai primi di Giugno e non ha forzato nulla ma ha atteso pazientemente i primi di Luglio, alla fine della Confederations Cup, per decidere insieme al ragazzo. E in ogni caso Stephan ieri è arrivato a Milanello sereno e sorpreso. Sereno perché ama il Milan, sorpreso dai troppi tentativi di analizzarlo, manco fosse la soluzione di un rebus o di una sciarada. Non c'è altro: El Shaarawy è un ragazzo 20 anni, si avvia verso le 100 partite ufficiali nel Milan, viene convocato in Nazionale, ha giocato molto bene le 2 partite di inizio stagione del Milan in Champions League (standing ovation a San Siro dopo il ritorno con il Psv al momento della sua sostituzione) e si sente carico e motivato. Normale che pensi in cuor suo che ci sia un accanimento sul suo presunto caso. Ci permettiamo di farlo notare anche al commissario tecnico della Nazionale, Cesare Prandelli. Le cose stanno sostanzialmente così: il buon Stephan non "cova" pensieri negativi, sposa in toto l'analisi fatta da Adriano Galliani a Milanello nel pomeriggio di giovedì ed è pronto, se interpellato, a rassicurare tutti. L'allenatore del Milan, e qui forse sta il punto, lo stima e lo tiene in considerazione. Certo, c'è concorrenza. Ma senza grande concorrenza in attacco, non sei una grande squadra. Gioca poco? e perchè, Giovinco e Kovacic quanto giocano? In ogni caso, perché questo è il punto in relazione ad Allegri? Perché il giochino è quello, su qualche scelta tecnica che non vede El Sha in campo dall'inizio, di attaccare e strumentalizzare proprio lui, Allegri. Sul tema è intervenuta a Milan Channel, Barbara Berlusconi: "Allegri è l'allenatore del Milan". Ma è lo stesso El Shaarawy a non sentirsi penalizzato dal tecnico di Livorno.

C'erano una volta le sette sorelle. Il termine venne coniato da Adriano Galliani nel 1999. Era una definizione tecnica. Le sette sorelle erano le più forti del Campionato: Juventus, Milan, Inter, Roma, Lazio, Fiorentina e Parma. Tra loro sette e le altre c'era un divario puramente ed esclusivamente tecnico. Oggi, i tempi cambiano, le sette sorelle sono, o forse è meglio dire erano alla luce dell'assemblea di ieri, le società contestatrici in Lega Serie A rispetto alla maggioranza creatasi nei mesi scorsi. L'imperfetto è stato usato dai maliziosi che ieri in Lega facevano notare che le sorelle erano diventate cinque. O forse quattro. Ma al di là di queste scaramucce, il fatto vero dell'assemblea di ieri è stato l'atteggiamento sereno e collaborativo della Juventus. Il presidente Agnelli non l'ha tirata in lungo con gli schieramenti e le polemiche, ma ha promosso e creato un clima disteso e costruttivo. Il clima in cui sono state analizzate le cose, è stato assolutamente produttivo. Al punto che le casse di risonanza che hanno messo la questione diritti tv sul personale da due settimane a questa parte, dovrebbero prenderne atto. La guerra delle agenzie si allontana e dal 2015 al 2018 sarà sempre Infront la titolare del contratto di esclusiva in quanto advisor della Lega. Ci sarà un legittimo e sacrosanto dibattito sulle modalità, ma le premesse poste ieri sono le migliori per un clima migliore, più produttivo e sempre più redditizio per il movimento calcistico italiano.

Le minacce ingiustamente ricevute da Lotito e Tare alla Lazio e lo sfogo sofferto con cui Sabatini ha ricordato ieri che, in casa giallorossa, preferisce prendere le decisioni da solo piuttosto che vivere l'ansia di dover condividere le tensioni anche con figure amiche come quella di Baldini, fanno riflettere. Ben vengano le radio e la pluralità dell'informazione, ma a Roma, su entrambi i fronti, è passato ormai il concetto che qualsiasi cosa fai sbagli. Ormai vale tutto, senza regole e senza confini. Si ascoltano e si leggono qua e là attacchi sul personale come minimo inauditi. Non si può passare il segno in questo modo. Roma e Lazio sono due grandissimi Club, l'Olimpico del derby è uno spettacolo allo stato puro, in entrambe le squadre giocano fior di campioni. Perché minacciare? Perché insultare? Il troppo stroppia come amava ripetere la nonna di Giampaolo Pansa, e gli ambienti di due squadre che si sono appena contese la coppa Italia in una finale spettacolare non possono vivere il calcio in questo modo.

Che è successo a Napoli nell'ultimo anno di convivenza fra il presidente De Laurentiis e Walter Mazzarri? I due stavano per dividersi già nel 2011, quando Gasperini stava già salendo sulla tangenziale partenopea, ma saltò tutto per l'intervento in extremis di Riccardo Bigon. Poi i Quarti di Champions sfiorati e un 2' posto in Campionato. Tutto bene sul piano dei risultati. Però la ruggine, oggi come oggi viene via senza neanche sfiorarla tanta ce n'è. Mamma mia. A richiesta di un pronostico su Inter-Juventus, il presidente De Laurentiis, pur conoscendo la rivalità fra i tifosi napoletani e quelli bianconeri, ha detto di non poter certo tifare per Mazzarri. E di rimando il tecnico toscano, che ha già appreso le regole della nuova casa, lo ha relegato fra gli altri: "Non rispondo alle cose che gli altri dicono di me". Quello che possiamo ipotizzare è che Mazzarri avesse avvisato per tempo il Napoli che non avrebbe rinnovato, ma che le modalità non sono comunque piaciute al vertice societario. Pure ipotesi. Zero certezze. Certo è che il massimo dirigente del Napoli e l'artefice di quattro grandi stagioni, sono ai ferri corti. E Mazzarri, che solitamente risponde piccato a tutti, da Allegri e Cassano, questa volta si ferma sull'uscio di De Laurentiis. Nella risposta non lo cita e dribbla la questione. Prima o poi però qualcuno scenderà nei dettagli. E allora altro che colpi di fulmine o di fortuna, saranno fuochi d'artificio!

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Milan, se tutto va bene sarà l'ultimo Deulofeu della storia. Habemus "Papum", che esplosione! Inter, tre anni per arrivare sul tetto d'Europa. Un Manolo in "Gabbia"  23.01 - E' arrivato Gerard Deulofeu. Erano circa le 19:00 in Italia, Malpensa era presa d'assalto dai cronisti sportivi italiani e Rai e Canale 5 interrompevano la programmazione per darne la notizia. Ad accoglierlo il noto Direttore Sportivo rossonero Rocco Maiorino, conosciuto per le operazioni...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

EditorialeDI: Andrea Losapio

Una settimana da Kalinic. La Juventus chiude il mercato, la Roma lo apre, il Milan con Deulofeu aspetta Gomez dall'anno prossimo. Serie A più divertente: sarebbe meglio ridistribuire i proventi televisivi 22.01 - Non mi capita molto spesso di parlare bene della mia categoria professionale. Anche perché è in continuo movimento, c'è chi si ancora a vecchi capisaldi - perché nato con la carta stampata e, più in generale, non digitale - e chi mette zizzania perché pensa di cambiare completamente...

EditorialeDI: Mauro Suma

Cercasi fotografo per Deulofeu. Juve-Milinkovic Savic: qualcosa è cambiato. Allegri circondato dagli Inzaghi. Simeone, nuovo snodo Inter-Juve 21.01 - Esattamente due anni fa. Il sabato precedente Milan-Atalanta, il Milan sognava Witsel. Ma nel frattempo si preparava ad accontentarsi di Suso. Svanito infatti in poche ore il sogno Witsel, stessa sorte che sarebbe capitata ad altri Club notoriamente più capaci sul mercato, e persa...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Verratti alla Juve, la chiave è Orsolini. Tolisso, dieci giorni per il colpo. Idea Rakitic. Inter, Moratti prende le quote di Thohir? Kalinic bloccato: la Viola non trova il sostituto 20.01 - Inutile girarci attorno: i problemi della Juve nascono tutti dal centrocampo. Le colpe e i ritardi di Allegri ci sono (ne parlerò dopo), ma non si possono non chiamare in causa anche Marotta e Paratici che in due mercati estivi non sono stati in grado di comprare un centrocampista...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Milan, Deulofeu si avvicina. Kalinic si allontana. Defrel-Roma tutta in salita. Cassano ora che fa? E i grandi colpi in B... 19.01 - Partiamo dall'ultima notizia arrivata in serata. L'Everton ha dato segnali di apertura per il prestito di Deulofeu con diritto di riscatto al Milan. È evidente che questo tipo di apertura ha suscitato un moderato ottimismo fra i dirigenti rossoneri, anche se ora bisognerà discutere...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

La Cina si dà una regolata! Coppa d'Africa, effetto Billiat... Aiutiamo Drogba! E il mercato? 18.01 - Fa freddo, fa freddissimo a Milano… Note climatiche a parte, tanto di cui disquisire. Partiamo dalla Cina. Finalmente anche il governo cinese ha capito che qualcosa non torna. Le spese folli dei club cinesi stanno “inquinando” il prodotto calcio. Esborsi assurdi, inverosimili, fuori...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: fuori dal campo sta succedendo qualcosa di grosso (e i cinesi trattano con  un attaccante!). Inter: i segreti di Nanchino e le prossime mosse di Ausilio. Milan: la decisione su Deulofeu. Napoli: e se Maradona... 17.01 - Ci tocca partire con una cosa seria. Molto seria. Pure troppo. La potenza di Tuttomercatoweb ha generato il “dramma dei pizzoccheri” che vi vado brevemente a raccontare. (Ricordatevi che è tutto molto serio. Serissimo). Settimana scorsa ho iniziato l’editoriale con la consueta...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Da Orsolini a Gabbiadini, quando gli agenti sbagliano parole e strategie. Dalla Juve all'Inter: le cifre che "drogano" il mercato. Ombre e luci su un gennaio atipico. Palermo verso la B e Lo Faso fa la Primavera... 16.01 - Sapere che è, quasi, tutto finito a metà gennaio, sinceramente, ci porta un pò di tristezza. Poi capiamo le mosse di mercato dei dirigenti italiani e ce ne facciamo una ragione. Non a caso questo è il primo mercato di gennaio di programmazione e non distruzione. Crotone, Pescara e...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Alla fine tutti si scansano con la Juventus, Napoli e Roma un po' meno. Tornerà la grande Milano, almeno la parte cinese delle due. Mercato a costo zero, tranne per i cinesi: Zidane costa 285 milioni, Buffon 110 e Veron 120 15.01 - Abbiamo negli occhi ancora la - ennesima - bella prestazione dell'Atalanta contro la Juventus, con i nerazzurri capaci, negli ultimi dieci minuti, di mettere in seria difficoltà i bianconeri. Bravo Gasperini, bravo Latte Lath, se non ci fosse la Juve un dieci euro sullo Scudetto nerazzurro...

EditorialeDI: Mauro Suma

Gagliardini-Caldara, una simpatica zuffa a suon di milioni. Le spallucce di Montella, le spallucce del Milan. La Champions della Juve passa da Dybala 14.01 - Una volta si cantava vengo anch'io no tu no. Oggi si canticchia all'avversario l'hai pagato di più tu, no invece tu. Non sappiamo chi si contenterà, ma certamente chi gode è l'Atalanta. Visto che il motivo del contendere è chi ha speso di più fra Inter e Juventus, fra Gagliardini...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.