HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
TMW Magazine
SONDAGGIO
Grandi bomber in Italia: chi la spunterà come capocannoniere?
  Vincerà Dzeko, è il centravanti più in forma della Serie A
  La spunterà ancora Higuain, è il goleador della squadra più forte
  Il trono tornerà ad un italiano, la rivelazione Belotti
  La sorpresa sarà totale: vincerà il falso nove Mertens
  Il titolo tornerà ad Icardi, già re dei bomber nel 2015

TMW Mob
Editoriale

Evviva Insigne, un italiano vero

Nato a Sassocorvaro il 31 maggio 1939, allievo di Gianni Brera, Severo Boschi, Aldo Bardelli ed Enzo Biagi. Collabora con la Rai come opinionista/editorialista sportivo.
04.05.2014 00.00 di Italo Cucci   articolo letto 19293 volte
© foto di Federico De Luca

Nella notte della vergogna solo le squadre in campo hanno riabilitato l'evento tricolore, esprimendo vigore e passione dove fino a qualche minuto dall'inizio della partita avevano spadroneggiato il furore degli ultrà facinorosi e l'impotenza dei tutori dell'ordine. Il Napoli ha vinto con merito il suo trofeo, esprimendo una volta di più la potenza offensiva che avrebbe meritato miglior esito anche in campionato; la Fiorentina si è battuta più con abilità che con forza, confermando le qualità tattiche dei suoi condottieri - Montella in panchina e Borja Valero in campo - e la povertà di un attacco che non riesce a tradurre in gol una manovra spesso brillante. Come spesso gli è riuscito in una carriera di successo, Benitez s'è confermato Re di Coppe riuscendo a mostrare anche un assetto difensivo finalmente sicuro, soprattutto perché minacciato soltanto dai cross viola puntualmente respinti da Albiol e compagni con la collaborazione dell'onnipresente Callejon, fra i migliori in campo insieme all'implacabile Martens. Un segnale finalmente chiaro e preciso per un Napoli che avrebbe potuto competere anche nella lotta per lo scudetto se avesse curato a dovere la fase difensiva.
Questa finale resterà negli annali della Coppa Italia innanzitutto per gli incidenti che ne hanno ritardato l'inizio di quarantacinque minuti: il presidente del Senato Pietro Grasso, chiamato a premiare i protagonisti, vinti e vincitori, ha dovuto prender nota che il match - preceduto da gravi episodi di cronaca nera - s'è giocato per volontà di un capo ultrà e sicuramente si rifiuterà, in futuro, di farsi testimone illustre di tanta vergogna; per sua fortuna ha potuto consolarsi rituffandosi nella grande festa del suo Palermo tornato trionfalmente in Serie A qualche ora prima. Gli appassionati ricorderanno, invece, di avere assistito alla finalissima tricolore interpretata da una trentina di pedatori stranieri, sfacciata dimostrazione del male che affligge il calcio italiano anche sulla scena internazionale. Continuo a sentir parlare di fatturati e di superstar inavvicinabili dai nostri modesti mercanti, ma la vera crisi è rappresentata proprio dalla progressiva invadenza di stranieri raramente di valore (per sua fortuna il Napoli ne possiede almeno cinque), generalmente bufale che mortificano i frutti dei vivai. Un momento d'orgoglio italiano è rappresentato da Insigne, il vero vincitore della sfida alla faccia dei tanti detrattori che di recente ne chiedevano anche la cessione. Lorenzo è il piccolo grande eroe per tutti noi che dall'azzurro napoletano traiamo lo spunto per pensare all'azzurro mondiale. Prandelli sa di avere un altro nome sicuro nel suo taccuino, un pensiero positivo proprio nella notte che ha forse allontanato la speranza di riavere Pepito Rossi, rientrato in gioco dopo cinque mesi di inattività senza aver potuto mostrare uno scampolo della sua risaputa bravura: Montella è stato generoso con lui ma ha sicuramente sottratto alla Fiorentina - proprio quando era in superiorità numerica - una fonte di energia e la qualità che serviva per frenare e metter sotto un Napoli occasionalmente allo sbando. Mentre De Laurentiis promette tre grandi rinforzi, Della Valle - più che mai desideroso di vincere qualcosa - dovrà pensare molto più in grande. La sfortuna ha demolito una Fiorentina promettente, la ricostruzione è un dovere per la società, un diritto del grande popolo viola.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Film-Milan, la settimana dei pianti e delle feste. De Laurentiis, hai rovinato tutto! Verona, per la A esonera Pecchia e prendi un De Canio... Figc, il gioco si fa duro ma i colpi bassi non pagano mai 27.02 - Il Milan vince a Sassuolo con un rigore da ripetere (almeno), il Napoli perde punti e testa e l'Atalanta è lo spot più bello del nostro campionato. Immaginate se Gasperini avesse indovinato anche le prime cinque giornate oggi dove sarebbe... Roba da matti. Complimenti a Percassi e...
Telegram

EditorialeDI: Marco Conterio

Il futuro di Allegri, Sousa, Spalletti, Sarri e la carta Ranieri: novità e previsioni su uno dei più grandi domini degli allenatori del calcio italiano 26.02 - Mentre il Napoli ha ufficialmente detto addio ai sogni Scudetto, la Juventus vola spedita verso l'ennesimo titolo. Sì, dietro c'è la Roma, arrembante, vigorosa, ma la sensazione è che per l'ennesima volta la proprietà americana resterà a bocca asciutta mentre a festeggiare sarà Massimiliano...

EditorialeDI: Mauro Suma

Allegri-Bonucci: tutta una finta! Il 3 Marzo del Milan, il 24 Febbraio della Roma. Arbitri: Carnevali come Donadoni. 25.02 - Ci avevano convinto. Erano stati proprio bravi. In diretta, il primo commento di pelle alle "parole grosse" fra Allegri e Bonucci, era stato "non è per forza un male". Ma l'approfondimento, forse solo una battuta..., era stato ancora meglio: "Hanno fatto finta di litigare, visto che...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Sousa verso l'esonero, disastro Fiorentina. E adesso Kalinic può andare in Cina. Ranieri finito il fattore C. Allegri, ecco perché andrà via. Dybala firma fino al 2021 24.02 - Succede l’incredibile a Firenze. La Fiorentina in vantaggio per 2-0 dopo l’1-0 dell’andata, si fa battere 4-2. Un crollo verticale di una squadra che chiude la stagione qui, a febbraio: fuori da tutto. E adesso? Dopo la contestazione a caldo, allo stadio, nella notte c’è stato un...

EditorialeDI: Luca Marchetti

La Juve d'Europa non si ferma neanche sul mercato, Bacca ancora Cina, l'Inter guarda alla Roma e al futuro 23.02 - Promossa. A pieni voti. La Juventus versione Europa viaggia, come in campionato. Uno 0-2 pesante sul campo sempre delicato del Porto, il modulo offensivo confermato da Allegri senza timori e la tensione con Bonucci già alle spalle: la Juve risponde con una vittoria importante, fondamentale,...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Milan, un ex Juve per l'attacco... Inter-Berardi, passi avanti! Roma, troppe parole sullo stadio. Napoli, Sarri deve restare 22.02 - Forse neppure Beautiful, mitica soap opera statunitense (in onda dal 1987…), è durata di più. Il tanto agognato closing pare alle porte. Finalmente il Milan scoprirà i suoi nuovi capi e, altrettanto finalmente, ci comincerà a pensare, in grande, per il mercato. Saranno due i primi,...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve, Allegri e gli sfoghi: ecco cosa c'è dietro la multa a Bonucci. Milan: 2 cose sui cinesi (ma occhio al "boicottaggio"). Inter: decisioni prese e da prendere a prescindere dalla Champions (e Pioli...). Napoli: c'è il "patto"  21.02 - Ciao. Vogliamo stupire De Laurentiis. Lui e quelli che non credono in noi. Noi abbiamo la "cazzimma" e lo dimostreremo compilando il primo editoriale "a caso" della storia. Partiamo dalle cose importanti: le marchette. Questa settimana ne abbiamo raccolte cinque. (Le marchette...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Svolta Milan: Fassone e Mirabelli, ecco cosa c'è in agenda. De Laurentiis, squadra e mister in pubblico vanno sempre difesi. Figc, Tavecchio 60%-Abodi 40%. E quell'assalto a Renzo... 20.02 - Il calcio è strano e per questo ci piace così tanto. Zeman torna a Pescara e in un colpo solo consente di festeggiare il primo successo sul campo agli abruzzesi e fa più gol lui in 90 minuti che Oddo in un girone e mezzo. Il Torino è durato 3 mesi poi Sinisa si è squagliato come già...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

De Laurentiis, lo sai che hai affrontato Modric e CR7 al Bernabeu? Marotta, Verratti come Higuain: si migliora solo con un'altra 'follia'. Rodriguez, trattativa alla Perisic: dettagli e retroscena di una lunga maratona 19.02 - Ma cosa si aspettava De Laurentiis? Mercoledì sera, in attesa dell'arrivo di Sarri nella sala stampa, ammetto di essere rimasto spiazzato dalle dichiarazioni del presidente del Napoli. Stupito. E mi sono presto accorto che non ero l'unico. Venivamo da giorni in cui il numero...

EditorialeDI: Mauro Suma

Simeone-Juve e Conte-Inter, le ultime dal fronte. De Laurentiis non protegge il Napoli di Madrid. Milan, il lavoro di Montella. C'è Valeri, ma il Milan deve stare calmo 18.02 - Sognare e ipotizzare non cosa nulla. E soprattutto può essere utile ad uscire, finalmente, non se ne può più, dall'ultimo Juventus-Inter. Nella speranza che non ci siano più dettagli e pagliuzze da esaminare per intere trasmissioni di quella partita, i tifosi bianconeri e nerazzurri...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.