HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
-10 alla fine del mercato: da chi aspettarsi il grande colpo?
  Atalanta
  Bologna
  Cagliari
  Chievo Verona
  Crotone
  Empoli
  Fiorentina
  Genoa
  Inter
  Juventus
  Lazio
  Milan
  Napoli
  Palermo
  Pescara
  Roma
  Sampdoria
  Sassuolo
  Torino
  Udinese

TMW Mob
Editoriale

Evviva Insigne, un italiano vero

Nato a Sassocorvaro il 31 maggio 1939, allievo di Gianni Brera, Severo Boschi, Aldo Bardelli ed Enzo Biagi. Collabora con la Rai come opinionista/editorialista sportivo.
04.05.2014 00.00 di Italo Cucci   articolo letto 19293 volte
© foto di Federico De Luca

Nella notte della vergogna solo le squadre in campo hanno riabilitato l'evento tricolore, esprimendo vigore e passione dove fino a qualche minuto dall'inizio della partita avevano spadroneggiato il furore degli ultrà facinorosi e l'impotenza dei tutori dell'ordine. Il Napoli ha vinto con merito il suo trofeo, esprimendo una volta di più la potenza offensiva che avrebbe meritato miglior esito anche in campionato; la Fiorentina si è battuta più con abilità che con forza, confermando le qualità tattiche dei suoi condottieri - Montella in panchina e Borja Valero in campo - e la povertà di un attacco che non riesce a tradurre in gol una manovra spesso brillante. Come spesso gli è riuscito in una carriera di successo, Benitez s'è confermato Re di Coppe riuscendo a mostrare anche un assetto difensivo finalmente sicuro, soprattutto perché minacciato soltanto dai cross viola puntualmente respinti da Albiol e compagni con la collaborazione dell'onnipresente Callejon, fra i migliori in campo insieme all'implacabile Martens. Un segnale finalmente chiaro e preciso per un Napoli che avrebbe potuto competere anche nella lotta per lo scudetto se avesse curato a dovere la fase difensiva.
Questa finale resterà negli annali della Coppa Italia innanzitutto per gli incidenti che ne hanno ritardato l'inizio di quarantacinque minuti: il presidente del Senato Pietro Grasso, chiamato a premiare i protagonisti, vinti e vincitori, ha dovuto prender nota che il match - preceduto da gravi episodi di cronaca nera - s'è giocato per volontà di un capo ultrà e sicuramente si rifiuterà, in futuro, di farsi testimone illustre di tanta vergogna; per sua fortuna ha potuto consolarsi rituffandosi nella grande festa del suo Palermo tornato trionfalmente in Serie A qualche ora prima. Gli appassionati ricorderanno, invece, di avere assistito alla finalissima tricolore interpretata da una trentina di pedatori stranieri, sfacciata dimostrazione del male che affligge il calcio italiano anche sulla scena internazionale. Continuo a sentir parlare di fatturati e di superstar inavvicinabili dai nostri modesti mercanti, ma la vera crisi è rappresentata proprio dalla progressiva invadenza di stranieri raramente di valore (per sua fortuna il Napoli ne possiede almeno cinque), generalmente bufale che mortificano i frutti dei vivai. Un momento d'orgoglio italiano è rappresentato da Insigne, il vero vincitore della sfida alla faccia dei tanti detrattori che di recente ne chiedevano anche la cessione. Lorenzo è il piccolo grande eroe per tutti noi che dall'azzurro napoletano traiamo lo spunto per pensare all'azzurro mondiale. Prandelli sa di avere un altro nome sicuro nel suo taccuino, un pensiero positivo proprio nella notte che ha forse allontanato la speranza di riavere Pepito Rossi, rientrato in gioco dopo cinque mesi di inattività senza aver potuto mostrare uno scampolo della sua risaputa bravura: Montella è stato generoso con lui ma ha sicuramente sottratto alla Fiorentina - proprio quando era in superiorità numerica - una fonte di energia e la qualità che serviva per frenare e metter sotto un Napoli occasionalmente allo sbando. Mentre De Laurentiis promette tre grandi rinforzi, Della Valle - più che mai desideroso di vincere qualcosa - dovrà pensare molto più in grande. La sfortuna ha demolito una Fiorentina promettente, la ricostruzione è un dovere per la società, un diritto del grande popolo viola.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Inter, Pioli ha deciso: se ne vanno in tre, ecco dove! Milan: l'addio di Niang nasconde una verità. Juve: l’assalto di Marotta e quello degli anti-Allegri. Napoli: il giorno di Pavoletti (ma attenti a Gabbiadini…) 24.01 - Ciao. Il mercato di gennaio è molto bello. Bellissimo. Succedono un sacco di cose. Ci sono le trasmissioni. I siti sempre aggiornati. Quelli come me che scrivono le cose. E fanno la gara a chi arriva prima. “L’ho detto io!”. “No, io!”. “E io chi sono, il più stronzo?”. C’è un baraccone...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Milan, se tutto va bene sarà l'ultimo Deulofeu della storia. Habemus "Papum", che esplosione! Inter, tre anni per arrivare sul tetto d'Europa. Un Manolo in "Gabbia"  23.01 - E' arrivato Gerard Deulofeu. Erano circa le 19:00 in Italia, Malpensa era presa d'assalto dai cronisti sportivi italiani e Rai e Canale 5 interrompevano la programmazione per darne la notizia. Ad accoglierlo il noto Direttore Sportivo rossonero Rocco Maiorino, conosciuto per le operazioni...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Una settimana da Kalinic. La Juventus chiude il mercato, la Roma lo apre, il Milan con Deulofeu aspetta Gomez dall'anno prossimo. Serie A più divertente: sarebbe meglio ridistribuire i proventi televisivi 22.01 - Non mi capita molto spesso di parlare bene della mia categoria professionale. Anche perché è in continuo movimento, c'è chi si ancora a vecchi capisaldi - perché nato con la carta stampata e, più in generale, non digitale - e chi mette zizzania perché pensa di cambiare completamente...

EditorialeDI: Mauro Suma

Cercasi fotografo per Deulofeu. Juve-Milinkovic Savic: qualcosa è cambiato. Allegri circondato dagli Inzaghi. Simeone, nuovo snodo Inter-Juve 21.01 - Esattamente due anni fa. Il sabato precedente Milan-Atalanta, il Milan sognava Witsel. Ma nel frattempo si preparava ad accontentarsi di Suso. Svanito infatti in poche ore il sogno Witsel, stessa sorte che sarebbe capitata ad altri Club notoriamente più capaci sul mercato, e persa...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Verratti alla Juve, la chiave è Orsolini. Tolisso, dieci giorni per il colpo. Idea Rakitic. Inter, Moratti prende le quote di Thohir? Kalinic bloccato: la Viola non trova il sostituto 20.01 - Inutile girarci attorno: i problemi della Juve nascono tutti dal centrocampo. Le colpe e i ritardi di Allegri ci sono (ne parlerò dopo), ma non si possono non chiamare in causa anche Marotta e Paratici che in due mercati estivi non sono stati in grado di comprare un centrocampista...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Milan, Deulofeu si avvicina. Kalinic si allontana. Defrel-Roma tutta in salita. Cassano ora che fa? E i grandi colpi in B... 19.01 - Partiamo dall'ultima notizia arrivata in serata. L'Everton ha dato segnali di apertura per il prestito di Deulofeu con diritto di riscatto al Milan. È evidente che questo tipo di apertura ha suscitato un moderato ottimismo fra i dirigenti rossoneri, anche se ora bisognerà discutere...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

La Cina si dà una regolata! Coppa d'Africa, effetto Billiat... Aiutiamo Drogba! E il mercato? 18.01 - Fa freddo, fa freddissimo a Milano… Note climatiche a parte, tanto di cui disquisire. Partiamo dalla Cina. Finalmente anche il governo cinese ha capito che qualcosa non torna. Le spese folli dei club cinesi stanno “inquinando” il prodotto calcio. Esborsi assurdi, inverosimili, fuori...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: fuori dal campo sta succedendo qualcosa di grosso (e i cinesi trattano con  un attaccante!). Inter: i segreti di Nanchino e le prossime mosse di Ausilio. Milan: la decisione su Deulofeu. Napoli: e se Maradona... 17.01 - Ci tocca partire con una cosa seria. Molto seria. Pure troppo. La potenza di Tuttomercatoweb ha generato il “dramma dei pizzoccheri” che vi vado brevemente a raccontare. (Ricordatevi che è tutto molto serio. Serissimo). Settimana scorsa ho iniziato l’editoriale con la consueta...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Da Orsolini a Gabbiadini, quando gli agenti sbagliano parole e strategie. Dalla Juve all'Inter: le cifre che "drogano" il mercato. Ombre e luci su un gennaio atipico. Palermo verso la B e Lo Faso fa la Primavera... 16.01 - Sapere che è, quasi, tutto finito a metà gennaio, sinceramente, ci porta un pò di tristezza. Poi capiamo le mosse di mercato dei dirigenti italiani e ce ne facciamo una ragione. Non a caso questo è il primo mercato di gennaio di programmazione e non distruzione. Crotone, Pescara e...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Alla fine tutti si scansano con la Juventus, Napoli e Roma un po' meno. Tornerà la grande Milano, almeno la parte cinese delle due. Mercato a costo zero, tranne per i cinesi: Zidane costa 285 milioni, Buffon 110 e Veron 120 15.01 - Abbiamo negli occhi ancora la - ennesima - bella prestazione dell'Atalanta contro la Juventus, con i nerazzurri capaci, negli ultimi dieci minuti, di mettere in seria difficoltà i bianconeri. Bravo Gasperini, bravo Latte Lath, se non ci fosse la Juve un dieci euro sullo Scudetto nerazzurro...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.