HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da Tuttomercatoweb.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
TMW Mob
Editoriale

Finalmente il prezzo giusto. Ecco chi ha fatto gli affari e chi no!

Nato a Terni il 6 maggio 1976, lavora a Sky come vice caporedattore e si occupa del coordinamento del telegiornale. Tra i volti più conosciuti del calciomercato per l'emittente di Rupert Murdoch.
17.09.2015 07.51 di Luca Marchetti  articolo letto 131544 volte
© foto di Federico De Luca

Per tutta l'estate ci siamo chiesti se i prezzi pagati per i giocatori erano giusti o meno. Abbiamo discusso di Romagnoli, di Kondogbia, di Dybala. Dell'affare Dzeko o di Jovetic. Ci siamo chiesti se Draxler valeva veramente quello che chiedeva il Wolfsburg. E abbiamo strabuzzato gli occhi di fronte all cifre della Premier negli ultimi giorni di mercato. Ora alcune risposte le abbiamo. Le più importanti le darà il campo, ovvio. Le altre ha provato a darle il Cies, un istituto di ricerca con sede in Svizzera che cerca di analizzare in maniera scientifica il calcio. Grazie ai calcoli degli studiosi svizzeri ogni giocatore ha una valutazione precisa e questa valutazione è determinata da molti parametri: la squadra di provenienza, l'età, le prospettive, la tecnica, le presenze nel club e in nazionale eccetera eccetera. È chiaro che non può essere considerato un metodo infallibile ma almeno delle indicazioni (se volete anche abbastanza precise) le da. E tanto per non essere da meno delle chiacchiere dei bar italiani nei primi 20 acquisti con la maggior differenza fra la valutazione virtuale e quella reale ci sono quattro acquisti italiani. Al settimo posto c'è proprio Romagnoli: differenza di 12,3 milioni fra la valutazione del Cies (12,7 mln) e quella fatta dal Milan (25), vale a dire che il prezzo pagato dal Milan sia praticamente il doppio rispetto al prezzo consigliato. L'altro "discusso" Dybala si assesta in 14esima posizione con un differenziale di 8,4 mln (32-23,6) mentre Kondogbia entra in classifica ma alla penultima casella disponibile, la 19esima con un saldo di 6,4 milioni tra i 23,6 (anche lui) di valutazione e i 30 di spesa nerazzurra. Quindi la risposta alla domanda prezzo giusto o meno è evidentemente no. Qui si parla di aumento delle valutazioni fra il 30 e il 50 per cento, mica scherzi... Ma la vera sorpresa viene da un altro acquisto italiano di cui non si è discusso affatto: Ivan Perisic dell'Inter. Valutazione 7,1, acquistato a 18. Vale a dire un saldo di più di 10 milioni e una supervalutazione che fa impallidire anche quella di Romagnoli. In termini percentuali è il ricarico maggiore, non certamente in termini assoluti dove regnano incontrastati Martial (+27,9) De Bruyne (+26,6) e Benteke (+19,7) ma c'erano pochi dubbi su questo, viste le spese inglesi. Va detto che naturalmente i Wolfsburg è la squadra che ha venduto meglio i suoi gioielli ma allo stesso tempo è rimasta "vittima" di un ricarico eccessivo proprio su Julian Draxler. La valutazione che fa il Cies sul trequartista a lungo seguito dalla Juventus è 22,2 più o meno proprio quanto la Juventus lo avrebbe voluto pagare (addirittura nella prima offerta bonus compresi). Il Wolsfburg ha speso 30: quasi 8 in più.
Ma chi ha fatto gli affari in Italia? Cioé chi ha pagato meno un giocatore che invece valeva molto di più. Il Bologna. Con Mattia Destro. Valutazione da 17,2, spesi 8 milioni e mezzo. Quindi un "risparmio" di quasi la metà. Ma non sono da sottovalutare naturalmente Dzeko e Jovetic. I due attaccanti ex ManCity sono stati pagati entrambi 15 milioni e più o meno avevano la stessa stima: 20,9 il bosniaco, 20,3 il montenegrino. Quindi affari da 5 milioni almeno per Roma e Inter. L'ultimo affare italiano è Astori alla Fiorentina: secondo il Cies pagato la metà (5,5), praticamente, rispetto la suo valore stimato (10,6). Volete sapere chi ha fatto l'affare in Europa, per eccellenza? Il Mancheste City. Come? Con Sterling pagato 63 milioni di euro. Come è possibile? Perché la valutazione è di quasi 96... Quindi anche così i conti tornano, anche in casa Manchester!
Per il resto è solo un gioco, una proiezione, una statistica. Il mercato non si fa solo con le valutazioni scientifiche, con i dati di un computer. Sono oggetto di trattative, come se fossero partite a poker. Bisogna considerare la concorrenza e le aspettative. Prendere in considerazione le necessità tecniche. Il mercato è bello per questo. E anche le analisi servono per discutere!

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Il futuro di Allegri legato alla Champions. Piace Paulo Sousa. Marotta ha deciso: due centrocampisti a gennaio. Anche Berlusconi e le sue vedove si arrendono. Napoli, dubbi su Pavoletti 02.12 - Della serie anche i ricchi piangono, mi risulta che i dirigenti della Juventus, Agnelli in testa, non siano poi così contenti di questa squadra nonostante il primo posto in campionato e la qualificazione anticipata in Champions. L'assenza di gioco non è più motivo di simpatici...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

Editoriale DI: Luca Marchetti

Le panchine cambiano tutte insieme, gli scricchiolii delle big strizzano l'occhio al mercato. Gennaio si avvicina... 01.12 - Saltata un'altra panchina in A. De Zerbi non è più l'allenatore del Palermo dopo una sconfitta in coppa Italia ai rigori contro lo Spezia a pochi giorni dalla conferma (a sorpresa) del suo presidente Zamparini. Al suo posto arriva Corini, grande ex, che avrà il compito di...

Editoriale DI: Fabrizio Ponciroli

30.11 - Campionato riaperto, infermeria, quella bianconera, presa d'assalto. Allegri, di colpo, si è ritrovato a fare la conta dei pochi presenti. Ogni partita, qualche tassello della corazzata bianconera va in pezzi. In particolare, problemi evidenti a livello difensivo. Da qui la...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Milan e la telefonata "cinese" di chi crede ancora al closing: ecco cosa succede! Juve e Allegri: la "follia" dopo il ko di Genova. Inter: ecco il diktat sul mercato firmato Zhang. Roma: autodenuncia su Dzeko 29.11 - "Ciao, mi chiamo Maurizio, ho 75 anni e non esonero da 6 mesi". "Fate un bell'applauso a Maurizio". E giù applausi. Ci piace iniziare così, con un pensiero all' "esoneratore anonimo" Maurizio Zamparini, in crisi d'astinenza e comunque capace di tenere duro col buon De...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

28.11 - Sarà che settimana prossima c'è il referendum, sarà che per 8 mesi è rimasto in silenzio per problemi ben più gravi del calcio, sarà che in Italia tutto è consentito, sta di fatto che sono 10 giorni che Silvio Berlusconi,...

Editoriale DI: Andrea Losapio

27.11 - Abbiamo negli occhi la clamorosa sconfitta che l'Inter ha patito con il Hapoel Beer Sheva. I suoi giocatori hanno tenuto fede al nome della squadra e hanno ubriacato gli avversari in un secondo tempo davvero vergognoso da parte degli uomini di Pioli. Tanto bene nella prima...

Editoriale DI: Mauro Suma

Il 14 Dicembre del Milan. La confusione del Sassuolo. Pioli, il terzo scomodo. E' bruttissimo il calcio fra Biella e la Questura di Como 26.11 - All'esterno del Milan l'attesa spasmodica è per il 13 Dicembre. All'interno del Milan la curiosità e la suspence sono tutte per il 14 Dicembre. Chi entrerà a Casa Milan quel giorno? Le chiavi saranno sempre nelle stesse mani o saranno consegnate ai nuovi proprietari?...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

25.11 - L'ennesimo tentativo di agitare le acque attorno alla cessione del Milan è andato a vuoto. Questa volta è sceso in campo direttamente Silvio Berlusconi, spalleggiato dai soliti noti nel mondo della comunicazione, per cercare di depistare, spargere dubbi, insinuare situazioni...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Berlusconi insiste: si chiude, ma altrimenti... il Napoli stoppato in Champions, prenota una stellina brasiliana. E i giovani... 24.11 - La notte dopo il derby Berlusconi aveva dato certezze: il closing ci sarà, ma se così non dovesse essere sarei pronto a rimanere e vincere con un Milan giovane e italiano. Sembrava più una sorta di rassicurazione ai tanti tifosi del Milan contenti per come stavano andando le...

Editoriale DI: Fabrizio Ponciroli

Silvio, il difficile arriva adesso... Inter-James, si fa sul serio! Kean, un predestinato 23.11 - Lo capisco. Silvio Berlusconi sta soffrendo. Ormai ha capito che l'attimo in cui sarà costretto a dire addio, per sempre, al suo amato Milan è ormai alle porte. Il popolo rossonero gli ha tributato una coreografia da brividi, tutti lo hanno applaudito. Per ogni singolo tifoso...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.