HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
TMW Magazine
SONDAGGIO
Grandi bomber in Italia: chi la spunterà come capocannoniere?
  Vincerà Dzeko, è il centravanti più in forma della Serie A
  La spunterà ancora Higuain, è il goleador della squadra più forte
  Il trono tornerà ad un italiano, la rivelazione Belotti
  La sorpresa sarà totale: vincerà il falso nove Mertens
  Il titolo tornerà ad Icardi, già re dei bomber nel 2015

TMW Mob
Editoriale

Finalmente Milan! I segreti Berlusconi-Mr Bee. Juve, pericolo Tevez-Pogba. Il Napoli diventa operaio. Como in B, il trionfo della semplicità. Giampaolo-Marchetti in A? Quando il suicidio diventa premeditato

Direttore di Sportitalia e Tuttomercatoweb
15.06.2015 00.00 di Michele Criscitiello  Twitter:    articolo letto 106821 volte
© foto di Federico De Luca

Correva l'anno 1998 quando scrissi il mio primo articolo. Lo feci per un giornale di Avellino che vendeva, sì e no, 30 copie al giorno. Mi assegnarono un trafiletto di 12 righe. Ero contento. Poi aggiunsero che avrei dovuto scrivere di pallamano. Non avevo la più pallida idea nemmeno del numero di giocatori che compone una squadra di pallamano. Passai 8 ore a raccogliere informazioni per scrivere 12 righe. Mi insegnarono che la prima cosa da fare, prima di scrivere, è sempre documentarsi. Su tutto. Poi le informazioni uno se le ritrova nella vita. Bene, molte di quelle sulla pallamano le ho rimosse il giorno dopo la pubblicazione dell'articolo, mentre altre le ho conservate. Sono settimane che ci stiamo documentando (uso i plurale maiestatis così fa più effetto) sulla cessione del 48% del Milan per 480 milioni di euro. Sarebbe come se - mettendo in vendita la mia casa - un perito la stimasse sui 400.000 euro, salvo poi trovare un magnate, che gestisce soldi altrui, pronto ad offrirmi 6 milioni di euro. Il mio vicino sarà contento perché, finalmente, si libererebbe di me e, se ve la devo dire tutta, anche io sarei felice di dirigermi verso altri lidi con 6 milioni di euro in tasca. Ma al notaio la vendita potrebbe puzzare. Non è il caso del Milan. Qui non c'è puzza di bruciato, ci mancherebbe, ma non c'è neanche l'odore dell'affare della vita chiuso da Berlusconi con Mr Bee, il quale è impazzito ad acquistare ad una cifra così alta la minoranza di un club. Tra loro due c'è un patto. Ci stiamo lavorando da settimane ma la risposta più frequente che riceviamo è "Lascia perdere...". Mr Bee tra 8 settimane verserà 150 milioni di euro nelle casse Fininvest, il Milan farà un mercato stellare, poi ne verserà altri 330 milioni e la partita sarà chiusa. Saranno, successivamente, problemi di Mr Bee dove andare a recuperare questa cifra in giro per il mondo. A noi interessa fino ad un certo punto. Quello che conta è che hanno dato a Galliani un tesoretto per rifare grande il Milan e questa operazione, vedrete, porterà benefici a tutta la serie A. Peccato che i soldi stiano uscendo dall'Italia. Finiranno in Portogallo (Jackson Martinez), in Francia (Kondogbia) e, forse, sui conti svedesi di Ibra e quelli monegaschi di Raiola. Avrebbe fatto più comodo un mercato interno ma il Milan deve pensare alla sua vita e sta facendo un grande mercato da assoluto protagonista.
Ci spaventa la Juventus. Non va sottovalutato questo mercato che deve servire per rendere la squadra di Allegri più forte, ma effettivamente rischia di renderla più debole. Lo abbiamo scritto, il giorno dopo Berlino. Tevez è una minaccia e se non dà una risposta in tempi brevi potrebbe compromettere le strategie di Marotta. Se non ha voglia di continuare meglio, per entrambi, cambiare aria. Su Pogba è iniziato il giochino di chi la spara più grossa ma se non arrivano almeno 80 milioni di euro la Juve farebbe bene a tenersi Pogba. Attenzione a Pirlo. Vogliamo credere alla storiella che la figlia ha raccontato alle amichette che il prossimo anno se ne va in America? Boh, non abbiamo amicizie tra i bimbi della scuola della figlia di Pirlo quindi non entriamo nel merito. Uno da cedere, e sarebbe dovuto andar via già lo scorso anno, è Vidal. Si può fare cassa e non è più indispensabile per questa Juventus. Dopo lo strapagto Dybala e il parametro zero Khedira sarebbe ora di acquistare un difensore, se non si vorrà andare avanti tutta la vita con Bonucci e Barzagli. Io tifo Rugani. Basta mandarlo in giro. Se la Juve ci crede deve trattenerlo. A proposito di Juve, elogiamo sempre i bianconeri ma non facciamo notare che quest'anno il settore giovanile è stato un flop assoluto. Paratici intervenga perché la Regina d'Italia non può fare queste figure tra i ragazzini.
Sta nascendo il Napoli operaio. Meno vanitoso e più concreto. Sarri, Giuntoli, Valdifiori... Tutta gente che ha mangiato la polvere sui campi e non si è mai gustata le ostriche di Benitez. Aurelio De Laurentiis ha cambiato completamente strategia, adesso vedremo se uno dei due estremi funziona o fallirà di nuovo miseramente. La sensazione è che il Presidente sia confuso, non abbia le idee chiare ed inizi a patire i pochi successi ottenuti ed una piazza che lo contesta in continuazione. Fare calcio a Napoli non è semplice ma per quel che percepisce, direi, ne vale la pena.
Da ieri abbiamo il quadro completo sia di serie A che di serie B. Complimenti vivissimi al Como. Questa promozione non è un'impresa ma un miracolo, per come è arrivata. Su 8 squadre, ai play off, ha vinto l'ottava classificata. Bisognerebbe farci un film. A Como già non credevano ai loro occhi quando, all'ultima giornata, si sono qualificati per i play off per merito dell'Alessandria che ha buttato il campionato. Poi la vittoria di Benevento e, infine, il trionfo con il Bassano. La semplicità del Direttore Dolci è stata premiata. Qualche giovanotto di belle speranze come Ganz, bravino ma non fate paragoni inutili e assurdi, tanta esperienza con Le Noci, Cassetti e Giosa, un maestro come Ardito e tanta corsa. In B è andato il Como. Esce tra gli applausi il Bassano ma credo che un vero vincitore sia colui che vince e non colui che sfiora la vittoria. Rosso ha detto cose giuste e sagge, ma chi non vince e si accontenta della bella annata non ha evidentemente un DNA da vincente. Il Bassano ha buttato via il campionato in due occasioni: a Monza e a Como. Quando il pugile barcolla non devi avere pietà. Se il leone ferito non muore e si rialza dopo ti ammazza.
In chiusura (fuori dall'editoriale) vi riporto la mia riflessione personale. Stavo pensando alla follia del calcio italiano: Inzaghi allena un anno gli allievi del Milan, un anno la Primavera e al terzo tentativo allena la prima squadra. Marco Giampaolo, grandissimo teorico e pessimo gestore di gruppo, è dovuto ripartire dalla serie C per poter lavorare. Aveva un contratto a Cremona e l'ha scomodato addirittura l'Empoli in serie A per sostituire Sarri. Cosa sarà passato nella testa di Carli e Corsi non lo sappiamo. Ancora più grave la decisione del Carpi che, probabilmente, in serie A ci vuole stare 9 mesi. Passare da Giuntoli a Marchetti è come passare da una notte con Angelina Jolie ad una con Anna Maria Barbero (Sconsolata). Uno conquista la A con il Carpi, l'altro retrocede in C con il Cittadella. E le chiacchiere nel calcio le sentiamo tutti. Ma qualcuno fa finta di non sapere!
Buona settimana.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Juve, Allegri e gli sfoghi: ecco cosa c'è dietro la multa a Bonucci. Milan: 2 cose sui cinesi (ma occhio al "boicottaggio"). Inter: decisioni prese e da prendere a prescindere dalla Champions (e Pioli...). Napoli: c'è il "patto"  21.02 - Ciao. Vogliamo stupire De Laurentiis. Lui e quelli che non credono in noi. Noi abbiamo la "cazzimma" e lo dimostreremo compilando il primo editoriale "a caso" della storia. Partiamo dalle cose importanti: le marchette. Questa settimana ne abbiamo raccolte cinque. (Le marchette...
Telegram

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Svolta Milan: Fassone e Mirabelli, ecco cosa c'è in agenda. De Laurentiis, squadra e mister in pubblico vanno sempre difesi. Figc, Tavecchio 60%-Abodi 40%. E quell'assalto a Renzo... 20.02 - Il calcio è strano e per questo ci piace così tanto. Zeman torna a Pescara e in un colpo solo consente di festeggiare il primo successo sul campo agli abruzzesi e fa più gol lui in 90 minuti che Oddo in un girone e mezzo. Il Torino è durato 3 mesi poi Sinisa si è squagliato come già...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

De Laurentiis, lo sai che hai affrontato Modric e CR7 al Bernabeu? Marotta, Verratti come Higuain: si migliora solo con un'altra 'follia'. Rodriguez, trattativa alla Perisic: dettagli e retroscena di una lunga maratona 19.02 - Ma cosa si aspettava De Laurentiis? Mercoledì sera, in attesa dell'arrivo di Sarri nella sala stampa, ammetto di essere rimasto spiazzato dalle dichiarazioni del presidente del Napoli. Stupito. E mi sono presto accorto che non ero l'unico. Venivamo da giorni in cui il numero...

EditorialeDI: Mauro Suma

Simeone-Juve e Conte-Inter, le ultime dal fronte. De Laurentiis non protegge il Napoli di Madrid. Milan, il lavoro di Montella. C'è Valeri, ma il Milan deve stare calmo 18.02 - Sognare e ipotizzare non cosa nulla. E soprattutto può essere utile ad uscire, finalmente, non se ne può più, dall'ultimo Juventus-Inter. Nella speranza che non ci siano più dettagli e pagliuzze da esaminare per intere trasmissioni di quella partita, i tifosi bianconeri e nerazzurri...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Sarri prigioniero del Napoli, divorzio impossibile. Chelsea accelera per Bernardeschi, ieri mezza Europa a seguire l'asso viola. Milan, pronti cento milioni per il mercato. Spalletti prima scelta per la Juve 17.02 - Le accuse a Sarri, inaspettate e immotivate, del presidente De Laurentiis (con due i, mi raccomando) hanno fatto saltare in aria lo spogliatoio del Bernabeu e trasformato una onesta sconfitta in un’altra drammatica puntata della serie "I due nemici". E adesso cosa succederà? Ho...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Il peso della Champions e le panchine che iniziano i loro valzer con largo anticipo… 16.02 - Dobbiamo essere onesti e realisti. Il Napoli ha giocato con coraggio: ha guardato il Real negli occhi. Gli ha messo anche paura. Poi la qualità delle giocate (anche quelli “improvvisate” come il gol di Casemiro) e soprattutto la personalità e l’esperienza degli avversari ha fatto...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Real Madrid-Napoli, il giorno del giudizio... Cassano, nessuno si fa avanti! C'è la fila per Allegri ma... 15.02 - Finalmente ci siamo. Oggi è il giorno della verità. Il blasonato Real Madrid, la squadra delle stelle, quella del Pallone d’Oro CR7, ospita, nel mitico Bernabeu, il bel Napoli di Sarri, ossia la compagine che gioca il miglior calcio in tutt’Europa. Una sfida “galattica”, un confronto...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: le pulci al Pipita e l'ultima (scomoda) parola sul caso-arbitri. Inter: la "scoperta" di Pioli, un partente...Eun nuovo arrivo! Turbolenze Milan, strane telefonate, risposte sul campo: occhio alle scelte cinesi...Napoli: dimentica i complimenti 14.02 - Ciao. È finito Sanremo. Ha vinto uno che cantava con uno scimmione di fianco. Davvero bravo (anche il cantante). Sanremo è incredibile perché puoi avere tutte le rotture di balle del mondo ma fa niente "tanto c'è Sanremo". "Mamma hai cambiato le pile del polmone d'acciaio della...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Forza Napoli, regalaci la notte perfetta! Juve-Ascoli e il paradosso di mercato. Toni, ti presento Avellino. Abodi contro Tavecchio: la scimmia nuda balla 13.02 - Se dieci anni fa avessero detto a Gabbani che, sul palco dell'Ariston, uno contro uno avrebbe battuto Sua Maestà Mannoia, anche lui si sarebbe messo a ridere. Invece i tempi cambiano e, a volte, i miracoli esistono. Se il Napoli non si presenterà battuto al Bernabeu, il pronostico...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Juventus-Inter, una rivalità che si estenderà al mercato. Il Beijing vale più del Milan. Napoli e Roma hanno perso la loro occasione, a meno che non arrivi una Superlega. Gomez, ma dove vai? 12.02 - A metà gennaio il Beijing Guoan, club di Pechino, è stato venduto al gruppo immobiliare Sinobo Land per 3,6 miliardi di yuan. Poiché le quote acquistate erano del 64%, virtualmente la società cinese ne vale ben 2 in più. Significa che il valore intero è di circa 754 milioni di euro,...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.