VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Chi sarà il prossimo allenatore dell'Inter?
  Stefano Pioli
  Antonio Conte
  Diego Pablo Simeone
  Mauricio Pochettino
  Leonardo Jardim
  Marco Silva
  Luciano Spalletti
  Unai Emery

TMW Mob
Editoriale

Fiorentina-Juve, la gara dei rigori mancati. Okaka: Inter in vantaggio. Milan: le tre priorità. Napoli: se arriva Lavezzi, torna anche Hamsik

Nato a Milano il 10 Maggio 1965; Giornalista Professionista dal 1994. Dopo le esperienze professionali di carta stampata (La Notte e Il Giorno) e televisive (Telelombardia, Telenova, Eurosport), dirige Milan Channel dal 16 Dicembre 1999.
06.12.2014 00.00 di Mauro Suma   articolo letto 26658 volte

La discussione ruotera attorno ai due mezzi rigori in uno di Chiellini e al braccio largo di Pizarro. Era più rigore il mio, no lo era di più il mio. C'è spazio per tutti. In ogni caso Allegri non è mai fortunato con Rizzoli. Di Fiorentina - Juventus resta anche dell'altro. Ovvero l'esclusione di Morata che a questo punto rischia di diventare un caso. Al contrario di Conte che un anno fa ha sacrificato l'Europa League sull'altare del Campionato, Allegri ha privilegiato l'Europa togliendo risorse alla formazione schierata a Firenze in vista dell'Atletico. Fra derby e Firenze, poche occasioni per la squadra bianconera, il pensiero è all'Europa. Della partita di ieri sera resta anche l'amarezza pre partita per certi versi legittima di Marotta, ma questo è un altro discorso. Che ci trascineremo per molto tempo. E i viola? Stratosferico Borja Valero, ancora lontano dall'essere competitivo in certe partite Mario Gomez. Dopo il 4-2 dell'anno scorso, in ogni cado, la viola non ha mai rischiato davvero di perdere contro la Juventus.

E' il momento delle firme mancate, dei prolungamenti che non arrivano. La fase dei procuratori che nicchiano e delle società che devono comportarsi di conseguenza. In questo senso le vicende di Stefano Okaka e Mauro Icardi sono gemelle. E non solo, sarebbe banale, perché tutto nasce dalla Sampdoria, nel 2012 per l'argentino e adesso per l'attaccante di Ferrero. Intanto non c'è nulla che in questo momento lasci presagire un rinnovo di Okaka a Genova. Il ragazzo sembra orientato a tenere duro e a proseguire per la sua strada. Né servono a fargli cambiare idea quelle che possono anche sembrare velate minacce a mezzo stampa di ritorsioni come la collocazione in tribuna. Okaka ha entusiasmo e prospettiva, ha il diritto di dare tutto in campo e al tempo stesso di guardare come meglio crede al suo futuro. Più sfumata, più ovattata, più sotto traccia la vicenda di Icardi. Il filo d'Arianna dei procuratori e degli addetti ai lavori dà per certa la ricerca di un acquirente in Premier League per l'attaccante argentino. Che, come Okaka, tutto sembra tranne che sull'orlo di un prolungamento contrattuale in Italia con l'Inter. Ecco perché i nerazzurri sono in vantaggio su Okaka: se ricavano denaro dalla cessione di Icardi, il gioco sarebbe presto fatto per Stefano. Del resto l'Inter, se dovesse mai cedere Icardi, non avrebbe un centravanti di proprietà, visto che Osvaldo è in prestito. E lo stesso Roberto Mancini voleva già Okaka ai tempi del Galatasaray.

Tifosi in subbuglio per Nigel De Jong. Rinnova o non rinnova? Chi frena e chi accelera fra lui e il Milan? Domande destinate a rimanere inevase fino a fine stagione. Il Milan ha ben 8 giocatori in scadenza di contratto e fra di loro non ci sono figli e figliastri. Tutti con gli stessi tempi e tutti con lo stesso riguardo. Materia da maneggiare con cura, questa. La posta in palio è l'equilibrio dello spogliatoio. Del resto l'esercizio è ozioso. Fino a che non si sa se a quale competizione parteciperà il Milan la prossima stagione (Champions League? Europa League? Nessuna delle due?), non può esistere budget, valutazione del numero e del profilo dei giocatori necessari per la prossima stagione. Quindi, tempo al tempo. Con buona pace di tutti. E il mercato di Gennaio? Intanto, le prese di posizione ufficiali del Milan fino ad oggi sono state due: nessuno entra se nessuno esce e Pazzini non è sul mercato. Nessuno rinnega nulla. Ma è giusto tener presente che il mercato è l'arte del vediamo. Il mercato è il non plus ultra del luogo comune: quello che diciamo oggi, può non essere vero domani. Questo vale per ogni tipo di mercato, sia quello estivo che quello di Gennaio. Off records e fuori dall'ufficialità: se il Milan fosse in condizione di fare operazioni di mercato senza rischiare di avere una rosa di 50 giocatori per 4 mesi di stagione, le priorità potrebbero essere il centrocampista centrale e il terzino sinistro. Ecco perché l'Inter è praticamente da sola per Okaka, il centravanti in questo momento non è priorità rossonera.

Higuain, Callejon e Martens sono fior di giocatori. Ognuno di loro ha picchi e colpi importanti. Senza discussioni. Ma ogni rosa ha le sue spine. E sembra che i nuovi petali dei fiori partenopei abbiamo come soffocato Hamsik. Sembra che Marek sia fuori dal tempo. La sensazione è che lui navighi ancora nel mare di Lavezzi e Cavani, che sono però due giocatori che non ci sono più dalle parti di Fuorigrotta. Sembra avere nostalgia il campione slovacco, quasi non connesso con i nuovi califfi dell'attacco azzurro. Questione di feeling, di abitudini, di meccanismi sottili. Ecco perché se il Napoli entrasse nell'ordine di idee di sostituire il lungodegente Insigne con, massì, Lavezzi, ecco che il primo a trarne beneficio potrebbe essere proprio Hamsik. Tornerebbe a sentire l'aria di casa dei suoi anni migliori. Di Lavezzi si dice che il suo legame con Napoli è ancora forte, anche a due anni dalla sua partenza. Il ritorno di Ezequiel Lavezzi in azzurro potrebbe essere uno dei tormentoni del mercato invernale, vista anche quella che appare come la necessità del Psg: vendere alcuni pezzi pregiati e risanare il deficit. In questo caso il futuro di Lavezzi sarebbe in bilico tra Psg e Napoli, senza escludere Wolfsburg, Liverpool, Chelsea e Inter.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
In Cina adesso sanno chi è Li Yonghong. Gabigol costa come Dybala. E la Juve pescò il castigamatti 22.04 - Le cinque squadre più conosciute in Cina, le cinque squadre percepite dalle masse cinesi sono Real Madrid, Barcellona, Manchester United, Bayern Monaco e Milan. E' questa la forza che sarà respiro alla nuova proprietà del Milan. E, conoscendo i nostri chicken, respiro non significa...
Telegram

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, ora pesca il Monaco. Cento milioni dalla Champions. Allegri rinnova fino al 2020. Isco primo obiettivo. Milan, Morata dice no. Inter, 60 milioni per Berna 21.04 - La vera impresa della Juventus d’Europa credo sia quella di non aver preso neppure un gol dal Barcellona in due partite. Questo dato freddamente numerico racconta di una squadra straordinaria che nella fase difensiva rasenta la perfezione pur giocando con quattro attaccanti di ruolo....

EditorialeDI: Luca Marchetti

La Juve fra le top 4, ecco come vuole rimanerci. I progetti di Milan e Inter per tornare fra le grandi. Napoli Insigne: accordo raggiunto 20.04 - I complimenti sono d’obbligo, scontati e sentiti. La Juventus per la seconda volta in tre anni è in semifinale in Champions. E’ il trionfo di una società granitica che difficilmente sbaglia mosse sul mercato e sul campo. E’ il trionfo di Allegri che in 180’ contro il miglior attacco...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Inter-Simeone, qualcosa non torna… Milan, scelta difficile per l’attacco! Juve, Guarin è stanco della Cina. De Rossi, Roma ingrata? 19.04 - Che Pasqua… C’è chi ha trovato la sorpresa che cercava da tempo e chi è rimasto a bocca asciutta. Si pensi al popolo nerazzurro, beffato sul più bello. Gioie per Juve e Napoli, Roma contrariata. Uova frantumate, in senso letterale, alle spalle, è meglio guardare avanti… Pare incredibile...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: 113 motivi per temere il Barcellona e 1 solo (ma decisivo) per non avere paura. Inter: il futuro di Pioli e la scelta dei nerazzurri. Milan: 2 nomi concreti per il mercato (e l’agenda di Fassone). Un appunto a Orsato 18.04 - Da tre giorni non faccio altro che pensare ai celebri ricercatori dell’Amaro Montenegro, alla loro perseveranza nell‘individuare e mettere in salvo l’Antico Vaso. Li invidio molto, perché si danno sempre un gran daffare e cascasse il mondo non falliscono mai. Questi signori dopo...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Milan, padroni nuovi fantasmi vecchi. Pioli si è giocato l’Inter. Chievo, prima di prendere il DS informati bene. Venezia e Foggia: c’è la mano delle società 17.04 - Hanno un nome: Lì. Hanno un cognome: Lì. E hanno quasi la stessa faccia. C’è di fatto che esistono e, finalmente, li abbiamo visti e (quasi) toccati. I cinesi del Milan non sono cinesi magnati ma sono cinesi affaristi e sicuramente non è una colpa né un’offesa. Fanno un mestiere diverso...

EditorialeDI: Marco Conterio

Allegri e un altro segnale: è tra i migliori al mondo. Dybala e i Fab Four: l'azzardo ci sta. Roma: il fallimento parte da Spalletti. Empoli e Crotone: cuore e anima, altro che il Palermo. Lega Pro: Inzaghi e Stroppa, destino ad alti livelli 16.04 - La partita contro il Barcellona ha ufficialmente inserito Massimiliano Allegri nel novero dei grandissimi allenatori d'Europa. Ha imbrigliato campioni come Messi, Neymar e Suarez facendo sua la partita, dando un'anima e un gioco a una squadra forse sulla carta sfavorita ma sul piglio...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, Berlusconi takes it all. Il 4-3-3 di Montella. Mercato, il grande centravanti. Napoli, Mertens a Manchester 15.04 - Il bene di famiglia non è più della famiglia, ma non tutto è perduto. Silvio Berlusconi è entrato, salutatissimo presidente della Storia rossonera, nel mito uscendo dalla quotidianità, il suo caro amico fidato Paolo Scaroni siede nel Cda di Casa Milan, sua figlia Barbara presiede...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Nuovo Milan, ecco i piani di mister Li. Contratto a Donnarumma, risanamento e la borsa. Ma nel 2018 servono 350 milioni. Juve, Dybala simbolo di un grande progetto 14.04 - Tra nostalgia e qualche rimpianto, Berlusconi saluta il Milan con le lacrime agli occhi. Mancherà a tutti. Umano, molto umano. Ma, signori è fatta. Alla faccia di tutti quelli che fino all’ultimo hanno messo in dubbio perfino l’esistenza di Mister Li Yonghdong. Da ieri il Milan...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Champions, closing (Milan), rinnovi (Dybala) e panchine (tutti) 13.04 - A guardare i risultati delle altre l'impresa della Juve è ancora più rotonda. Nessuna delle magnifiche otto ha ottenuto un risultato così schiacciante, le altre grandi (Real a parte forza - ma se Vidal non avesse sbagliato il rigore...) scoprono di avere dei punti deboli e la Juve...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.