VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Chi sarà il prossimo allenatore dell'Inter?
  Stefano Pioli
  Antonio Conte
  Diego Pablo Simeone
  Mauricio Pochettino
  Leonardo Jardim
  Marco Silva
  Luciano Spalletti
  Unai Emery

TMW Mob
Editoriale

Foggia-Pisa: il trionfo di Rino e la sconfitta di una Provincia. Brocchi, te lo avevamo detto. Roma, che figura con Pjianic. Vai Antonio, Forza Blues...

Direttore di Sportitalia e Tuttomercatoweb
13.06.2016 15.00 di Michele Criscitiello  Twitter:    articolo letto 88360 volte
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews

Questa volta vogliamo partire dal basso. Nel senso che abbiamo toccato il fondo. A Foggia hanno perso tutti. Sul campo ma soprattutto fuori. Ha perso una Provincia intera e un grande pubblico non si giudica solo dalle presenze allo stadio. Avevano preparato una guerra, lo sapevamo ma non credevamo sinceramente fino a questo punto. Davanti a tutta Italia Foggia ha fatto capire come mai dal 1998 non si schioda dalle basse categorie. Ha lo stadio, ha la gente ma senza civiltà non si riesce a costruire nulla. Gli imprenditori non investono e la squadra non sale. Molte responsabilità le ha anche Roberto De Zerbi. Un allenatore deve essere un vincente non solo nella tecnica e nella mentalità. Queste pressioni bisogna saperle reggere. De Zerbi è un grande tecnico, le sue squadre le fa giocare benissimo e pretende ed ottiene dai suoi ragazzi il 101% ma se insiste troppo escono mostri come Agnelli, un calciatore che tra andata e ritorno con il Pisa ha preso più caviglie degli avversari che palloni. De Zerbi allenerà il Crotone in A, forse un salto troppo grande. La sua strategia, questa volta, è stata fallimentare. Dal primo minuto i suoi ragazzi l'hanno messa sulla rissa, al terzo minuto dovevano esserci già tre gialli ma l'arbitro, anche lui inadeguato, ha tirato fuori i primi cartellini nel secondo tempo. Non ha mai saputo gestire la gara. Un allenatore che deve andare a placare la curva, un allenatore che fa da capopopolo non va bene. O almeno, non va bene in certe categorie. De Zerbi ha tutto per sfondare ma se non limita i suoi aspetti caratteriali questo calcio lo risucchierà. E' stato, invece, il trionfo di Gattuso che ha preparato la partita perfetta consapevole della guerra che lo attendeva. Tatticamente è stato perfetto e non ha mai consentito al suo Pisa di perdere la testa. Il suo carattere gli avrebbe consigliato tutt'altro, invece, ha ottenuto quel che voleva senza fare sceneggiate. Lo ha colpito una bottiglia di acqua e lì anche lui ha perso la pazienza. Vorrei crederci dopo tutto quello che il Pisa ha subito a Foggia. E' la vittoria di Gattuso, un grande allenatore. Ve lo ripetiamo da due anni, anche se i professori rossoneri da salottino l'hanno sempre etichettato come "Chi, Ringhio che fa l'allenatore?". Le risatine dei sapientoni che non sanno che Gattuso e il suo vice Riccio di calcio sanno tutto, studiano tutti e sono il futuro. Siamo contenti e andiamo fieri di averlo capito prima degli altri e siamo contenti che il mapo abbia dato a Gattuso quello che merita. Grande allenatore e grande motivatore. Guarda caso tutti i suoi ex calciatori ne parlano benissimo. Meriterebbe la A ma siccome non ha commesso gli errori di Inzaghi e Brocchi lui la gavetta la fa prima e non dopo aver insegnato alla Sorbona. Anche in queste cose capisci l'intelligenza di un Mister e di una persona. Gattuso al Milan vuole arrivarci ma non per fare una passerella di due mesi. A proposito di Brocchi: te lo avevamo detto che ti avrebbero bruciato come tutti gli altri al Milan. Andare oggi a Milanello è un augurio che faresti solo al tuo peggior nemico calcistico: in bocca al lupo a Marco Giampaolo per la nuova avventura. Giampaolo è un bravo teorico del calcio ma perde facilmente il controllo della situazione. Immaginatevelo al Milan dove c'è una guerra in atto su tutti i fronti. Spogliatoio spaccato, Barbara contro Galliani, ufficio stampa di Galliani da una parte e quello di Barbara dall'altra, proprietà assente e tutto nelle mani dell'allenatore. Bene, Giampaolo sarebbe la persona meno idonea. Brocchi è rimasto tra fuoco e fiamme. Dispiace perché poteva essere un bravo allenatore ma aver accettato e assecondato le follie di Berlusconi potrebbero risultare fatali alla sua carriera. Come di fa a dire di no a Berlusconi se ti offre la prima squadra del Milan? Bisogna avere carattere e personalità e pretendere garanzie nel momento in cui ti cercano perché hanno bisogno di uno da mettere in pasto al popolo. Aver detto sì è stata una follia e lo abbiamo scritto su queste colonne il giorno dopo la vittoria di Genova con la Sampdoria all'esordio.
Siamo in pieno mercato e la Roma non sembra essere partita benissimo con questa sessione estiva. Primi striscioni contro la società e la pessima gestione della cessione di Pjianic. Vendere per fare cassa non è un delitto ma bisognerebbe avere più coerenza e chiarezza nei confronti dei tifosi. La Juventus ha fatto un grande blitz e ha tolto alla Roma il cervello della squadra. Chissà cosa starà pensando oggi Spalletti... La Roma si aggrappa alla letterina di Babbo Natale di Pjanic ma una cessione così illustre non si gestisce in questo modo. Ancora una volta la coppia Sabatini-Baldissoni è scivolata sulla forma, sulla sostanza e sulla comunicazione. Vedremo come finirà con Nainggolan. Altro missile terra-area che potrebbe presto partire da Trigoria.
Nel frattempo all'Europeo tocca all'Italia. Antonio Conte, sussurrerà a Radja, che il Chelsea lo aspetta ma nel frattempo vuole stupire e dimostrare che con una squadra di sbandati riesce ad ottenere un altro grande risultato. Non è proprio così perché la difesa azzurra è forte anche se in attacco non abbiamo campioni si parte da una base solida. Oggettivamente mancano nomi e qualità ma nel gironcino sicuramente l'Italia non ha molto da temere. Conte si congederà così da azzurro per passare al blues. Prima, però, c'è un Europeo da onorare.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
In Cina adesso sanno chi è Li Yonghong. Gabigol costa come Dybala. E la Juve pescò il castigamatti 22.04 - Le cinque squadre più conosciute in Cina, le cinque squadre percepite dalle masse cinesi sono Real Madrid, Barcellona, Manchester United, Bayern Monaco e Milan. E' questa la forza che sarà respiro alla nuova proprietà del Milan. E, conoscendo i nostri chicken, respiro non significa...
Telegram

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, ora pesca il Monaco. Cento milioni dalla Champions. Allegri rinnova fino al 2020. Isco primo obiettivo. Milan, Morata dice no. Inter, 60 milioni per Berna 21.04 - La vera impresa della Juventus d’Europa credo sia quella di non aver preso neppure un gol dal Barcellona in due partite. Questo dato freddamente numerico racconta di una squadra straordinaria che nella fase difensiva rasenta la perfezione pur giocando con quattro attaccanti di ruolo....

EditorialeDI: Luca Marchetti

La Juve fra le top 4, ecco come vuole rimanerci. I progetti di Milan e Inter per tornare fra le grandi. Napoli Insigne: accordo raggiunto 20.04 - I complimenti sono d’obbligo, scontati e sentiti. La Juventus per la seconda volta in tre anni è in semifinale in Champions. E’ il trionfo di una società granitica che difficilmente sbaglia mosse sul mercato e sul campo. E’ il trionfo di Allegri che in 180’ contro il miglior attacco...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Inter-Simeone, qualcosa non torna… Milan, scelta difficile per l’attacco! Juve, Guarin è stanco della Cina. De Rossi, Roma ingrata? 19.04 - Che Pasqua… C’è chi ha trovato la sorpresa che cercava da tempo e chi è rimasto a bocca asciutta. Si pensi al popolo nerazzurro, beffato sul più bello. Gioie per Juve e Napoli, Roma contrariata. Uova frantumate, in senso letterale, alle spalle, è meglio guardare avanti… Pare incredibile...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: 113 motivi per temere il Barcellona e 1 solo (ma decisivo) per non avere paura. Inter: il futuro di Pioli e la scelta dei nerazzurri. Milan: 2 nomi concreti per il mercato (e l’agenda di Fassone). Un appunto a Orsato 18.04 - Da tre giorni non faccio altro che pensare ai celebri ricercatori dell’Amaro Montenegro, alla loro perseveranza nell‘individuare e mettere in salvo l’Antico Vaso. Li invidio molto, perché si danno sempre un gran daffare e cascasse il mondo non falliscono mai. Questi signori dopo...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Milan, padroni nuovi fantasmi vecchi. Pioli si è giocato l’Inter. Chievo, prima di prendere il DS informati bene. Venezia e Foggia: c’è la mano delle società 17.04 - Hanno un nome: Lì. Hanno un cognome: Lì. E hanno quasi la stessa faccia. C’è di fatto che esistono e, finalmente, li abbiamo visti e (quasi) toccati. I cinesi del Milan non sono cinesi magnati ma sono cinesi affaristi e sicuramente non è una colpa né un’offesa. Fanno un mestiere diverso...

EditorialeDI: Marco Conterio

Allegri e un altro segnale: è tra i migliori al mondo. Dybala e i Fab Four: l'azzardo ci sta. Roma: il fallimento parte da Spalletti. Empoli e Crotone: cuore e anima, altro che il Palermo. Lega Pro: Inzaghi e Stroppa, destino ad alti livelli 16.04 - La partita contro il Barcellona ha ufficialmente inserito Massimiliano Allegri nel novero dei grandissimi allenatori d'Europa. Ha imbrigliato campioni come Messi, Neymar e Suarez facendo sua la partita, dando un'anima e un gioco a una squadra forse sulla carta sfavorita ma sul piglio...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, Berlusconi takes it all. Il 4-3-3 di Montella. Mercato, il grande centravanti. Napoli, Mertens a Manchester 15.04 - Il bene di famiglia non è più della famiglia, ma non tutto è perduto. Silvio Berlusconi è entrato, salutatissimo presidente della Storia rossonera, nel mito uscendo dalla quotidianità, il suo caro amico fidato Paolo Scaroni siede nel Cda di Casa Milan, sua figlia Barbara presiede...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Nuovo Milan, ecco i piani di mister Li. Contratto a Donnarumma, risanamento e la borsa. Ma nel 2018 servono 350 milioni. Juve, Dybala simbolo di un grande progetto 14.04 - Tra nostalgia e qualche rimpianto, Berlusconi saluta il Milan con le lacrime agli occhi. Mancherà a tutti. Umano, molto umano. Ma, signori è fatta. Alla faccia di tutti quelli che fino all’ultimo hanno messo in dubbio perfino l’esistenza di Mister Li Yonghdong. Da ieri il Milan...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Champions, closing (Milan), rinnovi (Dybala) e panchine (tutti) 13.04 - A guardare i risultati delle altre l'impresa della Juve è ancora più rotonda. Nessuna delle magnifiche otto ha ottenuto un risultato così schiacciante, le altre grandi (Real a parte forza - ma se Vidal non avesse sbagliato il rigore...) scoprono di avere dei punti deboli e la Juve...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.