HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Gagliardini-Inter, è il nome giusto per completare la squadra di Pioli?
  Sì, al centrocampo nerazzurro servono qualità come le sue
  No, non è ha il physique du role per giocare all'Inter
  Sì, pescare tra i migliori giovani italiani è la via giusta
  No, il prezzo chiesto dall'Atalanta è assolutamente fuori mercato
  La Juve alla fine avrà la meglio

TMW Mob
Editoriale

Forza Fratelli d'Italia! Ma se finisce male arriva un nuovo Ct (ecco chi). Juve: l'idea Pato nasconde un altro nome. Mazzarri-Thohir: la situazione si fa molto pericolosa. Il Milan con la grana Kakà finge di mettere Iturbe, ma punta a...

Nato a Milano il 3/7/1978, laureato in Scienze ambientali presso l'Università dell'Insubria di Como, da ottobre 2008 è Capo Servizio Sport presso il quotidiano "Libero". Opinionista Rai e Telelombardia
24.06.2014 00.00 di Fabrizio Biasin  Twitter:    articolo letto 69152 volte
© foto di Federico De Luca

Dunque, alle 18 gioca l'Italia. Magari non lo sapevate. Vi confesso che ho una tensione persistente e fastidiosa simile a quella che mi colpì agli esami di quinta elementare. Che pessimo ricordo. Maestra: "Nella pancia di quale pesce finì Pinocchio nel libro del Collodi?". Io, assai gradasso: "Balena! Non spreco neanche l'aiuto da casa!". Maestra: "No, cretinetti! Pescecane!". Io: "Maestra non dica boiate, è la balena, lo sanno tutti". Maestra: "Leggi qui, cosa c'è scritto pisquano?". Io: "Pescecane, ma io ho visto il film". Che tensione e che infame la maestra con la sua domanda trabocchetto. Probabilmente era uruguaiana.
Stasera, invece, non ci saranno trabocchetti: con un punto siamo dentro, senza punto andiamo a casa. Inutile far pronostici, ma precisazioni sì. Prandelli ha un contratto freschissimo con scadenza 2016. Secondo voi in caso di fallimento (toccatevi i preziosissimi senza dare nell'occhio) sarà lui il ct verso l'Europeo 2016 o leverà le tende? Leverà le tende. E al suo posto arriverà chi? Allegri? Molto probabile...
Ma son questioni che non ci interessano perché noialtri siamo l'Italia e stasera sfodereremo la super arma segreta tipica di certe situazioni assai complicate: il "cul de Sac", nato nel 1994 quando la squadra allenata da Arrigo grazie a una serie di botte del suddetto ci condusse alla finale. Finì male, ma almeno non passammo il Mondiale a guardare gli altri che se la tiravano come fionde australiane. Vedremo.

La micidiale tensione, in ogni caso, non può distoglierci dalle faccende di casa nostra. Al Milan domina il caso-Seedorf. Lui s'è fatto venire i 5 minuti e pretende un risarcimento, il club col piffero che glielo vuole concedere. Dalla crociera rossonera prima parla Barbara, poi Tassotti, Galliani nisba: aveva cose importanti da fare legate alla faccenda diritti tv. Le parole di Lady Berlusconi fanno pensare: "Mio padre e Galliani lavorano per Iturbe". Ennesima prova che la figlia del presidente sembra essersi allontanata dal centro di comando. Durerà la tregua tra amministratori delegati ora che Seedorf (colui che ha "unito" i due) non c'è più? Lo scopriremo presto. Di sicuro sappiamo che l'opzione Mandzukic se mai era nata è già tramontata, che Iturbe è un falso obiettivo, che in realtà resta vivissima la pista Cerci, che i problemi di Kakà stanno diventando i problemi del Milan. Il divorzio è apparecchiato, ma il brasiliano potrebbe ritardare l'addio di sei mesi complicando parecchio il mercato rossonero. E Balotelli? Il giocatore partirà (destinazione Arsenal) a prescindere da quel che accadrà oggi: lo impone il bilancio, lo desidera patron Silvio, mai entrato in sintonia con il promesso sposo.

Le questioni interiste sono al momento le più spinose. Ausilio pur senza quattrini a disposizione sta lavorando come una bestia per sistemare una rosa monca. M'Vila se la tira come la fionda di cui sopra, ma alla fine arriverà. A meno che... A meno che Mazzarri non decida di fare i capricci.
Ecco, la sensazione è che in casa Inter si stia rischiando grosso ma si faccia finta di niente perché nessuno ha il coraggio di dire "Huston, abbiamo un problema". E allora ci proviamo noi. Thohir due mesi fa ha sparato "calbonate" tipo "prendo uno tra Dzeko, Torres e Morata". In seguito, grazie alla faccenda "banche e garanzie", abbiamo intuito che: o Erick pensava di essere all'asta del Fantacalcio o il traduttore era strafatto di LSD e colle vendute al mercato nero. Le recenti dichiarazioni del patron indonesiano ("lavoriamo per una squadra da Europa League che in un paio d'anni possa tornare in Champions") ha regalato un clamoroso assist al Walterone, ovvero il mister che la scorsa stagione diceva "stiamo lavorando per l'anno prossimo, abbiate fede" e l'anno prossimo potrà dire "stiamo lavorando per l'anno prossimo, abbiate fede". Secondo questo principio l'Inter rischia di giocare sì la finale di Champions "in casa" nel 2016... in casa di Thohir, nell'ampio salotto, a FIFA 2016 però.
La situazione in effetti è persino più intruppata: Mazzarri sa che l'anno prossimo non gli basterà dire "vedremo la stagione ventura", soprattutto perché un contratto per il 2015-2016 non ce l'ha. E allora pretende, chiede, catechizza i suoi operatori di mercato: vuole Behrami, vorrebbe Luis Gustavo o almeno Luis Miguel di "Cuando calienta il sol", al limite persino Miguel Bosè, straordinario interprete de "l'autoradio" nel 1996 (http://www.youtube.com/watch?v=zPF04lXaMJM). In questo modo sì che potrà dire: "non mi hanno preso neppure Bosè, con questa squadra più di così non potevo fare".
E allora il discorso è sempre il solito (e proviamo a esser seri): o la società davvero crede in questo allenatore e gli rinnova il contratto, o tratta la buonuscita, piange per i milioni buttati al vento ma prova a rimediare prima che sia troppo tardi.
Per dire: il fatto che si stia già parlando dei possibili eredi di Mazzarri in panchina (Seedorf e Mancini sono bufale, ma c'è chi le ha messe in giro) è sintomo che l'"allegrata"(ovvero la brutta fine del tecnico confermato a parole, ma non a fatti) incombe pericolosamente.

E poi c'è la questione Pato-Juve. Sembrava una panzana e invece così non è. O meglio: Pato non vestirà il bianconero (comunque toccherebbe sborsare quattrini per una clamorosa incognita), ma il giocatore si è offerto e la Signora ascolta volentieri con lo scopo di risvegliare la dirigenza del Real. Questo più o meno il ragionamento: "Vi interessa o non vi interessa la nostra proposta per Morata? Occhio che altrimenti cambiamo strada". Praticamente come quando in vacanza al mare, per conquistare la bonazza, punti l'amica un po' meno carina per pungolare l'orgoglio della bonazza. Il problema è che molto spesso la bonazza non ti si fila comunque, la meno carina smaschera il giochino e tu finisci a mangiare un ghiacciolo al tamarindo con la cozza della compagnia.
E Sanchez? La pista resta rovente ma fino a fine Mondiale non se ne parla.

Chiusura su Infront, ultima speranza del calcio italiano. Non vogliamo entrare nella diatriba sui diritti tv, complessa come un disegno dello stilista di Marco Mazzocchi, ci atteniamo alle cifre: 1,3 miliardi di euro per la Serie A (1,1 netti) in arrivo dal 2015/16. Dalle simulazioni risultano circa 30 milioni in più per la Juventus, una ventina per le milanesi e soldi a pioggia per tutti gli altri. Non sarà la salvezza del nostro pallone - che dovrebbe darsi una mossa e trovare altri mezzi per ingrossare i bilanci - ma per ora l'advisor fa respirare i club in difficoltà.
Nuovo appuntamento domani in Lega per capire come andrà a finire la vicenda.
Anche "chissenefrega", tra l'altro, perché oggi conta solo sopravvivere. Uruguaiano, scansati! Dossena, portaci agli ottavi! Mazzocchi, sei tutti noi! Il cielo è blu sopra Natal! Forse...
E per voi quanto finisce (Twitter @FBiasin)? Dite dite...


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Cercasi fotografo per Deulofeu. Juve-Milinkovic Savic: qualcosa è cambiato. Allegri circondato dagli Inzaghi. Simeone, nuovo snodo Inter-Juve 21.01 - Esattamente due anni fa. Il sabato precedente Milan-Atalanta, il Milan sognava Witsel. Ma nel frattempo si preparava ad accontentarsi di Suso. Svanito infatti in poche ore il sogno Witsel, stessa sorte che sarebbe capitata ad altri Club notoriamente più capaci sul mercato, e persa...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Verratti alla Juve, la chiave è Orsolini. Tolisso, dieci giorni per il colpo. Idea Rakitic. Inter, Moratti prende le quote di Thohir? Kalinic bloccato: la Viola non trova il sostituto 20.01 - Inutile girarci attorno: i problemi della Juve nascono tutti dal centrocampo. Le colpe e i ritardi di Allegri ci sono (ne parlerò dopo), ma non si possono non chiamare in causa anche Marotta e Paratici che in due mercati estivi non sono stati in grado di comprare un centrocampista...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Milan, Deulofeu si avvicina. Kalinic si allontana. Defrel-Roma tutta in salita. Cassano ora che fa? E i grandi colpi in B... 19.01 - Partiamo dall'ultima notizia arrivata in serata. L'Everton ha dato segnali di apertura per il prestito di Deulofeu con diritto di riscatto al Milan. È evidente che questo tipo di apertura ha suscitato un moderato ottimismo fra i dirigenti rossoneri, anche se ora bisognerà discutere...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

La Cina si dà una regolata! Coppa d'Africa, effetto Billiat... Aiutiamo Drogba! E il mercato? 18.01 - Fa freddo, fa freddissimo a Milano… Note climatiche a parte, tanto di cui disquisire. Partiamo dalla Cina. Finalmente anche il governo cinese ha capito che qualcosa non torna. Le spese folli dei club cinesi stanno “inquinando” il prodotto calcio. Esborsi assurdi, inverosimili, fuori...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: fuori dal campo sta succedendo qualcosa di grosso (e i cinesi trattano con  un attaccante!). Inter: i segreti di Nanchino e le prossime mosse di Ausilio. Milan: la decisione su Deulofeu. Napoli: e se Maradona... 17.01 - Ci tocca partire con una cosa seria. Molto seria. Pure troppo. La potenza di Tuttomercatoweb ha generato il “dramma dei pizzoccheri” che vi vado brevemente a raccontare. (Ricordatevi che è tutto molto serio. Serissimo). Settimana scorsa ho iniziato l’editoriale con la consueta...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Da Orsolini a Gabbiadini, quando gli agenti sbagliano parole e strategie. Dalla Juve all'Inter: le cifre che "drogano" il mercato. Ombre e luci su un gennaio atipico. Palermo verso la B e Lo Faso fa la Primavera... 16.01 - Sapere che è, quasi, tutto finito a metà gennaio, sinceramente, ci porta un pò di tristezza. Poi capiamo le mosse di mercato dei dirigenti italiani e ce ne facciamo una ragione. Non a caso questo è il primo mercato di gennaio di programmazione e non distruzione. Crotone, Pescara e...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Alla fine tutti si scansano con la Juventus, Napoli e Roma un po' meno. Tornerà la grande Milano, almeno la parte cinese delle due. Mercato a costo zero, tranne per i cinesi: Zidane costa 285 milioni, Buffon 110 e Veron 120 15.01 - Abbiamo negli occhi ancora la - ennesima - bella prestazione dell'Atalanta contro la Juventus, con i nerazzurri capaci, negli ultimi dieci minuti, di mettere in seria difficoltà i bianconeri. Bravo Gasperini, bravo Latte Lath, se non ci fosse la Juve un dieci euro sullo Scudetto nerazzurro...

EditorialeDI: Mauro Suma

Gagliardini-Caldara, una simpatica zuffa a suon di milioni. Le spallucce di Montella, le spallucce del Milan. La Champions della Juve passa da Dybala 14.01 - Una volta si cantava vengo anch'io no tu no. Oggi si canticchia all'avversario l'hai pagato di più tu, no invece tu. Non sappiamo chi si contenterà, ma certamente chi gode è l'Atalanta. Visto che il motivo del contendere è chi ha speso di più fra Inter e Juventus, fra Gagliardini...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve-Inter: scontro totale sul mercato. Verratti conteso a colpi di milioni. Chi ha buttato i soldi per Gagliardini e Caldara? Zaza al Valencia. Pioli vuole Vrsaljko 13.01 - Una buona strategia di marketing l’avrebbe suggerito, andare addosso ai più forti, a chi comanda il mercato o la situazione, funziona sempre. L’aggressione. E’ quello che, milione più milione meno, sta facendo l’Inter, tornata a braccare la Juventus molto da vicino. Il caso Gagliardini...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Inter: Gagliardini e le uscite. Deulofeu passi in avanti. Colpo Genoa e Fiorentina. Tutte le punte della B 12.01 - Finalmente Gagliardini è ufficialmente un giocatore dell’Inter. Colpo dei nerazzurri anche perché (praticamente a sorpresa) il giocatore arriva in prestito sì, ma biennale. Vale a dire che i 20 milioni di euro fissati per il riscatto andranno pagati nel 2018, consentendo così all’Inter...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.