HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Juventus agli ottavi: ora può arrivare fino in fondo in Europa?
  Sì, la squadra ha le possibilità di tornare a giocarsi la Champions
  No, è presto per fare certi giudizi e servirà un mercato invernale importante
  Sì, col rientro progressivo degli infortunati la squadra è da titolo
  No, troppa la differenza con le big spagnole, inglesi e tedesche

TMW Mob
Editoriale

Fra sconfitti e banane ci resta solo Rizzoli

03.08.2014 00.00 di Italo Cucci   articolo letto 31802 volte
© foto di Federico De Luca

Con la collaborazione di un editore (Minerva) e di un comune (Cesenatico) sono riuscito a ridare vita a un evento calcistico che negli anni Sessanta ebbe un clamoroso successo: Il Processo al Calcio. Da un'idea del mitico Conte Alberto Rognoni (cui ho appena dedicato un libro, "Il capanno sul porto") nacque la più grande assise pallonara cui dedicavano tempo, passione e presenza giornalisti come Gianni Brera e Enzo Tortora (due fra tanti) e personaggi come Umberto Agnelli, Angelo Moratti e Enzo Ferrari. Memorabili i "Processi" del '66, dopo la tragicomica Corea di Edmondo Fabbri, e del '70, dopo i famigerati sei minuti di Rivera decisi da Ferruccio Valcareggi in Brasile-Italia. Rivera era (modestamente) il nostro Pelè, fra gli oroverde Pelè fu presentissimo e decisivo. Con questo spirito abbiamo "processato" il Mondiale brasiliano dell'Italia, aperitivo della scorpacciata di banane fatta con Tavecchio. E Albertini. Non ci era bastato, evidentemente, dover registrare la sparata di Buffon contro i giovani (in primis Balotelli), la prima volta che si sentiva un capitano battuto dirsi sostanzialmente estraneo alla sconfitta; ci è toccato - e non è finita - dover assistere alla candidatura di Albertini e ascoltare i suoi programmi (?) come se l'ineffabile compagno di strada di Abete & C. non fosse stato il capocomitiva azzurro in Brasile, quindi il capofila degli sconfitti accolti in patria da un diffusissimo titolo di giornale che gridava "Tutti a casa". Ci risiamo. E nel dubbio - mentre si avvicina la data dell'elezione del nuovo presidente federale - vien voglia di rispolverare quel titolo suggerito da una pagina di poco commendevole storia patria: sì, tutti a casa, e ricominciamo. Da dove? Da chi? Questo è il problema. L'ennesimo equivoco "democratico" lega la soluzione ai numeri, come saggiamente spiega il "roseo" e competentissimo Ruggiero Palombo. E invece ci vorrebbe il coraggio di contarsi non per compartimenti (Federazione, Leghe, Giocatori , Tecnici e Arbitri) ma per teste, ovvero con l'esposizione diretta in forma si suffragio universale di tutti i presidenti, calciatori, tecnici, arbitri e tesserati vari. Non succederà perché il calcio contemporaneo è vittima di un vizio antico - l'omertà - e di un vizio moderno, il "politicamente corretto", ovvero ipocrisia. Di questo e d'altro si è dibattuto a Cesenatico, alla fine consolati dalla sorridente, orgogliosa presenza del premiatissimo Nicola Rizzoli, l'arbitro che ha trionfalmente diretto la finale Germania-Argentina rivelando al mondo esterno e a quello interno, popolato di disfattisti, che il calcio italiano ha ancora punte di eccellenza. La ripresa del campionato è vicina e invece di continuare a piangerci addosso ricominciamo proprio da Rizzoli, dagli Arbitri. Magra consolazione - direte. Mica vero. L'irreprensibile bolognese (che spesso ho criticato, come se fosse un calciatore) ha messo in campo competenza, passione e preparazione fisica (senza passar dalla famigerata "casetta" di Coverciano), arti minime mancate completamente ai pedatori azzurri. Per favore, imitatelo.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Messi-Inter? Parliamo di Gabigol... Milan, tre al prezzo di uno! Dopo Drogba, ecco Eto'o e Tevez 07.12 - Sono anni, forse decenni, che mi interrogo sul perché attorno all'Inter succeda sempre qualcosa che ti lascia a bocca aperta, sbigottito, spesso incredulo. Perché si è solo ipotizzato un possibile matrimonio tra Messi e l'Inter? Non siamo più ai tempi in cui Moratti,...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

 Juve: Allegri ha un'idea per il presente, Marotta pensa al futuro: ecco il (super) colpo per l'estate! Inter: la "bomba Simeone" nasconde una verità. Milan e il closing in ritardo: così cambia il mercato. Napoli: occhio a Pavo... 06.12 - Ciao. Volevo commentare insieme a voi gli esiti del referendum, ma mentre ci pensavo mi si è materializzata in testa l'immagine di Brunetta che esulta e se la tira come se avesse qualche merito. Mi sono spaventato. Sono cose più grosse di me: i referendum, non Brunetta....

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Inter, un consiglio a Piero: occhio al tuo "miglior nemico". Udinese, 120 anni di storia e 30 anni di come si fa mercato. Il Verona primo e brutto, l'Alessandria ha già fatto il check-in 05.12 - Mi e vi devo fare una promessa: in questo mio spazio del lunedì non parlerò più del closing Milan fino alla firma del contratto, alla stipula davanti al notaio, ai comunicati ufficiali e alle foto di rito. Anche se dovessero arrivare altri 100 milioni di euro dalle banche...

EditorialeDI: Andrea Losapio

401 milioni di euro spesi sul mercato per non vincere nulla: l'Inter è un fallimento conclamato. Closing parola dell'anno a Milano. La fortuna aiuta gli audaci, come Conte 04.12 - Sono allo Juventus Stadium per la gara fra padroni di casa e Atalanta. E vedo la squadra di Allegri che gioca come non fa mai nemmeno in Europa, figuriamoci in Italia. Forse è demerito nerazzurro ma la disfatta con il Genoa forse ha fatto suonare un campanello di allarme,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, il 13 Dicembre resta il giorno. Roma, Napoli, Lazio, Milan non distraetevi. Berardi rimpiazza Gabigol all'Inter. Dani Alves torna a Gennaio, no emergenza Juve 03.12 - Poveri tifosi del Milan. E' come se li vedessimo. E per certi versi li vediamo. Costretti a compulsare siti, tv e social a tutte le ore del giorno e della notte per soppesare ogni sfumatura del particolare che arriva dal tal profilo twitter che fino ad oggi ha detto certe cose...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Il futuro di Allegri legato alla Champions. Piace Paulo Sousa. Marotta ha deciso: due centrocampisti a gennaio. Anche Berlusconi e le sue vedove si arrendono. Napoli, dubbi su Pavoletti 02.12 - Della serie anche i ricchi piangono, mi risulta che i dirigenti della Juventus, Agnelli in testa, non siano poi così contenti di questa squadra nonostante il primo posto in campionato e la qualificazione anticipata in Champions. L'assenza di gioco non è più motivo di...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Le panchine cambiano tutte insieme, gli scricchiolii delle big strizzano l'occhio al mercato. Gennaio si avvicina... 01.12 - Saltata un'altra panchina in A. De Zerbi non è più l'allenatore del Palermo dopo una sconfitta in coppa Italia ai rigori contro lo Spezia a pochi giorni dalla conferma (a sorpresa) del suo presidente Zamparini. Al suo posto arriva Corini, grande ex, che avrà il compito di...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Juve, trovato l'uomo per la difesa! Inter, ma Gabigol? Drogba è libero... 30.11 - Campionato riaperto, infermeria, quella bianconera, presa d'assalto. Allegri, di colpo, si è ritrovato a fare la conta dei pochi presenti. Ogni partita, qualche tassello della corazzata bianconera va in pezzi. In particolare, problemi evidenti a livello difensivo. Da qui la...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Milan e la telefonata "cinese" di chi crede ancora al closing: ecco cosa succede! Juve e Allegri: la "follia" dopo il ko di Genova. Inter: ecco il diktat sul mercato firmato Zhang. Roma: autodenuncia su Dzeko 29.11 - "Ciao, mi chiamo Maurizio, ho 75 anni e non esonero da 6 mesi". "Fate un bell'applauso a Maurizio". E giù applausi. Ci piace iniziare così, con un pensiero all' "esoneratore anonimo" Maurizio Zamparini, in crisi d'astinenza e comunque capace di tenere duro col buon...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Closing Milan: in un Paese normale sarebbe già intervenuta la Procura della Repubblica. Disastro Juve nel deserto delle rivali. Palermo, lo specchio di Zamparini. De Zerbi, te lo avevamo detto... 28.11 - Sarà che settimana prossima c'è il referendum, sarà che per 8 mesi è rimasto in silenzio per problemi ben più gravi del calcio, sarà che in Italia tutto è consentito, sta di fatto che sono 10 giorni che Silvio Berlusconi,...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.