HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da Tuttomercatoweb.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
TMW Mob
Editoriale

Gabbiadini, Shaqiri, la Croazia e Colombia: i sogni di Inter, Napoli, Juventus e Milan. E i numeri in Europa: la strada è questa...

Nato a Terni il 6 maggio 1976, lavora a Sky come vice caporedattore e si occupa del coordinamento del telegiornale. Tra i volti più conosciuti del calciomercato per l'emittente di Rupert Murdoch.
27.11.2014 00.00 di Luca Marchetti  articolo letto 27162 volte
© foto di Federico De Luca

Intanto Juventus e Roma fino all'ultimo si giocano il passaggio del turno. E questo è un bene.
Naturalmente i bianconeri ci arrivano con meno patemi d'animo a quest'ultima partita del girone. In casa, contro un Atletico già qualificato basta anche il pari. Per la Roma è uno spareggio vero e proprio contro una squadra sicuramente forte, almeno a guardare i nomi (e le giocate in campo).
Le italiane dimostrano sempre di non avere paura di nessuno, neanche in Europa, ma è chiaro che il divario c'è eccome. Lo diciamo ogni volta che c'è la Champions, vista la fatica che dimostrano di fare le nostre squadre in Europa. Oggi abbiamo un dato in più (se mai dovesse servire): il CIES (un gruppo di analisi svizzero) ha studiato campionato per campionato le sfide più costose: vale a dire la massima spesa possibile per mandare in campo due squadre
Bene: in Spagna (manco a dirlo) è Barcellona e Real. Che per schierare la loro formazione più costosa, nel corso degli anni hanno speso insieme quasi 700 milioni. Nulla di clamoroso, lo sapevamo già. Come potevamo intuire che la sfida italiana era l'ultima del BigFive (ovvero dei primi 5 campionati europei). E' Inter-Napoli: che hanno speso 235 milioni. Quindi quasi un terzo.
E' naturale quindi che il divario ci sia. Ma non è per forza scontato. Perché (e anche qui sembra che ci ripetiamo sempre) la Bundes spende poco più rispetto a noi e Bayern Borussia (la sfida più "costosa") vanta "soltanto" qualche decina di milioni di euro in più di spesa.
Il modello tedesco: tutti ne parlano. Le riforme varate dal Consiglio Federale vanno decise verso una direzione, ma a detta di molti potrebbe non bastare. Gli Under 21 illimitati (di qualsiasi nazionalità) e i vincoli del vivaio (non obbligatori) lasciano molti margini di manovra per le società italiane. Probabilmente sarà un mercato più orientato verso i giovani, sempre con grande attenzione all'estero, peraltro visto che la nuova norma del curriculum per l'extracomunitario sembra veramente poca roba.
Molti continuano ad insistere sul concetto di squadra B per incentivare l'investimento sul settore giovanile, ma in questo sembra che i vertici federali non ci credano proprio. La domanda è: perché? Visto che negli ultimi anni sono fallite più di 100 società nelle categorie inferiori…
Il cambio di norme comunque ha già cominciato ad influire sulle scelte. Avevamo detto che il Napoli avrebbe puntato in Italia per sostituire Insigne. Infatti ecco spuntare il nome di Gabbiadini come nome più credibile. Sono stati fatti già i primi colloqui esplorativi con Samp e Juventus. Servono circa 15 milioni, cifra non indifferente e di prestiti non si parla. L'alternativa è Salah (del Chelsea, che piace anche all'Inter): classe 1992, quindi anche lui giovane.
Il Milan punta forte su Brozovic, anche lui 1992, anche lui centrocampista, anche se centrale. Anche perché potrebbe tornare in Inghilterra Van Ginkel, anticipando il rientro di qualche mese. Ma la Croazia piace molto anche alla Juventus (e all'Inter). Sotto osservazione, anzi forse, qualcosa in più, Kramaric, attaccante classe 1991, gioca nel Rejika. La Juve è già molto avanti con il papà del ragazzo (che gli fa da agente). Il Rejika lo valuta almeno 10 milioni di euro, lui intervistato a Sky dice che verrebbe supervolentieri a giocare in Italia. La Juve 10 non ne spende sicuro, ma può contare su una clausola che ha in mano il papà per cui il ragazzo si può liberare a 2 milioni. Ora Kramaric non vuole andare allo scontro frontale con la sua società, anche perché la concorrenza c'è ed è agguerrita. Ma è difficile che la sua squadra tenga duro a lungo.
E mentre anche Conte si accorge del talento di Dybala, proponendogli la Nazionale italiana (e in questo momento paradossalmente è più chiara la sua posizione sulla nazionale da scegliere che sulla squadra che invece può comprarlo vista la confusione che si sta generando intorno al suo cartellino) a Palermo hanno invece proposto la possibilità di tesserare Ventislav Hristov, classe 1985, attaccante bulgaro dalle buone qualità tecniche. Il Palermo ci sta pensando eccome.
La Juventus non pensa solo agli attaccanti. Insieme al Cagliari sta invece cercando di chiudere il più in fretta possibile Tello: difensore colombiano che ora gioca nell'Envigado. Andrebbe a giocare subito a Cagliari.
Il nome forte di questo mercato potrebbe invece essere Shaqiri: il talento del Bayern ormai in Germania (o per lo meno in Baviera) non ci rimane. Il prezzo è già calato: dai 22 di quest'estate ai 16 di adesso, visto che lo svizzero non rinnova e scade nel 2016. E anche lo stesso Beckenbauer ha detto che vuole puntare solo su giocatori motivati. Inter e Napoli seguono da vicino. Non sono le uniche…

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
04.12 - Sono allo Juventus Stadium per la gara fra padroni di casa e Atalanta. E vedo la squadra di Allegri che gioca come non fa mai nemmeno in Europa, figuriamoci in Italia. Forse è demerito nerazzurro ma la disfatta con il Genoa forse ha fatto suonare un campanello di allarme, come...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

Editoriale DI: Mauro Suma

Milan, il 13 Dicembre resta il giorno. Roma, Napoli, Lazio, Milan non distraetevi. Berardi rimpiazza Gabigol all'Inter. Dani Alves torna a Gennaio, no emergenza Juve 03.12 - Poveri tifosi del Milan. E' come se li vedessimo. E per certi versi li vediamo. Costretti a compulsare siti, tv e social a tutte le ore del giorno e della notte per soppesare ogni sfumatura del particolare che arriva dal tal profilo twitter che fino ad oggi ha detto certe cose...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Il futuro di Allegri legato alla Champions. Piace Paulo Sousa. Marotta ha deciso: due centrocampisti a gennaio. Anche Berlusconi e le sue vedove si arrendono. Napoli, dubbi su Pavoletti 02.12 - Della serie anche i ricchi piangono, mi risulta che i dirigenti della Juventus, Agnelli in testa, non siano poi così contenti di questa squadra nonostante il primo posto in campionato e la qualificazione anticipata in Champions. L'assenza di gioco non è più motivo di simpatici...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Le panchine cambiano tutte insieme, gli scricchiolii delle big strizzano l'occhio al mercato. Gennaio si avvicina... 01.12 - Saltata un'altra panchina in A. De Zerbi non è più l'allenatore del Palermo dopo una sconfitta in coppa Italia ai rigori contro lo Spezia a pochi giorni dalla conferma (a sorpresa) del suo presidente Zamparini. Al suo posto arriva Corini, grande ex, che avrà il compito di...

Editoriale DI: Fabrizio Ponciroli

30.11 - Campionato riaperto, infermeria, quella bianconera, presa d'assalto. Allegri, di colpo, si è ritrovato a fare la conta dei pochi presenti. Ogni partita, qualche tassello della corazzata bianconera va in pezzi. In particolare, problemi evidenti a livello difensivo. Da qui la...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Milan e la telefonata "cinese" di chi crede ancora al closing: ecco cosa succede! Juve e Allegri: la "follia" dopo il ko di Genova. Inter: ecco il diktat sul mercato firmato Zhang. Roma: autodenuncia su Dzeko 29.11 - "Ciao, mi chiamo Maurizio, ho 75 anni e non esonero da 6 mesi". "Fate un bell'applauso a Maurizio". E giù applausi. Ci piace iniziare così, con un pensiero all' "esoneratore anonimo" Maurizio Zamparini, in crisi d'astinenza e comunque capace di tenere duro col buon De...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

28.11 - Sarà che settimana prossima c'è il referendum, sarà che per 8 mesi è rimasto in silenzio per problemi ben più gravi del calcio, sarà che in Italia tutto è consentito, sta di fatto che sono 10 giorni che Silvio Berlusconi,...

Editoriale DI: Andrea Losapio

27.11 - Abbiamo negli occhi la clamorosa sconfitta che l'Inter ha patito con il Hapoel Beer Sheva. I suoi giocatori hanno tenuto fede al nome della squadra e hanno ubriacato gli avversari in un secondo tempo davvero vergognoso da parte degli uomini di Pioli. Tanto bene nella prima...

Editoriale DI: Mauro Suma

Il 14 Dicembre del Milan. La confusione del Sassuolo. Pioli, il terzo scomodo. E' bruttissimo il calcio fra Biella e la Questura di Como 26.11 - All'esterno del Milan l'attesa spasmodica è per il 13 Dicembre. All'interno del Milan la curiosità e la suspence sono tutte per il 14 Dicembre. Chi entrerà a Casa Milan quel giorno? Le chiavi saranno sempre nelle stesse mani o saranno consegnate ai nuovi proprietari?...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

25.11 - L'ennesimo tentativo di agitare le acque attorno alla cessione del Milan è andato a vuoto. Questa volta è sceso in campo direttamente Silvio Berlusconi, spalleggiato dai soliti noti nel mondo della comunicazione, per cercare di depistare, spargere dubbi, insinuare situazioni...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.