HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Doppio confronto Napoli-Juventus: come finirà?
  La Juve vincerà entrambe le gare
  Il Napoli avrà la meglio in entrambe le sfide
  La Juve mantiene il vantaggio in A ma perde in Coppa
  Il Napoli recupera in A ma esce in Tim Cup

TMW Mob
Editoriale

Gagliardini-Caldara, una simpatica zuffa a suon di milioni. Le spallucce di Montella, le spallucce del Milan. La Champions della Juve passa da Dybala

14.01.2017 00.00 di Mauro Suma   articolo letto 24352 volte

Una volta si cantava vengo anch'io no tu no. Oggi si canticchia all'avversario l'hai pagato di più tu, no invece tu. Non sappiamo chi si contenterà, ma certamente chi gode è l'Atalanta. Visto che il motivo del contendere è chi ha speso di più fra Inter e Juventus, fra Gagliardini e Caldara, su un punto non c'è il minimo dubbio: ha incassato tutto e solo proprio il Club bergamasco. Che, nella storia, ha avuto il merito di sfornare Donadoni e Bonaventura, Pazzini e Montolivo, Morfeo e Ganz, giocatori cioè risolti, compiuti, definiti, per lo più Nazionali. Ma dallo stesso vivaio sono usciti anche Donati e Zenoni, Lazzari e Dalla Bona, Peluso e Padoin, Rossini e Cigarini, giocatori cioè rispettabilissimi ma senza i picchi di rendimento che giustificherebbero gli investimenti appena fatti per Caldara e Gagliardini. Fra i quali c'è già una differenza: sul piano mediatico, non certo da parte interista, c'è stato chi ha giustificato l'esborso per Caldara, salvo poi un minuto dopo criticare quello per Gagliardini. Sul piano dei giocatori, invece, Caldara ha mosso i primi passi in silenzio, anche perchè sbarcherà a Torino fra un anno e mezzo, mentre sul neo-interista è partita una grancassa mica male. I giovani meritano sempre incoraggiamenti, e questo vale assolutamente anche per Gagliardini. Quello che lascia abbastanza di stucco, non da parte sua, ma dai propri ambienti mediatici, è la ricerca del paragone con Manuel Locatelli. Che ha tre anni di meno, che ha sempre e solo giocato nel Milan e che si è preso anzitempo grosse responsabilità. Ognuno faccia la sua strada e a medio termine si tireranno le somme. Dice, Juventus e Inter imitano il Milan nella politica dei giovani italiani. Non tanto, da Donnarumma a Calabria, da De Sciglio a Locatelli, con la sola eccezione di Romagnoli, il Milan i suoi giovani se li alleva per lo più in casa, non ha come regola quella di acquistarli a suon di 20-25 milioni cadauno.

Ogni volta che il Milan vince una partita, parte una Guantanamera niente male. Dallo stile di Lapadula all'infortunio di Alex Sandro, dai gol nel secondo tempo (notoriamente valgono solo nei primi tempi, i gol, nel calcio) al Torino che si suicida, la nenia non cambia mai. Il Milan non ha mai meriti, eppure se avesse giocato e magari vinto a Bologna sarebbe terzo, eppure è nei Quarti di finale di Coppa Italia dopo aver eliminato il Torino (un anno fa negli Ottavi il Milan vinse a Genova contro la Samp), eppure ha vinto la Supercoppa di Lega. E l'ostentazione della minimizzazione, con il quale il gruppo di Montella ha imparato a convivere e che soprattutto ritiene con la massima disinvoltura estraneo alla propria annata. Altro discorso è quello extra campo. Fino a poco tempo fa, non mancavano mai le bacchettate sulle dita per i soldi spesi. Oggi, invece, l'accusa è esattamente quella di non spendere. Appena qualcuno spende, è bravo. Il Milan che invece non spende, un pirla o quasi. In realtà dovrebbe essere un titolo di merito avere una spina dorsale (Donnarumma, Paletta, Romagnoli, Bonaventura, Locatelli, Suso) costata 31,5 milioni di euro sul mercato, poco, pochissimo, più del solo Gabigol. Troppo ragionevole, vero? Bisogna invece, a forza, fare i giochi delle tre carte con i punti di forza e i punti deboli. Tornando alle cose semplici, nel Milan c'è l'allenatore giusto al momento giusto (anche se lui saprebbe far bene anche in un Milan, con tutto il rispetto, di maggiore qualità e prestigio), c'è la squadra e ci sono i singoli. A guardar bene, anche il gioco e il gruppo. Non ci sono i fuoriclasse di altre epoche, ma bisogna saper contestualizzare da una parte e amare lo stesso dall'altra. Se invece il nasino di chi giudica i rossoneri non riesce a raddrizzarsi e se il pancino di chi li "ama" continua a far male, tutto questo continuerà a essere un non problema per uno spogliatoio ormai poco interessato al resto e molto appassionato di sè stesso.

Non sappiamo se Giovanni Branchini sia andato davvero, alla luce del sole (di Gennaio?) ma certamente sotto la luce dei riflettori, a Vinovo per promettere alla Juventus la mano di Mattia De Sciglio. Ma se così fosse, si sbagliano tutti quelli che sono sicurissimi di un divorzio Allegri-Juventus a fine stagione. De Sciglio è infatti il giocatore per eccellenza di Allegri. L'occhio del tecnico livornese lo ha beccato quando Mattia non era costantemente nemmeno titolare nella Primavera del Milan. Quante volte la frase "è di un'altra categoria" è stata accostata dall'allenatore toscano all'esterno milanese. Quindi, se così fosse, i giochi sarebbero tutt'altro che fatti, anche se abbiamo colto anche noi qualche segnale di stanchezza in Allegri. La sua però è una vicenda che non sarà decisa a Gennaio o a Febbraio. Deciderà la Champions, come sempre nelle buone famiglie. Una buona, ma anche una grande avventura primaverile in Champions, non necessariamente vincerla ma contare il più a lungo possibile, riproietterebbe Allegri nel firmamento bianconero. Continuiamo a pensare che, nonostante la sostanza e la legna del croato, per centrare l'obiettivo Allegri debba finalmente affrancarsi da Mandzukic e amalgamare come si deve, in campo e fuori, Pjanic, Higuain e Dybala. Proprio lui, Dybala. Quanto più riuscirà il tecnico a renderlo delizia e quanto meno croce, a quel punto cresceranno le sue percentuali Champions prima e di permanenza poi. Pjanic e Higuain, però, un loro patto di muto rendimento lo hanno già fatto. Li vediamo spesso dialoganti e complici. Dybala è ancora un pò sulle sue. Non sappiamo se per motivi economici o caratteriali, ma la Champions juventina prossima ventura passa da questi equilibri molto delicati. Dybala è decisivo, in certi momenti tocca necessariamente a lui e solo a lui far andare la Juventus da una parte piuttosto che dall'altra. Doha lo ha illustrato e raccontato molto bene.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Ferragosto con la Serie A? Favorevole... Milan, ansia da closing! Conte-Neymar, la verità! Totti, ci siamo? 29.03 - Settimana all’insegna delle polemiche… Tutti a lamentarsi, tutti a discutere, tutti a parlare (spesso inutilmente). Perché? Forse la pausa per la Nazionale o, forse, non possiamo proprio farne a meno delle polemiche… Non ne parlo, come al solito mi interessa soffermarmi su altro....
Telegram

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: polemiche a raffica, un arrivo e un solo vero pericolo. Milan: la svolta, le ultime sul closing e i segreti di Mr Li. Inter: si sogna un colpo da sceicchi (ma occhio alle bufale)! Napoli sospeso tra Sarri e Higuain 28.03 - In quel tempo c'era la pausa per la Nazionale. E la pausa per la Nazionale portava polemiche sterili e invenzioni di mercato. E tu chiamavi i direttori sportivi e chiedevi "si parla molto di mercato, dimmi tutto!". E loro: "C'è la pausa per la nazionale, siamo in vacanza, vatti a...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Le infiltrazioni mafiose nel calcio e i falsi moralisti. Milan, dopo la colletta il problema sarà di Mirabelli. Verona, comunque andrà sarà un fallimento! Foggia, da De Zerbi a Stroppa il vero vincitore è Di Bari 27.03 - Quando c'è la Nazionale bisogna cercare altre notizie, altrimenti televisioni e giornali chiudono. Si punta sul mercato o su questioni extra. Hanno aiutato, in questa fase, il closing del Milan e le indagini della Procura Federale sulle intercettazioni della Juventus. Se a fare i...

EditorialeDI: Marco Conterio

Il closing del Milan: la figura di Yonghong Li e tutti gli scenari futuri del club. Valzer delle panchine: tanto ruota attorno a Spalletti. Tutti i colpi delle grandi da Bernardeschi a Manolas fino a Kessie 26.03 - Forse, ci siamo. Il Milan sta per diventare del misterioso Yonghong Li in... Prestito con obbligo di riscatto. Già. Perché i soldi per il closing arriverebbero al broker cinese dagli Stati Uniti, dal fondo Elliott, che finanzierebbe così la chiusura del passaggio del club. Li è rimasto...

EditorialeDI: Mauro Suma

Montella: Maiorino sa tutto. I 720 milioni di Sino, i 270 di Suning. Inter e Milan: Napoli e Roma col fiato corto. Balo e Darmian novità di mercato 25.03 - "Vediamo". In Casa Milan da diversi mesi a questa parte non è una espressione come le altre. Non è un intercalare o un modo per prendere tempo. E' una vera e propria parola d'ordine, un approccio costante nel tempo, l'unico modo per attendere una soluzione definitiva alla cessione...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve-'Ndrangheta, siamo alla follia. Le colpe di Agnelli. Allegri vuole Di María. Inter, lasciate in pace Pioli. Napoli, tieni Insigne non Mertens 24.03 - LL’ultimo scandalo del calcio italiano ha dei contorni inquietanti. Parlo, naturalmente, della vicenda Juventus-‘Ndrangheta e di tutto quello che sta scatenando. Qui non si tratta di essere juventini o antijuventini, credo che il discorso che sto per fare attenga alla civiltà più...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Caparre cene e allenatori, in Primavera si fa il mercato e si guarda al futuro 23.03 - Sono principalmente due le notizie che hanno movimentato la settimana della pausa di campionato e sono destinate entrambe ad avere strascichi durante tutta la settimana. A Milano la questione closing non si è ancora chiusa: né in un verso né nell'altro. I famosi 100 milioni che doveva...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Luis Enrique, non solo Roma... Milan-Donnarumma, è rimasta solo la fede! Napoli, Mertens va premiato oppure... 22.03 - Ogni volta che si manifesta la primavera mi sento meglio… Le giornate diventano più luminose, la natura rinasce, tutto siamo più felici o, almeno, così pare… Tuttavia, ancora una volta, a primavera c’è solo una rondine che tiene alto il buon nome dell’Italia pallonara in Europa. C’è...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Un'idea "folle" per la Juve e una cosa da chiarire su Agnelli. I soldi del Milan ci sono: ecco chi li ha davvero (da lì nascono i problemi). Il fastidio dietro la "non sconfitta" dell'Inter. E sul pranzo indigesto di Sarri... 21.03 - Questa volta non me la prendo con la “pausa per la Nazionale”. Non ci penso neanche. Al limite con il campionato. Quello delle ultime che perdono sempre, delle prime che vincono sempre, di quelle in mezzo che vincono se giocano con le ultime, perdono se giocano con le prime e pareggiano...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Pallotta, chiedi il conto a Spalletti. Giro di panchine: Bucchi e Semplici le new entry. Il Torino dalla “Padelli alla brace”. Lotito in B? Ecco perché conviene più alla B che alla A… 20.03 - Nel week end dell’addio dei sogni di gloria dell’Inter, si passa al sabato dove il Milan conferma di essere da Europa di serie B. Milano oggi è da Europa di serie B e la classifica confermerà che le due squadre di Milano ancora non sono pronte a rientrare dalla porta principale. Il...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.