VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Dove giocherà Schick la prossima stagione?
  Resterà alla Sampdoria per il primo vero anno da titolare
  E' pronto per il grande salto: andrà alla Juventus
  All'Inter come prima grande alternativa a Icardi
  Andrà al Milan per il dopo Bacca
  In Premier League

TMW Mob
Editoriale

Gagliardini Inter ecco che succede, gli incontri della Juve. Le strategie del Milan. Genoa che colpi! Sorpresa Pescara

05.01.2017 00.00 di Luca Marchetti   articolo letto 51639 volte
© foto di Federico De Luca

Il mercato è bello perché ogni giorno succede qualcosa. E se invece non succede potrebbe comunque essere una notizia. È i caso di Gagliardini all'Inter. Operazione sulla quale (probabilmente) noi giornalisti siamo andati più veloci dei diretti interessati. Ma c'è sempre un motivo. L'affare non è chiuso, è in fase di definizione. Non significa che è saltato: significa che tutti stanno lavorando per completarlo, in mezzo a difficoltà normali in una situazione dle genere., ovvero alcune dinamiche obbligate della trattativa.
L'Inter, come sapete, non può fare operazioni a titolo definitivo. Ma anche la cifra del prestito non può essere a discrezione dell'Inter (o dell'Atalanta) ma ha un limite. Tutto questo sempre secondo le regole del FFP, di cui l'Inte vuole e deve tener conto. Questo comporta una serie di vincoli sui quali si sta discutendo e che portano via tempo.
Sgombriamo il campo da equivoci: tra Inter e Atalanta c'è sintonia. Ma ora l'Atalanta potrebbe non sentirsi garantita dai due milioni di prestito senza alcun obbligo di riscatto. Per questo la trattativa si amplia perché a questi vengono agganciate altre esigenze. Ed ecco che potrebbe essere decisivo incontro tra proprietà (quando torneranno i cinesi in Italia, quindi all'inizio della prossima settimana) per far capire ancora meglio le intenzioni dell'Inter e sgombrare il campo da qualsiasi perplessità.
La situazione ancora non definita chiaramente potrebbe indurre altre squadre a non sentirsi tagliate fuori. E magari proporre le stesse condizioni per chiudere l'operazione. Ma al momento le telefonate di altri ds o intermediari sono solo azioni di disturbo (anche se non possiamo sapere quanto disturbo realmente creano) visto che la volontà di Inter e Atalanta è quella di chiudere il prima possibile e con soddisfazione reciproca. È in corso una trattativa complessa, ma le parti sono comunque fiduciose. Insomma la fumata bianca ancora non c'è stata ma all'orizzonte (ancora) non si vedono nubi...
L'Inter nel frattempo continua a lavorare sulle uscite: Jovetic sempre più ai margini del progetto Pioli sta per andare al Siviglia, Banega secondo il suo procuratore sta per ricevere offerte importanti dalla Cina (Hebei Fortune e Bejing Guoan): appena arriveranno verranno valutate dall'Inter ma la cessione non è affatto scontata.
E avendo già parlato di Verratti (attenzione al Bayern) e di Bernardeschi per giugno, aggiungiamo un altro nome per il prossimo mercato nerazzurro: Rodriguez, terzino del Wolfsburg, che ha una clausola da 22 milioni ma si può prendere anche con meno. Sul ragazzo c'è anche il PSG, ma lui preferirebbe l'Italia e l'Inter vorrebbe bloccarlo.
Vorrebbe sognare in grande anche il Milan, ma nelle prossime ore a tenere banco non saranno colpi di mercato ma le carte che sono state pubblicate da calcioefinanza che testimonierebbero come i soldi della caparra del secondo slittamento del closing provengano da un conto corrente delle Isolve Vergini. Se sia una mossa per aggirare il blocco dei capitali imposto dal governo cinese o che invece serva ad altro noi non lo sappiamo. Di sicuro sarà oggetto di illazioni. L'altra cosa sicura è che al momento il mercato del Milan deve essere fatto a saldo zero. Attesa allora per Deulofeu per il quale non ci sono molte chanches, nonostante il Milan abbia modificato la propria offerta: prestito con diritto di riscatto. Galliani sa di poter far leva sulla volontà del ragazzo, ma l'Everton pare irremovibile.
Giornata di incontri invece per la Juventus a Milano. Intanto incontro con l'agente di Orsolini, attaccante esterno dell'Ascoli. Non è stata l'unica squadra incontrata da Di Campli: una chiacchierata è stata fatta anche con il Napoli e con l'Atalanta. Poi visita del Perugia per chiudere il prestito di Brignoli. In seguito nel pomeriggio una chiacchierata per risolvere la situazione di Zaza con il suo entourage. Il West Ham al momento non garantisce l'obbligo di riscatto, dunque è necessario trovare una soluzione, soprattutto dopo che è saltato l'affare Valencia. Poi incontro con l'Empoli per definire il prestito di Thiam.
Chi ha fatto il colpo ieri è stato il Genoa. È tutto ok per Pinilla. Già da un paio di giorni con l'Atalanta, mancava l'ok del giocatore alla proposta di un anno e mezzo di contratto. Ora è arrivata anche quella e nelle prossime ore Pinilla farà le visite mediche, ma non è finita qui perché sempre il Genoa sta chiudendo per Taarabt, in prestito per 18 mesi dal Benfica. Manca da sistemare soltanto la differenza economica sull'ingaggio. Anche in questo caso i club sono già d'accordo e il giocatore potrebbe tornare in Italia (dove è già stato per trovare l'accordo un paio di settimane fa) per chiudere definitivamente.
Il Napoli aspetta che arrivi un'offerta per Gabbiadini per poi decidere se effettivamente cederlo o meno, considerato che la sua valutazione ora è leggermente scesa rispetto a questa estate: 20 milioni potrebbero bastare e Wolfsburg e Southampton ci stanno seriamente pensando.
Alla Roma Jese rimane l'obiettivo numero uno, ma si stanno facendo delle valutazioni anche sulla personalità del giocatore che in realtà vorrebbe tornare addirittura a dove è nato anche a costo di abbassarsi ingaggio. Per questo rimangono delle perplessità proprio dal punto di vista caratteriale.
Ma da tenere sempre in considerazione il nome di Musonda del Chelsea cheperò potrebbe anche rimanere a Londra dove potrebbe trovare Kessie, valutato 30 milioni dall'Atalanta e sul quale Conte ha messo gli occhi (più però per l'estate che per ora). Il Torino ha chiesto Donsah al Bologna, ma al momento la risposta è stata negativa. Il Leicester invece insiste per Acerbi (va convinto il Sassuolo che reputa tutti i suoi giocatori incedibili, ma che ha già sondato Ranocchia per qualsiasi evenienza). Il Bologna aspetta che Cerci abbassi le pretese e ha chiesto informazioni su Capradossi (sul quale c'è anche il Torino). La Samp può chiudere per Oikonomu del Bologna non appena esce Krajnc diretto a Frosinone. Il Palermo valuta Stefan Silva, svedese dello Sundsvall, attaccante e insiste per Carmona, Dramé e Grassi. A Pescara è in arrivo Andres Cubas, ventenne centrocampista argentino del Boca Juniors. L'operazione, che si chiuderà fra pochi giorni, sarà in prestito con diritto di riscatto fissato a 5 milioni.
In B il Trapani lavora per Maracchi della Feralpi Salò, l'Entella è interessata a Machin, centrocampista offensivo della Roma ora proprio a Trapani, a Terni è arrivato Pagni come direttore sportivo, a Pisa si punta tutto su Blanchard (difensore del Carpi) e su Del Luca (attaccante del Bari), a Novara sta per arrivare Chiosa dal Perugia (per lui tre anni di contratto), Perugia interessatissimo a Scozzarella (lo cerca anche il Novara). Tenetevi forte abbiamo appena iniziato.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Juve: il segreto di una macchina perfetta (e una guida sul Monaco). Inter: terremoto in panchina, occhio ai nomi (e alle priorità). Milan: il pessimismo sui cinesi, la mossa sul mercato e 2 appunti a Montella. Napoli: non scherziamo su Sarri 25.04 - Come ogni anno dal lontano 2006 è iniziato il drammatico torneo di calcetto dedicato ai giornalisti: si chiama “Press League”, lo organizza un tizio di nome Luca Mastrorocco che poi è il papà di “Zona Gol” (questa citazione dovrebbe valere almeno due arbitraggi “comodi”: Luca, ci...
Telegram

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Inter, prima il mercato dei dirigenti poi quello dei calciatori. Milan, tutto come previsto: c’è poco o nulla da salvare. Calori e Liverani, la bacchetta magica nascosta. Foggia-Pisa: mondo capovolto 11 mesi dopo 24.04 - Se volessero farlo apposta non ci riuscirebbero. I calciatori dell’Inter hanno gettato la croce su Pioli togliendo dall’imbarazzo i dirigenti dalla difficile decisione se confermare o meno l’allenatore per la prossima stagione. Con un finale così osceno hanno “esonerato” Pioli ma...

EditorialeDI: Andrea Losapio

La fortuna di Suning passa dai risultati deludenti, la Juve non ne ha bisogno. De Laurentiis pensa a un'innovazione ogni tre minuti, Pallotta e Monchi al prossimo tecnico 23.04 - L'Atalanta è a un passo dall'Europa, l'Inter un bel po' meno. Da una parte ci sono nerazzurri che vincono e convincono - a parte ieri, partita brutta nonostante i cinque gol - dall'altra una squadra che vorrebbe diventare grande senza passare dalla necessaria anticamera. L'Inter attuale...

EditorialeDI: Mauro Suma

In Cina adesso sanno chi è Li Yonghong. Gabigol costa come Dybala. E la Juve pescò il castigamatti 22.04 - Le cinque squadre più conosciute in Cina, le cinque squadre percepite dalle masse cinesi sono Real Madrid, Barcellona, Manchester United, Bayern Monaco e Milan. E' questa la forza che sarà respiro alla nuova proprietà del Milan. E, conoscendo i nostri chicken, respiro non significa...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, ora pesca il Monaco. Cento milioni dalla Champions. Allegri rinnova fino al 2020. Isco primo obiettivo. Milan, Morata dice no. Inter, 60 milioni per Berna 21.04 - La vera impresa della Juventus d’Europa credo sia quella di non aver preso neppure un gol dal Barcellona in due partite. Questo dato freddamente numerico racconta di una squadra straordinaria che nella fase difensiva rasenta la perfezione pur giocando con quattro attaccanti di ruolo....

EditorialeDI: Luca Marchetti

La Juve fra le top 4, ecco come vuole rimanerci. I progetti di Milan e Inter per tornare fra le grandi. Napoli Insigne: accordo raggiunto 20.04 - I complimenti sono d’obbligo, scontati e sentiti. La Juventus per la seconda volta in tre anni è in semifinale in Champions. E’ il trionfo di una società granitica che difficilmente sbaglia mosse sul mercato e sul campo. E’ il trionfo di Allegri che in 180’ contro il miglior attacco...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Inter-Simeone, qualcosa non torna… Milan, scelta difficile per l’attacco! Juve, Guarin è stanco della Cina. De Rossi, Roma ingrata? 19.04 - Che Pasqua… C’è chi ha trovato la sorpresa che cercava da tempo e chi è rimasto a bocca asciutta. Si pensi al popolo nerazzurro, beffato sul più bello. Gioie per Juve e Napoli, Roma contrariata. Uova frantumate, in senso letterale, alle spalle, è meglio guardare avanti… Pare incredibile...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: 113 motivi per temere il Barcellona e 1 solo (ma decisivo) per non avere paura. Inter: il futuro di Pioli e la scelta dei nerazzurri. Milan: 2 nomi concreti per il mercato (e l’agenda di Fassone). Un appunto a Orsato 18.04 - Da tre giorni non faccio altro che pensare ai celebri ricercatori dell’Amaro Montenegro, alla loro perseveranza nell‘individuare e mettere in salvo l’Antico Vaso. Li invidio molto, perché si danno sempre un gran daffare e cascasse il mondo non falliscono mai. Questi signori dopo...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Milan, padroni nuovi fantasmi vecchi. Pioli si è giocato l’Inter. Chievo, prima di prendere il DS informati bene. Venezia e Foggia: c’è la mano delle società 17.04 - Hanno un nome: Lì. Hanno un cognome: Lì. E hanno quasi la stessa faccia. C’è di fatto che esistono e, finalmente, li abbiamo visti e (quasi) toccati. I cinesi del Milan non sono cinesi magnati ma sono cinesi affaristi e sicuramente non è una colpa né un’offesa. Fanno un mestiere diverso...

EditorialeDI: Marco Conterio

Allegri e un altro segnale: è tra i migliori al mondo. Dybala e i Fab Four: l'azzardo ci sta. Roma: il fallimento parte da Spalletti. Empoli e Crotone: cuore e anima, altro che il Palermo. Lega Pro: Inzaghi e Stroppa, destino ad alti livelli 16.04 - La partita contro il Barcellona ha ufficialmente inserito Massimiliano Allegri nel novero dei grandissimi allenatori d'Europa. Ha imbrigliato campioni come Messi, Neymar e Suarez facendo sua la partita, dando un'anima e un gioco a una squadra forse sulla carta sfavorita ma sul piglio...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.