HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da Tuttomercatoweb.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
TMW Mob
Editoriale

Galliani-Sacchi da una parte e Capello dall'altra anche il 29 settembre. Napoli, Sarri rischia la sindrome da stress. Inter, non era colpa di Brozovic

01.10.2016 00.00 di Mauro Suma  articolo letto 16682 volte

I 30 dei suoi 80 anni regalati da Silvio Berlusconi al Milan non sono stati tutti rose e fiori. Oltre ai petali di rose, ci sono state le dinamiche interne, le tensioni. Nei momenti degenerativi anche le fazioni. Ne abbiamo avuta una rappresentazione simbolica il 29 Settembre, nella completa, appassionata, intensa, e nella nostra interpretazione assolutamente realistica diretta di Tiki Taka su Italia 1 nel giorno del compleanno presidenziale. Sacchi-Capello ad esempio: Arrigo aveva appena finito di dichiarare a Milan TV "lasciamo stare" ad una domanda sulla partecipazione alla manovra di Carlos Bacca, ed ecco che Fabio parte live all'attacco di Galliani proprio su Bacca. "E' fondamentale", dice Don Fabio, "deve esserci sempre, e loro lo volevano vendere"...Ad un Galliani che si stringe nelle spalle, sorvolando sulle reali volontà di cessione nonchè sulle intenzioni iniziali dello stesso Bacca, e che risponde sorridendo "E qui", Capello risponde "Meno male, per noi milanisti meno male". Noi che eravamo Milanisti anche dal 2004 al 2006, prendiamo atto. E il buon Paolo Maldini? Deve essere stata dura per lui non essere al fianco del suo amico Marco Van Basten, ma da una parte c'era Fabio Capello con il quale dopo l'espulsione di Roma del 1998 non si era lasciato benissimo e dall'altra Adriano Galliani con il quale i rapporti sono cordiali e sorridenti, ma proverbialmente lontani. Niente di cui stupirsi, è il Milan, ragazzi. Personalità forti, caratteri veri, profondi. E che Silvio Berlusconi sia riuscito a sintetizzarli e a compattarli tutti in 30 anni è il vero senso, la vera eredità della sua Presidenza. Il 29 Settembre è stata la festa della Storia del Milan. Alla quale non bisogna avvicinarsi in maniera arruffata e tendenziosa. Perchè dal tritacarne della Storia, poi se ne esce piccoli piccoli. La scelta storica ad esempio di Shevchenko al Milan è stata più volte raccontata da Adriano Galliani: "Il suo arrivo è stato merito di Braida. La sera che andammo a vederlo io e Ariedo a Kiev lui giocò male, ma Ariedo riuscì a farmi vedere anche le cose che non si vedevano quella sera e mi fidai di lui". Se poi oggi, per compiacere chissà quale motore immobile e per provare a rendere nuovamente irrespirabile l'aria, si ritoccano anche le verità ormai assimiliate dal Tempo, è solo una conferma del fatto che purtroppo il Milan deve essere dolorosamente venduto dal suo Presidente per il semplice motivo che sono quattro anni che non riesce più ad essere completamente sè stesso. Esattamente dallo Scudetto, perso, non vinto, nel 2012.

Per chi insegna calcio come Maurizio Sarri, non può che essere la Champions League l'alveo naturale. La Champions è una competizione nella quale l'unità di misura è il gioco. Non conta altro, la Champions per sua natura smaschera utilitarismi, tattiche mezze e mezze, speculazioni di campo di vario tipo. E' consequenziale che il suo Napoli trovi le sue ispirazioni migliori nell'Europa che conta, adesso che è sicuro del suo gioco e tutti i giocatori sanno come essere coinvolti nel gioco. Non è facile mettere in campo una squadra così, ce ne rendiamo perfettamente conto. Far giocare il Napoli come abbiamo visto con il Benfica, significa avere cura del Napoli. Volergli bene, tenerci tantissimo. E questo dal punto di vista nervoso, costa. Ci raccontano di un Sarri intimamente ed esteriormente nervosissimo dopo Genoa-Napoli. Deve curare anche sè stesso, Sarri. Non solo la sua creatura. Lo stress di cui è stato vittima Arrigo Sacchi nel 2000 lo conferma e lo insegna. Maurizio va tutto bene, è bellissimo vedere giocare il Napoli, ma con calma e con giudizio.

Frank De Boer ha utilizzato Brozovic per indicare al gruppo un modello di non comportamento, di non atteggiamento. Cose da non seguire e da non imitare. Effettivamente, nel primo tempo di Inter-Hapoel proprio Brozovic era stato irritante. Ma a Praga il croato non c'era. Il capro espiatorio diventano tanti capri espiatori. Senza Brozovic, l'Inter non è riuscita a dare importanza all'Europa League neanche contro lo Sparta. Erano in campo sette-otto undicesimi della formazione titolare. Mancava la spina dorsale, Murillo-Joao Mario-Icardi, ma di fronte c'era una squadra in crisi appena battuta in casa nel derby dallo Slavia Praga. Quindi è tutta l'Inter dell'Europa League che non funziona. La lista UEFA monca, per comprensibili ragioni di Fair Play Finanziario, ha inoculato nella squadra il concetto che quest'anno la competizione vera è il Campionato. L'Europa League viene dopo, meno giocatori, meno campioni, meno vetrina, meno potenzialità, meno tutto. I tifosi si sfogano contro i giocatori, ma il problema Europa League dell'Inter di quest'anno è strutturale, non umorale.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Milan, il 13 Dicembre resta il giorno. Roma, Napoli, Lazio, Milan non distraetevi. Berardi rimpiazza Gabigol all'Inter. Dani Alves torna a Gennaio, no emergenza Juve 03.12 - Poveri tifosi del Milan. E' come se li vedessimo. E per certi versi li vediamo. Costretti a compulsare siti, tv e social a tutte le ore del giorno e della notte per soppesare ogni sfumatura del particolare che arriva dal tal profilo twitter che fino ad oggi ha detto certe cose...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Il futuro di Allegri legato alla Champions. Piace Paulo Sousa. Marotta ha deciso: due centrocampisti a gennaio. Anche Berlusconi e le sue vedove si arrendono. Napoli, dubbi su Pavoletti 02.12 - Della serie anche i ricchi piangono, mi risulta che i dirigenti della Juventus, Agnelli in testa, non siano poi così contenti di questa squadra nonostante il primo posto in campionato e la qualificazione anticipata in Champions. L'assenza di gioco non è più motivo di simpatici...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Le panchine cambiano tutte insieme, gli scricchiolii delle big strizzano l'occhio al mercato. Gennaio si avvicina... 01.12 - Saltata un'altra panchina in A. De Zerbi non è più l'allenatore del Palermo dopo una sconfitta in coppa Italia ai rigori contro lo Spezia a pochi giorni dalla conferma (a sorpresa) del suo presidente Zamparini. Al suo posto arriva Corini, grande ex, che avrà il compito di...

Editoriale DI: Fabrizio Ponciroli

30.11 - Campionato riaperto, infermeria, quella bianconera, presa d'assalto. Allegri, di colpo, si è ritrovato a fare la conta dei pochi presenti. Ogni partita, qualche tassello della corazzata bianconera va in pezzi. In particolare, problemi evidenti a livello difensivo. Da qui la...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Milan e la telefonata "cinese" di chi crede ancora al closing: ecco cosa succede! Juve e Allegri: la "follia" dopo il ko di Genova. Inter: ecco il diktat sul mercato firmato Zhang. Roma: autodenuncia su Dzeko 29.11 - "Ciao, mi chiamo Maurizio, ho 75 anni e non esonero da 6 mesi". "Fate un bell'applauso a Maurizio". E giù applausi. Ci piace iniziare così, con un pensiero all' "esoneratore anonimo" Maurizio Zamparini, in crisi d'astinenza e comunque capace di tenere duro col buon De...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

28.11 - Sarà che settimana prossima c'è il referendum, sarà che per 8 mesi è rimasto in silenzio per problemi ben più gravi del calcio, sarà che in Italia tutto è consentito, sta di fatto che sono 10 giorni che Silvio Berlusconi,...

Editoriale DI: Andrea Losapio

27.11 - Abbiamo negli occhi la clamorosa sconfitta che l'Inter ha patito con il Hapoel Beer Sheva. I suoi giocatori hanno tenuto fede al nome della squadra e hanno ubriacato gli avversari in un secondo tempo davvero vergognoso da parte degli uomini di Pioli. Tanto bene nella prima...

Editoriale DI: Mauro Suma

Il 14 Dicembre del Milan. La confusione del Sassuolo. Pioli, il terzo scomodo. E' bruttissimo il calcio fra Biella e la Questura di Como 26.11 - All'esterno del Milan l'attesa spasmodica è per il 13 Dicembre. All'interno del Milan la curiosità e la suspence sono tutte per il 14 Dicembre. Chi entrerà a Casa Milan quel giorno? Le chiavi saranno sempre nelle stesse mani o saranno consegnate ai nuovi proprietari?...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

25.11 - L'ennesimo tentativo di agitare le acque attorno alla cessione del Milan è andato a vuoto. Questa volta è sceso in campo direttamente Silvio Berlusconi, spalleggiato dai soliti noti nel mondo della comunicazione, per cercare di depistare, spargere dubbi, insinuare situazioni...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Berlusconi insiste: si chiude, ma altrimenti... il Napoli stoppato in Champions, prenota una stellina brasiliana. E i giovani... 24.11 - La notte dopo il derby Berlusconi aveva dato certezze: il closing ci sarà, ma se così non dovesse essere sarei pronto a rimanere e vincere con un Milan giovane e italiano. Sembrava più una sorta di rassicurazione ai tanti tifosi del Milan contenti per come stavano andando le...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.