VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Chi sarà il prossimo allenatore dell'Inter?
  Stefano Pioli
  Antonio Conte
  Diego Pablo Simeone
  Mauricio Pochettino
  Leonardo Jardim
  Marco Silva
  Luciano Spalletti
  Unai Emery

TMW Mob
Editoriale

Garcia al capolinea: rinnovare il grande errore della Roma, serve cambiare subito perché nulla è perduto. Mihajlovic stanco degli attacchi, sarà un week-end decisivo. Juventus: la rivincita del progetto ma a gennaio serve investire

Nato a Firenze il 05/05/1985, è caporedattore di Tuttomercatoweb.com. Già firma de Il Messaggero e de La Nazione, è stato speaker e conduttore per Radio Sportiva, oltre che editorialista e vicedirettore di Firenzeviola.it.
20.12.2015 09.38 di Marco Conterio  Twitter:    articolo letto 49694 volte
© foto di Federico De Luca

Destinato all'addio. Comunque vada col Genoa. Walter Sabatini, direttore sportivo della Roma, ha già iniziato ad avere contatti con altri allenatori e non potrebbe esserci segnale più eloquente di un rapporto che s'è spezzato tra il francese e la piazza giallorossa. L'errore, a monte, è stato quello di mettergli sul piatto un rinnovo pesante, lungo, importante. Ad un tecnico che dopo lo splendido exploit iniziale non ha mai mostrato e dimostrato di sapere essere diverso da sè stesso. Pallotta e Sabatini pensano anche in grande, lo dimostra il sondaggio per Josè Mourinho. Sì, fallito, ma le mire della Roma sono grande, importanti. E che poco collimano con il gioco di un tecnico contropiedista, che non valorizza un centravanti di spessore internazionale come Dzeko, che ha resto Nainggolan e Pjanic due geni quasi prevedibili. Se il perno del tuo gioco è un corridore come Gervinho, significa che forse non sei riuscito a diventare grande come avresti voluto, sperato. La Roma vuole e deve cambiare, assolutamente. Perché l'errore della società, insieme al contratto di Garcia, è stato solo quello di non prendere un difensore centrale di spessore internazionale. Poi i giocatori ci sono: quale centrocampo, se non quello della Juventus, è migliore di quello giallorosso? Ha una bocca di fuoco invidiabile in mezza Europa davanti come Dzeko, ha Digne e Manolas che sarebbero degni delle migliori retroguardie del globo ed uno come Florenzi che il Barcellona prenderebbe ad occhi chiusi. Non è una questione (solo) di giocatori. E' una colpa di Pallotta e di Sabatini, già, ma principalmente di Garcia. I contatti con gli altri allenatori sono segnale chiaro: la Roma vuole cambiare, altrimenti che senso avrebbe chiamare Lippi, Mourinho, Bielsa e poi pure Spalletti e Mazzarri? E non è neanche troppo tardi, stupisce solo che Pallotta non abbia avuto la forza decisionale di Abramovich. "Fai male? Ti mando via, anche se mi costa un occhio della testa".

L'Italia è spesso terra d'eccessi, soprattutto nei giudizi. Certo, quando arrivano dall'interno, però, devono far riflettere. Le parole di Silvio Berlusconi su Sinisa Mihajlovic raccontano che forse, pure il Milan, è poco soddisfatto del suo allenatore. Sul club rossonero, però, è giusto aprire una parentesi. Perché spesso si addossano le colpe, e pure i meriti, agli stessi protagonisti. Il tutto, senza considerare che quella di Berlusconi è società con struttura complessa: un presidente decisionista, un amministratore delegato, la figlia Barbara, per il settore economico ed investimenti, uno per il reparto sportivo come Adriano Galliani. Lady B discuteva mesi, anni or sono, correva il novembre 2013, di una mancanza di rete capillare di osservatori del club. Beh, il Milan si è da sempre attrezzato, solo che da struttura societaria preferisce mettere davanti ai riflettori i capisaldi del progetto. Però, ad esempio, c'è un direttore sportivo come Rocco Maiorino che costantemente è all'opera ed insieme alla squadra. Che, con Galliani e per il Milan, segue il mercato rossonero. Nel bene e nel male, appunto. Perché gli errori non sono certo mancati e l'assenza di un regista vero, per il gioco di Mihajlovic, è la lacuna più pesante nel gioco che latita del tecnico serbo. Da lì la lunga catena di lamentele, dai tifosi fino a Berlusconi, fino a quella fiducia che latita da parte del presidente e che mette gioco forza in bilico anche la posizione di Sinisa. Detto per inciso, anche lo stesso Mihajlovic filtra come discretamente stufo degli attacchi e delle critiche. E non è da escludere nessuna decisione clamorosa, dopo il week-end, soprattutto se non arriverà un risultato importante. Dall'una e dall'altra parte.

Discutevamo prima del poco equilibrio dei giudizi, giusto? Bene. In primis, quelli sulla Juventus. E' una squadra vera, rinata e ritrovata. Bastava avere pazienza, bastava non gridare 'al fallimento' per il rinnovamento globale del progetto Marotta-Paratici. Che i loro errori li hanno fatti, vedi l'acquisto di Hernanes o la mancanza di un centrocampista di grande spessore che si alterni ai tre titolari. Però la squadra c'è, eccome se c'è. Gennaio, però, dovrà essere il mese del salto di qualità. La Juventus non può più permettersi di regalare punti alle piccole ed ha davanti, in Champions League, un Bayern Monaco nettamente superiore. Il centrocampista serve, magari uno capace di fare la mezzala e pure il trequartista. Magari anche un esterno per il 4-3-3, un attaccante, anche perché la gestione dei conti è da sempre giusta ed oculata (il titolo di regina dei bilanci non arriva per caso). E quest'anno le altre paiono vicine a colmare il gap. Chi gridava appunto 'allo sperpero' per i milioni di Mandzukic, si è già ricreduto. Chi lo faceva per il 'caso Dybala', idem. Resta il dubbio Alvaro Morata, però. La sensazione è che, in estate, il suo futuro sia al Real Madrid, come punta del dopo Karim Benzema.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
In Cina adesso sanno chi è Li Yonghong. Gabigol costa come Dybala. E la Juve pescò il castigamatti 22.04 - Le cinque squadre più conosciute in Cina, le cinque squadre percepite dalle masse cinesi sono Real Madrid, Barcellona, Manchester United, Bayern Monaco e Milan. E' questa la forza che sarà respiro alla nuova proprietà del Milan. E, conoscendo i nostri chicken, respiro non significa...
Telegram

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, ora pesca il Monaco. Cento milioni dalla Champions. Allegri rinnova fino al 2020. Isco primo obiettivo. Milan, Morata dice no. Inter, 60 milioni per Berna 21.04 - La vera impresa della Juventus d’Europa credo sia quella di non aver preso neppure un gol dal Barcellona in due partite. Questo dato freddamente numerico racconta di una squadra straordinaria che nella fase difensiva rasenta la perfezione pur giocando con quattro attaccanti di ruolo....

EditorialeDI: Luca Marchetti

La Juve fra le top 4, ecco come vuole rimanerci. I progetti di Milan e Inter per tornare fra le grandi. Napoli Insigne: accordo raggiunto 20.04 - I complimenti sono d’obbligo, scontati e sentiti. La Juventus per la seconda volta in tre anni è in semifinale in Champions. E’ il trionfo di una società granitica che difficilmente sbaglia mosse sul mercato e sul campo. E’ il trionfo di Allegri che in 180’ contro il miglior attacco...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Inter-Simeone, qualcosa non torna… Milan, scelta difficile per l’attacco! Juve, Guarin è stanco della Cina. De Rossi, Roma ingrata? 19.04 - Che Pasqua… C’è chi ha trovato la sorpresa che cercava da tempo e chi è rimasto a bocca asciutta. Si pensi al popolo nerazzurro, beffato sul più bello. Gioie per Juve e Napoli, Roma contrariata. Uova frantumate, in senso letterale, alle spalle, è meglio guardare avanti… Pare incredibile...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: 113 motivi per temere il Barcellona e 1 solo (ma decisivo) per non avere paura. Inter: il futuro di Pioli e la scelta dei nerazzurri. Milan: 2 nomi concreti per il mercato (e l’agenda di Fassone). Un appunto a Orsato 18.04 - Da tre giorni non faccio altro che pensare ai celebri ricercatori dell’Amaro Montenegro, alla loro perseveranza nell‘individuare e mettere in salvo l’Antico Vaso. Li invidio molto, perché si danno sempre un gran daffare e cascasse il mondo non falliscono mai. Questi signori dopo...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Milan, padroni nuovi fantasmi vecchi. Pioli si è giocato l’Inter. Chievo, prima di prendere il DS informati bene. Venezia e Foggia: c’è la mano delle società 17.04 - Hanno un nome: Lì. Hanno un cognome: Lì. E hanno quasi la stessa faccia. C’è di fatto che esistono e, finalmente, li abbiamo visti e (quasi) toccati. I cinesi del Milan non sono cinesi magnati ma sono cinesi affaristi e sicuramente non è una colpa né un’offesa. Fanno un mestiere diverso...

EditorialeDI: Marco Conterio

Allegri e un altro segnale: è tra i migliori al mondo. Dybala e i Fab Four: l'azzardo ci sta. Roma: il fallimento parte da Spalletti. Empoli e Crotone: cuore e anima, altro che il Palermo. Lega Pro: Inzaghi e Stroppa, destino ad alti livelli 16.04 - La partita contro il Barcellona ha ufficialmente inserito Massimiliano Allegri nel novero dei grandissimi allenatori d'Europa. Ha imbrigliato campioni come Messi, Neymar e Suarez facendo sua la partita, dando un'anima e un gioco a una squadra forse sulla carta sfavorita ma sul piglio...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, Berlusconi takes it all. Il 4-3-3 di Montella. Mercato, il grande centravanti. Napoli, Mertens a Manchester 15.04 - Il bene di famiglia non è più della famiglia, ma non tutto è perduto. Silvio Berlusconi è entrato, salutatissimo presidente della Storia rossonera, nel mito uscendo dalla quotidianità, il suo caro amico fidato Paolo Scaroni siede nel Cda di Casa Milan, sua figlia Barbara presiede...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Nuovo Milan, ecco i piani di mister Li. Contratto a Donnarumma, risanamento e la borsa. Ma nel 2018 servono 350 milioni. Juve, Dybala simbolo di un grande progetto 14.04 - Tra nostalgia e qualche rimpianto, Berlusconi saluta il Milan con le lacrime agli occhi. Mancherà a tutti. Umano, molto umano. Ma, signori è fatta. Alla faccia di tutti quelli che fino all’ultimo hanno messo in dubbio perfino l’esistenza di Mister Li Yonghdong. Da ieri il Milan...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Champions, closing (Milan), rinnovi (Dybala) e panchine (tutti) 13.04 - A guardare i risultati delle altre l'impresa della Juve è ancora più rotonda. Nessuna delle magnifiche otto ha ottenuto un risultato così schiacciante, le altre grandi (Real a parte forza - ma se Vidal non avesse sbagliato il rigore...) scoprono di avere dei punti deboli e la Juve...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.