HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Juventus-Barcellona ai quarti: passare è possibile?
  Sì, la Juventus è cresciuta rispetto al 2015
  No, il Barcellona resta più forte dei bianconeri

TMW Mob
Editoriale

Garcia al capolinea: rinnovare il grande errore della Roma, serve cambiare subito perché nulla è perduto. Mihajlovic stanco degli attacchi, sarà un week-end decisivo. Juventus: la rivincita del progetto ma a gennaio serve investire

Nato a Firenze il 05/05/1985, è caporedattore di Tuttomercatoweb.com. Già firma de Il Messaggero e de La Nazione, è stato speaker e conduttore per Radio Sportiva, oltre che editorialista e vicedirettore di Firenzeviola.it.
20.12.2015 09.38 di Marco Conterio  Twitter:    articolo letto 49685 volte
© foto di Federico De Luca

Destinato all'addio. Comunque vada col Genoa. Walter Sabatini, direttore sportivo della Roma, ha già iniziato ad avere contatti con altri allenatori e non potrebbe esserci segnale più eloquente di un rapporto che s'è spezzato tra il francese e la piazza giallorossa. L'errore, a monte, è stato quello di mettergli sul piatto un rinnovo pesante, lungo, importante. Ad un tecnico che dopo lo splendido exploit iniziale non ha mai mostrato e dimostrato di sapere essere diverso da sè stesso. Pallotta e Sabatini pensano anche in grande, lo dimostra il sondaggio per Josè Mourinho. Sì, fallito, ma le mire della Roma sono grande, importanti. E che poco collimano con il gioco di un tecnico contropiedista, che non valorizza un centravanti di spessore internazionale come Dzeko, che ha resto Nainggolan e Pjanic due geni quasi prevedibili. Se il perno del tuo gioco è un corridore come Gervinho, significa che forse non sei riuscito a diventare grande come avresti voluto, sperato. La Roma vuole e deve cambiare, assolutamente. Perché l'errore della società, insieme al contratto di Garcia, è stato solo quello di non prendere un difensore centrale di spessore internazionale. Poi i giocatori ci sono: quale centrocampo, se non quello della Juventus, è migliore di quello giallorosso? Ha una bocca di fuoco invidiabile in mezza Europa davanti come Dzeko, ha Digne e Manolas che sarebbero degni delle migliori retroguardie del globo ed uno come Florenzi che il Barcellona prenderebbe ad occhi chiusi. Non è una questione (solo) di giocatori. E' una colpa di Pallotta e di Sabatini, già, ma principalmente di Garcia. I contatti con gli altri allenatori sono segnale chiaro: la Roma vuole cambiare, altrimenti che senso avrebbe chiamare Lippi, Mourinho, Bielsa e poi pure Spalletti e Mazzarri? E non è neanche troppo tardi, stupisce solo che Pallotta non abbia avuto la forza decisionale di Abramovich. "Fai male? Ti mando via, anche se mi costa un occhio della testa".

L'Italia è spesso terra d'eccessi, soprattutto nei giudizi. Certo, quando arrivano dall'interno, però, devono far riflettere. Le parole di Silvio Berlusconi su Sinisa Mihajlovic raccontano che forse, pure il Milan, è poco soddisfatto del suo allenatore. Sul club rossonero, però, è giusto aprire una parentesi. Perché spesso si addossano le colpe, e pure i meriti, agli stessi protagonisti. Il tutto, senza considerare che quella di Berlusconi è società con struttura complessa: un presidente decisionista, un amministratore delegato, la figlia Barbara, per il settore economico ed investimenti, uno per il reparto sportivo come Adriano Galliani. Lady B discuteva mesi, anni or sono, correva il novembre 2013, di una mancanza di rete capillare di osservatori del club. Beh, il Milan si è da sempre attrezzato, solo che da struttura societaria preferisce mettere davanti ai riflettori i capisaldi del progetto. Però, ad esempio, c'è un direttore sportivo come Rocco Maiorino che costantemente è all'opera ed insieme alla squadra. Che, con Galliani e per il Milan, segue il mercato rossonero. Nel bene e nel male, appunto. Perché gli errori non sono certo mancati e l'assenza di un regista vero, per il gioco di Mihajlovic, è la lacuna più pesante nel gioco che latita del tecnico serbo. Da lì la lunga catena di lamentele, dai tifosi fino a Berlusconi, fino a quella fiducia che latita da parte del presidente e che mette gioco forza in bilico anche la posizione di Sinisa. Detto per inciso, anche lo stesso Mihajlovic filtra come discretamente stufo degli attacchi e delle critiche. E non è da escludere nessuna decisione clamorosa, dopo il week-end, soprattutto se non arriverà un risultato importante. Dall'una e dall'altra parte.

Discutevamo prima del poco equilibrio dei giudizi, giusto? Bene. In primis, quelli sulla Juventus. E' una squadra vera, rinata e ritrovata. Bastava avere pazienza, bastava non gridare 'al fallimento' per il rinnovamento globale del progetto Marotta-Paratici. Che i loro errori li hanno fatti, vedi l'acquisto di Hernanes o la mancanza di un centrocampista di grande spessore che si alterni ai tre titolari. Però la squadra c'è, eccome se c'è. Gennaio, però, dovrà essere il mese del salto di qualità. La Juventus non può più permettersi di regalare punti alle piccole ed ha davanti, in Champions League, un Bayern Monaco nettamente superiore. Il centrocampista serve, magari uno capace di fare la mezzala e pure il trequartista. Magari anche un esterno per il 4-3-3, un attaccante, anche perché la gestione dei conti è da sempre giusta ed oculata (il titolo di regina dei bilanci non arriva per caso). E quest'anno le altre paiono vicine a colmare il gap. Chi gridava appunto 'allo sperpero' per i milioni di Mandzukic, si è già ricreduto. Chi lo faceva per il 'caso Dybala', idem. Resta il dubbio Alvaro Morata, però. La sensazione è che, in estate, il suo futuro sia al Real Madrid, come punta del dopo Karim Benzema.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Il closing del Milan: la figura di Yonghong Li e tutti gli scenari futuri del club. Valzer delle panchine: tanto ruota attorno a Spalletti. Tutti i colpi delle grandi da Bernardeschi a Manolas fino a Kessie 26.03 - Forse, ci siamo. Il Milan sta per diventare del misterioso Yonghong Li in... Prestito con obbligo di riscatto. Già. Perché i soldi per il closing arriverebbero al broker cinese dagli Stati Uniti, dal fondo Elliott, che finanzierebbe così la chiusura del passaggio del club. Li è rimasto...
Telegram

EditorialeDI: Mauro Suma

Montella: Maiorino sa tutto. I 720 milioni di Sino, i 270 di Suning. Inter e Milan: Napoli e Roma col fiato corto. Balo e Darmian novità di mercato 25.03 - "Vediamo". In Casa Milan da diversi mesi a questa parte non è una espressione come le altre. Non è un intercalare o un modo per prendere tempo. E' una vera e propria parola d'ordine, un approccio costante nel tempo, l'unico modo per attendere una soluzione definitiva alla cessione...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve-'Ndrangheta, siamo alla follia. Le colpe di Agnelli. Allegri vuole Di María. Inter, lasciate in pace Pioli. Napoli, tieni Insigne non Mertens 24.03 - LL’ultimo scandalo del calcio italiano ha dei contorni inquietanti. Parlo, naturalmente, della vicenda Juventus-‘Ndrangheta e di tutto quello che sta scatenando. Qui non si tratta di essere juventini o antijuventini, credo che il discorso che sto per fare attenga alla civiltà più...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Caparre cene e allenatori, in Primavera si fa il mercato e si guarda al futuro 23.03 - Sono principalmente due le notizie che hanno movimentato la settimana della pausa di campionato e sono destinate entrambe ad avere strascichi durante tutta la settimana. A Milano la questione closing non si è ancora chiusa: né in un verso né nell'altro. I famosi 100 milioni che doveva...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Luis Enrique, non solo Roma... Milan-Donnarumma, è rimasta solo la fede! Napoli, Mertens va premiato oppure... 22.03 - Ogni volta che si manifesta la primavera mi sento meglio… Le giornate diventano più luminose, la natura rinasce, tutto siamo più felici o, almeno, così pare… Tuttavia, ancora una volta, a primavera c’è solo una rondine che tiene alto il buon nome dell’Italia pallonara in Europa. C’è...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Un'idea "folle" per la Juve e una cosa da chiarire su Agnelli. I soldi del Milan ci sono: ecco chi li ha davvero (da lì nascono i problemi). Il fastidio dietro la "non sconfitta" dell'Inter. E sul pranzo indigesto di Sarri... 21.03 - Questa volta non me la prendo con la “pausa per la Nazionale”. Non ci penso neanche. Al limite con il campionato. Quello delle ultime che perdono sempre, delle prime che vincono sempre, di quelle in mezzo che vincono se giocano con le ultime, perdono se giocano con le prime e pareggiano...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Pallotta, chiedi il conto a Spalletti. Giro di panchine: Bucchi e Semplici le new entry. Il Torino dalla “Padelli alla brace”. Lotito in B? Ecco perché conviene più alla B che alla A… 20.03 - Nel week end dell’addio dei sogni di gloria dell’Inter, si passa al sabato dove il Milan conferma di essere da Europa di serie B. Milano oggi è da Europa di serie B e la classifica confermerà che le due squadre di Milano ancora non sono pronte a rientrare dalla porta principale. Il...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Il monopolio della Juve fa male al calcio italiano: o tornano le milanesi (dei giorni migliori...) o la Serie A in Europa perderà posizioni. E tanti saluti al regalo dell'UEFA 19.03 - Ci risiamo. Superati gli ottavi di finale ecco riaffiorare i soliti problemi e sempre gli stessi limiti. C'è la Juventus, che si avvia indisturbata a conquistare il sesto Scudetto consecutivo (record assoluto). Poi c'è il vuoto, in Serie A e nelle competizioni europee. La Roma in...

EditorialeDI: Mauro Suma

Sacchi-Dybala: juventini distratti. Bacca: nessuna grazia ricevuta. 200 milioni Closing e 200 milioni Guardiola. I derby estremi di Roma e Genova 18.03 - Era appena finita Juventus-Porto e dopo partite del genere, dove tutto va per filo e per segno, le tv devono cercare di ravvivare e movimentare. E' accaduto anche su Premium, dove Arrigo Sacchi ha stimolato Dybala: "Sei un modello per i giovani, sei un grandissimo giocatore, perchè...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Spalletti, ora è addio. E la Juve aspetta. Allegri più lontano. Inter, Suning 150 milioni per lo Scudetto. Milan, se salta il closing Donnarumma al Real 17.03 - La Roma è fuori dall’Europa nonostante la vittoria e una gara di grande spessore tecnico e agonistico e, se tanto mi da tanto, Spalletti è fuori dalla Roma. Non faccio altro che seguire le sue indicazioni e il suo ragionamento. Ancora pochi giorni fa ha ribadito che senza tituli (alla...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.