HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
TMW Magazine
SONDAGGIO
Grandi bomber in Italia: chi la spunterà come capocannoniere?
  Vincerà Dzeko, è il centravanti più in forma della Serie A
  La spunterà ancora Higuain, è il goleador della squadra più forte
  Il trono tornerà ad un italiano, la rivelazione Belotti
  La sorpresa sarà totale: vincerà il falso nove Mertens
  Il titolo tornerà ad Icardi, già re dei bomber nel 2015

TMW Mob
Editoriale

Garcia: alla Roma al posto di Allegri. Suso-Montolivo: il Milan guarda avanti. Viola e Napoli: le cessioni sono finite. Conte: Palermo, Belotti merita la chiamata. Mazzarri e Sarri fuochi d'artificio

Nato a Milano il 10 Maggio 1965; Giornalista Professionista dal 1994. Dopo le esperienze professionali di carta stampata (La Notte e Il Giorno) e televisive (Telelombardia, Telenova, Eurosport), dirige Milan Channel dal 16 Dicembre 1999.
27.09.2014 00.00 di Mauro Suma   articolo letto 31340 volte
Garcia: alla Roma al posto di Allegri. Suso-Montolivo: il Milan guarda avanti. Viola e Napoli: le cessioni sono finite. Conte: Palermo, Belotti merita la chiamata. Mazzarri e Sarri fuochi d'artificio

Chi ha osservato il siparietto fra Massimiliano Allegri e Rudi Garcia al termine delle partite di mercoledì, erano collegati in simultanea dagli spogliatoi delle rispettive partite, non può non aver pensato all'estate 2013. Non una vita fa, in fondo stiamo parlando di una quindicina di mesi orsono. Beh, è presto detto: se Allegri non fosse stato fedele alla "preghiera" di Adriano Galliani di non lasciare il Milan prima del playoff da 30 milioni di euro con il PSV Eindhoven, oggi sarebbe lui l'allenatore della Roma. E alla Juventus ci sarebbe chissà chi. E' un fatto che, per due estati consecutive, lo stesso allenatore, Allegri, è stato cercato dalle due superpotenze del nostro campionato: Roma e Juventus. La Roma lo ha solo sfiorato e ha ripiegato su Garcia. La Juventus, a sorpresa, lo ha messo sotto contratto a Luglio inoltrato. Nel siparietto di cui sopra, era Garcia che cercava la battutina sorridente, che tentava di stanare Allegri. Lo abbiamo trovato eccessivo. Allegri, invece, è rimasto sulle sue, sobrio e rispettoso. La gazzarra dialettica non sarebbe spiaciuta a Garcia. Che se ha bisogno di metterla su quel piano, la Roma non parte benissimo nel lungo duello con i bianconeri...

Prima o poi gli errori sulle palle inattive (zero con Alex in campo) cesseranno. E non si trasformeranno più in palle attive. Quelle dei tifosi...Sarà quello il momento in cui il Milan potrà dedicarsi a sfruttare il suo enorme potenziale offensivo, per nulla intaccato dai topolini che la montagna della malafede partorisce sempre più piccoli e sempre più asfittici. Ma non basterà ancora. Perché il centrocampo ha bisogno dell'arrivano i nostri. Gli infortuni si sono concentrati lì. E quindi si guarda avanti. Capitolo Montolivo. Non è lontano il momento dell'inizio della preparazione per lui. Nessuna pressione sul Capitano e nessuna fretta. Ma la speranza di un Monto in campo dopo la sosta di Novembre non è remotissima. Quindi, Suso. Gli esperti di mercato danno già tutto fatto. Intanto, massimo rispetto. Ma ci permettiamo di eccepire. Con Suso il Milan sembra a buon punto, ma non ha chiuso. E potrebbe arrivare a Gennaio, in caso di accordo con il giocatore, ammesso e non concesso che si raggiunga, solo se il Liverpool convergerà sull'idea di non pagare da Gennaio a Giugno l'ingaggio ad un giocatore sul punto di passare ad un'altra squadra. Siamo nel campo delle probabilità. Speriamo bene in ogni caso, perché Suso sarebbe un bel rinforzo in quella zona del campo.

Fiorentina e Napoli non stanno facendo la voce grossa. La squadra viola ha meno problemi rispetto al Napoli. Problemi di campo e non ambientali. Ma nessuno pensava, dopo 4 giornate, di vedere le due milanesi davanti alla terza e alla quarta forza dello scorso Campionato. Il fatto è che i soldi delle cessioni sono finiti. Una volta reinvestiti i proventi delle cessioni di Jovetic, Ljaijic, Cavani e Lavezzi, i circoli da virtuosi sono diventati viziosi. La Fiorentina si è incartata sulla mancata cessione di Cuadrado. Il Napoli sulla mancata qualificazione ai playoff di Champions League. E' il destino delle squadre italiane che dipendono dalle cessioni, un anno bene e un altro anno meno bene. Inventarsi altro nell'Italia della recessione e della crisi, in cui il calcio è sugli stessi livelli del Paese e non al di sopra come è accaduto per tanti anni, è praticamente impossibile.

Complimenti Palermo. Andrea Belotti è proprio bravo. Chi lo accosta a Casiraghi, chi rivede in lui il Vialli giovane. In ogni caso Antonio Conte è stato compagno di squadra di entrambi. Con tutto il rispetto per Simone Zaza, ci sembra che Andrea Belotti sia una sintesi più corretta, una mediazione più adeguata fra la fame e la fama. Se Zaza incarna la potenza e l'energia di chi ha lottato duro per emergere, Belotti dà la sensazione di avere più colpi e più talento. Per dirla tutta, se Zaza e Balotelli sono un po' agli antipodi, Belotti ci sembra una bella via di mezzo. E crediamo sia giusto che Antonio Conte la esplori fino in fondo, senza arroccarsi sulla sua prima, comunque rispettabile, scelta.

Mazzarri e Sarri. L'avversario cittadino del Milan e l'avversario di martedì del Milan. Mamma mia che prospettive oblique. Mazzarri: poteva essere convalidato l'1-2 di Icardi a Palermo. Ma: sempre a Palermo è stato annullato proprio a Belotti un gol che poteva essere convalidato in maniera altrettanto legittima. E poi: in Inter-Atalanta, il rigore è stato concesso a gioco fermo; Osvaldo si libera di Dramè al momento del gol in maniera più energica (e De Marco aveva ragione, basta pregiudizi su Sport Mediaset!) di quanto aveva fatto Belotti su Nagatomo a Palermo. Non solo: la punizione da cui è nato il gol del 2-0 di Hernanes non c'era, preso netto il pallone. L'elenco non è né livoroso, né doloso. Ci sono stati casi in cui l'Inter è stata obiettivamente penalizzata e sono stati ricordati da tutti. Sacrosanto ricordare anche gli altri di episodi, giusto per scaricare l'indicatore. E Sarri: per un rigore inesistente con il braccio di Bonera attaccatissimo al corpo, ha apostrofato l'arbitro per un secondo giallo mezzo e mezzo, che poteva essere dato ma anche no, su Muntari. Per così poco, il tecnico empolese ha scomodato la secolare sudditanza psicologica del nostro calcio. Forse sapeva, e quindi ha cercato giustamente di approfittarne, che quando c'è il Milan di mezzo se è l'avversario a lamentarsi apriti cielo, se è invece il Milan stesso a segnalare lo sgambetto di Marchisio in area, allora è Menez che cade...

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Film-Milan, la settimana dei pianti e delle feste. De Laurentiis, hai rovinato tutto! Verona, per la A esonera Pecchia e prendi un De Canio... Figc, il gioco si fa duro ma i colpi bassi non pagano mai 27.02 - Il Milan vince a Sassuolo con un rigore da ripetere (almeno), il Napoli perde punti e testa e l'Atalanta è lo spot più bello del nostro campionato. Immaginate se Gasperini avesse indovinato anche le prime cinque giornate oggi dove sarebbe... Roba da matti. Complimenti a Percassi e...
Telegram

EditorialeDI: Marco Conterio

Il futuro di Allegri, Sousa, Spalletti, Sarri e la carta Ranieri: novità e previsioni su uno dei più grandi domini degli allenatori del calcio italiano 26.02 - Mentre il Napoli ha ufficialmente detto addio ai sogni Scudetto, la Juventus vola spedita verso l'ennesimo titolo. Sì, dietro c'è la Roma, arrembante, vigorosa, ma la sensazione è che per l'ennesima volta la proprietà americana resterà a bocca asciutta mentre a festeggiare sarà Massimiliano...

EditorialeDI: Mauro Suma

Allegri-Bonucci: tutta una finta! Il 3 Marzo del Milan, il 24 Febbraio della Roma. Arbitri: Carnevali come Donadoni. 25.02 - Ci avevano convinto. Erano stati proprio bravi. In diretta, il primo commento di pelle alle "parole grosse" fra Allegri e Bonucci, era stato "non è per forza un male". Ma l'approfondimento, forse solo una battuta..., era stato ancora meglio: "Hanno fatto finta di litigare, visto che...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Sousa verso l'esonero, disastro Fiorentina. E adesso Kalinic può andare in Cina. Ranieri finito il fattore C. Allegri, ecco perché andrà via. Dybala firma fino al 2021 24.02 - Succede l’incredibile a Firenze. La Fiorentina in vantaggio per 2-0 dopo l’1-0 dell’andata, si fa battere 4-2. Un crollo verticale di una squadra che chiude la stagione qui, a febbraio: fuori da tutto. E adesso? Dopo la contestazione a caldo, allo stadio, nella notte c’è stato un...

EditorialeDI: Luca Marchetti

La Juve d'Europa non si ferma neanche sul mercato, Bacca ancora Cina, l'Inter guarda alla Roma e al futuro 23.02 - Promossa. A pieni voti. La Juventus versione Europa viaggia, come in campionato. Uno 0-2 pesante sul campo sempre delicato del Porto, il modulo offensivo confermato da Allegri senza timori e la tensione con Bonucci già alle spalle: la Juve risponde con una vittoria importante, fondamentale,...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Milan, un ex Juve per l'attacco... Inter-Berardi, passi avanti! Roma, troppe parole sullo stadio. Napoli, Sarri deve restare 22.02 - Forse neppure Beautiful, mitica soap opera statunitense (in onda dal 1987…), è durata di più. Il tanto agognato closing pare alle porte. Finalmente il Milan scoprirà i suoi nuovi capi e, altrettanto finalmente, ci comincerà a pensare, in grande, per il mercato. Saranno due i primi,...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve, Allegri e gli sfoghi: ecco cosa c'è dietro la multa a Bonucci. Milan: 2 cose sui cinesi (ma occhio al "boicottaggio"). Inter: decisioni prese e da prendere a prescindere dalla Champions (e Pioli...). Napoli: c'è il "patto"  21.02 - Ciao. Vogliamo stupire De Laurentiis. Lui e quelli che non credono in noi. Noi abbiamo la "cazzimma" e lo dimostreremo compilando il primo editoriale "a caso" della storia. Partiamo dalle cose importanti: le marchette. Questa settimana ne abbiamo raccolte cinque. (Le marchette...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Svolta Milan: Fassone e Mirabelli, ecco cosa c'è in agenda. De Laurentiis, squadra e mister in pubblico vanno sempre difesi. Figc, Tavecchio 60%-Abodi 40%. E quell'assalto a Renzo... 20.02 - Il calcio è strano e per questo ci piace così tanto. Zeman torna a Pescara e in un colpo solo consente di festeggiare il primo successo sul campo agli abruzzesi e fa più gol lui in 90 minuti che Oddo in un girone e mezzo. Il Torino è durato 3 mesi poi Sinisa si è squagliato come già...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

De Laurentiis, lo sai che hai affrontato Modric e CR7 al Bernabeu? Marotta, Verratti come Higuain: si migliora solo con un'altra 'follia'. Rodriguez, trattativa alla Perisic: dettagli e retroscena di una lunga maratona 19.02 - Ma cosa si aspettava De Laurentiis? Mercoledì sera, in attesa dell'arrivo di Sarri nella sala stampa, ammetto di essere rimasto spiazzato dalle dichiarazioni del presidente del Napoli. Stupito. E mi sono presto accorto che non ero l'unico. Venivamo da giorni in cui il numero...

EditorialeDI: Mauro Suma

Simeone-Juve e Conte-Inter, le ultime dal fronte. De Laurentiis non protegge il Napoli di Madrid. Milan, il lavoro di Montella. C'è Valeri, ma il Milan deve stare calmo 18.02 - Sognare e ipotizzare non cosa nulla. E soprattutto può essere utile ad uscire, finalmente, non se ne può più, dall'ultimo Juventus-Inter. Nella speranza che non ci siano più dettagli e pagliuzze da esaminare per intere trasmissioni di quella partita, i tifosi bianconeri e nerazzurri...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.