HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Juventus-Barcellona ai quarti: passare è possibile?
  Sì, la Juventus è cresciuta rispetto al 2015
  No, il Barcellona resta più forte dei bianconeri

TMW Mob
Editoriale

Gennaio e il calciomercato che non c'è stato: l'Inter l'unica big ad acquistare un titolare. Juve, cosa è successo con Evra? Non sostituirlo subito è un rischio. Date una top club a Maran: allena a Verona il nuovo Sarri

Nato a Napoli il 10/03/88, laureato in Filosofia e Comunicazione presso l'Università Orientale di Napoli. Lavora per Tuttomercatoweb.com dal 2008, è il vice direttore dal 2012
29.01.2017 00.00 di Raimondo De Magistris  Twitter:    articolo letto 41866 volte
© foto di TUTTOmercatoWEB.com

A furia di ripetere e ripeterci che il mercato estivo va organizzato e programmato con settimane d'anticipo, le big di Serie A si sono dimenticate del fatto che i giocatori, forti e titolari, possono essere acquistati anche a gennaio. E' vero che questa è chiamata la finestra di riparazione, che di giocatori buoni sul mercato in questo mese ce ne sono pochi. Che i calciatori forti, chi li ha, a gennaio non li cede, ma qualcosa di buono da acquistare c'era, come dimostrato dai vari Draxler, Oscar, Depay e Payet. In Italia, invece, questa sessione di calciomercato verrà ricordata come la più anonima degli ultimi anni. Qualche innesto che non cambia le carte in tavola e qualche errore che rischia di essere scontato a stretto giro di posta.

Il Napoli con intelligente anticipo ha sostituito il partente Gabbiadini con Pavoletti, ma di terzini nemmeno l'ombra. A Sarri è andata bene, perché Strinic s'è rivelato all'altezza del compito, ma s'è trattato di un rischio. Di una di quelle scommesse che possono andarti bene, ma anche no. Qualche chilometro più a nord, ad esempio, la scommessa non ha pagato. Simone Inzaghi nel girone d'andata ha fatto miracoli e la società l'ha ripagato negandogli quell'ulteriore alternativa in attacco che serviva come il pane. Non ha rinnovato il contratto di un Biglia sempre più distratto, non s'è liberata di Djordjevic per lasciar spazio a un vero vice Immobile. Un errore dietro l'altro: ai biancocelesti la maglia nera di questa sessione di calciomercato perché altrove, anche se poco, qualcosa hanno fatto. La Fiorentina ha preso Saponara per sostituire un Ilicic che, se non andrà via entro martedì, lo farà in estate. Il Milan ha consegnato a Montella un'alternativa in più in attacco (Deulofeu e Ocampos in, Niang out), mentre la Roma con Grenier ha permesso a Spalletti di godere di una soluzione diversa a centrocampo. Anche se la priorità del manager di Certaldo era ed è ancora Defrel e le condizioni fisiche del giocatore francese - che nella prima parte di Ligue 1 ha giocato meno di mezz'ora - sono tutte da certificare.
Qualche ritocco e nulla più, appunto. Non sono certo queste le mosse che ti permettono di cambiare la stagione. A conti fatti, l'unica big che ha acquistato un titolare è stata l'Inter: complimenti a Roberto Gagliardini, futuro pilastro della Nazionale che ad Appiano Gentile - per dirla con le parole di Gasperini - ha subito spaccato.

Capitolo a parte merita la Juventus. I bianconeri continuano a stravincere la sfida sui giovani: ottimo il colpo Orsolini, lungimirante la scelta di bloccare Quaison, unica nota lieta di un Palermo allo sfascio. Ma sarebbe servito anche altro. Questa sessione di mercato non può essere promossa a pieni voti: c'è qualcosa che non torna, c'è un Evra che è andato via senza che nessuno ne abbia ben compreso il motivo.
Il laterale francese era da tutti riconosciuto come uno dei leader di questa squadra. Era l'unica vera alternativa ad Alex Sandro e, soprattutto in Champions, ha avuto le sue possibilità e i suoi spazi. Aveva un contratto in scadenza e tutti davano per scontato il suo addio in estate: perché forzare i tempi? Perché non farsi convocare per quasi un mese? Perché mettere in difficoltà una Juve che lotta per vincere su tutti i fronti e aveva bisogno dell'esperienza del francese?
Qualcosa non torna, qualche passaggio è saltato e non hanno detto quale. Ad oggi, l'unica certezza è che la decisione della società di non sostituirlo appare rischiosa: può essere adattato Asamoah in quel ruolo, certo, ma non è la stessa cosa.

Chiosa finale su Rolando Maran. Ho un debole per il suo Chievo e per un'organizzazione di gioco che in Italia ha pochi eguali. Non ce ne vogliano Campedelli e Nember, ma questa non è una squadra da decimo posto. E' un gruppo con discreti giocatori che brilla solo perché in campo tutti - dal portiere al centravanti - sanno sempre cosa fare con e senza palla. E' uno spettacolo veder giocare il Chievo, pur con tutti i limiti tecnici che contraddistinguono questa squadra. Pochi se ne sono accorti solo perché i clivensi, che hanno da tempo abbandonato l'etichetta di favola, non fanno più notizia. Ma Maran meriterebbe ben più gloria e complimenti: la prima big che se ne accorgerà farà le sue fortune.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Juve: polemiche a raffica, un arrivo e un solo vero pericolo. Milan: la svolta, le ultime sul closing e i segreti di Mr Li. Inter: si sogna un colpo da sceicchi (ma occhio alle bufale)! Napoli sospeso tra Sarri e Higuain 28.03 - In quel tempo c'era la pausa per la Nazionale. E la pausa per la Nazionale portava polemiche sterili e invenzioni di mercato. E tu chiamavi i direttori sportivi e chiedevi "si parla molto di mercato, dimmi tutto!". E loro: "C'è la pausa per la nazionale, siamo in vacanza, vatti a...
Telegram

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Le infiltrazioni mafiose nel calcio e i falsi moralisti. Milan, dopo la colletta il problema sarà di Mirabelli. Verona, comunque andrà sarà un fallimento! Foggia, da De Zerbi a Stroppa il vero vincitore è Di Bari 27.03 - Quando c'è la Nazionale bisogna cercare altre notizie, altrimenti televisioni e giornali chiudono. Si punta sul mercato o su questioni extra. Hanno aiutato, in questa fase, il closing del Milan e le indagini della Procura Federale sulle intercettazioni della Juventus. Se a fare i...

EditorialeDI: Marco Conterio

Il closing del Milan: la figura di Yonghong Li e tutti gli scenari futuri del club. Valzer delle panchine: tanto ruota attorno a Spalletti. Tutti i colpi delle grandi da Bernardeschi a Manolas fino a Kessie 26.03 - Forse, ci siamo. Il Milan sta per diventare del misterioso Yonghong Li in... Prestito con obbligo di riscatto. Già. Perché i soldi per il closing arriverebbero al broker cinese dagli Stati Uniti, dal fondo Elliott, che finanzierebbe così la chiusura del passaggio del club. Li è rimasto...

EditorialeDI: Mauro Suma

Montella: Maiorino sa tutto. I 720 milioni di Sino, i 270 di Suning. Inter e Milan: Napoli e Roma col fiato corto. Balo e Darmian novità di mercato 25.03 - "Vediamo". In Casa Milan da diversi mesi a questa parte non è una espressione come le altre. Non è un intercalare o un modo per prendere tempo. E' una vera e propria parola d'ordine, un approccio costante nel tempo, l'unico modo per attendere una soluzione definitiva alla cessione...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve-'Ndrangheta, siamo alla follia. Le colpe di Agnelli. Allegri vuole Di María. Inter, lasciate in pace Pioli. Napoli, tieni Insigne non Mertens 24.03 - LL’ultimo scandalo del calcio italiano ha dei contorni inquietanti. Parlo, naturalmente, della vicenda Juventus-‘Ndrangheta e di tutto quello che sta scatenando. Qui non si tratta di essere juventini o antijuventini, credo che il discorso che sto per fare attenga alla civiltà più...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Caparre cene e allenatori, in Primavera si fa il mercato e si guarda al futuro 23.03 - Sono principalmente due le notizie che hanno movimentato la settimana della pausa di campionato e sono destinate entrambe ad avere strascichi durante tutta la settimana. A Milano la questione closing non si è ancora chiusa: né in un verso né nell'altro. I famosi 100 milioni che doveva...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Luis Enrique, non solo Roma... Milan-Donnarumma, è rimasta solo la fede! Napoli, Mertens va premiato oppure... 22.03 - Ogni volta che si manifesta la primavera mi sento meglio… Le giornate diventano più luminose, la natura rinasce, tutto siamo più felici o, almeno, così pare… Tuttavia, ancora una volta, a primavera c’è solo una rondine che tiene alto il buon nome dell’Italia pallonara in Europa. C’è...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Un'idea "folle" per la Juve e una cosa da chiarire su Agnelli. I soldi del Milan ci sono: ecco chi li ha davvero (da lì nascono i problemi). Il fastidio dietro la "non sconfitta" dell'Inter. E sul pranzo indigesto di Sarri... 21.03 - Questa volta non me la prendo con la “pausa per la Nazionale”. Non ci penso neanche. Al limite con il campionato. Quello delle ultime che perdono sempre, delle prime che vincono sempre, di quelle in mezzo che vincono se giocano con le ultime, perdono se giocano con le prime e pareggiano...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Pallotta, chiedi il conto a Spalletti. Giro di panchine: Bucchi e Semplici le new entry. Il Torino dalla “Padelli alla brace”. Lotito in B? Ecco perché conviene più alla B che alla A… 20.03 - Nel week end dell’addio dei sogni di gloria dell’Inter, si passa al sabato dove il Milan conferma di essere da Europa di serie B. Milano oggi è da Europa di serie B e la classifica confermerà che le due squadre di Milano ancora non sono pronte a rientrare dalla porta principale. Il...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Il monopolio della Juve fa male al calcio italiano: o tornano le milanesi (dei giorni migliori...) o la Serie A in Europa perderà posizioni. E tanti saluti al regalo dell'UEFA 19.03 - Ci risiamo. Superati gli ottavi di finale ecco riaffiorare i soliti problemi e sempre gli stessi limiti. C'è la Juventus, che si avvia indisturbata a conquistare il sesto Scudetto consecutivo (record assoluto). Poi c'è il vuoto, in Serie A e nelle competizioni europee. La Roma in...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.