HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da Tuttomercatoweb.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
TMW Mob
Editoriale

Giampaolo al Milan? Berlusconi ha sempre saputo raccontare le barzellette. Bigon al Bologna, con i soliti sponsor. Sartori, schiaffo al Chievo poco elegante. Il Corvo torna sui tetti di Firenze

Direttore di Sportitalia e Tuttomercatoweb
30.05.2016 13.10 di Michele Criscitiello  Twitter:   articolo letto 57268 volte
© foto di Federico De Luca

Ogni estate ha il suo fascino. E ogni volta che parte il calciomercato è come se fosse il primo giorno di scuola. Da oggi Tuttomercatoweb sarà pane quotidiano per tifosi e addetti ai lavori. Tmw Radio si ascolta ovunque e le notizie si possono anche sentire, su Sportitalia da oggi parte una maratona infinita: mercato, mercato e mercato tutti i giorni dalle 17 a mezzanotte e mezza. Vi porteremo negli hotel di mercato, vi racconteremo notizie e retroscena sul canale 60 del digitale terrestre e 225 di Sky. Sapete, però, la cosa che piace alla gente? Non sono le notizie e odiano le marchette, alla gente piace ascoltare la verità. Partiamo dal Milan, dove - ad oggi - regna la confusione totale. Non sappiamo se Berlusconi resterà alla guida del Milan e non sappiamo neanche per chi stia lavorando oggi Brocchi. Povero ragazzo, bruciato in un mese per la tanta voglia di dimostrare. Avrebbe meritato maggiore rispetto, anche se lui stesso si sarebbe dovuto tutelare maggiormente. Ognuno è padrone del proprio destino. E' partita la solita estate di Ibra al Milan. Ogni anno ci raccontano che Raiola si vede con Galliani per Ibra, invece poi si sono incontrati per portare al Milan qualche scarto della scuderia del Re di Montecarlo. L'uomo più ricco del calcio italiano, che fa i soldi con gli italiani, dice che facciamo schifo e non paga gli f24 come noi stupidi poveri mortali. Non so quanti di voi conoscano Silvio Berlusconi. Io, al telefono, ci ho parlato mezza volta, ma chi lo conosce bene racconta di una persona solare, geniale (ovviamente) e molto simpatica. Dicono anche che racconti bene le barzellette. Lo faceva sulle barche da ragazzino. Oggi le racconta ancora bene. Non è più un ragazzino e non c'è una barca. Ma un barcone che affonda. Sembra che l'idea di affidare la panchina del Milan a Marco Giampaolo sia una barzelletta raccontata da Berlusconi. L'avrà raccontata talmente bene che la gente rideva a crepapelle. Io sto ancora ridendo, ma forse qualcuno non l'ha percepita come una battuta. Vedremo. Non ha molto senso lasciare l'Empoli. O forse ce l'ha se sai che quest'anno è andato tutto liscio perché bisognava continuare a volare sulla scia lasciata l'anno prima da Sarri e perché quest'anno il miracolo non si sarebbe ripetuto. Giampaolo al Milan sta come il sottoscritto alla conduzione di Canal+. Non parlo mezza parola di francese e, forse, ma solo forse, non sarei adeguato al compito. Il Milan deve avere il coraggio di assumersi le sue responsabilità e se un mese fa ha puntato su Brocchi oggi lo deve confermare e non buttare dalla finestra. Berlusconi deve ragionare con la testa e non con la pancia. Con la mossa di Brocchi al posto di Sinisa ha ammazzato due squadre: la prima e la Primavera. Risultato: niente Europa, niente Coppa Italia e niente final eight di Primavera, con Nava che ha perso malamente la qualificazione contro l'Empoli con una squadra lanciatissima con Brocchi.
Non vogliamo fare i professori anche perché ci manca la cattedra e non vogliamo neanche essere ripetitivi. Vi portiamo, però, a riflettere: come fa il Bologna a liberarsi di Corvino, a pagarlo purché vada via e affidare la direzione del mercato a Riccardo Bigon? Siamo alla follia. Poi può darsi che, come Giampaolo, ogni 10 anni indovini una stagione, ma una società ricca come il Bologna non può andare a caso nella speranza che arrivi l'anno giusto. Bigon è reduce dai disastri di Napoli e dal fallimento tecnico ed economico nella gestione di un anno al Verona. Può il Bologna prendere Bigon perché Donadoni lo conosce bene e lo ha avuto a Napoli e lo ha trattato sempre come un team manager e mai come un Direttore Sportivo? Donadoni deve avere la coscienza di fare il mister e non può pensare di fare il mercato e controllarlo con un suo uomo fidato. Bigon è un bravissimo ragazzo ma il calcio è per altri. Ha due ottimi collaboratori ma lui non ha lo spessore per fare il Direttore in serie A. Il ragazzo, però, si è convinto visto che in serie A in molti gli hanno dato ripetute opportunità. Avanti popolo, alla riscossa. Bandiera rossa, trionferà!
Come sapete abbiamo amici e nemici, gente che tifa per noi e gente che gufa maledettamente. Ma tutti ci riconoscono un pregio: amici o nemici non guardiamo in faccia a nessuno. Giovanni Sartori è un grande professionista e un'ottima persona ma sta sbagliando. Il Direttore dell'Atalanta ha peccato di eleganza. Lui che è stato il Chievo, lui che deve tanto a Campedelli, lui che potrebbe scegliere tra 1.456 allenatori non può, per questioni deontologiche, andare a contattare l'allenatore del Chievo Verona, Rolando Maran, che con i veneti ha ancora due anni di contratto. Se lo vuoi lo paghi, ma fare forza sul mister non è stato un gesto elegantissimo nei confronti del suo passato. Poi, naturalmente, ognuno è libero di fare quel che vuole, ma il calcio spesso è una ruota e si ferma dove meno te lo aspetti. L'Atalanta è una grande società, il Chievo Verona anche. Maran sperava, come meritava, di fare il grande salto, ma nel passare da Verona a Bergamo c'è poca differenza se non il calore del pubblico che è totalmente diverso. Per ambizioni e professionalità dei club, si equivalgono molto.
In chiusura, un bentornato a casa a Pantaleo Corvino. Da Bologna ne è uscito da signore e, forse, più ricco. Ha mollato due anni di contratto e rientra a Firenze più forte di quando è andato via. La famiglia Della Valle gli ha riconosciuto il grande lavoro svolto e i numeri sono dalla sua parte. Se la Fiorentina in questi anni ha fatto cassa lo deve soprattutto al Corvo, il quale adesso prepara un altro mercato di sorprese. Corvino dovrebbe guardare, come fatto a Bologna, meno all'estero e più in Italia, dove abbiamo tanti calciatori di valore che pochi vedono e capiscono. Firenze con lui è in ottime mani. I Della Valle faranno soldi per i prossimi dieci anni. E' il discorso della vita: chi semina bene raccoglie sempre. Un solo consiglio al Corvo, di cui naturalmente non ha bisogno: cambi il mister perché l'allenatore deve essere sempre scelto dal Direttore, il quale non deve subire scelte altrui. Corvino Sousa non l'ha scelto ma se lo trova. Potrebbe essere un problema già ad ottobre anche perché i segnali lanciati a gennaio dal tecnico non lasciano intravedere mezzo raggio di sole.
Buona settimana a tutti.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
05.12 - Mi e vi devo fare una promessa: in questo mio spazio del lunedì non parlerò più del closing Milan fino alla firma del contratto, alla stipula davanti al notaio, ai comunicati ufficiali e alle foto di rito. Anche se dovessero arrivare altri 100 milioni di euro dalle banche...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

Editoriale DI: Andrea Losapio

04.12 - Sono allo Juventus Stadium per la gara fra padroni di casa e Atalanta. E vedo la squadra di Allegri che gioca come non fa mai nemmeno in Europa, figuriamoci in Italia. Forse è demerito nerazzurro ma la disfatta con il Genoa forse ha fatto suonare un campanello di allarme, come...

Editoriale DI: Mauro Suma

Milan, il 13 Dicembre resta il giorno. Roma, Napoli, Lazio, Milan non distraetevi. Berardi rimpiazza Gabigol all'Inter. Dani Alves torna a Gennaio, no emergenza Juve 03.12 - Poveri tifosi del Milan. E' come se li vedessimo. E per certi versi li vediamo. Costretti a compulsare siti, tv e social a tutte le ore del giorno e della notte per soppesare ogni sfumatura del particolare che arriva dal tal profilo twitter che fino ad oggi ha detto certe cose...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Il futuro di Allegri legato alla Champions. Piace Paulo Sousa. Marotta ha deciso: due centrocampisti a gennaio. Anche Berlusconi e le sue vedove si arrendono. Napoli, dubbi su Pavoletti 02.12 - Della serie anche i ricchi piangono, mi risulta che i dirigenti della Juventus, Agnelli in testa, non siano poi così contenti di questa squadra nonostante il primo posto in campionato e la qualificazione anticipata in Champions. L'assenza di gioco non è più motivo di simpatici...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Le panchine cambiano tutte insieme, gli scricchiolii delle big strizzano l'occhio al mercato. Gennaio si avvicina... 01.12 - Saltata un'altra panchina in A. De Zerbi non è più l'allenatore del Palermo dopo una sconfitta in coppa Italia ai rigori contro lo Spezia a pochi giorni dalla conferma (a sorpresa) del suo presidente Zamparini. Al suo posto arriva Corini, grande ex, che avrà il compito di...

Editoriale DI: Fabrizio Ponciroli

30.11 - Campionato riaperto, infermeria, quella bianconera, presa d'assalto. Allegri, di colpo, si è ritrovato a fare la conta dei pochi presenti. Ogni partita, qualche tassello della corazzata bianconera va in pezzi. In particolare, problemi evidenti a livello difensivo. Da qui la...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Milan e la telefonata "cinese" di chi crede ancora al closing: ecco cosa succede! Juve e Allegri: la "follia" dopo il ko di Genova. Inter: ecco il diktat sul mercato firmato Zhang. Roma: autodenuncia su Dzeko 29.11 - "Ciao, mi chiamo Maurizio, ho 75 anni e non esonero da 6 mesi". "Fate un bell'applauso a Maurizio". E giù applausi. Ci piace iniziare così, con un pensiero all' "esoneratore anonimo" Maurizio Zamparini, in crisi d'astinenza e comunque capace di tenere duro col buon De...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

28.11 - Sarà che settimana prossima c'è il referendum, sarà che per 8 mesi è rimasto in silenzio per problemi ben più gravi del calcio, sarà che in Italia tutto è consentito, sta di fatto che sono 10 giorni che Silvio Berlusconi,...

Editoriale DI: Andrea Losapio

27.11 - Abbiamo negli occhi la clamorosa sconfitta che l'Inter ha patito con il Hapoel Beer Sheva. I suoi giocatori hanno tenuto fede al nome della squadra e hanno ubriacato gli avversari in un secondo tempo davvero vergognoso da parte degli uomini di Pioli. Tanto bene nella prima...

Editoriale DI: Mauro Suma

Il 14 Dicembre del Milan. La confusione del Sassuolo. Pioli, il terzo scomodo. E' bruttissimo il calcio fra Biella e la Questura di Como 26.11 - All'esterno del Milan l'attesa spasmodica è per il 13 Dicembre. All'interno del Milan la curiosità e la suspence sono tutte per il 14 Dicembre. Chi entrerà a Casa Milan quel giorno? Le chiavi saranno sempre nelle stesse mani o saranno consegnate ai nuovi proprietari?...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.