HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
TMW Magazine
SONDAGGIO
Grandi bomber in Italia: chi la spunterà come capocannoniere?
  Vincerà Dzeko, è il centravanti più in forma della Serie A
  La spunterà ancora Higuain, è il goleador della squadra più forte
  Il trono tornerà ad un italiano, la rivelazione Belotti
  La sorpresa sarà totale: vincerà il falso nove Mertens
  Il titolo tornerà ad Icardi, già re dei bomber nel 2015

TMW Mob
Editoriale

Gli agenti di certi calciatori del Napoli sembrano i greci in fila davanti ai bancomat. Milan, Inter e Roma: si continua ad investire nonostante il deficit. Mentre a Napoli c'è un uomo solo al comando

21.06.2015 08.22 di Raffaele Auriemma   articolo letto 147693 volte
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews

Fare di necessità-virtù quando non si hanno più le possibilità. Sta succedendo al Napoli in questa fase gestionale molto simile al Grexit: fuori dall'Europa che conta, niente più finanziamenti Uefa e via con il ridimensionamento. A quest'ultimo aspetto va associato anche il fenomeno della fuga di quelli che hanno, o pensano di avere, un ottimo mercato e talento da vendere al prossimo, miglior offerente. Sembra di vederla la fila di alcuni procuratori, come quei greci davanti ai bancomat per prelevare tutti i loro averi e poi, via, in fuga verso altre realtà di cui approfittare finchè la buona sorte e la salute dei loro assistiti glielo permette. Questa scena di scarso attaccamento alla professione e di pochissimo rispetto per chi ti ha beneficiato di un contratto che in pochi altrove ti avrebbero riconosciuto, si sta verificando sotto gli occhi dei tifosi del Napoli, sconcertati dal ridimensionamento provocato dal doppio binario della cessione richiesta in maniera più o meno ufficiale dagli agenti di alcuni big e dalla conseguente necessità di pescare nell'ambito di quelli bravi, ma che non tutti ancora hanno avuto la capacità di accorgersene. Perché siamo arrivati a questo? Lo sanno anche nelle culle: una società come il Napoli non può permettersi di restare due anni fuori dalla Champions, se vuole tenere alto il livello di competitività della squadra. E la responsabilità di Benitez, in questo tracollo tecnico-economico del club, ci sta tutta. Con lui in panchina il Napoli ha perso almeno 80 milioni di euro dalla Champions ed ha speso 135 milioni di euro in cartellini di calciatori, molti dei quali appartenenti all'agenzia di Manuel Quilon, l'agente-socio di Benitez. In più, il monte ingaggi è stato innalzato del 40 per cento, fino alla somma di 146 milioni nel biennio ultimo, di cui, quasi 20 milioni sono finiti nelle tasche del coach spagnolo e del suo staff. Le conseguenze sono sotto gli occhi di tutti, con quel ridimensionamento anagrafico che in altre realtà non si sta vivendo, nonostante gli ultimi risultati negativi. Questo perché nel Napoli c'è un uomo solo al comando, De Laurentiis, mentre altrove gli americani investono fior di quattrini per la squadra e lo stadio (Pallotta alla Roma), un indonesiano sta comprando Kondgobia, Imbula e Miranda (Thohir all'Inter) e un thailandese sta portando al Milan Jackson Martinez o Bacca, oltre al fiume di dollari che arriverà dalle borse asiatiche (mister Bee al Milan). Al cospetto di un quadro simile il tifoso del Napoli non è autorizzato a volare con la fantasia, ma deve solo avere fede e sperare che le scelte rivolte verso il basso, producano gli stessi effetti che si registrarono all'epoca del tanto vituperato Mazzarri. Ora in panchina è arrivato uno simile, perché toscano (anche se nato per caso a Napoli) e perché non è un errore definirlo Ma...Sarri. Un tecnico di alta qualità, pur se con un anno appena di serie A e con il difetto di lavorare molto sul gruppo, quotidianamente ed a più riprese, come farà nelle tre settimane consecutive di ritiro, un periodo così lungo non lo si viveva dall'epoca di Brusson. Sarri ha spesso ripetuto a chi gli è vicino che il Napoli attuale gli basterebbe eccome per poter puntare a pieno diritto per un posto in Champions. Ma De Laurentiis gli ha spiegato che ci sarà rivoluzione, un po' perché il fatturato stagionale del club non può permettere un monte ingaggi tanto elevato e poi perché i big pretenderebbero vetrine oggi più luminose di quella partenopea. Beh, che vadano, purché arrivi nelle casse del Napoli il giusto prezzo, senza sconti alcuno. Nemmeno per Higuain. Poi ci penserà Sarri a riorganizzarsi con una formazione che tornerà a parlare soprattutto l'italico idioma e con una formazione che ha già in mente. Volete sapere qual è? Eccola. Napoli con il 4-3-1-2: Reina; Vrsaljko, Rugani, Romagnoli, Darmian; Allan, Valdifiori, Hamsik; Saponara; Gabbiadini, Higuain oppure Immobile o Zaza. Non vi piace? Vi sentite ridimensionati? Probabilmente è così, ma se leggete bene i nomi, vi accorgerete che sono tutti elementi che fanno parte del giro delle Nazionali. Poco celebrati forse, ma scarsi certamente no.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Simeone-Juve e Conte-Inter, le ultime dal fronte. De Laurentiis non protegge il Napoli di Madrid. Milan, il lavoro di Montella. C'è Valeri, ma il Milan deve stare calmo 18.02 - Sognare e ipotizzare non cosa nulla. E soprattutto può essere utile ad uscire, finalmente, non se ne può più, dall'ultimo Juventus-Inter. Nella speranza che non ci siano più dettagli e pagliuzze da esaminare per intere trasmissioni di quella partita, i tifosi bianconeri e nerazzurri...
Telegram

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Sarri prigioniero del Napoli, divorzio impossibile. Chelsea accelera per Bernardeschi, ieri mezza Europa a seguire l'asso viola. Milan, pronti cento milioni per il mercato. Spalletti prima scelta per la Juve 17.02 - Le accuse a Sarri, inaspettate e immotivate, del presidente De Laurentiis (con due i, mi raccomando) hanno fatto saltare in aria lo spogliatoio del Bernabeu e trasformato una onesta sconfitta in un’altra drammatica puntata della serie "I due nemici". E adesso cosa succederà? Ho...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Il peso della Champions e le panchine che iniziano i loro valzer con largo anticipo… 16.02 - Dobbiamo essere onesti e realisti. Il Napoli ha giocato con coraggio: ha guardato il Real negli occhi. Gli ha messo anche paura. Poi la qualità delle giocate (anche quelli “improvvisate” come il gol di Casemiro) e soprattutto la personalità e l’esperienza degli avversari ha fatto...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Real Madrid-Napoli, il giorno del giudizio... Cassano, nessuno si fa avanti! C'è la fila per Allegri ma... 15.02 - Finalmente ci siamo. Oggi è il giorno della verità. Il blasonato Real Madrid, la squadra delle stelle, quella del Pallone d’Oro CR7, ospita, nel mitico Bernabeu, il bel Napoli di Sarri, ossia la compagine che gioca il miglior calcio in tutt’Europa. Una sfida “galattica”, un confronto...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: le pulci al Pipita e l'ultima (scomoda) parola sul caso-arbitri. Inter: la "scoperta" di Pioli, un partente...Eun nuovo arrivo! Turbolenze Milan, strane telefonate, risposte sul campo: occhio alle scelte cinesi...Napoli: dimentica i complimenti 14.02 - Ciao. È finito Sanremo. Ha vinto uno che cantava con uno scimmione di fianco. Davvero bravo (anche il cantante). Sanremo è incredibile perché puoi avere tutte le rotture di balle del mondo ma fa niente "tanto c'è Sanremo". "Mamma hai cambiato le pile del polmone d'acciaio della...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Forza Napoli, regalaci la notte perfetta! Juve-Ascoli e il paradosso di mercato. Toni, ti presento Avellino. Abodi contro Tavecchio: la scimmia nuda balla 13.02 - Se dieci anni fa avessero detto a Gabbani che, sul palco dell'Ariston, uno contro uno avrebbe battuto Sua Maestà Mannoia, anche lui si sarebbe messo a ridere. Invece i tempi cambiano e, a volte, i miracoli esistono. Se il Napoli non si presenterà battuto al Bernabeu, il pronostico...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Juventus-Inter, una rivalità che si estenderà al mercato. Il Beijing vale più del Milan. Napoli e Roma hanno perso la loro occasione, a meno che non arrivi una Superlega. Gomez, ma dove vai? 12.02 - A metà gennaio il Beijing Guoan, club di Pechino, è stato venduto al gruppo immobiliare Sinobo Land per 3,6 miliardi di yuan. Poiché le quote acquistate erano del 64%, virtualmente la società cinese ne vale ben 2 in più. Significa che il valore intero è di circa 754 milioni di euro,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Juve-Inter: Andrea, il grande assente Deulofeu: peccato per Rabiot e Pjaca Sosa: M'Vila e Felipe Melo Radja: l'odio, no! Bernabeu: forza Napoli! 11.02 - Non è un derby, c'è qualcosa di molto più acre. Lo sappiamo per esperienza, ad esempio fra Milan e Inter: dopo un derby vero, gli sbertucciamenti e le frecciate durano al massimo 24 ore. Quella fra Juventus e Inter è ben altro, è un guanto si sfida di potere. La posta in palio non...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, per il dopo Allegri c'è Spalletti ma anche Montella. Sarri una bufala, Sousa in ribasso. Di Francesco per la Roma, Maran vicino alla Fiorentina 10.02 - Abbiamo già scritto da tempo e adesso stanno arrivando in tanti, che il matrimonio tra Allegri e la Juventus è destinato a finire. L’allenatore livornese sa che se dovesse vincere il terzo scudetto consecutivo (probabilissimo) sarebbe poi difficile andare oltre: anche i grandi cicli...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Mercato, soldi e Cina. Ecco cosa è successo a gennaio 09.02 - Tutti a dire che è stato forse il peggior mercato invernale della storia. E forse per emozioni (anche dell’ultimo giorno) è anche vero. Ma non siate così sicuri però. Anzi andate a guardare i numeri, guardiamoli insieme. Il Cies ha preso in analisi i trasferimenti delle big five...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.