HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Gagliardini-Inter, è il nome giusto per completare la squadra di Pioli?
  Sì, al centrocampo nerazzurro servono qualità come le sue
  No, non è ha il physique du role per giocare all'Inter
  Sì, pescare tra i migliori giovani italiani è la via giusta
  No, il prezzo chiesto dall'Atalanta è assolutamente fuori mercato
  La Juve alla fine avrà la meglio

TMW Mob
Editoriale

Gli assurdi attacchi a Higuain e la pronta vendetta del Pipita. Il segreto dietro ai successi della Juventus. Mourinho, l'ennesimo attacco senza senso e anche Sarri sta prendendo lo stesso pessimo vizio

Nato a Firenze il 05/05/1985, è caporedattore di Tuttomercatoweb.com. Già firma de Il Messaggero e de La Nazione, è stato speaker e conduttore per Radio Sportiva, oltre che editorialista di Firenzeviola.it e voce di TMW Radio.
11.09.2016 07.07 di Marco Conterio  Twitter:    articolo letto 81031 volte
© foto di Image Sport

Vien da sorridere, ripensando agli sberleffi d'invidia e rabbia nei confronti di Gonzalo Higuain. Grasso, gordo, chi più ne ha più ne metta e ne mangi. Dieci minuti per far ingoiare alle malelingue due bocconi amari, il Pipita è la fotografia di quanto la Juventus viaggi a velocità tripla rispetto alle contendenti. Che siano di proprietà americana, italiana o cinese, poco importa. La Juventus è società che dallo Stadium in poi ha resettato col passato e deciso di ripartire. Programmando. Scegliendo dirigenti capaci e pure chi gli è alle spalle è gente che opera, lontana dai riflettori, ma che è nel proprio settore al top. Giuseppe Marotta e Fabio Paratici sono gli splendidi apici dell'iceberg. Ci sono Federico Cherubini, Stefano Braghin e Moreno Zocchi a far da ponte tra prima squadra e settore giovanile. C'è Javier Ribalta, l'uomo delle missioni all'estero senza scordare Pablo Longoria che segue i giovani dentro e fuori dai nostri confini e c'è chi si occupa dei tanti gioielli in prestito, Claudio Chiellini. C'è un'intera squadra, e la lista sarebbe lunga, che è il vero segreto. Fanno tutti capo ad Andrea Agnelli, organizzati, ognuno nel suo settore. E' la forza del club. Una dirigenza non quasi plenipotenziaria (De Laurentiis al Napoli). Troppo lontana (la Roma di Pallotta, l'Inter dei cinesi) o in fase transitoria (il Milan). E' così che si semina per arrivare agli Higuain ma nonostante l'esempio sia chiaramente sotto gli occhi di tutti, le altre si ostinano a voler portar avanti modelli diversi ed evidentemente non all'altezza di quello bianconero.

La Juventus, oltre a piazzare capolavori in entrata, ne fa pure in uscita. Paul Pogba al Manchester United per tutti quei milioni è la fotografia di quanto, appoggiandosi pure all'agente giusto (Raiola nel caso, Giovanni Branchini per le tante operazioni con il Bayern Monaco), si possa monetizzare al meglio e pure stringere uno stretto rapporto con le più grandi società d'Europa. A proposito di Pogba: ieri ha steccato ancora una volta in una gara importantissima, nel pieno della sindrome da Ibrahimovic. Ha tempo per maturare e per imparare che se costi tutti quei soldi, è anche perché ti considerano trascinatore e giocatore capace di caricarsi il fardello delle responsabilità sulle spalle. No, Pogba non è ancora quel campione e per questo il capolavoro della maxi cessione assume ancor più contorni miracolosi.

A proposito dello United. Pep Guardiola ha dato una lezione di calcio e d'economia a Josè Mourinho. Che dopo la partita è uscito con uno dei suoi, ennesimi, teatrini. "Hanno giocato male e ci mancano due rigori". Il Manchester United ha meritato di perdere, Mou se ne faccia una ragione. Guardiola, ben più signore, ha già dato la sua impronta ad una squadra che a confronto dei Red Devils ha meno campioni (soprattutto senza Aguero in campo!) ma che è più gruppo e più compatta. Alle sceneggiate di Mourinho siamo comunque sempre abituati, è che ogni volta speriamo sia l'ultima.

Chi sta prendendo, in questo, una brutta piega, è Maurizio Sarri. Chi scrive è stato (ed è) uno dei suoi più grandi estimatori. Perché ad Empoli l'ha visto e conosciuto da vicino. Perché sa quel che c'è dietro l'allenatore, ovvero un uomo di valori e di spessore. Però davanti ai microfoni ha preso un brutto vizio. Lamentarsi. Sempre. Comunque. "C'è disinformazione, nei prossimi giorni avrò una rosa risicata". E poi ancora. "Il calendario intenso? E' la follia del nostro calcio. Bisognerebbe fare un passo indietro. Settembre, ottobre e novembre ci sono le nazionali e poi 20 giorni con una partita ogni tre giorni. Praticamente non c'è il tempo di allenare i giocatori". Come se fosse un problema solo per il suo Napoli. E' da più di un decennio che il calcio è così, ma forse Sarri se ne lamenta solo ora che è attore principale e che ne subisce gli effetti in Europa. Torni ad avere, anche a microfoni accesi, quell'umiltà e serenità che lo ha sempre contraddistinto e non prenda, anche lui, una brutta ed inutile strada.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Una settimana da Kalinic. La Juventus chiude il mercato, la Roma lo apre, il Milan con Deulofeu aspetta Gomez dall'anno prossimo. Serie A più divertente: sarebbe meglio ridistribuire i proventi televisivi 22.01 - Non mi capita molto spesso di parlare bene della mia categoria professionale. Anche perché è in continuo movimento, c'è chi si ancora a vecchi capisaldi - perché nato con la carta stampata e, più in generale, non digitale - e chi mette zizzania perché pensa di cambiare completamente...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

EditorialeDI: Mauro Suma

Cercasi fotografo per Deulofeu. Juve-Milinkovic Savic: qualcosa è cambiato. Allegri circondato dagli Inzaghi. Simeone, nuovo snodo Inter-Juve 21.01 - Esattamente due anni fa. Il sabato precedente Milan-Atalanta, il Milan sognava Witsel. Ma nel frattempo si preparava ad accontentarsi di Suso. Svanito infatti in poche ore il sogno Witsel, stessa sorte che sarebbe capitata ad altri Club notoriamente più capaci sul mercato, e persa...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Verratti alla Juve, la chiave è Orsolini. Tolisso, dieci giorni per il colpo. Idea Rakitic. Inter, Moratti prende le quote di Thohir? Kalinic bloccato: la Viola non trova il sostituto 20.01 - Inutile girarci attorno: i problemi della Juve nascono tutti dal centrocampo. Le colpe e i ritardi di Allegri ci sono (ne parlerò dopo), ma non si possono non chiamare in causa anche Marotta e Paratici che in due mercati estivi non sono stati in grado di comprare un centrocampista...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Milan, Deulofeu si avvicina. Kalinic si allontana. Defrel-Roma tutta in salita. Cassano ora che fa? E i grandi colpi in B... 19.01 - Partiamo dall'ultima notizia arrivata in serata. L'Everton ha dato segnali di apertura per il prestito di Deulofeu con diritto di riscatto al Milan. È evidente che questo tipo di apertura ha suscitato un moderato ottimismo fra i dirigenti rossoneri, anche se ora bisognerà discutere...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

La Cina si dà una regolata! Coppa d'Africa, effetto Billiat... Aiutiamo Drogba! E il mercato? 18.01 - Fa freddo, fa freddissimo a Milano… Note climatiche a parte, tanto di cui disquisire. Partiamo dalla Cina. Finalmente anche il governo cinese ha capito che qualcosa non torna. Le spese folli dei club cinesi stanno “inquinando” il prodotto calcio. Esborsi assurdi, inverosimili, fuori...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: fuori dal campo sta succedendo qualcosa di grosso (e i cinesi trattano con  un attaccante!). Inter: i segreti di Nanchino e le prossime mosse di Ausilio. Milan: la decisione su Deulofeu. Napoli: e se Maradona... 17.01 - Ci tocca partire con una cosa seria. Molto seria. Pure troppo. La potenza di Tuttomercatoweb ha generato il “dramma dei pizzoccheri” che vi vado brevemente a raccontare. (Ricordatevi che è tutto molto serio. Serissimo). Settimana scorsa ho iniziato l’editoriale con la consueta...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Da Orsolini a Gabbiadini, quando gli agenti sbagliano parole e strategie. Dalla Juve all'Inter: le cifre che "drogano" il mercato. Ombre e luci su un gennaio atipico. Palermo verso la B e Lo Faso fa la Primavera... 16.01 - Sapere che è, quasi, tutto finito a metà gennaio, sinceramente, ci porta un pò di tristezza. Poi capiamo le mosse di mercato dei dirigenti italiani e ce ne facciamo una ragione. Non a caso questo è il primo mercato di gennaio di programmazione e non distruzione. Crotone, Pescara e...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Alla fine tutti si scansano con la Juventus, Napoli e Roma un po' meno. Tornerà la grande Milano, almeno la parte cinese delle due. Mercato a costo zero, tranne per i cinesi: Zidane costa 285 milioni, Buffon 110 e Veron 120 15.01 - Abbiamo negli occhi ancora la - ennesima - bella prestazione dell'Atalanta contro la Juventus, con i nerazzurri capaci, negli ultimi dieci minuti, di mettere in seria difficoltà i bianconeri. Bravo Gasperini, bravo Latte Lath, se non ci fosse la Juve un dieci euro sullo Scudetto nerazzurro...

EditorialeDI: Mauro Suma

Gagliardini-Caldara, una simpatica zuffa a suon di milioni. Le spallucce di Montella, le spallucce del Milan. La Champions della Juve passa da Dybala 14.01 - Una volta si cantava vengo anch'io no tu no. Oggi si canticchia all'avversario l'hai pagato di più tu, no invece tu. Non sappiamo chi si contenterà, ma certamente chi gode è l'Atalanta. Visto che il motivo del contendere è chi ha speso di più fra Inter e Juventus, fra Gagliardini...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve-Inter: scontro totale sul mercato. Verratti conteso a colpi di milioni. Chi ha buttato i soldi per Gagliardini e Caldara? Zaza al Valencia. Pioli vuole Vrsaljko 13.01 - Una buona strategia di marketing l’avrebbe suggerito, andare addosso ai più forti, a chi comanda il mercato o la situazione, funziona sempre. L’aggressione. E’ quello che, milione più milione meno, sta facendo l’Inter, tornata a braccare la Juventus molto da vicino. Il caso Gagliardini...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.