HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Juventus-Barcellona ai quarti: passare è possibile?
  Sì, la Juventus è cresciuta rispetto al 2015
  No, il Barcellona resta più forte dei bianconeri

TMW Mob
Editoriale

Grinta, cul e un piano segreto: ecco dove andrà a finire il Milan di Inzaghi. L'Inter vola, ma Mazzarri ora è di fronte a un bivio senza ritorno.

16.09.2014 00.00 di Fabrizio Biasin  Twitter:    articolo letto 50406 volte
© foto di Federico De Luca

Domenica ero a San Siro. Non capita spesso perché A) Sono pigro. B) Anche a tre chilometri di distanza il parcheggio costa minimo 7 euro. C) Trovi sempre qualcuno che ti urla "Biasin coglione" e tu puoi fare finta di niente ma un po' ci rimani male.

Domenica però potevo usufruire di due clamorosi "bigliettoni omaggio". Non avevo scuse, insomma. E poi era la prima della nuova Inter, c'era un bel sole e nella "zona hospitality" servivano lasagnette ai due ragù e pasta casereccia in quantità.

Parcheggio la macchina a tre chilometri di distanza: il cartello dice "1,20 euro all'ora". Penso: "Metto grattaesosta per 4,80 euro e sono a posto". Trovo la gentile signorina provvista dei tagliandi: "Me ne dà quattro per favore?". Risposta: "No, deve prenderne uno da 7 euro". E io: "Ma come scusi, c'è qualcosa di profondamente illogico in tutto ciò". Da lontano uno urla: "Biasin coglioneeee!!!". E la tizia: "O mi dà 'sti 7 euro o partecipo al coretto". Pago senza colpo ferire ma ho la seria intenzione di rifarmi con le lasagnette ai due ragù. In zona buffet è il solito vergognoso carnaio: c'è chi magna a quattro palmenti, chi per non rifare la fila due volte tenta il colpo del campione: "Posso avere tre bicchieri di rosso per favore?". "Ma lei è da solo". "C'è una mia zia di primo grado laggiù in un angolo". "Lei dice cazzate". "Allora mi dia un bicchiere solo ma molto grosso. Una tazza se possibile". Cose così. A un'ora dall'inizio del match sono sbronzo come una pigna. Alterno i carboidrati della lasagna agli zuccheri dei pasticcini e delle frolle. Nel mio stomaco si rivive la battaglia di Waterloo. E ovviamente io sono Napoleone. Decido che è ora di occupare gli spalti, prima scelgo lucidamente di accedere al cesso reale per non avere problemi di plin-plin durante il match. In zona pisciatoi uno mi osserva: lo vedo, capisco che ce l'ha con me. Me ne vado. All'uscita tendo l'orecchio. Il tizio parla a un amico: "E' quello che scrive su Tmw". E l'altro: "Bel coglione". E sono due. Penso: "Almeno questo non l'ha urlato sulla pubblica piazza". E in un amen sono sugli spalti.

All'altoparlante danno le formazioni e lì capisco di essere totalmente in balia dei tannini: mi sembra di capire che Mazzarri schiererà Kovacic assieme a Hernanes e Osvaldo vicino a Icardi. E' chiaro che vivo uno stato di delirio. E invece no, è tutto vero. Walter stupisce tutti quanti dimostrando coraggio leonino. E l'Inter gioca una partita all'altezza pur contro un Sassuolo dopolavoristico. In conferenza stampa Mazzarri è giustamente soddisfatto, se la tira un po' ma in fondo chi non lo farebbe dopo cotanta vittoria? Ora siamo al bivio: Walter ha la possibilità di diventare finalmente "nerazzurro", i tifosi sono dispostissimi ad assecondarlo. Per meritare gli osanna, però, deve confermare "l'Inter alla bersagliera" anche a Palermo, su un campo difficile dove però ha il dovere di aggredire: così devono fare tutte le squadre che ambiscono alla zona Champions. La sensazione è che il tecnico combatta una personalissima battaglia personale tra quello che vorrebbe fare (modulo a una punta per non rischiare troppo) e modulo a due punte che tanto piace alla gente e a patron Thohir (oltre a Moratti, ieri in tribuna dopo la "pace ritrovata" con l'Indonesiano).

Le certezze intanto sono in campo: Medel ha muscoli e fosforo sufficienti per essere anche solo accostato al Gattuso dei bei tempi. Se anche valesse la metà di Ringhio sarebbe comunque un acquisto azzeccato. Icardi ha movimenti da prima punta illuminata: certe cose non te le insegna nessuno, te le regala mammà. Per Kovacic vale lo stesso ragionamento, ma a differenza dell'argentino il baby gioiello deve dimostrare di essere in grado di fare la differenza anche nelle partite più difficili. Insomma, da San Siro tante buone indicazioni e qualche certezza: A) Non basta un 7-0 per parlare di "squadrone" (in fondo finì con lo stesso risultato anche l'anno scorso). B) Mazzarri ha "svoltato" ma ora deve dimostrare di sapere gestire il doppio impegno campionato-Europa League. C) Se due indizi fanno una prova, sono un coglione.

Lo stesso volgarissimo epiteto non vale per il vero protagonista della seconda giornata e cioè il francesino Menez. In quanto "coglione" confesso di aver ampiamente toppato il mio giudizio sul giovanotto venuto da Parigi. Pensavo in buona sostanza che si trattasse del solito parametro zero senza arte né parte, destinato a venire a Milano a mangiare pane a tradimento e senza dare nulla in cambio. Ebbene, dopo due sole partite possiamo affermare con ragionevole sicurezza che Galliani questa volta ha pescato il jolly: il ragazzo corre, si sacrifica, ha doti non comuni e rientra ampiamente nel "cerchio magico di Pippo". Ecco, Pippo. Chi ha visto il match bestiale di Parma non può non aver notato lo spettacolo nello spettacolo che va in scena sulla panchina del Diavolo: Inzaghi è senza dubbio il 12° giocatore del Milan e - non si offenderà - ha il culo tipico dei grandi allenatori. Sacchi, per dire. Anche in campo sembra che i rossoneri possano volgere prima o poi verso un 4-4-2 camuffato con Bonaventura/El Sharaawy e Honda sugli esterni e Torres e Menez davanti.

Lusso vero che però non può non far dimenticare certi obbrobri visti al Tardini. La fase difensiva del Milan non funziona, la riproposizione costante di Bonera sa di "accanimento terapeutico", per un Abate che risorge c'è un De Sciglio davvero sotto tono, e poi tocca ancora una volta trattare la faccenda portiere, Diego Lopez in questo caso, presentato con peana e orpelli che neanche Yashin e ora già completamente in discussione. Per intenderci: alla notizia "Diego Lopez è infortunato: salta certamente la Juve" in certi Milan Club hanno acceso ceri di ringraziamento per il miracolo compiuto da San Abbiati da Abbiategrasso. E' la solita faccenda dei parametri zero o giù di lì: una volta ti va bene, quell'altra ti dice male.

Questione Napoli. In questo caso c'è poco da fare i pirla. Da un paio di settimane, chi scrive, fa notare che è ora di uscire allo scoperto. De Laurentiis o chi per lui (magari non il figlio, già ribattezzato "la tocco piano Edoardo") ha il dovere (l'obbligo?) di parlare alla sua gente. Dove sono finiti i tweet, le interviste, le presentazioni in pompa magna, gli appelli anche un filo arroganti ma capaci di creare entusiasmo nella piazza? Che fine hanno fatto le fughe in motorino, gli attacchi al sistema e tutto il corollario di "apparizioni" che hanno trasformato il produttore in uno dei re del nostro calcio? Il De Laurentiis "normalizzato" ci piace poco. Ancor meno il Napoli confuso e svogliato che ha perso con il Chievo. Higuain è parso svogliato, sicuramente meno "in palla" di Maxi Lopez, uno che ha un centesimo del talento dell'argentino ma compensa col sudore. Il Napoli ha prodotto molto ma a tratti sembrava in vacanza come il suo allenatore durante la sosta per le nazionali (l'ha fatto anche l'anno scorso? Ha sbagliato due volte). Il pubblico di Napoli non merita di essere "abbandonato" e la già povera Serie A non può perdere così presto la terza in ordine di pronostico per lo scudetto.

Chi resta in vetta alle quote è la Juve: la squadra di Allegri vince in modo diverso da quella di Conte. Più organizzata e meno furiosa, più manovriera e meno aggressiva: il risultato non cambia. Anche in questo caso personalmente ero scettico, e invece il toscanaccio sta davvero bruciando i tempi nel suo processo di "juventinizzazione".

Ora Max dovrà esibirsi nella sua specialità: il superamento del girone di Champions. Con il Milan ce l'ha fatta quattro volte su quattro, contro avversari spesso alla portata e senza mai mettere insieme più di 10 punti. Come dire: massimo risultato con il minimo sforzo. Proprio quello che serve ai bianconeri per dimenticare Istanbul. A Milanello in passato hanno dimostrato di sapersi liberare degli incubi della capitale turca, ora tocca a Max.

P.s. Chiudo con l'argomento più interessante e centrale della settimana, la discussione che ha tenuto svegli tutti gli italiani: ma la nuova Miss Italia è buonacomeilpane o è un ferro da stiro? Dopo lunga, lunghissima, straziante e personalissima riflessione sono arrivato a una conclusione davvero profonda: mi son fatto di peggio (E voi? Vi siete fatti di peggio? Dite dite... Twitter: @FBiasin).


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Caparre cene e allenatori, in Primavera si fa il mercato e si guarda al futuro 23.03 - Sono principalmente due le notizie che hanno movimentato la settimana della pausa di campionato e sono destinate entrambe ad avere strascichi durante tutta la settimana. A Milano la questione closing non si è ancora chiusa: né in un verso né nell'altro. I famosi 100 milioni che doveva...
Telegram

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Luis Enrique, non solo Roma... Milan-Donnarumma, è rimasta solo la fede! Napoli, Mertens va premiato oppure... 22.03 - Ogni volta che si manifesta la primavera mi sento meglio… Le giornate diventano più luminose, la natura rinasce, tutto siamo più felici o, almeno, così pare… Tuttavia, ancora una volta, a primavera c’è solo una rondine che tiene alto il buon nome dell’Italia pallonara in Europa. C’è...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Un'idea "folle" per la Juve e una cosa da chiarire su Agnelli. I soldi del Milan ci sono: ecco chi li ha davvero (da lì nascono i problemi). Il fastidio dietro la "non sconfitta" dell'Inter. E sul pranzo indigesto di Sarri... 21.03 - Questa volta non me la prendo con la “pausa per la Nazionale”. Non ci penso neanche. Al limite con il campionato. Quello delle ultime che perdono sempre, delle prime che vincono sempre, di quelle in mezzo che vincono se giocano con le ultime, perdono se giocano con le prime e pareggiano...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Pallotta, chiedi il conto a Spalletti. Giro di panchine: Bucchi e Semplici le new entry. Il Torino dalla “Padelli alla brace”. Lotito in B? Ecco perché conviene più alla B che alla A… 20.03 - Nel week end dell’addio dei sogni di gloria dell’Inter, si passa al sabato dove il Milan conferma di essere da Europa di serie B. Milano oggi è da Europa di serie B e la classifica confermerà che le due squadre di Milano ancora non sono pronte a rientrare dalla porta principale. Il...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Il monopolio della Juve fa male al calcio italiano: o tornano le milanesi (dei giorni migliori...) o la Serie A in Europa perderà posizioni. E tanti saluti al regalo dell'UEFA 19.03 - Ci risiamo. Superati gli ottavi di finale ecco riaffiorare i soliti problemi e sempre gli stessi limiti. C'è la Juventus, che si avvia indisturbata a conquistare il sesto Scudetto consecutivo (record assoluto). Poi c'è il vuoto, in Serie A e nelle competizioni europee. La Roma in...

EditorialeDI: Mauro Suma

Sacchi-Dybala: juventini distratti. Bacca: nessuna grazia ricevuta. 200 milioni Closing e 200 milioni Guardiola. I derby estremi di Roma e Genova 18.03 - Era appena finita Juventus-Porto e dopo partite del genere, dove tutto va per filo e per segno, le tv devono cercare di ravvivare e movimentare. E' accaduto anche su Premium, dove Arrigo Sacchi ha stimolato Dybala: "Sei un modello per i giovani, sei un grandissimo giocatore, perchè...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Spalletti, ora è addio. E la Juve aspetta. Allegri più lontano. Inter, Suning 150 milioni per lo Scudetto. Milan, se salta il closing Donnarumma al Real 17.03 - La Roma è fuori dall’Europa nonostante la vittoria e una gara di grande spessore tecnico e agonistico e, se tanto mi da tanto, Spalletti è fuori dalla Roma. Non faccio altro che seguire le sue indicazioni e il suo ragionamento. Ancora pochi giorni fa ha ribadito che senza tituli (alla...

EditorialeDI: Luca Marchetti

I giovani, la Champions e le scadenze 2018? Vendi o firmi? 16.03 - La Champions sa ancora riservare sorprese. Non che il Monaco potenzialmente sia (stato) meno ricco del City, ma nell’anno in cui gli inglesi volevano la glorificazione in campo internazionale è arrivato il fracaso di Pep. Lontano dalla testa della classifica in Premier, uscito per...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Troppe polemiche, ci si mette anche Mourinho... Spalletti-Totti, uno è di troppo! Milan, Donnarumma resta. 15.03 - La primavera è alle porte, speriamo che, con l’arrivo delle belle giornate, le menti più fumantine riescano a rilassarsi… Basta polemiche. Non mi interessa chi ha torto e chi ha ragione, so solo che stiamo esagerando (mi ci metto anche io). Seguiamo ogni partita con occhio clinico,...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: tira una strana e “nuova” aria attorno alla Signora. Inter: Zhang e il destino di Pioli (occhio al dato su Simeone). Milan: ultime sul closing (con sorpresa sulla data?). Napoli: un assist a Sarri. E sul regolamento… 14.03 - Eccoci qui. Volevo spiegarvi le regole del calcio. Che sono semplici. Perché se non lo fossero, allora sarebbe un problema. E noi non vogliamo problemi. Quindi eccovi le regole del calcio, così come le abbiamo capite. REGOLA DEL FALLO DI MANO A meno che tu non sia il portiere...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.