HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da Tuttomercatoweb.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
TMW Mob
Editoriale

Guarin se ne va e il Mancio lo schiera: uno dei peggiori in campo, mentre l'Inter non può continuare così. Juve, grandissima occasione ma la rosa è incompleta: dipende dal Real Madrid. Spalletti bis, ma senza rivoluzione

17.01.2016 00.00 di Andrea Losapio  Twitter:   articolo letto 60306 volte
© foto di Lorenzo Di Benedetto

L'Inter ha un grosso problema. Facciamo due. C'è chi dipende dai gol dei propri centravanti. E chi è costretto a sperare che Handanovic non prenda nemmeno un minimo di febbre, altrimenti sono dolori. Lo si è visto in parecchie partite, una volta di più con l'Atalanta a Bergamo. Sloveno praticamente insuperabile dagli avversari (ci ha pensato un disastroso Murillo a portare in vantaggio i cugini nerazzurri), migliore in campo di gran lunga, mentre il proprio collega, a novanta metri di distanza, sta portando i documenti all'ufficio di collocamento. Se il primo problema è, in realtà, una risorsa, il secondo è solo un grosso punto interrogativo. Perché in quattro partite l'Inter ha segnato solamente due gol, uno con l'Empoli e l'altro con un autogol - sfortunato quanto maldestro - di Toloi. Difficile pensare che un simile ruolino possa garantire una qualificazione in Champions League, figuriamoci sperare nello Scudetto. Eppure per sedici giornate Mancini è stato in vetta alla classifica: anche qui è complicato credere che sia solo fortuna, probabilmente la realtà sta nel mezzo. L'Inter è una buona squadra, ma deve giocare da provinciale perché, di fatto, non può fare altro. I campioni che decidono le partite ci sono: a Bergamo è mancata la concretezza nei sedici metri. Non solo l'ultimo passaggio, ma il tiro dal limite. Guarin solitamente ci prova, ieri solamente una volta - deviata - ed è stato uno dei peggiori in campo. Nel post partita Mancini si è lasciato scappare come abbia chiesto di andar via: perché schierarlo? Il centrocampo dell'Inter avrebbe bisogno di un organizzatore di gioco, al di là della presenza di Medel, comunque positivo nei primi mesi. L'equivoco è Kondogbia al posto di Yaya Touré: servirebbe un calciatore fisicamente all'altezza del Mancio, ma con piedi più educati. Sebbene il francese possa diventare uno dei migliori a livello mondiale.
Chi lo è già, e a buon titolo, è Paul Pogba. Che, a due settimane dalla scadenza del mercato, potrebbe pure subire l'assalto del Real Madrid. A Zidane piace, non è una novità, e per un anno e mezzo - fino all'estate del 2017 - non potrà vestire la camiseta blanca, a meno che non si trovi un accordo a partire da subito. Complicato migliorare la rosa strapagando un centrocampista che non può essere utilizzato in Champions League in questa annata, altrettanto pensare che, in caso, non possa scegliere Barcellona. Dove, d'altro canto, sarebbe il padrone assoluto del centrocampo. Perché Iniesta e Busquets sono due super campioni, ma la nuova filosofia del Barça seguirebbe il francese. Un po' come Neymar, in attacco, da blindare dagli assalti di City e Paris Saint Germain. Diverso è il discorso per Alvaro Morata: può chi non è titolare - pienamente almeno - della Juventus esserlo del Real Madrid? No. Anche perché, pure lui, non sarebbe impiegabile in Champions. E poi è sempre possibile che il Real Madrid decida di riscattarlo con la famosa recompra e cederlo un anno in prestito: Arda Turan poteva finire al Galatasaray, ma il Barcellona ha rifiutato ogni destinazione perché da gennaio in poi sarebbe stato un perno della propria squadra. La Juventus non può essere altro che la candidata principe allo Scudetto, non fosse altro per l'abitudine alla vittoria che in questi anni Conte ha trasmesso e che Allegri ha cavalcato nel migliore dei modi. Per vincere in Europa manca qualcosa, almeno un centrocampista di livello mondiale e forse un'alternativa a Dybala, unico attaccante dalle caratteristiche complementari, a meno che non si voglia considerare Morata come seconda punta.
A Roma c'è chi pensa che l'aver esonerato Garcia sia la panacea di tutti i mali. Sicuramente Spalletti per almeno due anni e mezzo sarà portato in palmo di mano, con la pressione che si allenterà inesorabilmente (un po' come per Mancini all'Inter dell'immediato dopo Mazzarri) ma la squadra rimane quella che dovrebbe lottare per il campionato, e non è nemmeno troppo distante: virtualmente sette punti, in caso di vittoria contro l'Hellas Verona. Certo, di mezzo ci sono altri club che corrono - quasi tutti - e un Napoli che continua a essere trascinato da Gonzalo Higuain, sempre più alieno nelle sue prestazioni. Il problema che Spalletti dovrà risolvere è: può rimanere senza un Gervinho (ambito in Cina ma non solo) che finora è stato il miglior giocatore della Roma del girone d'andata? E riuscirà a risollevare la media gol di un Dzeko che assomiglia più a quella di Bartelt che non di Batistuta? Perché nella sua prima esperienza in giallorosso Spalletti si era reso celebre per la capacità di schierare una squadra senza un vero numero nove, sfruttando ripartenze e un falso nove che, ai tempi, non era certo consueto come ora.
Chiosa finale sul Milan: che senso ha avere un allenatore che, da giugno a settembre, viene incensato dalla stampa specializzata (tutta, nessuna esclusa) sui metodi di allenamento da sergente, sull'aria nuova che tira a Milanello, sugli acquisti che fanno virare rotta, se poi, nei fatti e nelle intenzioni, la sfiducia arriva già a ottobre, quando i punti dalla vetta sono pochi, e la possibilità di risalire c'è tutta? Semplicemente i rossoneri non esistono più, come società. Brutto da dire, per il club che ha vinto di più in vent'anni, almeno fino al 2007. Ma non si vive di soli ricordi e la programmazione dovrebbe andare al di là di tre mesi non perfetti. Un discorso che andrebbe fatto, più o meno, ogni stagione.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Il futuro di Allegri legato alla Champions. Piace Paulo Sousa. Marotta ha deciso: due centrocampisti a gennaio. Anche Berlusconi e le sue vedove si arrendono. Napoli, dubbi su Pavoletti 02.12 - Della serie anche i ricchi piangono, mi risulta che i dirigenti della Juventus, Agnelli in testa, non siano poi così contenti di questa squadra nonostante il primo posto in campionato e la qualificazione anticipata in Champions. L'assenza di gioco non è più motivo di simpatici...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

Editoriale DI: Luca Marchetti

Le panchine cambiano tutte insieme, gli scricchiolii delle big strizzano l'occhio al mercato. Gennaio si avvicina... 01.12 - Saltata un'altra panchina in A. De Zerbi non è più l'allenatore del Palermo dopo una sconfitta in coppa Italia ai rigori contro lo Spezia a pochi giorni dalla conferma (a sorpresa) del suo presidente Zamparini. Al suo posto arriva Corini, grande ex, che avrà il compito di...

Editoriale DI: Fabrizio Ponciroli

30.11 - Campionato riaperto, infermeria, quella bianconera, presa d'assalto. Allegri, di colpo, si è ritrovato a fare la conta dei pochi presenti. Ogni partita, qualche tassello della corazzata bianconera va in pezzi. In particolare, problemi evidenti a livello difensivo. Da qui la...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Milan e la telefonata "cinese" di chi crede ancora al closing: ecco cosa succede! Juve e Allegri: la "follia" dopo il ko di Genova. Inter: ecco il diktat sul mercato firmato Zhang. Roma: autodenuncia su Dzeko 29.11 - "Ciao, mi chiamo Maurizio, ho 75 anni e non esonero da 6 mesi". "Fate un bell'applauso a Maurizio". E giù applausi. Ci piace iniziare così, con un pensiero all' "esoneratore anonimo" Maurizio Zamparini, in crisi d'astinenza e comunque capace di tenere duro col buon De...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

28.11 - Sarà che settimana prossima c'è il referendum, sarà che per 8 mesi è rimasto in silenzio per problemi ben più gravi del calcio, sarà che in Italia tutto è consentito, sta di fatto che sono 10 giorni che Silvio Berlusconi,...

Editoriale DI: Andrea Losapio

27.11 - Abbiamo negli occhi la clamorosa sconfitta che l'Inter ha patito con il Hapoel Beer Sheva. I suoi giocatori hanno tenuto fede al nome della squadra e hanno ubriacato gli avversari in un secondo tempo davvero vergognoso da parte degli uomini di Pioli. Tanto bene nella prima...

Editoriale DI: Mauro Suma

Il 14 Dicembre del Milan. La confusione del Sassuolo. Pioli, il terzo scomodo. E' bruttissimo il calcio fra Biella e la Questura di Como 26.11 - All'esterno del Milan l'attesa spasmodica è per il 13 Dicembre. All'interno del Milan la curiosità e la suspence sono tutte per il 14 Dicembre. Chi entrerà a Casa Milan quel giorno? Le chiavi saranno sempre nelle stesse mani o saranno consegnate ai nuovi proprietari?...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

25.11 - L'ennesimo tentativo di agitare le acque attorno alla cessione del Milan è andato a vuoto. Questa volta è sceso in campo direttamente Silvio Berlusconi, spalleggiato dai soliti noti nel mondo della comunicazione, per cercare di depistare, spargere dubbi, insinuare situazioni...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Berlusconi insiste: si chiude, ma altrimenti... il Napoli stoppato in Champions, prenota una stellina brasiliana. E i giovani... 24.11 - La notte dopo il derby Berlusconi aveva dato certezze: il closing ci sarà, ma se così non dovesse essere sarei pronto a rimanere e vincere con un Milan giovane e italiano. Sembrava più una sorta di rassicurazione ai tanti tifosi del Milan contenti per come stavano andando le...

Editoriale DI: Fabrizio Ponciroli

Silvio, il difficile arriva adesso... Inter-James, si fa sul serio! Kean, un predestinato 23.11 - Lo capisco. Silvio Berlusconi sta soffrendo. Ormai ha capito che l'attimo in cui sarà costretto a dire addio, per sempre, al suo amato Milan è ormai alle porte. Il popolo rossonero gli ha tributato una coreografia da brividi, tutti lo hanno applaudito. Per ogni singolo tifoso...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.