HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
TMW Magazine
SONDAGGIO
Grandi bomber in Italia: chi la spunterà come capocannoniere?
  Vincerà Dzeko, è il centravanti più in forma della Serie A
  La spunterà ancora Higuain, è il goleador della squadra più forte
  Il trono tornerà ad un italiano, la rivelazione Belotti
  La sorpresa sarà totale: vincerà il falso nove Mertens
  Il titolo tornerà ad Icardi, già re dei bomber nel 2015

TMW Mob
Editoriale

Guarin se ne va e il Mancio lo schiera: uno dei peggiori in campo, mentre l'Inter non può continuare così. Juve, grandissima occasione ma la rosa è incompleta: dipende dal Real Madrid. Spalletti bis, ma senza rivoluzione

17.01.2016 00.00 di Andrea Losapio  Twitter:    articolo letto 60379 volte
© foto di Lorenzo Di Benedetto

L'Inter ha un grosso problema. Facciamo due. C'è chi dipende dai gol dei propri centravanti. E chi è costretto a sperare che Handanovic non prenda nemmeno un minimo di febbre, altrimenti sono dolori. Lo si è visto in parecchie partite, una volta di più con l'Atalanta a Bergamo. Sloveno praticamente insuperabile dagli avversari (ci ha pensato un disastroso Murillo a portare in vantaggio i cugini nerazzurri), migliore in campo di gran lunga, mentre il proprio collega, a novanta metri di distanza, sta portando i documenti all'ufficio di collocamento. Se il primo problema è, in realtà, una risorsa, il secondo è solo un grosso punto interrogativo. Perché in quattro partite l'Inter ha segnato solamente due gol, uno con l'Empoli e l'altro con un autogol - sfortunato quanto maldestro - di Toloi. Difficile pensare che un simile ruolino possa garantire una qualificazione in Champions League, figuriamoci sperare nello Scudetto. Eppure per sedici giornate Mancini è stato in vetta alla classifica: anche qui è complicato credere che sia solo fortuna, probabilmente la realtà sta nel mezzo. L'Inter è una buona squadra, ma deve giocare da provinciale perché, di fatto, non può fare altro. I campioni che decidono le partite ci sono: a Bergamo è mancata la concretezza nei sedici metri. Non solo l'ultimo passaggio, ma il tiro dal limite. Guarin solitamente ci prova, ieri solamente una volta - deviata - ed è stato uno dei peggiori in campo. Nel post partita Mancini si è lasciato scappare come abbia chiesto di andar via: perché schierarlo? Il centrocampo dell'Inter avrebbe bisogno di un organizzatore di gioco, al di là della presenza di Medel, comunque positivo nei primi mesi. L'equivoco è Kondogbia al posto di Yaya Touré: servirebbe un calciatore fisicamente all'altezza del Mancio, ma con piedi più educati. Sebbene il francese possa diventare uno dei migliori a livello mondiale.
Chi lo è già, e a buon titolo, è Paul Pogba. Che, a due settimane dalla scadenza del mercato, potrebbe pure subire l'assalto del Real Madrid. A Zidane piace, non è una novità, e per un anno e mezzo - fino all'estate del 2017 - non potrà vestire la camiseta blanca, a meno che non si trovi un accordo a partire da subito. Complicato migliorare la rosa strapagando un centrocampista che non può essere utilizzato in Champions League in questa annata, altrettanto pensare che, in caso, non possa scegliere Barcellona. Dove, d'altro canto, sarebbe il padrone assoluto del centrocampo. Perché Iniesta e Busquets sono due super campioni, ma la nuova filosofia del Barça seguirebbe il francese. Un po' come Neymar, in attacco, da blindare dagli assalti di City e Paris Saint Germain. Diverso è il discorso per Alvaro Morata: può chi non è titolare - pienamente almeno - della Juventus esserlo del Real Madrid? No. Anche perché, pure lui, non sarebbe impiegabile in Champions. E poi è sempre possibile che il Real Madrid decida di riscattarlo con la famosa recompra e cederlo un anno in prestito: Arda Turan poteva finire al Galatasaray, ma il Barcellona ha rifiutato ogni destinazione perché da gennaio in poi sarebbe stato un perno della propria squadra. La Juventus non può essere altro che la candidata principe allo Scudetto, non fosse altro per l'abitudine alla vittoria che in questi anni Conte ha trasmesso e che Allegri ha cavalcato nel migliore dei modi. Per vincere in Europa manca qualcosa, almeno un centrocampista di livello mondiale e forse un'alternativa a Dybala, unico attaccante dalle caratteristiche complementari, a meno che non si voglia considerare Morata come seconda punta.
A Roma c'è chi pensa che l'aver esonerato Garcia sia la panacea di tutti i mali. Sicuramente Spalletti per almeno due anni e mezzo sarà portato in palmo di mano, con la pressione che si allenterà inesorabilmente (un po' come per Mancini all'Inter dell'immediato dopo Mazzarri) ma la squadra rimane quella che dovrebbe lottare per il campionato, e non è nemmeno troppo distante: virtualmente sette punti, in caso di vittoria contro l'Hellas Verona. Certo, di mezzo ci sono altri club che corrono - quasi tutti - e un Napoli che continua a essere trascinato da Gonzalo Higuain, sempre più alieno nelle sue prestazioni. Il problema che Spalletti dovrà risolvere è: può rimanere senza un Gervinho (ambito in Cina ma non solo) che finora è stato il miglior giocatore della Roma del girone d'andata? E riuscirà a risollevare la media gol di un Dzeko che assomiglia più a quella di Bartelt che non di Batistuta? Perché nella sua prima esperienza in giallorosso Spalletti si era reso celebre per la capacità di schierare una squadra senza un vero numero nove, sfruttando ripartenze e un falso nove che, ai tempi, non era certo consueto come ora.
Chiosa finale sul Milan: che senso ha avere un allenatore che, da giugno a settembre, viene incensato dalla stampa specializzata (tutta, nessuna esclusa) sui metodi di allenamento da sergente, sull'aria nuova che tira a Milanello, sugli acquisti che fanno virare rotta, se poi, nei fatti e nelle intenzioni, la sfiducia arriva già a ottobre, quando i punti dalla vetta sono pochi, e la possibilità di risalire c'è tutta? Semplicemente i rossoneri non esistono più, come società. Brutto da dire, per il club che ha vinto di più in vent'anni, almeno fino al 2007. Ma non si vive di soli ricordi e la programmazione dovrebbe andare al di là di tre mesi non perfetti. Un discorso che andrebbe fatto, più o meno, ogni stagione.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Simeone-Juve e Conte-Inter, le ultime dal fronte. De Laurentiis non protegge il Napoli di Madrid. Milan, il lavoro di Montella. C'è Valeri, ma il Milan deve stare calmo 18.02 - Sognare e ipotizzare non cosa nulla. E soprattutto può essere utile ad uscire, finalmente, non se ne può più, dall'ultimo Juventus-Inter. Nella speranza che non ci siano più dettagli e pagliuzze da esaminare per intere trasmissioni di quella partita, i tifosi bianconeri e nerazzurri...
Telegram

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Sarri prigioniero del Napoli, divorzio impossibile. Chelsea accelera per Bernardeschi, ieri mezza Europa a seguire l'asso viola. Milan, pronti cento milioni per il mercato. Spalletti prima scelta per la Juve 17.02 - Le accuse a Sarri, inaspettate e immotivate, del presidente De Laurentiis (con due i, mi raccomando) hanno fatto saltare in aria lo spogliatoio del Bernabeu e trasformato una onesta sconfitta in un’altra drammatica puntata della serie "I due nemici". E adesso cosa succederà? Ho...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Il peso della Champions e le panchine che iniziano i loro valzer con largo anticipo… 16.02 - Dobbiamo essere onesti e realisti. Il Napoli ha giocato con coraggio: ha guardato il Real negli occhi. Gli ha messo anche paura. Poi la qualità delle giocate (anche quelli “improvvisate” come il gol di Casemiro) e soprattutto la personalità e l’esperienza degli avversari ha fatto...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Real Madrid-Napoli, il giorno del giudizio... Cassano, nessuno si fa avanti! C'è la fila per Allegri ma... 15.02 - Finalmente ci siamo. Oggi è il giorno della verità. Il blasonato Real Madrid, la squadra delle stelle, quella del Pallone d’Oro CR7, ospita, nel mitico Bernabeu, il bel Napoli di Sarri, ossia la compagine che gioca il miglior calcio in tutt’Europa. Una sfida “galattica”, un confronto...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: le pulci al Pipita e l'ultima (scomoda) parola sul caso-arbitri. Inter: la "scoperta" di Pioli, un partente...Eun nuovo arrivo! Turbolenze Milan, strane telefonate, risposte sul campo: occhio alle scelte cinesi...Napoli: dimentica i complimenti 14.02 - Ciao. È finito Sanremo. Ha vinto uno che cantava con uno scimmione di fianco. Davvero bravo (anche il cantante). Sanremo è incredibile perché puoi avere tutte le rotture di balle del mondo ma fa niente "tanto c'è Sanremo". "Mamma hai cambiato le pile del polmone d'acciaio della...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Forza Napoli, regalaci la notte perfetta! Juve-Ascoli e il paradosso di mercato. Toni, ti presento Avellino. Abodi contro Tavecchio: la scimmia nuda balla 13.02 - Se dieci anni fa avessero detto a Gabbani che, sul palco dell'Ariston, uno contro uno avrebbe battuto Sua Maestà Mannoia, anche lui si sarebbe messo a ridere. Invece i tempi cambiano e, a volte, i miracoli esistono. Se il Napoli non si presenterà battuto al Bernabeu, il pronostico...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Juventus-Inter, una rivalità che si estenderà al mercato. Il Beijing vale più del Milan. Napoli e Roma hanno perso la loro occasione, a meno che non arrivi una Superlega. Gomez, ma dove vai? 12.02 - A metà gennaio il Beijing Guoan, club di Pechino, è stato venduto al gruppo immobiliare Sinobo Land per 3,6 miliardi di yuan. Poiché le quote acquistate erano del 64%, virtualmente la società cinese ne vale ben 2 in più. Significa che il valore intero è di circa 754 milioni di euro,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Juve-Inter: Andrea, il grande assente Deulofeu: peccato per Rabiot e Pjaca Sosa: M'Vila e Felipe Melo Radja: l'odio, no! Bernabeu: forza Napoli! 11.02 - Non è un derby, c'è qualcosa di molto più acre. Lo sappiamo per esperienza, ad esempio fra Milan e Inter: dopo un derby vero, gli sbertucciamenti e le frecciate durano al massimo 24 ore. Quella fra Juventus e Inter è ben altro, è un guanto si sfida di potere. La posta in palio non...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, per il dopo Allegri c'è Spalletti ma anche Montella. Sarri una bufala, Sousa in ribasso. Di Francesco per la Roma, Maran vicino alla Fiorentina 10.02 - Abbiamo già scritto da tempo e adesso stanno arrivando in tanti, che il matrimonio tra Allegri e la Juventus è destinato a finire. L’allenatore livornese sa che se dovesse vincere il terzo scudetto consecutivo (probabilissimo) sarebbe poi difficile andare oltre: anche i grandi cicli...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Mercato, soldi e Cina. Ecco cosa è successo a gennaio 09.02 - Tutti a dire che è stato forse il peggior mercato invernale della storia. E forse per emozioni (anche dell’ultimo giorno) è anche vero. Ma non siate così sicuri però. Anzi andate a guardare i numeri, guardiamoli insieme. Il Cies ha preso in analisi i trasferimenti delle big five...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.