HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da Tuttomercatoweb.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
TMW Mob
Editoriale

Hamsik-Juve: appuntamento a gennaio. Fassone: la mano di Moratti. Sarri: il rischio Gasperini. Suso: attenzione dopo Saponara. Witsel: tutto esagerato

Nato a Milano il 10 Maggio 1965; Giornalista Professionista dal 1994. Dopo le esperienze professionali di carta stampata (La Notte e Il Giorno) e televisive (Telelombardia, Telenova, Eurosport), dirige Milan Channel dal 16 Dicembre 1999.
26.09.2015 00.00 di Mauro Suma  articolo letto 39460 volte

La trattativa estiva c'è stata e lo hanno candidamente ammesso anche i protagonisti. Ma anche se non è stata conclusa, la vicenda è tutt'altro che finita. La toccata e fuga Napoli-Juventus per Marek Hamsik, come trattativa nel suo complesso, assomiglia a quella Milan-Ronaldo del 2006-2007. Il Milan cercò di prendere Ronaldo ad Agosto ma senza riuscirci e dirottò su Ricardo Oliveira. Il Fenomeno però arrivò pochi mesi dopo, Gennaio 2007. Anche la Juventus quest'anno ha provato in tutti i modi a prendere Hamski ma senza centrare l'obiettivo, finendo per andare su Hernanes negli ultimi giorni di mercato. Ma a Gennaio 2016 le cose potrebbero cambiare, con Marek che forse ha finito il suo ciclo a Napoli e con la Juventus che cerca il nuovo Nedved. Anche Pavel sembrava aver finito gli stimoli a Roma biancoceleste, ma quando approdò a Torino tutto è poi cambiato.

Il presidente Moratti è tornato a parlare, rinfrancato come tifoso e come azionista dall'ottimo inizio di stagione della sua Inter. Parla di Mancini, di gioco, di rivali, di classifica, di Campionato. Ma non di Fassone. Il direttore che lui aveva voluto e che poi ha spalancato le porte dell'Inter ad Erick Thohir è stato esonerato, ma su questo Massimo Moratti non proferisce parola. Chi conosce da vicino le cose nerazzurre sa e assicura che agli amici il presidentissimo ha raccontato spesso negli ultimi mesi la sua irritazione sul tema ed è probabile che lo stesso presidente Thohir avesse percepito che il terreno per procedere su Fassone era fertile e per nulla accidentato. Ci fosse stata una sostanziale opposizione da parte di Massimo Moratti, il direttore Fassone sarebbe ancora al suo posto.

Maurizio Sarri è un ottimo allenatore. Così come lo è, assolutamente, Gian Piero Gasperini. Ma l'ottimo allenatore, se arriva in una grande città, deve diventare grande allenatore. Deve essere grande in tutto. Soprattutto nella partenza, ma anche nella personalità e nelle pubbliche relazioni. Gasperini era arrivato all'Inter pensando solo al campo. La stessa cosa ha fatto Sarri a Napoli. Il rischio è il medesimo. Di essere bravissimi a mettere le mani nella pasta e nella tattica, ma senza alone, senza quell'aura tutta particolare che bisogna avere per far bene nella grande piazza. Sarri dopo Benitez un po' come Gasperini dopo Leonardo. Probabilmente più profondi nelle conoscenze specifiche di campo, certamente più allenatori allenatori, ma gli altri due, i rispettivi predecessori, sapevano essere anche un po' personaggi, un po' attori. Nella grande squadra non è importante. E' l'unica cosa che conta.

Nel Milan c'è un giocatore che è stato massacrato dopo la partita con l'Empoli. Si chiama Suso. Chi si allena vicino a lui, dice che è un grande giocatore. E lo dice adesso, in tempi non sospetti. Lo dice mentre Suso non gioca, mentre si allena durante la settimana e poi va in panchina. Suso, ci dicono, ha tutto: fantasia, gamba, colpi, tiro. E' giovane e di talento. Ma nel Milan non ha ancora sfondato. Come Saponara. Già, proprio come Saponara. Perché solo al Milan capita di essere criticato due volte: perché prende un giocatore e poi perché lo cede. Ma se arriva la critica dopo la cessione, vuol dire che era buono quando è arrivato. Ma senza entrare in questi gineprai, le cose sono molto semplici: non conta quello che Valdifiori o Saponara, quello che Suso o Hysaj fanno prima di arrivare in una grande squadra. Conta solo quello che fanno dal momento fatale del loro arrivo in poi. La dimensione della grande squadra deforma e schiaccia: è lì che bisogna venir fuori, è lì che bisogna fare il salto di qualità. I giocatori non cambiano da una squadra all'altra, fanno bene dove c'è fiducia in loro. Ma la grande squadra non ha tempi di dare fiducia, bisogna essere bravi e fortunati a conquistarla. Con buona pace dei fenomeni dell'io l'avevo detto....

Cartoline da San Pietroburgo: ma davvero vi scaldate così tanto per Witsel in Italia? Ma perché? E' un buon giocatore, una buona mezz'ala, ma non è il trequartista che ti cambia la vita. Meglio tenerne conto di questo parere via sms puntualmente arrivato dalle parti di Milanello. Meglio tenerne conto nel prossimo mese di Gennaio, quando il colpo di scena potrebbe non arrivare dalla Russia. E nemmeno da Parigi.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Il futuro di Allegri legato alla Champions. Piace Paulo Sousa. Marotta ha deciso: due centrocampisti a gennaio. Anche Berlusconi e le sue vedove si arrendono. Napoli, dubbi su Pavoletti 02.12 - Della serie anche i ricchi piangono, mi risulta che i dirigenti della Juventus, Agnelli in testa, non siano poi così contenti di questa squadra nonostante il primo posto in campionato e la qualificazione anticipata in Champions. L'assenza di gioco non è più motivo di simpatici...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

Editoriale DI: Luca Marchetti

Le panchine cambiano tutte insieme, gli scricchiolii delle big strizzano l'occhio al mercato. Gennaio si avvicina... 01.12 - Saltata un'altra panchina in A. De Zerbi non è più l'allenatore del Palermo dopo una sconfitta in coppa Italia ai rigori contro lo Spezia a pochi giorni dalla conferma (a sorpresa) del suo presidente Zamparini. Al suo posto arriva Corini, grande ex, che avrà il compito di...

Editoriale DI: Fabrizio Ponciroli

30.11 - Campionato riaperto, infermeria, quella bianconera, presa d'assalto. Allegri, di colpo, si è ritrovato a fare la conta dei pochi presenti. Ogni partita, qualche tassello della corazzata bianconera va in pezzi. In particolare, problemi evidenti a livello difensivo. Da qui la...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Milan e la telefonata "cinese" di chi crede ancora al closing: ecco cosa succede! Juve e Allegri: la "follia" dopo il ko di Genova. Inter: ecco il diktat sul mercato firmato Zhang. Roma: autodenuncia su Dzeko 29.11 - "Ciao, mi chiamo Maurizio, ho 75 anni e non esonero da 6 mesi". "Fate un bell'applauso a Maurizio". E giù applausi. Ci piace iniziare così, con un pensiero all' "esoneratore anonimo" Maurizio Zamparini, in crisi d'astinenza e comunque capace di tenere duro col buon De...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

28.11 - Sarà che settimana prossima c'è il referendum, sarà che per 8 mesi è rimasto in silenzio per problemi ben più gravi del calcio, sarà che in Italia tutto è consentito, sta di fatto che sono 10 giorni che Silvio Berlusconi,...

Editoriale DI: Andrea Losapio

27.11 - Abbiamo negli occhi la clamorosa sconfitta che l'Inter ha patito con il Hapoel Beer Sheva. I suoi giocatori hanno tenuto fede al nome della squadra e hanno ubriacato gli avversari in un secondo tempo davvero vergognoso da parte degli uomini di Pioli. Tanto bene nella prima...

Editoriale DI: Mauro Suma

Il 14 Dicembre del Milan. La confusione del Sassuolo. Pioli, il terzo scomodo. E' bruttissimo il calcio fra Biella e la Questura di Como 26.11 - All'esterno del Milan l'attesa spasmodica è per il 13 Dicembre. All'interno del Milan la curiosità e la suspence sono tutte per il 14 Dicembre. Chi entrerà a Casa Milan quel giorno? Le chiavi saranno sempre nelle stesse mani o saranno consegnate ai nuovi proprietari?...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

25.11 - L'ennesimo tentativo di agitare le acque attorno alla cessione del Milan è andato a vuoto. Questa volta è sceso in campo direttamente Silvio Berlusconi, spalleggiato dai soliti noti nel mondo della comunicazione, per cercare di depistare, spargere dubbi, insinuare situazioni...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Berlusconi insiste: si chiude, ma altrimenti... il Napoli stoppato in Champions, prenota una stellina brasiliana. E i giovani... 24.11 - La notte dopo il derby Berlusconi aveva dato certezze: il closing ci sarà, ma se così non dovesse essere sarei pronto a rimanere e vincere con un Milan giovane e italiano. Sembrava più una sorta di rassicurazione ai tanti tifosi del Milan contenti per come stavano andando le...

Editoriale DI: Fabrizio Ponciroli

Silvio, il difficile arriva adesso... Inter-James, si fa sul serio! Kean, un predestinato 23.11 - Lo capisco. Silvio Berlusconi sta soffrendo. Ormai ha capito che l'attimo in cui sarà costretto a dire addio, per sempre, al suo amato Milan è ormai alle porte. Il popolo rossonero gli ha tributato una coreografia da brividi, tutti lo hanno applaudito. Per ogni singolo tifoso...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.