VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Dove giocherà Schick la prossima stagione?
  Resterà alla Sampdoria per il primo vero anno da titolare
  E' pronto per il grande salto: andrà alla Juventus
  All'Inter come prima grande alternativa a Icardi
  Andrà al Milan per il dopo Bacca
  In Premier League

TMW Mob
Editoriale

Higuain lucida follia: serviva un colpo non da Juve per la definitiva consacrazione. Napoli, Icardi a tutti i costi ma chiudi in fretta per evitare l'ennesima beffa. Mancini, basta frignare: è lui a dover dare garanzie alla società, non viceversa

Nato a Napoli il 10/03/88, laureato in Filosofia e Comunicazione presso l'Università Orientale di Napoli. Lavora per Tuttomercatoweb.com dal 2008, è il vice direttore dal 2012
29.07.2016 08.19 di Raimondo De Magistris  Twitter:    articolo letto 88624 volte
© foto di TUTTOmercatoWEB.com

Novanta milioni di euro per un centravanti classe '87. Quasi tutto il budget in arrivo da Manchester per Pogba dirottato a Napoli per comperare un cartellino che, se tutto va bene, verrà ammortato nel prossimo quinquennio. C'è poco della pianificazione mostrata da Agnelli e Marotta in questi anni nell'acquisto del centravanti della nazionale argentina Gonzalo Higuain. C'è la volontà di indebolire l'unica squadra che nell'ultima stagione, proprio grazie ai 36 gol del Pipita, ha creato qualche ostacolo tra i bianconeri e il quinto Scudetto consecutivo, ma anche il desiderio di competere con le big europee ad armi pari. Senza rincorrere club più facoltosi che, grazie all'ottimo lavoro societario, anche in termini di fatturato sono più vicini dopo l'ultimo biennio.
Che la Juve mettesse le mani nella sua cassaforte per rinforzare l'attacco questa estate era operazione scontata. Magari altri 30-40 milioni per acquistare definitivamente Alvaro Morata dal Real Madrid, o qualcosa in più per prelevare Romelu Lukaku dall'Everton. Giocatori fortissimi adesso, ma potenzialmente campioni affermati solo nel giro di un paio d'anni. Una follia, se follia doveva essere, sembrava potesse esserci solo per Edinson Cavani, giocatore che ha comunque una valutazione più bassa rispetto ai 90 milioni di euro sganciati per Gonzalo Higuain. La Juventus questa volta s'è spinta un po' più in là: vuole vincere tutto e subito e ha acquistato un campione già affermato. Senza pensare a quale era il suo reale valore e a quanto potrà essere eventualmente ceduto tra tre-quattro anni. Ha una forza tale che può permettersi un grande acquisto sopra le righe e, con il Pipita, ha adesso un grande bomber all'altezza di Luis Suarez, Robert Lewandowski o Sergio Aguero.

Discorso diametralmente opposto in casa Napoli. L'umore dei tifosi dopo il tradimento che s'è consumato nell'ultima settimana è pessimo. Ce l'hanno col traditore, con quel Pipita che non ha nemmeno salutato prima di sbarcare all'aeroporto di Torino-Caselle, ma anche con chi non ha impedito il tradimento. Con una proprietà che ha il demerito di non aver previsto un divorzio nell'aria da tempo a prescindere dalla destinazione finale.
Adesso, si attende una reazione veemente. Trasformare un momento di difficoltà in una opportunità non è solo un obbligo, ma è anche l'unica strada possibile per restare ad alti livelli perché questo Napoli - che non ha il merchandising, le strutture e l'organizzazione societaria della Juventus - dipende esclusivamente dai proventi dei diritti tv e dalle grandi plusvalenze. E' stato così negli ultimi anni per Lavezzi e Cavani, è così adesso per Higuain.
Non è un caso se De Laurentiis nel passato recente abbia costruito il suo Napoli migliore dopo la partenza del Matador, un addio doloroso che permise al club di inserire in rosa Higuain, Mertens, Callejon, Reina e Albiol. Ora la situazione è piuttosto simile e, con una Champions alle porte, serve investire 90 e più milioni di euro per dare a Sarri quei rinforzi necessari per ripartire dopo il tradimento.
Arkadiusz Milik è sicuramente un ottimo innesto. Mancino naturale, vede la porta e partecipa alla manovra. All'ultimo Europeo ha oscurato la stella di Robert Lewandowski, ma pensare che possa essere lui l'erede di Higuain vuol dire accettare un paio d'anni di ridimensionamento. A Napoli molti, moltissimi tifosi spingono per la conferma di Manolo Gabbiadini col centravanti polacco, ma anche lui non ha mai mostrato la personalità giusta per imporsi da titolare in questa squadra. La media gol mostrata dal bomber classe '91 è certamente elevatissima, ma bisogna analizzare in quali circostanze ha segnato e quanti dei gol realizzati sono stati realmente decisivi.
Discorso diverso per Mauro Icardi: altra tempra, altre prospettive. Un prototipo di campione che ha una marcia in più rispetto al pur forte Gabbiadini. Il Napoli deve chiudere in fretta, valutarlo 60-65 milioni di euro è chiaramente una follia, ma anche i 90 milioni di euro spesi per Higuain lo sono stati e De Laurentiis, adesso, ha la disponibilità economica per prendere Maurito, un grande centrocampista (perché non chiudere Herrera?) e un laterale di difesa come Darmian. Anche in considerazione del fatto che altri 25 milioni di euro arriveranno proprio dalla cessione di Gabbiadini.
I piccoli rilanci (adesso siamo a 52 mln più bonus) stanno solo permettendo all'Inter di entrare nell'ordine di idee di pareggiare la proposta fatta dal Napoli a Icardi. Serve, se davvero De Laurentiis crede nell'argentino, presentare in tempi rapidissimi un'offerta irrinunciabile e chiudere il discorso. Altrimenti i tifosi del Napoli si preparino a un'altra, l'ennesima, beffa di questa rovente estate.

Da quando è tornato all'Inter, nel novembre 2014, Roberto Mancini ha dettato legge nel mercato nerazzurro come nessun altro allenatore di Serie A. Shaqiri, Podolski, Kondogbia, Jovetic, Perisic, Felipe Melo, Alex Telles, Miranda ed Eder sono tutti giocatori espressamente richiesti dal manager di Jesi. Non tutte le sue richieste negli ultimi 20 mesi sono state esaudite (Yaya Tourè, ad esempio...), ma è stato accontentato come pochi altri tecnici grazie al magistrale lavoro del ds Ausilio.
Su richiesta di Mancini sono sbarcati ad Appiano Gentile tanti ottimi giocatori che non sono bastati per entrare tra le prime tre. Nonostante l'ottimo inizio, la squadra nerazzurra ha chiuso la Serie A 2015/16 al quarto posto, un piazzamento deludente visti i propositi di inizio stagione.
Un risultato non all'altezza che non ha comunque scoraggiato la società, brava a rinforzare l'undici titolare nelle ultime settimane: Ansaldi nell'ultima stagione è stato uno dei migliori laterali destri della Serie A, Ever Banega è stato tra i migliori centrocampisti in Europa nell'ultima stagione ed è proprio il tipo di centrocampista che serviva a una mediana con tanti centimetri e poche idee, mentre Candreva è l'ala destra ideale per un 4-2-3-1 decisamente competitivo, all'altezza di Napoli e Roma. Probabilmente superiore.
Questa Inter, rosa alla mano, ha davvero un'ottima squadra, eppure tutto questo a Mancini non basta. Richieste su richieste, continue minacce di dimissioni (al di là delle dichiarazioni ufficiali) che hanno giustamente spazientito la nuova proprietà. Così la corda rischia di spezzarsi in tempi rapidissimi e la colpa, in caso di divorzio, sarebbe quasi esclusivamente da additare all'allenatore, a un Mancini che in 20 mesi ha chiesto tanto e dato poco. Pochissimo.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Juve: il segreto di una macchina perfetta (e una guida sul Monaco). Inter: terremoto in panchina, occhio ai nomi (e alle priorità). Milan: il pessimismo sui cinesi, la mossa sul mercato e 2 appunti a Montella. Napoli: non scherziamo su Sarri 25.04 - Come ogni anno dal lontano 2006 è iniziato il drammatico torneo di calcetto dedicato ai giornalisti: si chiama “Press League”, lo organizza un tizio di nome Luca Mastrorocco che poi è il papà di “Zona Gol” (questa citazione dovrebbe valere almeno due arbitraggi “comodi”: Luca, ci...
Telegram

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Inter, prima il mercato dei dirigenti poi quello dei calciatori. Milan, tutto come previsto: c’è poco o nulla da salvare. Calori e Liverani, la bacchetta magica nascosta. Foggia-Pisa: mondo capovolto 11 mesi dopo 24.04 - Se volessero farlo apposta non ci riuscirebbero. I calciatori dell’Inter hanno gettato la croce su Pioli togliendo dall’imbarazzo i dirigenti dalla difficile decisione se confermare o meno l’allenatore per la prossima stagione. Con un finale così osceno hanno “esonerato” Pioli ma...

EditorialeDI: Andrea Losapio

La fortuna di Suning passa dai risultati deludenti, la Juve non ne ha bisogno. De Laurentiis pensa a un'innovazione ogni tre minuti, Pallotta e Monchi al prossimo tecnico 23.04 - L'Atalanta è a un passo dall'Europa, l'Inter un bel po' meno. Da una parte ci sono nerazzurri che vincono e convincono - a parte ieri, partita brutta nonostante i cinque gol - dall'altra una squadra che vorrebbe diventare grande senza passare dalla necessaria anticamera. L'Inter attuale...

EditorialeDI: Mauro Suma

In Cina adesso sanno chi è Li Yonghong. Gabigol costa come Dybala. E la Juve pescò il castigamatti 22.04 - Le cinque squadre più conosciute in Cina, le cinque squadre percepite dalle masse cinesi sono Real Madrid, Barcellona, Manchester United, Bayern Monaco e Milan. E' questa la forza che sarà respiro alla nuova proprietà del Milan. E, conoscendo i nostri chicken, respiro non significa...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, ora pesca il Monaco. Cento milioni dalla Champions. Allegri rinnova fino al 2020. Isco primo obiettivo. Milan, Morata dice no. Inter, 60 milioni per Berna 21.04 - La vera impresa della Juventus d’Europa credo sia quella di non aver preso neppure un gol dal Barcellona in due partite. Questo dato freddamente numerico racconta di una squadra straordinaria che nella fase difensiva rasenta la perfezione pur giocando con quattro attaccanti di ruolo....

EditorialeDI: Luca Marchetti

La Juve fra le top 4, ecco come vuole rimanerci. I progetti di Milan e Inter per tornare fra le grandi. Napoli Insigne: accordo raggiunto 20.04 - I complimenti sono d’obbligo, scontati e sentiti. La Juventus per la seconda volta in tre anni è in semifinale in Champions. E’ il trionfo di una società granitica che difficilmente sbaglia mosse sul mercato e sul campo. E’ il trionfo di Allegri che in 180’ contro il miglior attacco...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Inter-Simeone, qualcosa non torna… Milan, scelta difficile per l’attacco! Juve, Guarin è stanco della Cina. De Rossi, Roma ingrata? 19.04 - Che Pasqua… C’è chi ha trovato la sorpresa che cercava da tempo e chi è rimasto a bocca asciutta. Si pensi al popolo nerazzurro, beffato sul più bello. Gioie per Juve e Napoli, Roma contrariata. Uova frantumate, in senso letterale, alle spalle, è meglio guardare avanti… Pare incredibile...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: 113 motivi per temere il Barcellona e 1 solo (ma decisivo) per non avere paura. Inter: il futuro di Pioli e la scelta dei nerazzurri. Milan: 2 nomi concreti per il mercato (e l’agenda di Fassone). Un appunto a Orsato 18.04 - Da tre giorni non faccio altro che pensare ai celebri ricercatori dell’Amaro Montenegro, alla loro perseveranza nell‘individuare e mettere in salvo l’Antico Vaso. Li invidio molto, perché si danno sempre un gran daffare e cascasse il mondo non falliscono mai. Questi signori dopo...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Milan, padroni nuovi fantasmi vecchi. Pioli si è giocato l’Inter. Chievo, prima di prendere il DS informati bene. Venezia e Foggia: c’è la mano delle società 17.04 - Hanno un nome: Lì. Hanno un cognome: Lì. E hanno quasi la stessa faccia. C’è di fatto che esistono e, finalmente, li abbiamo visti e (quasi) toccati. I cinesi del Milan non sono cinesi magnati ma sono cinesi affaristi e sicuramente non è una colpa né un’offesa. Fanno un mestiere diverso...

EditorialeDI: Marco Conterio

Allegri e un altro segnale: è tra i migliori al mondo. Dybala e i Fab Four: l'azzardo ci sta. Roma: il fallimento parte da Spalletti. Empoli e Crotone: cuore e anima, altro che il Palermo. Lega Pro: Inzaghi e Stroppa, destino ad alti livelli 16.04 - La partita contro il Barcellona ha ufficialmente inserito Massimiliano Allegri nel novero dei grandissimi allenatori d'Europa. Ha imbrigliato campioni come Messi, Neymar e Suarez facendo sua la partita, dando un'anima e un gioco a una squadra forse sulla carta sfavorita ma sul piglio...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.