HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Gagliardini-Inter, è il nome giusto per completare la squadra di Pioli?
  Sì, al centrocampo nerazzurro servono qualità come le sue
  No, non è ha il physique du role per giocare all'Inter
  Sì, pescare tra i migliori giovani italiani è la via giusta
  No, il prezzo chiesto dall'Atalanta è assolutamente fuori mercato
  La Juve alla fine avrà la meglio

TMW Mob
Editoriale

Higuain spaccanapoli: De Laurentiis sbotta ma prepara un'altra pepita. Milan e il "caso" Balo: dopo il gol con l'Inghilterra il Diavolo ha le idee ancora più chiare. Juve-Sanchez: c'è un ostacolo imprevisto. Cosa nascondono i silenzi dell'Inter

Nato a Milano il 3/7/1978, laureato in Scienze ambientali presso l'Università dell'Insubria di Como, da ottobre 2008 è Capo Servizio Sport presso il quotidiano "Libero". Opinionista Rai e Telelombardia
17.06.2014 00.00 di Fabrizio Biasin  Twitter:    articolo letto 52013 volte
© foto di Federico De Luca

PP, ovvero: porca Paletta, o povero Paletta (o anche porca p..., ma poi dicono che sono volgare). Da tre giorni non riesco a pensare che al povero Pally, maltrattato da tutti noi per la misera prestazione con l'Inghilterra. Diciamo la verità: Palettone ne ha azzeccate poche, ma non è stato un disastro totale. Eppure lo stiamo maltrattando peggio di Gresko nel 2002 (a proposito, che fine ha fatto il simpatico frugoletto?). Credo sia una questione di capelli. E cioè, la domanda che tutti noi ci facciamo (soprattutto noi "spelacchiati") è: Palettuccio caro, orca la miseria, possibile che tu non abbia uno straccio d'amico, una fidanzata, un prete o un ispettore di Equitalia che ti dica: "Gabriel, mortacci tua, te lo dico per il tuo bene: ranza via tutto che alla prossima partita rischi la condanna per capigliatura oscena in luogo pubblico". E invece lui no: si alliscia il capello neanche fosse Caparezza. E quando suda son dolori, perché il campo arato si trasforma nel deserto del Gobi.

Vabbè, passiamo alle cose serie, al vero protagonista di questo inizio Mondiale: il dottor Castellacci, uno che avrebbe tranquillamente potuto fare il caratterista, l'attore, non fosse altro che è la copia spiaccicata di Groucho Marx. Fateci caso e buttate via un secondo: quantomeno son parenti stretti (http://pokerknave.com/files/2013/02/Groucho-Marx.jpg). Ebbene, il baffutissimo dottor Castellacci tra una conferenza e l'altra ci sta dicendo una cosa: la legge della giungla (leggi "Manaus") si sta facendo sentire sui poveri azzurri martoriati dalla fatica. Venerdì con buona probabilità Prandelli sarà costretto a cambiare parecchio, ma non è detto che sia un male.

In un caso o nell'altro la verità è che tutto passa dal Brasile, soprattutto il mercatone pallonaro. Le partite si accavallano alle voci e incasinano non poco i nostri club. Prendete il Napoli: De Laurentiis si fa i fatti suoi bel sereno e a un bel punto gli dicono "Uè Aurè, su Marca c'è scritto che il Barça ha preso il Pipita. Ne sai qualcosa?". Giustamente a Aurelio girano i maroni, non fosse altro che l'argentino è arrivato sul Golfo meno di 12 mesi fa per 40 milioni, mica pizza e fichi. Solo che nel ritiro dell'Argentina sembra proprio che la stiano apparecchiando bene al grido di "tu dì che ti piacerebbe giocare con Messi che al resto pensiamo noi". Insomma, il Napoli rischia di trovarsi con il ricattone sul groppo.

La faccenda è chiara e si può sviluppare solo su due strade. O il Pipita esce allo scoperto e dice "Sono del Napoli, sto bene al Napoli, non mi muovo dal Napoli", oppure cala le braghe e comunica la volontà di volersene andare. In questo caso De Laurentiis a sua volta può fare due cose: 1) La guerra. 2) L'interesse del club.

Ecco, diciamo pure che la sensazione è che quel furbacchione di Gonzalo stia strizzando l'occhio al Barcellona non da ieri. Proprio settimana scorsa accennai alla possibilità che i partenopei stessero sondando la pista Mandzukic per mettere una pezza (e che pezza) all'eventuale fuga. Sia chiaro, non ci sono certezze, ma le possibilità che possa nascere un triangolo Bayern-Napoli-Barcellona sono in aumento.

Dice il saggio: "Ma Mandzukic piace al Milan e forse c'è già stato un contatto". Vero, Mandzukic piace al Milan, solo che il Milan per riuscire a completare l'opera deve realizzare un clamoroso filotto: 1) Deve vendere Balotelli. 2) Deve convincere il giocatore del Bayern che non giocare la Champions per un anno non è un dramma. 3) Deve riuscire ad accontentarlo economicamente. Una serie di operazioni non facili da completare anche se ti chiami Galliani e sfidi l'impossibile.

Dicevamo di Balotelli. Il partitone dell'altro giorno non ha cambiato le carte in tavola in via Aldo Rossi: il "signor Fanny" è ancora in vendita, anzi ora anche di più. Il Diavolo sa che con una serie di prestazioni all'altezza la proposta inglese arriverà e farà felice tutti: il club (che a prescindere ha deciso di varare l'era post-Mario), il giocatore (che non vuole rinunciare alla Champions e certo non accetterebbe di buon grado il taglio allo stipendio per la mancata qualificazione alla stessa Champions), Mino (che a Paletta i capelli li avrebbe fatti tagliare per contratto), soprattutto patron Silvio (che vorrebbe Balo "in area", ma sa che Balo "in area" non ci vuol stare). Dice: "In Nazionale eccome se gioca in area". Può darsi, ma restiamo convinti che la soluzione ideale sarebbe quella che contempla Marione a svariare dietro a Ciro Immobile.

E Iturbe? Il patto col Diavolo è assai complicato e possibile solo se il Milan si libererà dell'ingaggio di Kakà (ma anche in quel caso bisogna trattare il prezzo del cartellino, attualmente assai alto).

Questione Sanchez-Juve. Detto che per Morata l'offerta è arrivata (15 milioni: di prestito giustamente i bianconeri non vogliono sentir parlare) e con buona probabilità sarà accettata, per il cileno le cose sono assai più complicate. La Signora sperava di completare un'operazione assai sensata: Llorente in Spagna (quest'anno è stato bravissimo, ma una plusvalenza del genere non si può ignorare), Sanchez a Torino con conguaglio a favore dei blaugrana. Era un'operazione da portare a termine con pazienza, ma nel frattempo: 1) Sanchez ha segnato facendo drizzare le orecchie a quel fessacchiotto di Luis Enrique che estimatore del cileno non è. 2) Il Barça ha fatto capire al mondo che vuole Higuain. E se arriva Higuain, Llorente non serve più. In ogni caso è ancora molto presto per dire "fine della storia".

Lo sanno bene all'Inter, per esempio. Il silenzio di questi giorni dopo settimane passate a trattare giocatori e giocatori e giocatori (almeno secondo i media) fa pensare che qualcosa stia bollendo in pentola. La pista Behrami si è parecchio raffreddata secondo la legge del "non pagare moneta, non vedere cammello", in attacco difficilmente arriverà il super bomber da copertina. Facile invece che entro fine settimana arrivino novità sull'asse Milano-Torino: Guarin è destinato a partire (ma non è detto che sia la Juve la destinazione), Ranocchia medita il rinnovo in nerazzurro mentre aspetta la chiamata di Conte. Anche in questo caso vale la considerazione fatta per Higuain: conviene far la guerra a un giocatore che non vuole più restare? Meglio monetizzare, magari evitando che il presidente sia costretto a mandare sms dall'altra parte del mondo.

Ps. Mentre scrivo va in onda Iran-Nigeria. Vi giuro che io e Paletta potremmo tranquillamente giocare dieci minuti in entrambe le nazionali senza sfigurare. Solo che io, conscio dei miei limiti tricologici, mi raso i capelli dal lontano 1998.

Ps2 E' infine arrivato il classico tormentone dell'estate. Si intitola più o meno "Ce l'ho pelosa". Lo canta la delicatissima Diana del Bufalo, ex concorrente di "Amici" dalla voce deliziosa (http://www.youtube.com/watch?v=lA1kB3m68xo) . Lo so, con il calcio e con il mercato non c'entra niente, ma siccome in codesto editoriale s'è parlato di capelli e peli superflui mi sembrava giusto dare il solito consiglio anche a lei: cambia idea o finirai a fare la gattara.

(twitter: @FBiasin)


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Da Orsolini a Gabbiadini, quando gli agenti sbagliano parole e strategie. Dalla Juve all'Inter: le cifre che "drogano" il mercato. Ombre e luci su un gennaio atipico. Palermo verso la B e Lo Faso fa la Primavera... 16.01 - Sapere che è, quasi, tutto finito a metà gennaio, sinceramente, ci porta un pò di tristezza. Poi capiamo le mosse di mercato dei dirigenti italiani e ce ne facciamo una ragione. Non a caso questo è il primo mercato di gennaio di programmazione e non distruzione. Crotone, Pescara e...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

EditorialeDI: Andrea Losapio

Alla fine tutti si scansano con la Juventus, Napoli e Roma un po' meno. Tornerà la grande Milano, almeno la parte cinese delle due. Mercato a costo zero, tranne per i cinesi: Zidane costa 285 milioni, Buffon 110 e Veron 120 15.01 - Abbiamo negli occhi ancora la - ennesima - bella prestazione dell'Atalanta contro la Juventus, con i nerazzurri capaci, negli ultimi dieci minuti, di mettere in seria difficoltà i bianconeri. Bravo Gasperini, bravo Latte Lath, se non ci fosse la Juve un dieci euro sullo Scudetto nerazzurro...

EditorialeDI: Mauro Suma

Gagliardini-Caldara, una simpatica zuffa a suon di milioni. Le spallucce di Montella, le spallucce del Milan. La Champions della Juve passa da Dybala 14.01 - Una volta si cantava vengo anch'io no tu no. Oggi si canticchia all'avversario l'hai pagato di più tu, no invece tu. Non sappiamo chi si contenterà, ma certamente chi gode è l'Atalanta. Visto che il motivo del contendere è chi ha speso di più fra Inter e Juventus, fra Gagliardini...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve-Inter: scontro totale sul mercato. Verratti conteso a colpi di milioni. Chi ha buttato i soldi per Gagliardini e Caldara? Zaza al Valencia. Pioli vuole Vrsaljko 13.01 - Una buona strategia di marketing l’avrebbe suggerito, andare addosso ai più forti, a chi comanda il mercato o la situazione, funziona sempre. L’aggressione. E’ quello che, milione più milione meno, sta facendo l’Inter, tornata a braccare la Juventus molto da vicino. Il caso Gagliardini...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Inter: Gagliardini e le uscite. Deulofeu passi in avanti. Colpo Genoa e Fiorentina. Tutte le punte della B 12.01 - Finalmente Gagliardini è ufficialmente un giocatore dell’Inter. Colpo dei nerazzurri anche perché (praticamente a sorpresa) il giocatore arriva in prestito sì, ma biennale. Vale a dire che i 20 milioni di euro fissati per il riscatto andranno pagati nel 2018, consentendo così all’Inter...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

CR7, un anno da 102 milioni! Milan, trovato il secondo... Brava Inter! Dybala, per ora solo Juve 11.01 - Il mondo dei tifosi pallonari si divide in due grandi masse. C’è il popolo dei fedelissimi di Cristiano Ronaldo e quello che vive per Messi. Il portoghese e l’argentino, da anni, sono il gotha del calcio mondiale. Bene, i due stanno vivendo momenti diametralmente opposti. CR7 ha vissuto...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: il no per Tolisso, nasconde qualcosa di grosso (ma occhio ad Agnelli...). Milan: i fissati sulla questione cinese e un futuro grandi-nomi. Inter: occhio, arriva la "scelta di Pioli". Napoli: la "bellezza" della sofferenza 10.01 - Eccoci qua. Sono stato quattro giorni in ferie. In Valtellina. A mangiare pizzoccheri. La caratteristica dei pizzoccheri è che il primo giorno sono buonissimi, il secondo ti fanno venire l’acetone, il terzo cementano e al quarto non ci arrivi. Nel senso che muori. Siccome il 6 gennaio...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Inter-Gagliardini: avere i soldi non significa buttarli. Juve, batti un colpo da Juve. Ferrero, posa i fazzoletti. Basta con le mogli-addette stampa! 09.01 - Gasperini dovrebbe spiegare meglio il significato della frase: "Gagliardini non convocato per rispetto dell'Inter". E il rispetto per i tifosi dell'Atalanta dov'è? La verità è che il Mister ha sbagliato la risposta e avrebbe fatto più bella figura a dire la verità. Le parole che non...

EditorialeDI: Marco Conterio

Ferrero, Sarri & co: ora basta! Una decisione arbitrale sbagliata non può portare ancora a simili reazioni. Juventus, perdere Witsel non è un peccato. Roma, Feghouli bel colpo. Caso Kalinic: cifre folli, immobilismo viola e la reazione di Sousa 08.01 - Renzo Ulivieri, presidente dell'Assoallenatori, disse chiaramente che i tecnici arebbero dovuto evitare di parlare di decisioni arbitrali. E siccome nell'universo calcio, nel posto gara, i microfoni sono accesi anche per i presidenti, sarebbe stata cosa buona e giusta se quelle parole...

EditorialeDI: Mauro Suma

Merdeka e le Cayman, passi - Huarong e le Vergini, alt! Romagnoli out e Caldara in - Rincon: maquillage perfetto 07.01 - Dalle altre parti sono diventati bravi. Quando, qualche mese fa, il Corriere della Sera scoprì che le azioni Inter di Thohir erano in pegno alla finanziaria Merdeka, senza centralino telefonico e senza uffici, una sorta di società virtuale online alle Isole Cayman, tutto venne tacitato...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.