HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Juventus-Barcellona ai quarti: passare è possibile?
  Sì, la Juventus è cresciuta rispetto al 2015
  No, il Barcellona resta più forte dei bianconeri

TMW Mob
Editoriale

Honda: non sono un 10. Trenta anni: da Farina a Berlusconi, da Cardillo a Galliani. Cáceres-Eder: uno resta, l'altro va. El Shaarawy: tra Vadim e Jardim

Nato a Milano il 10 Maggio 1965; Giornalista Professionista dal 1994. Dopo le esperienze professionali di carta stampata (La Notte e Il Giorno) e televisive (Telelombardia, Telenova, Eurosport), dirige Milan Channel dal 16 Dicembre 1999.
09.01.2016 00.00 di Mauro Suma   articolo letto 36040 volte

Usato e manipolato di traduzione in traduzione dall'inglese all'italiano, Honda è molto diverso da come è stato venduto. Ha il suo carattere, ma non è un presuntuoso e non è un brontolone. Al contrario, è molto umile e molto professionale. Lo spiegava proprio lui, dopo la partita di Frosinone, dove ha corso, lavorato, creato e dato assist: io non sono un numero 10, il 10 non è il mio numero, adesso che ho capito il significato che ha qui da voi ho capito anche che non solo è un numero che pesa ma non è nemmeno adatto alle mie caratteristiche: non sono un fuoriclasse del dribbling e dell'ultimo passaggio, sono un giocatore di lavoro e di aiuto alla squadra, non uno che fa la differenza con una giocata. Questa è la sua obiettività e la sua umiltà, lontana anni luce dalle balle sulla propaganda e sugli uffici stampa che battutisti dal rutto libero hanno cercato di cucirgli addosso. Fosse per lui cambierebbe anche numero di maglia, sebbene sia complicato e difficilmente fattibile. Anche contro il Bologna, Honda non ha giocato malissimo e non ha fatto certamente danni. Anzi, a proposito di aiuto alla squadra, con la sua uscita è mancato il riferimento consueto ad Abate che non a caso si è spinto troppo in avanti, non avendo la sponda giusta, nell'azione del gol di Giaccherini. Ignazio non era in area, proprio perché senza Honda davanti nell'azione precedente e senza il successivo meccanismo di protezione ha fatto una giocata offensiva innaturale determinata dall'assenza del giapponese.

Il 12 Gennaio 1986, martedì sono 30 anni, finiva la presidenza di Giuseppe Farina. La storia potrà anche essere circolare, ma non va raggirata e confusa. I giocatori-simbolo di quella presidenza sono stati l'ultimissimo Paolo Rossi e poi i vari Daniele Tacconi, Mancuso, Macina e Manzo. L'unica vera campagna-acquisti (Wilkins, Hateley, Terraneo, Di Bartolomei e Virdis) la finanziò la buona cara anima del nostro amico lassù Gianni Nardi nell'estate del 1984. Franco Baresi, Tassotti e Filippo Galli (tenuto nascosto per un po' perché bisognava giustificare l'arrivo dell'amico Spinosi) non sono stati una illuminata concessione di Farina a Berlusconi, in realtà sono stati prodotti anni addietro dal Settore Giovanile del Milan e dall'intervento di mercato sulla Lazio da parte di Felice Colombo. Per fortuna non sono stati cotti e mangiati come Franco che stava per essere ceduto alla Samp di Mantovani. E' ancora forte di quegli anni l'umiliazione di Collovati che resta all'Inter e già che ci siamo all'Inter ci tornano pure Pasinato, Canuti e Serena. Il buon Giancarlo ce lo ha raccontato a Milan Channel: "Ogni settimana pregavo Castagner di farmi restare al Milan...". Già, Ilario Castagner, altro che traditore: "Avevo visto in Germania e segnalato Lothar Matthaeus da giovanissimo, lo volevo, avevo fatto pressioni su Rivera, ma anche Gianni non poteva fare niente e Farina doveva muovere i suoi giocatori e sui giovani le cifre erano piccole". A Milan Channel ci hanno raccontato tutto anche Ottorino Piotti su quelle strane forme di pagamento dell'ingaggio che gli venivano proposte altrimenti giocava magari Nuciari e lo strepitoso Vinicio Verza: "Gli avevo firmato un contratto in bianco nell'estate 85, poteva mettere lui la cifra, sarei rimasto anche con 1000 lire, ormai avevo firmato, ma in premio per il mio attaccamento sono stato mandato a Verona". C'è un oceano fra Farina e Berlusconi, anche in questi anni di circolo vizioso. Di quei mesi da addetto stampa del Settore giovanile del Milan, ricordiamo la figura silente e felpata di Antonio Cardillo, il Galliani dell'epoca. Metronomo in campo della Ternana anni Settanta del gioco corto di Corrado Viciani, Cardillo vedeva tutto, sapeva tutto e non diceva nulla. Figura tutta interna alla società, niente Lega, niente media, niente interviste, resta uno dei grandi misteri del Milan di quegli anni da incubo, rispetto ai quali questi ultimi nostri anni difficili sono passeggiate di salute. Oggi Cardillo vive a Varese, non lontano da Milanello. Per la verità e per la Storia, noi siamo qua.

Caceres resterà alla Juventus, le voci fatte trapelare su Inter e Milan sono appunto state fatte trapelare. Interessa alla Juventus creare un interesse sul giocatore. Con tutto il rispetto per un giocatore solido e funzionale, a meno di condizioni vantaggiosissime da saldissimo irrinunciabile, Caceres non si muoverà da Torino: squadre medio-piccole non se lo possono permettere con quell'ingaggio, non a caso sono state chiamate in causa sui media Milan e Inter, è una situazione abbastanza bloccata come quella Ranocchia-Inter. A proposito di Inter, questa per Eder può essere davvero la volta buona.

Facciamo ammenda. Con le scelte economiche sul fronte El Shaarawy del vice-presidente del Monaco, Vasylev Vadim, e sulle legittime esigenze tecniche e fisiche dell'allenatore Leonardo Jardim, il super procuratore Jorge Mendes non ha nulla a che vedere. Verificato, firmato e sottoscritto. Jorge Mendes non solo è in ottimi rapporti con il Milan, ma è il primo ad augurarsi che la situazione si risolva nel reciproco interesse e nella soddisfazione di tutte le parti in causa. A Stephan non resta che continuare ad allenarsi bene a Monte Carlo e soprattutto fare gol, che tutto può ancora succedere.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Juve-'Ndrangheta, siamo alla follia. Le colpe di Agnelli. Allegri vuole Di María. Inter, lasciate in pace Pioli. Napoli, tieni Insigne non Mertens 24.03 - LL’ultimo scandalo del calcio italiano ha dei contorni inquietanti. Parlo, naturalmente, della vicenda Juventus-‘Ndrangheta e di tutto quello che sta scatenando. Qui non si tratta di essere juventini o antijuventini, credo che il discorso che sto per fare attenga alla civiltà più...
Telegram

EditorialeDI: Luca Marchetti

Caparre cene e allenatori, in Primavera si fa il mercato e si guarda al futuro 23.03 - Sono principalmente due le notizie che hanno movimentato la settimana della pausa di campionato e sono destinate entrambe ad avere strascichi durante tutta la settimana. A Milano la questione closing non si è ancora chiusa: né in un verso né nell'altro. I famosi 100 milioni che doveva...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Luis Enrique, non solo Roma... Milan-Donnarumma, è rimasta solo la fede! Napoli, Mertens va premiato oppure... 22.03 - Ogni volta che si manifesta la primavera mi sento meglio… Le giornate diventano più luminose, la natura rinasce, tutto siamo più felici o, almeno, così pare… Tuttavia, ancora una volta, a primavera c’è solo una rondine che tiene alto il buon nome dell’Italia pallonara in Europa. C’è...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Un'idea "folle" per la Juve e una cosa da chiarire su Agnelli. I soldi del Milan ci sono: ecco chi li ha davvero (da lì nascono i problemi). Il fastidio dietro la "non sconfitta" dell'Inter. E sul pranzo indigesto di Sarri... 21.03 - Questa volta non me la prendo con la “pausa per la Nazionale”. Non ci penso neanche. Al limite con il campionato. Quello delle ultime che perdono sempre, delle prime che vincono sempre, di quelle in mezzo che vincono se giocano con le ultime, perdono se giocano con le prime e pareggiano...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Pallotta, chiedi il conto a Spalletti. Giro di panchine: Bucchi e Semplici le new entry. Il Torino dalla “Padelli alla brace”. Lotito in B? Ecco perché conviene più alla B che alla A… 20.03 - Nel week end dell’addio dei sogni di gloria dell’Inter, si passa al sabato dove il Milan conferma di essere da Europa di serie B. Milano oggi è da Europa di serie B e la classifica confermerà che le due squadre di Milano ancora non sono pronte a rientrare dalla porta principale. Il...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Il monopolio della Juve fa male al calcio italiano: o tornano le milanesi (dei giorni migliori...) o la Serie A in Europa perderà posizioni. E tanti saluti al regalo dell'UEFA 19.03 - Ci risiamo. Superati gli ottavi di finale ecco riaffiorare i soliti problemi e sempre gli stessi limiti. C'è la Juventus, che si avvia indisturbata a conquistare il sesto Scudetto consecutivo (record assoluto). Poi c'è il vuoto, in Serie A e nelle competizioni europee. La Roma in...

EditorialeDI: Mauro Suma

Sacchi-Dybala: juventini distratti. Bacca: nessuna grazia ricevuta. 200 milioni Closing e 200 milioni Guardiola. I derby estremi di Roma e Genova 18.03 - Era appena finita Juventus-Porto e dopo partite del genere, dove tutto va per filo e per segno, le tv devono cercare di ravvivare e movimentare. E' accaduto anche su Premium, dove Arrigo Sacchi ha stimolato Dybala: "Sei un modello per i giovani, sei un grandissimo giocatore, perchè...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Spalletti, ora è addio. E la Juve aspetta. Allegri più lontano. Inter, Suning 150 milioni per lo Scudetto. Milan, se salta il closing Donnarumma al Real 17.03 - La Roma è fuori dall’Europa nonostante la vittoria e una gara di grande spessore tecnico e agonistico e, se tanto mi da tanto, Spalletti è fuori dalla Roma. Non faccio altro che seguire le sue indicazioni e il suo ragionamento. Ancora pochi giorni fa ha ribadito che senza tituli (alla...

EditorialeDI: Luca Marchetti

I giovani, la Champions e le scadenze 2018? Vendi o firmi? 16.03 - La Champions sa ancora riservare sorprese. Non che il Monaco potenzialmente sia (stato) meno ricco del City, ma nell’anno in cui gli inglesi volevano la glorificazione in campo internazionale è arrivato il fracaso di Pep. Lontano dalla testa della classifica in Premier, uscito per...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Troppe polemiche, ci si mette anche Mourinho... Spalletti-Totti, uno è di troppo! Milan, Donnarumma resta. 15.03 - La primavera è alle porte, speriamo che, con l’arrivo delle belle giornate, le menti più fumantine riescano a rilassarsi… Basta polemiche. Non mi interessa chi ha torto e chi ha ragione, so solo che stiamo esagerando (mi ci metto anche io). Seguiamo ogni partita con occhio clinico,...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.