HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Juventus agli ottavi: ora può arrivare fino in fondo in Europa?
  Sì, la squadra ha le possibilità di tornare a giocarsi la Champions
  No, è presto per fare certi giudizi e servirà un mercato invernale importante
  Sì, col rientro progressivo degli infortunati la squadra è da titolo
  No, troppa la differenza con le big spagnole, inglesi e tedesche

TMW Mob
Editoriale

I cinesi vogliono Inter e Milan protagoniste in Champions: ecco come. Albertini in società più di Maldini. Banega inquieta De Boer. Juve, Witsel e Darmian a gennaio. Ma l'obiettivo resta Matuidi. L'enigma Pjanic

09.09.2016 08.12 di Enzo Bucchioni   articolo letto 62437 volte
© foto di Federico De Luca

L'asse Italia-Cina diventa sempre più interessante o inquietante. Fate voi. Lippi ci torna e fa bene. Uno come lui, un vincente, carisma ed esperienza, avrebbe fatto bene alla Federazione, alla Nazionale e a molti club italioti. Purtroppo mancano le idee e la programmazione e il povero Tavecchio nella vicenda Lippi ha dimostrato di non conoscere neppure le leggi della sua stessa federazione. Si può dire di più? Non credo. Come se non bastasse, in Federcalcio si sono pure dimenticati di festeggiare i dieci anni del mondiale 2006. Non ho parole, restano gli insulti che non proferisco per educazione.

E allora Lippi fa bene a tornare dai cinesi che lo caricano di soldi (60 milioni per tre anni) e di gloria.

I cinesi, una volta erano in via Paolo Sarpi a Milano e a Prato. Ora dovremo abituarci a vederli su tutti i campi di calcio visto che si sono comprati Inter e Milan e forse non si fermano qui. L'interrogativo ora è uno solo: capiranno davvero il pallone? C'è anche chi si domanda fino a quando resteranno, se vogliono davvero rilanciare i due brand o prendere solo il know how e utilizzarlo poi a casa loro. Vedremo.

Intanto quelli di Suning a rimettere in piedi l'Inter ci hanno già provato con un assegno pesante per Gabigol e Joao Mario. I tifosi hanno fatto festa, ma il calcio non si fa solo con i soldi. Qualcuno dovrebbe spiegare ai cinesi che prima vanno rifatte le società, soltanto con due società forti e organizzate, con manager di prim'ordine e tutti i ruoli ricoperti, si può tornare a vincere in fretta. L'Inter, ad esempio, ha fatto errori marchiani come risolvere l'affare Mancini solo a ridosso del campionato o comprare doppioni a centrocampo e in attacco senza pensare a un difensore centrale e a un esterno di grande livello. Soprattutto manca un regista e ora De Boer si dovrà gestire la grana Banega che, come facilmente immaginabile, davanti alla difesa non ci vuol giocare e l'ha detto chiaramente. Non è e non può essere l'uomo giusto per dare un senso di squadra all'Inter, deve giocare più vicino alla porta, più vicino agli attaccanti per ispirarli. Sono curioso di vedere come la risolverà De Boer. Una soluzione potrebbe essere anche il 3-5-2 con Medel dietro i due centrali difensivi, Candreva e Perisic sugli esterni, Brozovic, Kondogbia e Joao Mario in mezzo al campo, Banega vicino a Icardi, libero di svariare. Nel 4-3-3 l'argentino può fare l'interno con Medel davanti alla difesa (l'unico adatto con tutti i suoi limiti), ma chi sta fuori fra Joao Mario (non credo) Kondogbia e Brozovic?

Il Milan questi problemi per ora non li ha. Montella fatica a mettere in piedi undici giocatori da Milan, ma lo sapevamo. I cinesi compreranno il club in novembre, ora siamo solo ai preliminari. La società, però, dovrebbe nascere ora e la ricerca dei manager è fondamentale. Un grande ex dietro la scrivania serve, anche per tramandare i valori rossoneri e la storia. Ci vedo più Albertini (già esperto) di Maldini che può fare cose di campo. In attesa di investimenti e di giocatori veri, intanto però sembra chiara l'idea dei cinesi nerazzurri e di quelli rossoneri.

La serie A va bene, fare squadre competitive per lo scudetto è obbligatorio, ma quello che più preme è fare squadroni pronti per competere in Champions League già dal 2018 quando ci sarà la riforma del torneo con quattro italiane e (forse) alcune società ad invito. All'Uefa hanno già fatto capire che una Nuova Champions senza Inter e Milan non può esistere e i cinesi sono d'accordo perché il brand deve avere una visibilità internazionale ad alto livello. Solo così potranno alzare il fatturato mondiale, sperare di rientrare dagli investimenti e in futuro (forse) guadagnare. I tifosi delle due squadre, ora scettici e delusi, devono soffrire ancora per poco, il 2018 è vicino e rimessi a posto i conti, si ripartirà verso la gloria.

La Juve è già ripartita da cinque anni, guarda caso da quando è arrivato il nuovo Delle Alpi. Idee e investimenti hanno riportato i bianconeri al top anche in Europa. Questo è l'anno della verità a livello internazionale, il mercato è stato fantastico, ma non sembra completo. Qualche lacuna è rimasta, Marotta voleva un altro centrocampista e un esterno per dare il cambio a nonno Evra e all'inquieto Lichtsteiner. Il piano correttivo è pronto. Witsel arriverà a gennaio se ce ne sarà bisogno, comunque c'è già l'accordo per giugno. L'esterno destro o sinistro è stato individuato in Darmian che Mou non vuole: affare fatto per gennaio. I rapporti con il Manchester sono ottimi e Lichtsteiner fuori lista Uefa, sarà appetibile e trasferibile ovunque nel mercato invernale. Ma la Juve sa che serve soprattutto un centrocampista di fisico e di corsa quindi Raiola si sta lavorando Matuidi che è rimasto al Psg ma in testa ha sempre la Juve.

Intanto sono curioso di vedere come Allegri sistemerà il centrocampo. Di sicuro ha idee e se ne intende visto che proprio sul centrocampo a tre ha discusso la sua tesi di laurea a Coverciano, ma Pjanic davanti alla difesa, regista basso, è tutto da scoprire. Almeno per me. Se Allegri riesce a trasformarlo in una sorta di Pirlo, la laurea diventa da 110 e lode con abbraccio accademico, ma qualche dubbio mi resta. La Juve ha un grande centrocampo, ovvio, ma vedo troppa gente uguale e pochi veramente unici. Insomma, di Pirlo,Vidal e Pogba non ce ne sono altri e questo è chiaro. Ma questa Juve è molto più forte in attacco e in difesa, Allegri l'equilibrio lo saprà trovare magari giocando più vicino alla porta avversaria dove gente come Higuain, Dybala e Pjaca (e non solo) sanno essere devastanti come pochi.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Juve, Verratti nel mirino. Il Lione libera Tolisso. Il Real non fa paura ma Allegri deve far giocare Higuain, Mandzukic e Dybala. Roma, Strootmann indifendibile. Napoli: 26 milioni per Kalinic. Milan, niente mercato 09.12 - Il primo posto nel girone di Champions era un obiettivo e la Juve l’ha conquistato, cosa volete di più? Su questo Allegri ha ragione. E, pensando al sorteggio, è altrettanto vero che se ti chiami Juventus e vuoi andare avanti devi mettere in conto che prima o poi squadre...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

EditorialeDI: Luca Marchetti

Milan senza closing che cambia? I dilemmi dell'Inter, Napoli arriva l'attaccante... A Torino (tutti) cercano un centrocampista 08.12 - Arrivato dicembre, il freddo, gli addobbi di Natale. Significa che è di nuovo mercato. Operativo. Non come avrebbe voluto il Milan. Il closing fra una settimana non ci sarà: di nuovo un rinvio, stavolta fino al 3 marzo, ancora una volta a mercato chiuso. Ancora una volta una...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Messi-Inter? Parliamo di Gabigol... Milan, tre al prezzo di uno! Dopo Drogba, ecco Eto'o e Tevez 07.12 - Sono anni, forse decenni, che mi interrogo sul perché attorno all'Inter succeda sempre qualcosa che ti lascia a bocca aperta, sbigottito, spesso incredulo. Perché si è solo ipotizzato un possibile matrimonio tra Messi e l'Inter? Non siamo più ai tempi in cui Moratti,...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

 Juve: Allegri ha un'idea per il presente, Marotta pensa al futuro: ecco il (super) colpo per l'estate! Inter: la "bomba Simeone" nasconde una verità. Milan e il closing in ritardo: così cambia il mercato. Napoli: occhio a Pavo... 06.12 - Ciao. Volevo commentare insieme a voi gli esiti del referendum, ma mentre ci pensavo mi si è materializzata in testa l'immagine di Brunetta che esulta e se la tira come se avesse qualche merito. Mi sono spaventato. Sono cose più grosse di me: i referendum, non Brunetta....

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Inter, un consiglio a Piero: occhio al tuo "miglior nemico". Udinese, 120 anni di storia e 30 anni di come si fa mercato. Il Verona primo e brutto, l'Alessandria ha già fatto il check-in 05.12 - Mi e vi devo fare una promessa: in questo mio spazio del lunedì non parlerò più del closing Milan fino alla firma del contratto, alla stipula davanti al notaio, ai comunicati ufficiali e alle foto di rito. Anche se dovessero arrivare altri 100 milioni di euro dalle banche...

EditorialeDI: Andrea Losapio

401 milioni di euro spesi sul mercato per non vincere nulla: l'Inter è un fallimento conclamato. Closing parola dell'anno a Milano. La fortuna aiuta gli audaci, come Conte 04.12 - Sono allo Juventus Stadium per la gara fra padroni di casa e Atalanta. E vedo la squadra di Allegri che gioca come non fa mai nemmeno in Europa, figuriamoci in Italia. Forse è demerito nerazzurro ma la disfatta con il Genoa forse ha fatto suonare un campanello di allarme,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, il 13 Dicembre resta il giorno. Roma, Napoli, Lazio, Milan non distraetevi. Berardi rimpiazza Gabigol all'Inter. Dani Alves torna a Gennaio, no emergenza Juve 03.12 - Poveri tifosi del Milan. E' come se li vedessimo. E per certi versi li vediamo. Costretti a compulsare siti, tv e social a tutte le ore del giorno e della notte per soppesare ogni sfumatura del particolare che arriva dal tal profilo twitter che fino ad oggi ha detto certe cose...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Il futuro di Allegri legato alla Champions. Piace Paulo Sousa. Marotta ha deciso: due centrocampisti a gennaio. Anche Berlusconi e le sue vedove si arrendono. Napoli, dubbi su Pavoletti 02.12 - Della serie anche i ricchi piangono, mi risulta che i dirigenti della Juventus, Agnelli in testa, non siano poi così contenti di questa squadra nonostante il primo posto in campionato e la qualificazione anticipata in Champions. L'assenza di gioco non è più motivo di...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Le panchine cambiano tutte insieme, gli scricchiolii delle big strizzano l'occhio al mercato. Gennaio si avvicina... 01.12 - Saltata un'altra panchina in A. De Zerbi non è più l'allenatore del Palermo dopo una sconfitta in coppa Italia ai rigori contro lo Spezia a pochi giorni dalla conferma (a sorpresa) del suo presidente Zamparini. Al suo posto arriva Corini, grande ex, che avrà il compito di...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Juve, trovato l'uomo per la difesa! Inter, ma Gabigol? Drogba è libero... 30.11 - Campionato riaperto, infermeria, quella bianconera, presa d'assalto. Allegri, di colpo, si è ritrovato a fare la conta dei pochi presenti. Ogni partita, qualche tassello della corazzata bianconera va in pezzi. In particolare, problemi evidenti a livello difensivo. Da qui la...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.