HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
TMW Magazine
SONDAGGIO
Grandi bomber in Italia: chi la spunterà come capocannoniere?
  Vincerà Dzeko, è il centravanti più in forma della Serie A
  La spunterà ancora Higuain, è il goleador della squadra più forte
  Il trono tornerà ad un italiano, la rivelazione Belotti
  La sorpresa sarà totale: vincerà il falso nove Mertens
  Il titolo tornerà ad Icardi, già re dei bomber nel 2015

TMW Mob
Editoriale

I dieci colpi dell'estate. Ecco le migliori foto del calciomercato 2014

Nato a Terni il 6 maggio 1976, lavora a Sky come vice caporedattore e si occupa del coordinamento del telegiornale. Tra i volti più conosciuti del calciomercato per l'emittente di Rupert Murdoch.
04.09.2014 00.00 di Luca Marchetti   articolo letto 44315 volte
© foto di Federico De Luca

ITURBE.
Per settimane intere abbiamo parlato di lui. In tv, sui giornali e sui siti. Il Verona ci ha creduto e poi ci ha costruito sopra tutta la sua strategia di mercato. Rischiando, osando, conducendo le danze in un balletto sempre molto delicato. Ci ha provato il Milan, la Juve pensava di averlo in pugno, l'Atletico Madrid (che poi ha preso Cerci) lo ha sempre tenuto in grande considerazione. Alla fine l'ha spuntata la Roma che i suoi duelli di mercato, quest'estate li ha vinti (vedi anche Astori). La tempistica allora fece pensare che i giallorossi avessero approfittato della vicenda Conte: in realtà la Roma avrebbe comunque chiuso per l'argentino. Lo scalo a Roma (prima assolutamente casuale) si è dimostrato strategico. Così come la capacità di lavorare più low profile possibile e saper agire di sponda...

CONTE (E VIDAL)
L'altro affare dell'estate è stato Conte. Sinceramente in casa Juve non so se si è parlato più dell'addio dell'allenatore dei tre scudetti consecutivi o del possibile saluto di Vidal. In realtà qualcuno aveva pensato che le due vicende fosso collegate: va via l'uno perché hanno venduto l'altro. I fatti hanno dimostrato il contrario. Ma soprattutto le interviste e le dichiarazioni dei protagonisti hanno sottolineato come la separazione abbia motivi ben più profondi che il mercato o un singolo giocatore. Aver tenuto Vidal per la Juventus equivale a dire che si è comprato un grande giocatore: non è da sottovalutare. Visto che è stato un mercato povero di giocatori in arrivo, aver saputo trattenere i campioni è un vantaggio importante (la stessa cosa vale per Fiorentina/Cuadrado, Roma/Strootman, Inte/Icardi o Kovacic), anche psicologico.

SAVIOLA E MARQUEZ
Con i soldi di Iturbe il Verona ha mosso il mercato. E ha portato due campioni in Italia. Che sia stato il Verona deve far riflettere. Di sicuro non sono nel fiore degli anni né nella fase ascendente della carriera ma Saviola e Marquez hanno giocato entrambi nel Barcellona. Li giudicheremo sul campo, a me intanto è piaciuto il coraggio del trio Setti/Sogliano/Gardini. Che naturalmente non hanno comprato solo i due... A proposito di difensori: i grandi campioni sono arrivati lì: Evra, Cole e Vidic. Oltre a Marquez. L'importante è non prenderle?

BABACAR E BERNARDESCHI
Difensori esperti contro attaccanti giovani e frizzanti. Questa la tendenza. E la Fiorentina non si è voluta lasciare impreparata. Spesso diciamo che bisogna lasciare lo spazio ai giovani, che i giovani devono andare in serie B per fare esperienza. Poi lo spazio non c'è e anche quando in B fai bene in B devi tornare. La coppia B&B è tutta da scoprire. Montella si è innamorato di loro e li ha voluti tenere, senza comprare nessuno neanche con G Rossi ancora non al top. Bravo.

ZAZA E BERARDI
E bravo anche al Sassuolo. Zaza è in Nazionale. Lo hanno preso dalla juve. Pagandolo è vero ma non avendo la mentalità da provinciale. Quella di bernardeschi e Zaza è stata una delle trattative più complicate delle comproprietà. Quattro giorni di colloqui... Tutto questo perché il Sassuolo non mollava e la Juve sapeva quanto fossero importanti i due talenti italiani (Zaza peraltro proprio Paratici lo aveva "scoperto" ai tempi della Samp). Alla fine Domenico ancora in comproprietà (con il riscatto già fissato a 15) e Simone tutto del Sassuolo: ma se la Juve volesse riprenderlo può farlo con 15 milioni a giugno 2015 o 18 a giugno 2016. Perché cederli si, ma perderlo del tutto no... Un po' come ha voluto fare il Real con il proprio talentino Morata...

DODO
E proprio perché le comproprietà non esistono più (e i soldi continuano a scarseggiare) ecco le nuove proposte economiche: o deritto de recompra, o riscatto e controriscatto, oppure il prestito biennale con diritto di riscatto. Ausilio è andato oltre: diritto che si trasforma in obbligo alla prima presenza di Dodò, che quindi da domenica è già un giocatore nerazzurro. Costo totale 10 milioni di euro, ma da pagare in 5 anni anziché in 3. Ecco come abbassare i costi nella stagione. Ecco come fare un mercato intelligente ma allo stesso tempo low cost (e Dodo in casa nerazzurra non è l'unico)

TORRES
Al Milan una volta venduto Balotelli hanno cominciato il casting. A Galliani piace. I tre giorni del condor, li chiama lui. Io sono convinto che nella sua testa i tre giorni del condor inizino molto prima (anche se poi concretamente inizia davvero a stringere sempre verso la fine). Stavolta Galliani però incassa i soldi di Balo e reinveste soltanto il suo stipendio. Porta a casa uno che fino a qualche tempo fa era un giocatore straordinario. Va ricostruito, rinfrancato. Ma ormai il mercato italiano non è più per i palloni d'oro o per le star. Bisogna saper trovare le occasioni giuste. Le migliori disponibili.

LESTIENNE
Lo sarebbe stato anche Lestienne, a mio avviso. Se ne era parlato molto al Milan, ma i rossoneri avrebbero chiuso soltanto nelle ultime ore del mercato. E Maxime (con il suo entourage) si è lasciato allora sedurre dal Genoa. Anche qui una condizione molto particolare di vendita. Il ragazzo è stato acquistato da un fondo qatariota che (appoggiandolo tecnicamente a una squadra del Qatar) lo ha poi prestato gratuitamente al Genoa facendogli pagare soltanto l'ingaggio. Nuova frontiera e ottima vetrina. A giugno vi diremo chi ha fatto l'affare, visto che il riscatto del ragazzo è fissato a 20milioni.

BERGESSIO
È la risposta mediatica al Nino Torres. Il colpo cinematografico del nuovo arrivato Ferrero. All'aeroporto di Genova non hanno mai visto così tante persone e così tanta confusione. Ferrero è andato personalmente a chiamare i tifosi dicendogli di organizzare il comitato d'accoglienza. Magari non è stato il colpo più bello del mercato, ma di sicuro quello più "rumoroso"

PAROLO
Degli azzurri mondiali che si sono trasferiti durante questo mercato è stato l'unico che è stato acquistato da un club italiano. Immobile al Borussia Dortmund, Cerci all'Atletico Madrid, Balotelli al Liverpool. Ancora italiani (bravissimi) all'estero... Bisogna dare merito alla Lazio di aver creduto in lui ancor prima del Mondiale e di non aver avuto fretta di chiudere la trattativa.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
De Laurentiis, lo sai che hai affrontato Modric e CR7 al Bernabeu? Marotta, Verratti come Higuain: si migliora solo con un'altra 'follia'. Rodriguez, trattativa alla Perisic: dettagli e retroscena di una lunga maratona 19.02 - Ma cosa si aspettava De Laurentiis? Mercoledì sera, in attesa dell'arrivo di Sarri nella sala stampa, ammetto di essere rimasto spiazzato dalle dichiarazioni del presidente del Napoli. Stupito. E mi sono presto accorto che non ero l'unico. Venivamo da giorni in cui il numero...
Telegram

EditorialeDI: Mauro Suma

Simeone-Juve e Conte-Inter, le ultime dal fronte. De Laurentiis non protegge il Napoli di Madrid. Milan, il lavoro di Montella. C'è Valeri, ma il Milan deve stare calmo 18.02 - Sognare e ipotizzare non cosa nulla. E soprattutto può essere utile ad uscire, finalmente, non se ne può più, dall'ultimo Juventus-Inter. Nella speranza che non ci siano più dettagli e pagliuzze da esaminare per intere trasmissioni di quella partita, i tifosi bianconeri e nerazzurri...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Sarri prigioniero del Napoli, divorzio impossibile. Chelsea accelera per Bernardeschi, ieri mezza Europa a seguire l'asso viola. Milan, pronti cento milioni per il mercato. Spalletti prima scelta per la Juve 17.02 - Le accuse a Sarri, inaspettate e immotivate, del presidente De Laurentiis (con due i, mi raccomando) hanno fatto saltare in aria lo spogliatoio del Bernabeu e trasformato una onesta sconfitta in un’altra drammatica puntata della serie "I due nemici". E adesso cosa succederà? Ho...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Il peso della Champions e le panchine che iniziano i loro valzer con largo anticipo… 16.02 - Dobbiamo essere onesti e realisti. Il Napoli ha giocato con coraggio: ha guardato il Real negli occhi. Gli ha messo anche paura. Poi la qualità delle giocate (anche quelli “improvvisate” come il gol di Casemiro) e soprattutto la personalità e l’esperienza degli avversari ha fatto...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Real Madrid-Napoli, il giorno del giudizio... Cassano, nessuno si fa avanti! C'è la fila per Allegri ma... 15.02 - Finalmente ci siamo. Oggi è il giorno della verità. Il blasonato Real Madrid, la squadra delle stelle, quella del Pallone d’Oro CR7, ospita, nel mitico Bernabeu, il bel Napoli di Sarri, ossia la compagine che gioca il miglior calcio in tutt’Europa. Una sfida “galattica”, un confronto...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: le pulci al Pipita e l'ultima (scomoda) parola sul caso-arbitri. Inter: la "scoperta" di Pioli, un partente...Eun nuovo arrivo! Turbolenze Milan, strane telefonate, risposte sul campo: occhio alle scelte cinesi...Napoli: dimentica i complimenti 14.02 - Ciao. È finito Sanremo. Ha vinto uno che cantava con uno scimmione di fianco. Davvero bravo (anche il cantante). Sanremo è incredibile perché puoi avere tutte le rotture di balle del mondo ma fa niente "tanto c'è Sanremo". "Mamma hai cambiato le pile del polmone d'acciaio della...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Forza Napoli, regalaci la notte perfetta! Juve-Ascoli e il paradosso di mercato. Toni, ti presento Avellino. Abodi contro Tavecchio: la scimmia nuda balla 13.02 - Se dieci anni fa avessero detto a Gabbani che, sul palco dell'Ariston, uno contro uno avrebbe battuto Sua Maestà Mannoia, anche lui si sarebbe messo a ridere. Invece i tempi cambiano e, a volte, i miracoli esistono. Se il Napoli non si presenterà battuto al Bernabeu, il pronostico...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Juventus-Inter, una rivalità che si estenderà al mercato. Il Beijing vale più del Milan. Napoli e Roma hanno perso la loro occasione, a meno che non arrivi una Superlega. Gomez, ma dove vai? 12.02 - A metà gennaio il Beijing Guoan, club di Pechino, è stato venduto al gruppo immobiliare Sinobo Land per 3,6 miliardi di yuan. Poiché le quote acquistate erano del 64%, virtualmente la società cinese ne vale ben 2 in più. Significa che il valore intero è di circa 754 milioni di euro,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Juve-Inter: Andrea, il grande assente Deulofeu: peccato per Rabiot e Pjaca Sosa: M'Vila e Felipe Melo Radja: l'odio, no! Bernabeu: forza Napoli! 11.02 - Non è un derby, c'è qualcosa di molto più acre. Lo sappiamo per esperienza, ad esempio fra Milan e Inter: dopo un derby vero, gli sbertucciamenti e le frecciate durano al massimo 24 ore. Quella fra Juventus e Inter è ben altro, è un guanto si sfida di potere. La posta in palio non...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, per il dopo Allegri c'è Spalletti ma anche Montella. Sarri una bufala, Sousa in ribasso. Di Francesco per la Roma, Maran vicino alla Fiorentina 10.02 - Abbiamo già scritto da tempo e adesso stanno arrivando in tanti, che il matrimonio tra Allegri e la Juventus è destinato a finire. L’allenatore livornese sa che se dovesse vincere il terzo scudetto consecutivo (probabilissimo) sarebbe poi difficile andare oltre: anche i grandi cicli...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.