HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Gagliardini-Inter, è il nome giusto per completare la squadra di Pioli?
  Sì, al centrocampo nerazzurro servono qualità come le sue
  No, non è ha il physique du role per giocare all'Inter
  Sì, pescare tra i migliori giovani italiani è la via giusta
  No, il prezzo chiesto dall'Atalanta è assolutamente fuori mercato
  La Juve alla fine avrà la meglio

TMW Mob
Editoriale

I superpoteri della Juventus e l'imbarazzo di De Laurentiis. Unica strada per HiguaNI. Mancini, deciditi! Ora o mai più.

18.07.2016 14.00 di Michele Criscitiello  Twitter:    articolo letto 114032 volte
© foto di Federico De Luca

La storia di Higuain è molto più semplice di come tutti la vogliono far credere. Primo punto: illudere i tifosi non avrebbe senso. La posizione della Juventus è chiara. Il modello Marotta è sempre più simile a quello degli amici tedeschi del Bayern Monaco. Comprare e togliere i migliori alle dirette concorrenti del proprio Paese. Così - innanzitutto - continuiamo a vincere il campionato e poi puntiamo alla crescita europea. Dani Alves e Benatia sono due ottimi colpi per rinforzare una difesa già di ferro che anche all'Europeo ha dimostrato affidabilità internazionale. Pjanic è un colpo che vale doppio e la Roma sta sottovalutando che il prossimo anno non avrà il suo miglior calciatore e soprattutto che ad averlo oggi è la Juventus. Il romanzo Higuain, invece, ha meno tinte gialle di quello che vogliamo far credere ai tifosi. Marotta sta pensando a Gonzalo, questo è chiaro e ve lo abbiamo detto, ma annunciare una trattativa con il Napoli non è proprio l'elogio della verità. La Juve ha sondato il terreno con il fratello-procuratore che sta creando un macello per portare Higuain lontano da Napoli. Giustamente vuole raccogliere più soldi possibili dopo un'annata irripetibile. Certamente per uscire di scena da una città ci sono mille modi e alla famiglia Higuain i napoletani chiedono almeno tatto e stile. La Juve prima di arrivare ai 94 milioni di euro deve fare delle cessioni, ma per arrivare all'attaccante argentino non farà leva sulle cessioni dei big: Pogba o Bonucci per intenderci. Il tesoretto si potrebbe costruire dagli addii di Pereyra, Rugani, Lemina e Zaza. Ad oggi non c'è la volontà di cedere nessuno di questi calciatori, anche se sono arrivate offerte interessanti. 30 milioni per Rugani, 17 per Lemina, 15 per Pereyra e 30 per Zaza. La Juve ha una convinzione: non vendere oggi perché sicura che alle stesse cifre arriveranno offerte anche la prossima stagione. Sembra chiaro che De Laurentiis, per mille ragioni, non può trattare il suo uomo d'oro con la Juventus. E fa bene. Deve tenere un profilo alto e non si può permettere di cederlo in Italia. Forse sarà obbligato a vendere il calciatore che si è messo di traverso e rifiuta il rinnovo di contratto; poco male. Importante per il Napoli è non darlo ai bianconeri. La minaccia della clausola persiste ma a quel punto nessuno potrebbe rimproverare nulla a De Laurentiis. Se due anni fa ha messo una clausola da 94 milioni di euro e qualcuno la paga, il Napoli avrà poche responsabilità. A prescindere che a pagarla sia la Juve, il Milan (difficile con i tempi che corrono), l'Arsenal o l'Albinoleffe. Se dobbiamo riconoscere una colpa al Napoli è forse da ricercare nella scorsa stagione: bisognava convocare il fratello procuratore verso febbraio-marzo e discutere in anticipo il rinnovo di contratto senza arrivare sotto schiaffo alla fine di luglio. Oggi il Napoli non può subire gli isterismi dell'argentino e le minacce che non si presenterà in ritiro, dovrebbe anticipare la Juve e accompagnare Higuain verso l'Inghilterra. L'Arsenal sarebbe la soluzione perfetta. Certamente De Laurentiis deve mentalizzarsi sul fatto che sta perdendo il suo calciatore migliore e più incisivo ma non sarà un atto di debolezza, sarà solo una strategia vincente per non restare con il cerino in mano e, come direbbero a Napoli, cornuto e mazziato. Oggi i napoletani sono quasi entrati nell'ottica di idea di perdere Higuain, ma se dovesse andare alla Juve andrebbero fuori di testa. Giuntoli sia bravo a trovare una soluzione inglese, incassare 60 milioni di euro e farsi trovare il giorno dopo con l'alternativa di lusso che potrà garantire un futuro al Napoli. Tanto nessun altro attaccante, Higuain o non Higuain, tornerà a fare più di 30 gol nel prossimo campionato italiano.
All'Inter hanno problemi più seri. Il passaggio Moratti-Thohir-Suning non è stato gestito tecnicamente nel migliore dei modi. Mancini ha una certa confusione in testa, Icardi bussa alle porte sbagliate e gli acquisti tardano ad arrivare. Il rischio di perdere un'altra stagione si fa sempre più concreto. Dove c'è poca chiarezza si genera confusione e oggi Ausilio rischia di essere troppo distante da Mancini e poco vicino ai cinesi. La speranza dell'Inter è quella di assicurarsi Gabriel Jesus; sarebbe un colpo fantastico di uno dei prospetti migliori del mondo, ma non cambierà gli equilibri prima di gennaio. Oggi serve rinforzare difesa e soprattutto centrocampo e trovare nuove soluzioni in attacco dove il solo Icardi, tra l'altro con mal di pancia, non basta più. Se Mancini ha dei dubbi decida cosa vuole fare. Meglio adesso che più avanti. Non si può iniziare una stagione senza convinzione. Farebbe il suo male è quello dell'Inter, in un campionato che si preannuncia il meno divertente degli ultimi anni. Certamente c'è tempo ancora un mese e mezzo per fare colpi veri di mercato ma la sensazione è che ci sarà poco da divertirsi...

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Da Orsolini a Gabbiadini, quando gli agenti sbagliano parole e strategie. Dalla Juve all'Inter: le cifre che "drogano" il mercato. Ombre e luci su un gennaio atipico. Palermo verso la B e Lo Faso fa la Primavera... 16.01 - Sapere che è, quasi, tutto finito a metà gennaio, sinceramente, ci porta un pò di tristezza. Poi capiamo le mosse di mercato dei dirigenti italiani e ce ne facciamo una ragione. Non a caso questo è il primo mercato di gennaio di programmazione e non distruzione. Crotone, Pescara e...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

EditorialeDI: Andrea Losapio

Alla fine tutti si scansano con la Juventus, Napoli e Roma un po' meno. Tornerà la grande Milano, almeno la parte cinese delle due. Mercato a costo zero, tranne per i cinesi: Zidane costa 285 milioni, Buffon 110 e Veron 120 15.01 - Abbiamo negli occhi ancora la - ennesima - bella prestazione dell'Atalanta contro la Juventus, con i nerazzurri capaci, negli ultimi dieci minuti, di mettere in seria difficoltà i bianconeri. Bravo Gasperini, bravo Latte Lath, se non ci fosse la Juve un dieci euro sullo Scudetto nerazzurro...

EditorialeDI: Mauro Suma

Gagliardini-Caldara, una simpatica zuffa a suon di milioni. Le spallucce di Montella, le spallucce del Milan. La Champions della Juve passa da Dybala 14.01 - Una volta si cantava vengo anch'io no tu no. Oggi si canticchia all'avversario l'hai pagato di più tu, no invece tu. Non sappiamo chi si contenterà, ma certamente chi gode è l'Atalanta. Visto che il motivo del contendere è chi ha speso di più fra Inter e Juventus, fra Gagliardini...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve-Inter: scontro totale sul mercato. Verratti conteso a colpi di milioni. Chi ha buttato i soldi per Gagliardini e Caldara? Zaza al Valencia. Pioli vuole Vrsaljko 13.01 - Una buona strategia di marketing l’avrebbe suggerito, andare addosso ai più forti, a chi comanda il mercato o la situazione, funziona sempre. L’aggressione. E’ quello che, milione più milione meno, sta facendo l’Inter, tornata a braccare la Juventus molto da vicino. Il caso Gagliardini...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Inter: Gagliardini e le uscite. Deulofeu passi in avanti. Colpo Genoa e Fiorentina. Tutte le punte della B 12.01 - Finalmente Gagliardini è ufficialmente un giocatore dell’Inter. Colpo dei nerazzurri anche perché (praticamente a sorpresa) il giocatore arriva in prestito sì, ma biennale. Vale a dire che i 20 milioni di euro fissati per il riscatto andranno pagati nel 2018, consentendo così all’Inter...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

CR7, un anno da 102 milioni! Milan, trovato il secondo... Brava Inter! Dybala, per ora solo Juve 11.01 - Il mondo dei tifosi pallonari si divide in due grandi masse. C’è il popolo dei fedelissimi di Cristiano Ronaldo e quello che vive per Messi. Il portoghese e l’argentino, da anni, sono il gotha del calcio mondiale. Bene, i due stanno vivendo momenti diametralmente opposti. CR7 ha vissuto...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: il no per Tolisso, nasconde qualcosa di grosso (ma occhio ad Agnelli...). Milan: i fissati sulla questione cinese e un futuro grandi-nomi. Inter: occhio, arriva la "scelta di Pioli". Napoli: la "bellezza" della sofferenza 10.01 - Eccoci qua. Sono stato quattro giorni in ferie. In Valtellina. A mangiare pizzoccheri. La caratteristica dei pizzoccheri è che il primo giorno sono buonissimi, il secondo ti fanno venire l’acetone, il terzo cementano e al quarto non ci arrivi. Nel senso che muori. Siccome il 6 gennaio...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Inter-Gagliardini: avere i soldi non significa buttarli. Juve, batti un colpo da Juve. Ferrero, posa i fazzoletti. Basta con le mogli-addette stampa! 09.01 - Gasperini dovrebbe spiegare meglio il significato della frase: "Gagliardini non convocato per rispetto dell'Inter". E il rispetto per i tifosi dell'Atalanta dov'è? La verità è che il Mister ha sbagliato la risposta e avrebbe fatto più bella figura a dire la verità. Le parole che non...

EditorialeDI: Marco Conterio

Ferrero, Sarri & co: ora basta! Una decisione arbitrale sbagliata non può portare ancora a simili reazioni. Juventus, perdere Witsel non è un peccato. Roma, Feghouli bel colpo. Caso Kalinic: cifre folli, immobilismo viola e la reazione di Sousa 08.01 - Renzo Ulivieri, presidente dell'Assoallenatori, disse chiaramente che i tecnici arebbero dovuto evitare di parlare di decisioni arbitrali. E siccome nell'universo calcio, nel posto gara, i microfoni sono accesi anche per i presidenti, sarebbe stata cosa buona e giusta se quelle parole...

EditorialeDI: Mauro Suma

Merdeka e le Cayman, passi - Huarong e le Vergini, alt! Romagnoli out e Caldara in - Rincon: maquillage perfetto 07.01 - Dalle altre parti sono diventati bravi. Quando, qualche mese fa, il Corriere della Sera scoprì che le azioni Inter di Thohir erano in pegno alla finanziaria Merdeka, senza centralino telefonico e senza uffici, una sorta di società virtuale online alle Isole Cayman, tutto venne tacitato...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.